Parma

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Parma (disambigua).
Parma
comune
Parma – Stemma Parma – Bandiera
Parma – Veduta
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Emilia-Romagna-Stemma.svg Emilia-Romagna
Provincia Provincia di Parma-Stemma.png Parma
Amministrazione
Sindaco Federico Pizzarotti (M5S) dal 21-5-2012
Territorio
Coordinate 44°48′05.3″N 10°19′40.8″E / 44.801472°N 10.328°E44.801472; 10.328 (Parma)Coordinate: 44°48′05.3″N 10°19′40.8″E / 44.801472°N 10.328°E44.801472; 10.328 (Parma)
Altitudine 57 m s.l.m.
Superficie 260,6 km²
Abitanti 193 811[2] (01-03-2016)
Densità 743,71 ab./km²
Frazioni (Vedi sezione)
Comuni confinanti Collecchio, Felino, Fontanellato, Fontevivo, Gattatico (RE), Langhirano, Lesignano de' Bagni, Mezzani, Montechiarugolo, Noceto, Sala Baganza, Sissa Trecasali, Sorbolo, Torrile, Traversetolo, Sant'Ilario d'Enza (RE)
Altre informazioni
Cod. postale da 43121 a 43126
Prefisso 0521
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 034027
Cod. catastale G337
Targa PR
Cl. sismica zona 3 (sismicità bassa)
Cl. climatica zona E, 2 502 GG[3]
Nome abitanti parmigiani
Patrono sant'Ilario di Poitiers[1]
Giorno festivo 13 gennaio
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Parma
Parma
Posizione del comune di Parma nell'omonima provincia
Posizione del comune di Parma nell'omonima provincia
Sito istituzionale

Parma (Ascolta[?·info], Pärma in dialetto parmigiano[4]) è un comune italiano di 193 811 abitanti[2], capoluogo dell'omonima provincia in Emilia-Romagna.

Antica capitale del ducato di Parma e Piacenza (1545-1859), la città di Parma è sede universitaria dall'XI secolo[5]. È inoltre sede dal 2002 dell'Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare (EFSA), dal 1956 del Magistrato per il Po, oggi Agenzia Interregionale per il fiume Po (AIPO), dal 1990 dell'Autorità di bacino del fiume Po (AdbPo) e dal 1994 di un Reparto Investigazioni Scientifiche (RIS) dei Carabinieri, con competenza sull'Italia settentrionale. A Parma ha inoltre sede la Cassa di Risparmio di Parma e Piacenza, meglio nota come Cariparma.

Nel 2014 la città è stata inserita dal quotidiano inglese The Telegraph al 4º posto come miglior luogo al mondo in cui risiedere per qualità della vita[6], mentre la rivista italiana Panorama, in seguito ad un sondaggio, ha classificato la città emiliana come la preferita d'Italia[7].

Nel dicembre 2015 Parma ha ricevuto il prestigioso riconoscimento di "Città creativa per la Gastronomia UNESCO".[8]

Il nome di Parma è inoltre legato all'omonima città statunitense che sorge nello stato dell'Ohio, a breve distanza da Cleveland; chiamata originariamente Greenbrier, la località fu rinominata nel 1826 su proposta del medico David Long, che durante la sua visita al ducato emiliano era rimasto "impressionato dalla grandezza e bellezza" della città italiana.[9]

Indice

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

« Come capitale le competeva un fiume, a Parma, ma siccome è una piccola capitale le è toccato un torrente, spesso asciutto. »
(Attilio Bertolucci)

Situata nel Nord Italia, nella parte occidentale dell'Emilia, tra gli Appennini e la Pianura Padana, la città è divisa in due dal torrente Parma, affluente del Po che, appena prima di entrare nel cuore del centro storico, riceve le acque dell'affluente Baganza. La Parma è un torrente, quindi un corso d'acqua a regime mutevole, che alterna le piene tumultuose della stagione invernale, quando prende il nome di Parma voladora, alle desolate secche estive.

All'inizio dell'Ottocento lo stesso letto del torrente fu ristretto entro alte mura, il "lungoparma" appunto, che consegnano alla città un profilo continuo.

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

Per mettere in sicurezza il territorio di Parma dai rischi idrogeologici di una piena del torrente Parma, nel 2005 è stata creata una cassa di espansione, pochi chilometri a sud del centro urbano, in località Marano. L'invaso può arrivare a contenere dodici milioni di metri cubi d'acqua: si tratta del bacino più grande della regione, diventandone effettivamente il terzo lago per estensione durante gli eventi di piena del torrente. È costituito da una barriera lunga oltre 260 metri e alta 24.[10] Il territorio comunale è interamente pianeggiante e due corsi d'acqua ne delimitano parte dei confini, ad ovest il fiume Taro e ad est il fiume Enza, che marca anche la separazione dalla vicina provincia di Reggio Emilia. Le prime propaggini dell'Appennino Parmense si trovano circa a 15 chilometri in direzione sud, al di fuori del territorio comunale, nei comuni limitrofi di Traversetolo, Lesignano de' Bagni, Langhirano, Felino, Sala Baganza e Collecchio.

Clima[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Stazione meteorologica di Parma Aeroporto e Stazione meteorologica di Parma Università.

Il clima di Parma è tipicamente continentale: le estati sono calde e afose con temperature diurne di circa 30 °C (il 6 agosto 2003 è stato stabilito il nuovo record dal 1878 come giornata più calda in assoluto; la temperatura massima è stata di 39,3 °C),[11][12] punteggiate da temporali anche forti sulla bassa pianura. Gli inverni sono rigidi con temperature minime spesso al di sotto dello zero (il record fu raggiunto il 10 gennaio 1985 quando la temperatura scese a -25 °C nel centro della città e nelle campagne circostanti si registrò -33 °C), mentre nell'inverno del 2011 si registrarono -24 °C.[11][13][14] Le nevicate sono molto frequenti sull'Appennino, mentre in città e sul settore pianeggiante cadono mediamente ogni inverno circa 35 - 40 cm di neve. In autunno è frequente il fenomeno della nebbia, specie a nord della Via Emilia e verso il fiume Po. Il mese più piovoso è ottobre con una media di 91 mm, il più secco è il mese di luglio con una media di 36 mm (medie mensili riferite al periodo 1961-1990).[15]

In base alla media trentennale 1961-1990, la temperatura media del mese più freddo, gennaio, si attesta a +1,3 °C; quella del mese più caldo, luglio, è di circa +24,4 °C. Le precipitazioni medie annue si attestano a 777 mm, con minimi relativi in estate e in inverno, picco massimo in autunno e massimo secondario in primavera. L'eliofania assoluta media annua fa registrare il dato medio di 6,4 ore giornaliere, con massimo di 10,2 ore medie giornaliere in luglio e minimo di 2,6 ore medie giornaliere in dicembre.[16]

PARMA UNIVERSITÀ
(1961-1990)
Mesi Stagioni Anno
Gen Feb Mar Apr Mag Giu Lug Ago Set Ott Nov Dic Inv Pri Est Aut
T. max. mediaC) 4,1 7,5 13,2 18,0 22,8 27,3 30,1 29,3 24,8 17,8 10,3 5,4 5,7 18,0 28,9 17,6 17,6
T. min. mediaC) −1,5 0,4 4,5 8,3 12,5 16,3 18,6 18,2 15,0 10,1 4,8 0,4 −0,2 8,4 17,7 10,0 9,0
Precipitazioni (mm) 57 55 65 76 73 56 37 48 67 96 84 63 175 214 141 247 777
Giorni di pioggia 7 7 8 9 9 7 4 5 6 9 9 8 22 26 16 24 88
Eliofania assoluta (ore al giorno) 2,8 4,1 5,6 7,1 8,3 9,8 10,2 9,3 8,1 5,7 3,1 2,6 3,2 7,0 9,8 5,6 6,4

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Storia di Parma.
Le origini del nome

Grazie ad indagini archeologiche riacquista consistenza la tesi, sostenuta anche dal Prof. Pittau (autore di studi relativi a questioni di linguistica, filologia, filosofia del linguaggio), di una derivazione del toponimo dai nomi documentati di tribù etrusche «Parmeal», «Parmni» o «Parmnial» che risiedettero nell'attuale territorio. Da non escludere la possibile derivazione dalla voce latina parma/parmae. Ai tempi della fondazione romana infatti, questo termine si utilizzava per designare lo scudo rotondo utilizzato dall'esercito romano e, forse, richiamava la forma del primo nucleo cittadino. Si osserva comunque che questo termine militare latino a sua volta era probabilmente di origine etrusca, in quanto etrusco era appunto lo scudo metallico rotondo.[18]

« Il nome di Parma, una città dove desideravo più andare da quando avevo letto La Certosa, mi appariva compatto, liscio, color malva e morbido, se mi si parlasse di una casa qualunque di Parma nella quale sarei stato ricevuto, mi si causava il piacere di pensare che abiterei una residenza liscia, compatta, color malva e morbida, che non aveva relazione con le residenze di nessun'altra città d'Italia. »
(Marcel Proust, La strada di Swann)
Per Giuseppe Vallardi, nel suo libro Itinerario d'Italia, una tra le più famose guide italiane dell'Ottocento, il nome della città deriverebbe dell'omonimo fiume che l'attraversa. Nelle pagine descriventi la città si poteva leggere:
« Parma è fabbricata in un suolo fecondo, sul fiume che le dà il nome e la divide in due parti. »
Questa tesi, del resto, non è in contraddizione con altre. Al confine tra le province di Siena e Grosseto, in piena Toscana, vi è un torrente Farma; la "fi" etrusca per i latini poteva diventare anche "p", come dimostra l'etrusca "fersona" diventata latina (e italiana) "persona".
Alessandro Farnese, in un dipinto di Otto Vaenius (ca. 1585). 3º Duca di Parma e figlio di Ottavio (nipote di papa Paolo III), fu considerato uno dei più grandi capitani del suo secolo.

L'età del Bronzo corrisponde all'occupazione da parte dell'uomo della pianura parmense nella quale sono state localizzate numerose terramare.

Per gli storici, e secondo una menzione di Tito Livio, Parma sarebbe stata una città etrusca, malgrado la scarsa influenza che questo popolo esercitava in Emilia occidentale.[19] Successivamente, verso il IV secolo a.C., la regione venne occupata da popolazioni celtiche, ed in particolare dal popolo dei Boi.

Con la progressiva conquista del Nord Italia da parte dei Romani, nel 183 a.C. Parma divenne una colonia romana e ad ognuna delle 2.000 famiglie installate vennero affidati lotti di terra in prossimità della via Emilia, dalla quale, a est della città, partiva un cardo della centuriazione che si insinuava lungo la valle del torrente Parma, dando origine alla strada delle cento miglia, che collegava Parma a Luni attraverso il passo del Lagastrello, e alla via Sara, che conduceva alla Liguria attraverso il passo di Centocroci. Col trascorrere degli anni, la fedeltà dimostrata nei confronti dell'Impero valse alla città il titolo di Augusta Parmensis.

In tempi successivi, la crisi dell'Impero Romano causerà anche a Parma la perdita di una certa stabilità e floridezza economica fino al culmine di una decadenza demografica, che nel 377 obbligò l'imperatore Graziano a stabilire nella zona una tribù di barbari, i Taifali. Seguirono periodi di alternanza tra benessere e decadenza: ai saccheggi di Attila del 452, si contrappose, dopo il 502, la rinascita ad opera di Teodorico; alle successive conseguenze drammatiche causate dalle guerre gotiche ci fu nuovamente il rifiorire durante il breve periodo bizantino (539-568), che valse a Parma l'appellativo di "Crisopoli" (Città d'oro).

Fu in seguito, con l'arrivo dei Longobardi nel 593, che Parma divenne per la prima volta un centro militare e amministrativo, la capitale di un ducato in cui risiedeva una delle figlie del re Agilulfo. I Franchi succedettero ai duchi longobardi e nell'879 Carlomanno accordò al vescovo Guibodo il potere temporale sulla città. Ai saccheggi provocati nel IX secolo dalle invasioni dei Magiari, seguì un periodo di pace e crescita demografica. In questa fase Parma continuò ad essere governata da una lunga serie di conti-vescovi fino al XII secolo, quando la città divenne un libero comune, amministrato da un podestà e da un capitano del popolo. Nel 1160 Federico Barbarossa sottomise i parmigiani obbligandoli a dichiarare fedeltà all'Impero, ma l'autorità imperiale verrà sconfitta nella battaglia di Legnano del 1174 dalle città riunite nella Lega Lombarda (tra cui Parma). Nel 1183 la Pace di Costanza ristabilì l'autonomia cittadina.

Nella lunga contesa tra guelfi e ghibellini, che dominò la vita politica italiana dal XII al XIV secolo, Parma si schierò dapprima coi ghibellini, favorevoli all'Imperatore, e successivamente con i guelfi, dopo la battaglia di Borghetto del Taro (nei pressi dell'attuale Castelguelfo). Seguì un periodo di dominazione straniera: Parma fu sottoposta al dominio milanese dei Visconti dal 1346 al 1447, salvo un breve intermezzo, tra il 1404 ed il 1409, in cui il potere passa nelle mani di Ottobuono de' Terzi. Ai Visconti, succederanno gli Sforza ma anche le dominazioni francesi.

L'assedio di Parma (1247-1248)
La disfatta degli Svevi
Nel 1247 grazie alla momentanea assenza da Parma di Enzo, figlio dell'Imperatore Federico II di Svevia, i guelfi, vinti i partigiani ghibellini nella battaglia di Borghetto di Noceto, approfittarono per tornare al governo della città. L'Imperatore, furibondo, decise di rinviare l'assedio di Lione dirigendosi su Parma alla testa di un vendicativo esercito e con il chiaro intento di distruggerla in maniera esemplare. A ovest della città, nel giugno del 1247, fece costruire in località Grola (identificata da alcuni con l'attuale frazione di Fognano) una città-accampamento cui diede il nome augurale di Vittoria, composta da case in muratura, una chiesa e una zecca. L'assedio fu durissimo per la popolazione parmigiana e per il contado già allo stremo delle forze. Approfittando dell'assenza dell'Imperatore, impegnato in una battuta di caccia nella valle del Taro, il 18 febbraio del 1248 le truppe parmensi seguite da tutti i cittadini uscirono dalle mura attaccando e distruggendo la città imperiale e le truppe assedianti. L'imperatore Federico II riuscì a stento a rifugiarsi, con pochi seguaci, nella vicina Borgo San Donnino. Tra le macerie nemiche i parmigiani trovarono e si impossessarono di un ambito trofeo, la corona imperiale, simbolo estremo del loro trionfo.

Nel 1521 l'esercito pontificio e spagnolo, dopo un assedio di tre giorni, sconfisse i francesi e la città fu conquistata. Nel 1545 il papa Paolo III (nato Alessandro Farnese), creò il Ducato di Parma affidandolo al figlio illegittimo Pier Luigi Farnese e la famiglia farnesiana mantenne il governo ducale fino al 1731, facendo di Parma una piccola capitale italiana, ricca delle opere di grandi artisti quali il Correggio ed il Parmigianino.

Ai Farnese succedettero i Borbone con l'Infante di Spagna Carlo I, figlio di Elisabetta Farnese e di Filippo V di Spagna. La dinastia dei Borbone-Parma, che contribuì a rendere Parma un faro culturale in Europa, subì un'interruzione quando Napoleone Bonaparte annetté il ducato alla Francia, trasformandolo in semplice dipartimento (dipartimento del Taro).

Solo con l'abdicazione di Napoleone, avvenuta nel 1814, ed il successivo Congresso di Vienna, venne ristabilito il Ducato di Parma, Piacenza e Guastalla, affidato temporaneamente agli Asburgo. Maria Luigia d'Austria, sposa di Napoleone e figlia dell'imperatore Francesco I, divenne in questo modo la nuova duchessa della città e, malgrado gli episodi rivoluzionari del 1831, conservò il potere fino alla sua morte, avvenuta nel 1847, senza però il potere di trasmettere il trono ad eredi. Nello stesso anno i Borbone-Parma tornano a governare il ducato, dapprima con Carlo II (1847-1849), al quale succedette il figlio, Carlo III (1849-1854), pugnalato a morte per strada il 26 marzo 1854 da un attentatore rimasto sconosciuto, e infine con Roberto I che, essendo troppo giovane per governare, ebbe la reggenza assicurata dalla madre Luisa Maria di Borbone-Francia. Roberto I venne deposto nel 1859, ad undici anni, quando, allo scoppio della seconda guerra di indipendenza, la madre preferì fuggire nel Regno Lombardo-Veneto, in attesa dell'esito della guerra. Con l'Armistizio di Villafranca il Regno di Sardegna annetté il Ducato dopo un plebiscito celebrato nel 1860. Il ramo dei Borbone-Parma prospera tuttora e, dal 1964, i nipoti di Roberto sono Granduchi del Lussemburgo.

Nel 1922 la città di Parma si distinse per aver combattuto le milizie fasciste comandate da Italo Balbo erigendo barricate in numerosi quartieri della città. Il 23 aprile 1945 iniziò la ritirata delle truppe nazi-fasciste da Parma e il 24 aprile un gruppo di cittadini prese provvisoriamente in consegna il quotidiano locale La Gazzetta di Parma,[20] con lo scopo di cederlo al Comitato di Liberazione Nazionale; infine, il 26 aprile, partigiani e truppe alleate fecero il loro ingresso in città. Per i sacrifici delle sue popolazioni e per la sua attività nella lotta partigiana durante la seconda guerra mondiale Parma è tra le Città decorate al Valor Militare per la Guerra di Liberazione e insignita della Medaglia d'Oro al Valor Militare. Durante l'Assemblea Costituente ci fu il tentativo, da parte del sen. Giuseppe Micheli e di alcuni politici, di creare la regione Emilia Lunense, avente come capoluogo Parma: la proposta dapprima venne approvata, ma in seguito venne sospesa con l'articolo Mortati.

Simboli[modifica | modifica wikitesto]

Stemma[modifica | modifica wikitesto]

Stemma del Comune

Lo stemma del Comune è costituito da uno scudo con croce azzurra in campo oro, sormontata da corona ducale e contornata dal motto: Hostis turbetur quia Parmam virgo tuetur che significa "tremino i nemici perché la Vergine protegge Parma". La frase fu coniata in occasione della vittoria dei parmigiani nel 1248 sulle truppe assedianti guidate dall'imperatore Federico II.

« Tutti i Parmigiani e tutti i cavalieri e i popolani armati e addestrati per il combattimento, sortirono da Parma, e le donne uscirono con loro; similmente i bambini e le bambine, gli adolescenti e le ragazze, i vecchi con i giovani (Salmi, 148,12); e con grande impeto scacciarono da Vittoria l'imperatore con tutti i suoi cavalieri e fanti. »
(Salimbene de Adam, Chronica, 1281-1288)

Gonfalone[modifica | modifica wikitesto]

Il Gonfalone del Comune consiste in un drappo con croce azzurra in campo oro recante l'iscrizione: "aurea Parma" che richiama l'antica denominazione che i bizantini avevano coniato per la città: "Crisopoli".

(LA)

« Chrysopolis dudum Graecorum dicitur usu, aurea sub lingua sonat haec urbs esse latina; scilicet urbs Parma, quia Grammatica manet alta, Artes ac septem studiose sunt ibi lectae »

(IT)

« All'uso dei Greci ancora Parma viene chiamata Crisopoli, che in greco significa città d'oro; come a dire che primeggia nella grammatica e che in essa sono coltivate con passione tutte e sette le arti »

(Donizone, Vita della contessa Matilda, 1115)

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

È tra le Città decorate al Valor Militare per la Guerra di Liberazione perché è stata insignita della Medaglia d'Oro al Valor Militare il 9 settembre 1947 per i sacrifici delle sue popolazioni e per la sua attività nella lotta partigiana durante la seconda guerra mondiale.[21]

Medaglia d'oro al valor militare - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'oro al valor militare
«Fiera delle secolari tradizioni della vittoria sulle orde di Federico Imperatore, le novelle schiere partigiane rinnovavano l'epopea vincendo per la seconda volta i barbari nipoti, oppressori delle libere contrade d'Italia. L'impari lotta, sostenuta con la stessa fede dei padri e col sangue dei figli migliori, cominciava per merito dei primi volontari della libertà all'alba del 9 settembre 1943 e si concludeva il 25 aprile 1945 con la sollevazione del popolo tutto che, affiancando i settemila e cinquecento fratelli partigiani combattenti, costrinse alla resa e vide la fuga del nemico. L'ombra del glorioso gonfalone ornato dell'aurea gemma del valore riconosciuto dalla Patria grata, aleggia e custodisce la sacra memoria dei seicentonovanta quattro caduti con le armi in pugno per la redenzione dell'Italia, dei quattrocento sepolti sotto le macerie della città straziata dai bombardamenti aerei, che, unitamente ai cinquecentotredici feriti, mutilati e invalidi, ai ventuno dispersi, ed ai centonovanta deportati nelle gelide e mortifere lande dei paesi stranieri, costituirono la parte eletta del popolo che seppe difendere e riconquistare le patrie libertà.»
— 9 settembre 1943 - 25 aprile 1945

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

In città sono repertoriati 330 beni culturali, tra i quali 34 archeologici e 296 architettonici.[22]

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Chiese di Parma.
Piazza Duomo
Cupola del Battistero

I principali monumenti religiosi per cui la città è nota sorgono nei pressi di piazza Duomo: il Duomo, consacrato nel 1106, che, considerato fra le maggiori opere dell'architettura romanica in Italia, al suo interno conserva la Deposizione dalla croce, bassorilievo del 1178 di Benedetto Antelami, oltre agli importanti affreschi rinascimentali della cupola, opera del Correggio, e delle tre navate; il Battistero dell'Antelami, consacrato nel 1270, che, interamente rivestito in marmo rosa di Verona, è arricchito da affreschi e sculture risalenti al XIII e XIV secolo; la rinascimentale abbazia di San Giovanni Evangelista, nel cui grande complesso si ammirano la chiesa con facciata marmorea tardo manierista di Simone Moschino, ricca internamente di affreschi rinascimentali, tra cui la celeberrima cupola dipinta dal Correggio, e l'Antica Spezieria, costituita da quattro sale contenenti ancora oggi gli arredi dell'epoca.

Chiesa di San Giovanni Evangelista
Camera di San Paolo

Non lontano si trovano inoltre il monastero di San Paolo, la cui Camera della Badessa presenta una volta ad ombrello interamente affrescata dal Correggio, e la basilica di Santa Maria della Steccata, che, considerata uno degli esempi più significativi in Italia di chiese a pianta centrale della prima metà del XVI secolo, presenta al suo interno notevoli affreschi rinascimentali, tra cui le Tre vergini savie e tre vergini stolte, capolavoro realizzato dal Parmigianino.

Basilica della Steccata
Chiesa della Santissima Annunziata

Degne di nota sono inoltre: la neoclassica chiesa di San Pietro Apostolo, del Petitot; la barocca chiesa di San Vitale, con lo scenografico Monumento Beccaria; la barocca chiesa di Sant'Antonio Abate progettata da Ferdinando Galli da Bibbiena; l'antica chiesa di San Sepolcro; l'imponente chiesa di San Francesco del Prato, costruita in epoca gotica; l'adiacente piccolo oratorio dell'Immacolata Concezione; la gotica ex chiesa di Santa Maria del Carmine; la piccola chiesa di Santa Maria degli Angeli, ricca di affreschi cinquecenteschi e seicenteschi.

Cupola di Santa Maria del Quartiere
L'abbazia di Valserena

Nel quartiere Oltretorrente sorge la monumentale chiesa della Santissima Annunziata di Giovan Battista Fornovo, considerata uno dei monumenti più significativi del Manierismo sperimentale della seconda metà del XVI secolo, ad insolita pianta ellittica con dieci absidiole disposte a raggiera.

Non lontano si trovano anche: la barocca piccola chiesa di Santa Maria delle Grazie, con affreschi di Sebastiano Galeotti; l'oratorio di Sant'Ilario all'interno dell'Ospedale Vecchio, dedicato al patrono cittadino; l'ex chiesa di San Francesco di Paola, di cui si conserva ancora solo la facciata barocca contornata da due torri dette "dei Paolotti"; la romanica chiesa di Santa Croce; la barocca chiesa di Santa Maria del Quartiere di Giovan Battista Aleotti, caratterizzata dalla grande cupola con magnifici affreschi del Paradiso, opera di Pier Antonio Bernabei.

All'esterno dell'area urbana sorgono due notevoli complessi monastici: l'abbazia di Valserena (nota anche come "Certosa di Paradigna"), oggi sede del Centro studi e archivio della comunicazione, la cui imponente chiesa conserva gli interni in stile gotico lombardo; la certosa di San Girolamo (nota anche come "Certosa di Parma"), oggi sede della Scuola di Formazione e Aggiornamento della Polizia Penitenziaria, che conserva tuttora importanti opere d'arte.

Nelle frazioni sono infine degne di nota: la pieve di San Pancrazio a San Pancrazio Parmense, che conserva colonne e capitelli d'epoca romana e romanica; la romanica pieve di San Geminiano a Vicofertile, che mantiene gli originari capitelli figurati risalenti al XII-XIII secolo ed un fonte battesimale medievale; la romanica pieve dei Santi Ippolito e Cassiano a Gaione, che contiene reperti archeologici di rilievo.

Architetture militari[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Architetture militari di Parma.
Ingresso principale della Cittadella
Porta San Francesco

Il principale edificio di carattere militare conservato in città è la Cittadella, imponente fortezza pentagonale oggi al centro dell'omonimo quartiere; costruita alla fine del XVI secolo da Smeraldo Smeraldi per volere del duca Alessandro Farnese, il suo ingresso principale è incorniciato da una facciata monumentale in marmo di Carrara progettata nel 1596 da Simone Moschino; cessate le originarie funzioni difensive, nel secondo dopoguerra fu trasformata in un grande parco pubblico, molto frequentato dai parmigiani.

In città è inoltre presente il piccolo Torrione Visconteo, situato di fronte al Palazzo della Pilotta sul lato opposto del torrente; fu costruito da Bernabò Visconti nel XIV secolo.

Per quanto riguarda le mura cittadine, Parma fu per millenni circondata da una cerchia muraria, nei secoli modificata ed ampliata; tuttavia nei primissimi anni del XX secolo fu deciso l'abbattimento dell'intera cinta, di cui si conservano solo alcune parziali tracce e due delle cinque Porte: l'antica Porta San Francesco al termine di strada Nino Bixio, affiancata dal 1866 dalla monumentale Barriera Bixio; l'elegante edificio farnesiano della rinascimentale Porta Santa Croce a lato dell'omonimo piazzale. Non restano invece tracce di Porta San Barnaba a barriera Garibaldi, mentre sono conservati nel Cortile della Rocchetta del Palazzo della Pilotta la facciata farnesiana di Porta San Michele a barriera Repubblica e lo stemma dei Borbone che sormontava la facciata di Porta Nuova a barriera Farini.

Architetture civili[modifica | modifica wikitesto]

Palazzi[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Palazzi di Parma.
Palazzo della Pilotta
Palazzo di Riserva

I principali palazzi cittadini vennero edificati nei secoli in cui Parma fu capitale del Ducato. Tra essi spicca per importanza l'enorme complesso monumentale del Palazzo della Pilotta, edificato per i duchi Farnese a partire dal 1580 quale contenitore di tutti i servizi della Corte e dello Stato; vi si accede attraverso un imponente scalone a forbice coperto da cupola progettato da Simone Moschino; oggi è sede della Galleria Nazionale di Parma, del Teatro Farnese, del Museo archeologico nazionale di Parma, della Biblioteca Palatina, del Museo Bodoniano e dell'istituto d'Arte Paolo Toschi.

Sullo stesso piazzale della Pace, oltre ai neoclassici palazzo della Provincia e palazzo dell'Intendenza di Finanza, sorge anche il Palazzo di Riserva, costruito a partire dal 1673, che si presenta oggi con le caratteristiche facciate in stile Luigi XV a nord ed ovest, accanto all'ala neoclassica progettata dal Petitot oggi sede del museo Glauco Lombardi; costola dell'edificio è il palazzo delle Poste, in puro stile liberty.

Palazzo del Giardino
Palazzetto Eucherio Sanvitale

Oltrepassato il torrente Parma, all'interno del Parco Ducale si trova il Palazzo del Giardino, edificio di Corte costruito dal 1561 su progetto del Vignola ed ancora oggi ricco di importanti affreschi e stucchi seicenteschi; nello stesso parco sorge anche il rinascimentale Palazzetto Eucherio Sanvitale, che conserva al suo interno frammenti di un affresco del Parmigianino. Non lontano si erge inoltre l'enorme edificio monumentale dell'Ospedale Vecchio, raro esempio di architettura ospedaliera di epoca rinascimentale.

Palazzo del Comune
Palazzo del Governatore

Nella centrale piazza Garibaldi, sede del potere comunale in epoca medievale, si trovano ancora oggi vari edifici che ne sono testimonianza: il rinascimentale palazzo del Comune, contenente numerose opere di valore ed attuale sede di rappresentanza dell'amministrazione comunale cittadina; il palazzo del Podestà, costola del precedente, caratterizzato dalle eleganti trifore medievali; l'antico palazzo del Governatore, ristrutturato in stile neoclassico dal Petitot ed oggi centro di esposizione permanente di arte moderna e contemporanea. Accanto alla neoclassica chiesa di San Pietro Apostolo, sorge inoltre il neorinascimentale palazzo della Cassa di Risparmio con l'annesso ex palazzo della Camera di Commercio, con le pregevoli sale liberty e déco.

Palazzo Episcopale
Palazzo Rangoni Farnese

Spostandosi in piazza Duomo, si erge il Palazzo Episcopale, antichissima residenza vescovile caratterizzata dalle trifore duecentesche e dai loggiati rinascimentali, ancora oggi sede della diocesi di Parma e del Museo diocesano.

Tra gli antichi palazzi pubblici cittadini, sono degni di nota anche: il palazzo dell'Università, imponente edificio del XVI secolo, attuale sede centrale dell'Università di Parma; il barocco Palazzo delle Orsoline; il palazzo del Tribunale; il neoclassico Palazzo Imperiale dell'Arena, grande edificio ricco di importanti affreschi e sede del Convitto Nazionale Maria Luigia; l'elegante Casinetto Petitot, tra i primi eleganti Cafè italiani costruiti in epoca neoclassica; l'imponente Palazzo Giordani, in stile liberty, sede degli uffici della Provincia di Parma; il neogotico Seminario Minore; la Casa madre dei Missionari Saveriani, sede del Museo d'arte cinese ed etnografico.

In città sono infine numerosi i palazzi nobiliari di pregio: il settecentesco Palazzo Dalla Rosa Prati; l'imponente Palazzo Sanvitale, oggi sede del museo Amedeo Bocchi; il rinascimentale Palazzo Cusani, attuale sede della Casa della Musica; il Palazzo Tirelli, caratterizzato dalle ampie finestre rinascimentali in cotto; il neoclassico Palazzo Dazzi; il barocco Palazzo Rangoni Farnese, con l'imponente portale costituito da due pseudo telamoni che sorreggono il balcone, oggi sede della Prefettura; il settecentesco Palazzo Marchi, con facciata in finto bugnato; il Palazzo Bossi Bocchi, oggi sede del museo Fondazione Cariparma; il neoclassico Palazzo Soragna, attuale sede dell'Unione Parmense degli Industriali; il rinascimentale Palazzo Tarasconi; l'ottocentesco Palazzo Carmi, con l'imponente facciata neoclassica; il barocco Palazzo Pallavicino, contenente pregevoli affreschi di Sebastiano Galeotti ed attuale sede del Tribunale Amministrativo Regionale; il quattrocentesco Palazzo Boselli.

Ville[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Ville di Parma.
Villino Bonazzi
Villa Malenchini

In ambito urbano sono numerosi i villini e le ville d'epoca liberty, sorti nei primi anni del novecento soprattutto nelle zone a sud-est del centro storico, attorno a viale Campanini ed alla Cittadella. Tra essi è degno di nota il Villino Bonazzi, costruito nel 1911 dall'architetto Mario Stocchi Monti e considerato tra i più tipici del liberty italiano.[23] Non lontano sorge la neoclassica Villa Picedi, in origine costruita all'esterno dell'area urbana.

Spostandosi fuori città, si trovano varie ville nobiliari di pregio: a San Pancrazio Parmense la neoclassica Villa Levi-Tedeschi, caratterizzata da un imponente pronao e da un'alta torretta; a Gaione la neoclassica Villa Paganini, circondata da un ampio parco, che ospitò a lungo il violinista Niccolò Paganini; a Carignano la cinquecentesca Villa Malenchini al centro di un parco romantico di 15 ettari, caratterizzata dalla struttura rococò del portale d'ingresso e dagli importanti affreschi rinascimentali di Cesare Baglioni delle sale interne; a Marore la neoclassica Villa Petitot dell'architetto Ennemond Alexandre Petitot, che ospita ancora un teatrino dell'epoca interamente affrescato; a Porporano la neoclassica Villa Simonetta, caratterizzata da due alte facciate timpanate uguali e contrapposte.

Teatri[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Teatri di Parma.
Teatro Regio
Teatro Farnese

La città di Parma è universalmente nota per la musica lirica.[24] L'edificio più rappresentativo in tal senso è il neoclassico Teatro Regio, teatro d'opera cittadino, considerato uno tra i più importanti teatri di tradizione in Italia;[25] fu costruito dal 1821 dall'architetto Nicola Bettoli per volere della duchessa Maria Luigia; l'interno si sviluppa su quattro ordini di palchi e loggione, decorati da Girolamo Magnani, e conserva l'antico sipario dipinto di Giovan Battista Borghesi.

Auditorium Niccolò Paganini
Teatro al Parco

L'altro teatro storico per cui la città è conosciuta è il ligneo Teatro Farnese, situato all'interno del Palazzo della Pilotta; considerato uno dei primi teatri[26] ad essere dotato di un arco di proscenio permanente, fu il primo teatro europeo a scena mobile; fu costruito dal 1617 da Giovan Battista Aleotti quale teatro di Corte per i i duchi Farnese; distrutto da un bombardamento aereo del maggio 1944, fu ricostruito nel secondo dopoguerra secondo i disegni originali.

Alle porte del centro storico, all'interno del Parco Eridania sorge poi l'Auditorium Niccolò Paganini, progettato dall'architetto Renzo Piano ed inaugurato nel 2001 recuperando le precedenti strutture industriali dello zuccherificio Eridania.

In città sono presenti inoltre altri teatri degni di nota: il Teatro Due, sovrastato da un recente anfiteatro all'aperto da 780 posti, considerato un punto di riferimento nel panorama teatrale nazionale ed internazionale;[27] il Teatro al Parco, all'interno delle palazzine costruite tra il 1939 e il 1941 per ospitare esposizioni fieristiche nel Parco Ducale, da anni sede della "Compagnia delle Briciole"; l'enorme auditorium Palacassa, all'interno del quartiere fieristico; il costruendo Teatro Giovannino Guareschi, destinato a proporre stagioni di teatro popolare parmigiano interamente in lingua dialettale.

Monumenti[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Monumenti di Parma.
Monumento alla Vittoria
Ara centrale del Monumento a Giuseppe Verdi

La città conserva ancora alcune tracce della sua antica origine romana; tra queste, sotto l'attuale strada Mazzini sono visibili i resti del Pons Lapidis (noto anche come "Ponte Romano"), inizialmente edificato in muratura in età Augustea ma ricostruito in pietra da Teodorico nel 493.

Fontana del Trianon
Tempietto d'Arcadia

Il centro cittadino ospita inoltre una serie di monumenti di notevole pregio: in piazzale Dalla Chiesa, di fronte alla stazione ferroviaria, il bronzeo monumento a Vittorio Bottego, eseguito nel 1907 dallo scultore Ettore Ximenes; in viale Toschi, alle spalle del Palazzo della Pilotta, l'alto obelisco del monumento alla Vittoria, realizzato nel 1917 dallo Ximenes su progetto dell'architetto Lamberto Cusani; in piazzale della Pace l'ara centrale dello scomparso monumento a Giuseppe Verdi, eseguito nel 1913 interamente in granito e bronzo dallo Ximenes, parimenti su progetto di Lamberto Cusani; nello stesso piazzale il monumento al Partigiano, creato nel 1954 dallo scultore Marino Mazzacurati su progetto dell'architetto Guglielmo Lusignoli; sull'antica torre di San Paolo in strada Melloni il monumento ai Caduti di tutte le guerre, eseguito nel 1961 da vari scultori su progetto dell'architetto Mario Monguidi; al centro di piazza della Steccata, il monumento al Parmigianino, realizzato nel 1879 dallo scultore Giovanni Chierici; nella centrale piazza Garibaldi, davanti al palazzo del Governatore, il monumento a Giuseppe Garibaldi, creato nel 1893 dallo scultore Davide Calandra; nella stessa piazza, in una nicchia del palazzo del Comune, il monumento al Correggio, realizzato nel 1870 dallo scultore Agostino Ferrarini; a ridosso dello stesso palazzo, verso la chiesa di San Vitale, la copia dell'antico monumento a Ercole e Anteo (noto a Parma anche come I du brasè), realizzato dall'artista fiammingo Teodoro Vandersturck tra il 1684 e 1687 e conservato in originale al centro del cortile di Palazzo Cusani.

Monumento a Filippo Corridoni
Arco di San Lazzaro

Spostandosi nel quartiere Oltretorrente, il Parco Ducale ospita, oltre a numerosi vasi e statue neoclassiche dello scultore Jean-Baptiste Boudard, due significativi monumenti: la grande Fontana del Trianon, realizzata tra il 1712 ed il 1719 dall'architetto e scultore Giuliano Mozzani per il giardino della Reggia di Colorno e posizionata sull'isolotto al centro della peschiera del Parco Ducale nel 1920; il Tempietto d'Arcadia, realizzato in forma di rovina nel 1769 su progetto dell'architetto Petitot.

Sempre nello stesso quartiere, appena oltre il Ponte di Mezzo sorge al centro di una piccola piazza l'alto monumento a Filippo Corridoni, costruito secondo il gusto déco fra il 1925 e il 1927 dallo scultore Alessandro Marzaroli, su progetto dell'architetto Mario Monguidi.

All'esterno del centro storico, lungo via Emilia Est, sorge un importante manufatto, l'Arco di San Lazzaro, arco trionfale a tre fornici costruito nel 1628 secondo il gusto barocco ma più volte risistemato, fino a conferirgli l'attuale veste neoclassica.

Degno di nota è infine il neoclassico cimitero monumentale della Villetta, costruito a pianta ottagonale nel 1817 per volere della duchessa Maria Luigia; ospita numerose tombe monumentali dedicate a personaggi illustri, tra i quali Niccolò Paganini, Ildebrando Pizzetti, Carlo Alberto Dalla Chiesa, Padre Lino Maupas e Pietro Barilla.

Monumenti scomparsi[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Monumenti scomparsi di Parma.
Il Palazzo Ducale negli anni '30 del Novecento
Il monumento a Giuseppe Verdi nel 1920

Al pari di molte altre realtà, anche Parma nel corso dei secoli ha irrimediabilmente perduto numerosi monumenti per svariate ragioni. I più significativi sono: in piazza Garibaldi la Torre civica del 1287, probabilmente la torre più alta d'Italia con i suoi stimati 130 m di altezza, crollata improvvisamente nel 1606 distruggendo anche il palazzo del Capitano del Popolo del 1281; in piazzale della Pace il neoclassico Palazzo Ducale dell'architetto Nicola Bettoli ed il Teatro Reinach del 1871, danneggiati dai bombardamenti aerei anglo-americani del 1944 ed in seguito abbattuti; in piazzale Dalla Chiesa il maestoso monumento a Giuseppe Verdi del 1913, danneggiato dai bombardamenti della seconda guerra mondiale ed in seguito abbattuto, conservandone solo l'ara centrale spostata successivamente in piazzale della Pace; in piazza Ghiaia le neoclassiche Beccherie del 1838, demolite nel 1928 dal sindaco Giovanni Mariotti per la creazione del Lungoparma; le mura che cingevano l'intera città e tre delle cinque Porte, rase al suolo dallo stesso sindaco Mariotti all'inizio del '900 per consentire alla città una più facile espansione.

Aree naturali e vivibilità urbana[modifica | modifica wikitesto]

Parchi ed aree verdi[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Parchi e giardini di Parma.
Parco Ducale
Cittadella
Orto Botanico

Sul territorio comunale sono presenti numerosi parchi, giardini ed aree verdi, alcuni di notevole pregio storico e architettonico. Tra essi spiccano per importanza: l'antico Parco Ducale, ristrutturato nelle forme attuali nel XVIII secolo; la Cittadella, imponente fortezza pentagonale del XVI secolo trasformata nel secondo dopoguerra in grande parco pubblico; i Giardini di San Paolo, creati nel XIX secolo all'interno del monastero di San Paolo; il seicentesco Orto botanico, con il settecentesco giardino all'italiana e le serre neoclassiche del Petitot.

Giardini di San Paolo

Un'importante arteria ecologica per la città è inoltre rappresentata dagli alvei dei due torrenti che la attraversano: il torrente Parma, che la seziona in due parti da sud a nord; il torrente Baganza, che confluisce nell'altro immediatamente a sud del centro storico.

Lungoparma

La percentuale di verde urbano sulla superficie comunale nel 2007 risultava pari all'1,8% (ossia circa 4,68 km²), mentre ammontava a 26,6 m² il verde urbano per ogni abitante.[28] Secondo il rapporto Ecosistema Urbano 2014, nel 2013 il verde fruibile pro-capite nell'area urbana risultava pari a 30,8 m² per abitante, mentre la percentuale della superficie delle differenti aree verdi sul totale della superficie comunale ammontava al 3,9%.[29] Nel 2014 il "patrimonio verde" della città era costituito da 3.200.000 m² di aree verdi fruibili dalla cittadinanza e 40.000 risultavano gli alberi presenti, dotati di caratteristiche diverse in rapporto alla specie ed anche all'età, con percentuale di alberi danneggiati rispetto alla totalità del patrimonio arboreo in carico al Comune molto ridotta ed in particolare molto inferiore all'1%.[30] Le aree verdi attrezzate nel 2014 ammontavano complessivamente a 146, suddivise disomogeneamente fra i vari quartieri.[31] A Parma nel 2014 erano presenti in totale 34 aree per cani inserite all'interno di parchi di quartiere o nelle vicinanze di aree giochi per i bimbi, a fronte di 16.000 animali iscritti all'anagrafe apposita.[32]

Per quanto riguarda la gestione delle aree verdi pubbliche, il Comune ed Iren di concerto hanno avviato negli ultimi anni il progetto "Kyoto Forest", che si occupa contemporaneamente di conservare il patrimonio arboreo esistente e di aumentarlo in maniera sensibile; sono di conseguenza previsti piantumazioni ed abbattimenti delle piante che hanno terminato il proprio ciclo vitale, contestualmente alla sostituzione di ogni pianta abbattuta.[33]

Vivibilità urbana[modifica | modifica wikitesto]

La qualità dell'aria in città non è buona: le polveri sottili (PM10), benché, complice il maltempo, negli ultimi anni siano leggermente diminuite, superano ancora nettamente i valori permessi;[34] inoltre, il 2014 ha visto ancora la città primeggiare in Regione con 70 sforamenti dei livelli di PM10, il doppio del consentito.[35] Al contrario, la raccolta differenziata, che attualmente avviene attraverso il contestato[36] sistema porta a porta serale[37], raggiunge valori di ottima qualità, avendo superato il 70% alla fine del 2014.[38] A Parma, ove la percentuale degli spostamenti in bicicletta è elevata, la rete ciclabile si è notevolmente estesa negli ultimi anni, raggiungendo nel 2012 valori di 46,93 km ogni 100 km² di superficie comunale, con un incremento del 40,3% rispetto al 2008; allo stesso tempo, la città detiene il primato in Regione sull'estensione delle aree pedonali, che nel 2012 avevano raggiunto valori di 81,84 m² ogni 100 abitanti, con un incremento del 23,8% rispetto al 2008.[39] In particolare, alla fine del 2014 l'estensione della rete ciclabile era pari a 123 km, mentre le aree pedonali occupavano l'8% del centro storico e le zone a traffico limitato ne costituivano il 39%, con la previsione di una loro ulteriore estensione a breve; nello stesso tempo, le zone 30 erano pari al 20% dell'intera area comunale.[40] La "Classifica delle città italiane per qualità ambientale" del 2013, redatta a seguito di un'indagine di Ambiente Italia (Istituto di ricerca), Il Sole 24 Ore e Legambiente considerando ben 125 indicatori, posiziona Parma al terzo posto fra le città di medie dimensioni, anticipata solo da Trento e Bolzano.[41]

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Parma è terza in Italia (analisi Censis 2010) per aumento della popolazione residente, grazie alla tenuta del tasso di natalità, alla diminuzione di quello della mortalità e all'aumento del tasso migratorio, con un ringiovanimento dell'età media e un'alta percentuale di residenti stranieri.[42] Sulla base della procedura DMA (Dynamic Metropolitan Areas), che consiste nel partire dai centri con oltre 50.000 abitanti e nell'aggregarvi i comuni contigui che abbiano almeno un tasso del 15% di pendolarismo per lavoro o studio verso di loro, l'area metropolitana di Parma viene considerata DMAs di livello B con una popolazione complessiva di 444.395 abitanti (dati dic. 2008, il dato sui flussi pendolari è desunto dal Censimento 2001 dell'Istat).

Evoluzione al XX secolo[modifica | modifica wikitesto]

Dalle prime 2.000 famiglie della colonia romana del 183 a.C., la valenza strategica territoriale della città le permise anche dopo il 774 di essere prescelta quale zona d'insediamento da molti immigrati al seguito di Carlo Magno.[43] Nel 1400 si giunse a circa 12 000 cittadini e nel 1545 Parma era considerata una città di medie dimensioni con 19.592 abitanti censiti.[44] Una grave carestia sopraggiunta nel 1551 ne ridusse il numero a 17 000, ma poco più di vent'anni più tardi, nel 1573, grazie al ruolo affermato di capitale di un ducato, il numero degli abitanti raggiunse i 26 000 e nel 1630, grazie alle "grandi opere" edilizie che attiravano manovalanza, toccò i 46 000, per poi ridursi a 30 000 dopo la terribile epidemia di peste dello stesso anno. Durante il governo di Maria Luigia, (durato dal 1814 al 1847), il numero degli abitanti passò a 45 000, e nel 1861, anno della proclamazione del Regno d'Italia, a Parma vivevano 47.428 abitanti, costituenti il 18,5% dei cittadini della provincia, che posizionavano la città alla ventesima posizione nel Paese.[45]

Dieci anni dopo il capoluogo perse quasi 2.000 abitanti attestandosi a quota 45.511, un'involuzione in controtendenza rispetto alle altre città italiane. Il declino demografico proseguì anche negli anni successivi, attestando la popolazione nel 1881 a 45.217 abitanti e posizionando la città come ventiseiesimo capoluogo italiano.[46] Il declino demografico fu l'effetto della chiusura dello Stato e della corte ducale, che provocò la perdita di molte attività economiche causando un conseguente decadimento sociale ed economico.

« [...] il pubblico ricorre col pensiero a quei tempi in cui abbondavano gli uffici e la Corte spendeva, tempi che si ricordano da molti non senza qualche compiacenza, poiché del passato si sogliono ripetere le cose liete piuttosto che le tristi e dolorose [...]. La città di Parma, come altre volte si è osservato, è forse quella fra tutte le italiane, che nel nuovo ordine di cose, per esser spoglia di propri spedienti e di forze locali, ebbe più a soffrire ne' materiali interessi. Il visibile e continuo deperimento rattrista e commuove questa popolazione [...] »
(Lettera di doglianza indirizzata al Ministero dell'interno scritta nel 1865 dal prefetto di Parma avv. Carlo Verga)

Nel 1901 il Comune di Parma era costituito quasi interamente da territorio urbano con una popolazione di 47.000 abitanti, mentre il successivo censimento, avvenuto attorno al 1911, evidenziava una prima ripresa demografica dalla fine del periodo ducale, contando circa 57.000 abitanti.

Residenti dal 2000 ad oggi[modifica | modifica wikitesto]

Con gli inizi del nuovo millennio, grazie ai flussi migratori, il numero di residenti nel territorio comunale è cresciuto costantemente fino alla fine del 2012, mentre è calato nel corso del 2013 per poi tornare nuovamente a crescere nel 2014.[47]

Abitanti censiti[48]

Etnie e minoranze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Secondo le analisi dell'ufficio statistica comunale, a fine 2015 gli stranieri regolari residenti in città risultavano 30.687 (dei quali 14.348 maschi e 16.339 femmine), tornando a crescere dopo il calo subito nel corso del 2013. Il peso sul totale della popolazione si attestava al 15,9% a livello comunale,[47] distribuito in vario modo nei diversi quartieri, che alla fine del 2013 registravano rispettivamente valori del 24,4% (Oltretorrente), 22,2% (Pablo), 20,1% (Parma Centro), 19,3% (San Leonardo), 13,9% (Molinetto, San Pancrazio e Montanara), 13,5% (San Lazzaro), 11,7% (Cortile San Martino), 11,6% (Lubiana), 11,3% (Cittadella), 10,9% (Golese) e 9,0% (Vigatto).[49] Per quanto riguarda l'età, a fine 2014 le fasce comprese tra i 25 ed i 39 anni di età risultavano le più ampie, seguite immediatamente dalla classe 0-4 anni, che spiccava rispetto alle classi immediatamente successive, testimoniando l'incremento delle nascite verificatosi negli ultimi anni. Per quanto riguarda la composizione familiare, il 42,2% delle famiglie straniere risultava composto da una persona, il 18,4% da due, il 16,1% da tre, il 13,5% da quattro, il 6,1% da cinque ed il restante 3,8% da sei o più.[47]

Dei 30.687 immigrati regolari viventi a Parma a fine 2015, circa la metà di essi proveniva da paesi europei, seguita da nordafricani:[50]

  1. Moldavia, 4.967
  2. Romania, 3.513
  3. Albania, 2.661
  4. Filippine, 2.570
  5. Tunisia, 1.561
  6. Nigeria, 1.450
  7. Ucraina, 1.292
  8. Marocco, 1.264
  9. Ghana, 1.104

Religione cattolica[modifica | modifica wikitesto]

Sono numerose le famiglie religiose sorte a Parma e tuttora fiorenti: le Suore Orsoline Missionarie del Sacro Cuore di Gesù, fondate nel 1575 e riformate da Maria Lucrezia Zileri dal Verme nel XIX secolo; le Maestre Luigine, sorte verso il 1755 ad opera di Rosa Orzi ed unite alle Suore Domenicane della Beata Imelda; le Ancelle dell'Immacolata, fondate da Anna Maria Adorni per l'assistenza alle donne traviate e alle ragazze pericolanti; le Piccole Figlie dei Sacri Cuori di Gesù e Maria, fondate nel 1865 da Agostino Chieppi; la Pia Società di San Francesco Saverio per le Missioni Estere, fondata nel 1895 da Guido Maria Conforti, di cui esiste il ramo femminile delle suore della Società Missionaria di Maria, fondata da Celestina Bottego e Giacomo Spagnolo.

I monaci benedettini dell'abbazia di San Giovanni sono presenti in città dal 983 e il loro monastero fu riformato nel 1852 dai sublacensi. A Parma sorgono anche i monasteri claustrali delle Carmelitane Scalze (presso Santa Maria Bianca), fondato nel 1635 a istanza di Margherita Aldobrandini con religiose provenienti da Cremona, e delle Clarisse Cappuccine (presso Santa Maria degli Angeli), fondato nel 1682 per volere di Ranuccio II Farnese con alcune monache provenienti da Guastalla.

I frati minori vennero introdotti a Parma nel 1220 da san Francesco d'Assisi e in seguito si divisero nei rami degli osservanti, presso la chiesa della Santissima Annunziata, e dei conventuali, presso San Francesco del Prato (poi ridotti all'oratorio dell'Immacolata Concezione).

I Carmelitani Scalzi, già presenti dal 1623, tornarono definitivamente a Parma nel 1881 e officiano la chiesa di Santa Teresa del Bambin Gesù; i Salesiani giunsero presso la chiesa di San Benedetto nel 1889 e vi fondarono un collegio maschile, al quale si aggiunse poi quello femminile delle Figlie di Maria Ausiliatrice; i Fratelli delle Scuole Cristiane aprirono la loro prima sede a Parma nel 1836; gli Stimmatini giunsero in città nel 1876 e dal 1969 hanno la cura della parrocchia delle Sacre Stimmate; i Preti del Sacro Cuore di Gesù di Bétharram hanno la cura della parrocchia di Sant'Andrea, fondata nel 1977.

A Parma sono presenti anche: le Figlie della Croce, Suore di Sant'Andrea, introdotte nel 1851 da Luisa Maria di Borbone-Francia; le Suore Ancelle del Santuario, nate a Piacenza e attive presso la casa di cura "Città di Parma"; le Suore della Divina Provvidenza per l'Infanzia Abbandonata, provenienti da Piacenza, giunte nel 1924 per il servizio nell'ospizio di San Giuseppe; le Suore Orsoline Figlie di Maria Immacolata, dedite all'assistenza ospedaliera.

Istituzioni, enti e associazioni[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Enti e organismi pubblici a Parma.

Nel corso degli anni a Parma si sono insediati numerosi organismi di ricerca e controllo in particolare legati al settore agro-alimentare e scientifico. Già sede dell'Agenzia Interregionale per il fiume Po (AIPO) (ex Magistrato per il Po) e dell'Autorità di bacino del fiume Po, nel dicembre del 2003 Parma è divenuta sede dell'Autorità europea per la sicurezza alimentare (EFSA), una delle più importanti agenzie di controllo dell'Unione europea.

La posizione geografica e la presenza di una prestigiosa università hanno inoltre consentito lo sviluppo di altre importanti strutture pubbliche, punti di riferimento per aree geografiche che oltrepassano i confini provinciali, come l'Ospedale di Parma, che nel corso degli anni è divenuto uno dei principali poli ospedalieri della regione Emilia-Romagna, il Consorzio italiano per la sicurezza e la ricerca sulla qualità degli alimenti, il Consorzio Interuniversitario di Tecnologie Farmaceutiche Innovative (TEFARCO), la Stazione Sperimentale per l'Industria delle Conserve Alimentari (SSICA) o i laboratori di ricerca, innovazione e consulenza legati all'industria alimentare SIQUAL e TECAL. Grazie all'indotto economico dovuto alla stretta collaborazione tra questi organismi e l'industria locale, a Parma si sta sviluppando parallelamente un importante settore legato alla congressistica e al turismo d'affari con conseguenti ripercussioni sull'economia locale, sul tenore di vita rappresentato dalla presenza in città di numerosi scientifici e funzionari e sullo sviluppo di alcune infrastrutture quali l'aeroporto, la rete viaria, l'industria alberghiera.

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Henri Beyle detto Stendhal. Scrittore francese, compose il celebre romanzo La Certosa di Parma
Giovanni Battista Bodoni. Incisore e stampatore alla corte di Ferdinando I di Borbone-Parma, ideò i caratteri tipografici Bodoni

Le aristocratiche tradizioni ed una certa raffinatezza della vita sociale caratterizzano l'anima cittadina che si evidenzia in particolare con la passione dei parmigiani nei confronti della musica e dell'Opera, da secoli molto seguite ed apprezzate da vari strati della popolazione.

Il primo letterato nativo di Parma di cui si abbia notizia fu Gaio Cassio Parmense (I secolo a.C.), appartenente ad una delle famiglie romane fondatrici della città e autore di tragedie ed elegie, ma la storia parmense si è col tempo arricchita del contributo intellettuale di numerosi artisti, poeti e pittori che ne hanno determinato l'intenso fervore nei confronti di multiformi interessi culturali, confermato dalla presenza in città di numerosi teatri, musei, manifestazioni e rassegne internazionali nel campo dell'arte e degli scambi commerciali. Benedetto Antelami, il Parmigianino, il Correggio, Ireneo Affò, Giovanni Battista Bodoni, i Fratelli Amoretti, Ferdinando Paër, Macedonio Melloni, Giuseppe Verdi, Arturo Toscanini, Ennemond Alexandre Petitot, Étienne Bonnot de Condillac ed Attilio Bertolucci sono solo alcune delle personalità legate a Parma che hanno lasciato un'impronta importante nelle tradizioni artistiche e culturali cittadine.

Parma fu magnificata da Stendhal (al secolo Henri Beyle), che la visitò per la prima volta nel 1814 e la sognò nelle pagine della sua Chartreuse de Parme (La Certosa di Parma); successivamente fu desiderata da Marcel Proust nel suo Du côté de chez Swann (La strada di Swann).

Nel XVIII secolo lo sviluppo dell'arte e delle istituzioni cittadine contribuirono a definire Parma l'"Atene d'Italia",[51] mentre oggi, grazie al nuovo ruolo attribuitole all'interno dell'Unione europea con l'assegnazione di un'importante agenzia comunitaria, la città sta cercando di riaffermare l'antica tradizione di piccola capitale.

« Parma acquisirà un respiro internazionale. E dovrà prepararsi a parlare il francese e l'inglese tanto quanto l'italiano. »
(Giorgio Calabrese, docente universitario, unico membro italiano del Consiglio di amministrazione dell'Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare, 14 dicembre 2003)
« Sono altresì affascinato dalle molteplici influenze storiche che hanno forgiato la Parma moderna, quella del dinamismo industriale ed agroalimentare, delle università di punta, dell'arte del saper vivere. Parma è proprio un bel campione d'Europa – varia e aperta al mondo. »
(José Manuel Durão Barroso, Presidente della Commissione europea. 11 gennaio 2008 in occasione dell'inaugurazione del nuovo anno accademico del Collegio Europeo di Parma)

Biblioteche pubbliche[modifica | modifica wikitesto]

Sala lettura della Biblioteca Palatina

Nel giugno del 1912 il Comune di Parma, tramite l'acquisto della Biblioteca Popolare Circolante, pose le premesse per l'avvio di un servizio bibliotecario comunale, che tuttavia si concretizzò in maniera definitiva soltanto nel 1973, attraverso l'apertura della Biblioteca Ugo Guanda, allora posta sotto la centralissima piazza Garibaldi. In seguito incrementatesi negli anni, le Biblioteche Comunali, comprendenti i patrimoni, i servizi e le attività delle strutture comunali, dal 31 dicembre 2013 sono gestite direttamente del Comune di Parma come Servizio Biblioteche:[52]

Ad esse si aggiunge la prestigiosa Biblioteca Palatina, di proprietà statale, sita in piazza della Pilotta 3 all'interno del Palazzo della Pilotta.[54]

Numerose sono poi le biblioteche dell'Università di Parma, dislocate nelle varie sedi dei Dipartimenti.[55]

Si annovera infine la Biblioteca Germinal, gestita dal Centro studi movimenti, sita in via Saragat 33/a (c/o Casa Bagnaresi).[56]

Scuole superiori[modifica | modifica wikitesto]

Hanno sede a Parma numerosi licei, tra i quali il Liceo Ginnasio Statale "Giovanni Domenico Romagnosi"[57], il Liceo Scientifico e Linguistico statale "Guglielmo Marconi" ed il Liceo Artistico "Paolo Toschi"[58]. In città è inoltre presente la "Scuola per l'Europa", che dispensa un insegnamento multilingue.[59]

Università[modifica | modifica wikitesto]

Logo dell'Università degli Studi di Parma

La città è sede dell'Università degli Studi di Parma, fondata nell'XI secolo, da alcuni anni annoverata fra i 500 migliori istituti al mondo dalla Classifica accademica delle università mondiali (ARWU), che nel 2014 posizionava inoltre il Dipartimento di Matematica e Informatica fra i migliori 150 Dipartimenti di Matematica al mondo.[60]

In città è inoltre presente dal 2003 il Collegio Europeo di Parma, istituto di formazione superiore post-universitaria nel campo del diritto, dell'economia e delle politiche dell'Unione europea, analogo a quello di Bruges in Belgio.[61]

Musei[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Musei di Parma.

Il sistema museale parmense comprende differenti tipologie, molte delle quali incentrate sulla storia, l'arte, le tradizioni culturali ed enogastronomiche del territorio. Spesso le strutture ospitanti sono situate all'interno di prestigiosi palazzi ed importanti edifici cittadini, tra cui il Palazzo della Pilotta, il Palazzo di Riserva, il Monastero di San Paolo, la Basilica di Santa Maria della Steccata, il Palazzo vescovile, l'Abbazia di San Giovanni Evangelista, il Palazzo Cusani, l'Ospedale Vecchio e l'abbazia di Valserena.

Media[modifica | modifica wikitesto]

Una delle prime radio libere d'Italia

Grazie all'idea di Virginio Menozzi, un imprenditore di Sala Baganza (PR), una radio cittadina tuttora esistente, Radio Parma, è stata tra le prime radio private a trasmettere in Italia.[62] Dalla piccola sede di via Farnese, nel dicembre del 1974 ci furono le prime trasmissioni sperimentali. Poco lontano e pochi giorni prima, il 23 novembre 1974, Radio Bologna per l'accesso pubblico aveva iniziato una settimana di trasmissioni violando volutamente la legge in vigore con l'obiettivo di sensibilizzare l'opinione pubblica sulla questione della libertà di utilizzo delle frequenze. In questo contesto, la diffusione ufficiale dei programmi di Radio Parma ebbe inizio il 1º gennaio 1975 (le successive furono Radio Milano International nel marzo 1975 e Radio Roma il 16 giugno 1975). La radio iniziò immediatamente con un programma giornaliero di quasi 9 ore proponendo un palinsesto assai completo, ricco di informazione, approfondimenti e cronache locali.

« Radio Parma ha cambiato il costume e in qualche modo la vita degli italiani affidando alla città un primato che la onora rendendola degna di passare alla storia. »
(Elvio Ubaldi, ex sindaco di Parma, in occasione del Premio Sant'Ilario 2005)

Stampa[modifica | modifica wikitesto]

La città è sede di uno dei più antichi quotidiani d'Italia (assieme alla Gazzetta di Mantova, fondata nel 1664): la Gazzetta di Parma, fondata nel 1735, è il più diffuso quotidiano in città e provincia, con una media autodichiarata di 42.088 copie vendute ogni giorno[63] ed una media giornaliera di 233.000 lettori.[64]

In città sono pubblicati alcuni settimanali, tra i quali Vita Nuova è l'autorevole settimanale diocesano, fondato nel 1919.

Tra le pubblicazioni mensili, dal 1999 la casa editrice parmigiana Edicta pubblica il mensile Il Mese Parma, dedicato ad attualità, economia, sport e tempo libero relativi a Parma e provincia. Grazie al sostegno di Comune, Provincia, Università degli Studi di Parma, Fondazione Cariparma e numerosi altri enti cittadini, le copie della rivista vengono distribuite gratuitamente sull'intero territorio provinciale.[65]

Fondata da Glauco Lombardi e Giuseppe Melli nel 1912, è tuttora in pubblicazione la rivista Aurea Parma, quadrimestrale dedicato alla storia, alla letteratura ed all'arte edito da Diabasis; si pone come obiettivi lo studio del passato e del presente della città e delle sue manifestazioni artistiche e intellettuali.[66]

La Camera di Commercio di Parma pubblica dal 1869 la rivista quadrimestrale Parma economica, che si occupa dell'analisi economica, ma anche di attualità e cultura, relativamente a Parma e provincia, senza trascurare tuttavia il contesto nazionale ed internazionale.[67]

Emittenti televisive[modifica | modifica wikitesto]

A Parma sono presenti più emittenti televisive:

  • Tv Parma, storica emittente di città e provincia, appartenente alla casa editrice della Gazzetta di Parma, cui è fortemente legata; le sue origini risalgono al 1974, quando, con il nome di TeleParma, la stazione televisiva trasmetteva via cavo grazie alla prima cablatura delle strade centrali; in seguito alla liberalizzazione delle trasmissioni in ambito locale decisa dalla Corte Costituzionale e dopo una successiva fase sperimentale durata alcuni mesi, nel 1978 iniziarono le prime trasmissioni ufficiali via etere con una programmazione pomeridiano-serale; oggi è presente anche online sul sito tvparma.it
  • Teleducato Parma, emittente indipendente con copertura provinciale; nata a Parma, è trasmessa anche a Piacenza come Teleducato Piacenza; è presente anche online sul sito teleducato.it
  • È TV Parma, emittente regionale con una sede operativa in città; è presente anche online sul sito e-tv.it

Arte[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Rinascimento parmense.

Archivio Giovani Artisti[modifica | modifica wikitesto]

Parma è coinvolta in prima persona nella valorizzazione e promozione della creatività giovanile. L'Archivio Giovani Artisti è un servizio offerto dal Comune di Parma che si rivolge a tutti i giovani che operano nel campo delle Arti Visive, delle Arti Applicate, delle Immagini in movimento e della Letteratura, al fine di documentare, offrire servizi ed organizzare attività promozionali. Realizza iniziative direttamente o con la partecipazione a manifestazioni artistiche in Italia e all'estero, volte a favorire una costante circolazione di informazioni ed eventi, attraverso scambi nazionali ed internazionali e l'adesione a reti, quali il GAI (Associazione per il Circuito Giovani Artisti Italiani) e la Bjcem (Associazione Biennale dei Giovani Artisti dell'Europa e del Mediterraneo).

Archivio delle Istituzioni e delle Associazioni Culturali[modifica | modifica wikitesto]

Il Comune di Parma ha censito ed organizzato in una banca dati tutte le libere associazioni e le istituzioni che si occupano di promuovere ed organizzare eventi culturali nella città.

Musica[modifica | modifica wikitesto]

Parma Capitale della Musica[modifica | modifica wikitesto]

Le passioni dei parmigiani: l'opera e la bicicletta
Arturo Toscanini. Nacque nel popolare quartiere dell'Oltretorrente; la sua casa natale è diventata un museo dedicato al grande direttore d'orchestra

Con lo scopo di affermare l'importanza e la centralità della musica nella vita culturale di Parma, nel 2004 il Ministero per i beni e le attività culturali, il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti e il Comune di Parma costituirono la Fondazione Parma Capitale della Musica; la struttura fu poi sciolta nel 2008 per i mancati trasferimenti economici da parte dei fondi Arcus.[68]

La "Fondazione Teatro Regio di Parma", istituita nel gennaio del 2002, si propone di valorizzare l'antica tradizione del teatro lirico italiano, organizzando inoltre importanti stagioni concertistiche e di danza svolte nel principale teatro cittadino e nel recente Auditorium Niccolò Paganini.[69]

Altra importante istituzione cittadina è la Casa della Musica, nata nel 2002 per iniziativa del Comune di Parma e divenuta poi Istituzione nel 2005; ospitata tra le mura del quattrocentesco Palazzo Cusani, conserva oggetti, fotografie, manifesti e video della tradizione musicale e teatrale di Parma, dal Seicento ai giorni nostri.[70]

A brevissima distanza, negli spazi dell'ex chiesa di Santa Elisabetta, ha inoltre sede la Casa del Suono, che si prefigge di creare la sintesi di un percorso storico e culturale legata all'ascolto della musica, dal fonografo a cilindri ai moderni mezzi di riproduzione e diffusione sonora.[71]

In città ha infine sede il prestigioso ed antico Conservatorio di Musica "Arrigo Boito", istituito nel lontano 1819 dalla duchessa Maria Luigia.[72]

Musica classica[modifica | modifica wikitesto]

Giuseppe Verdi. Ogni anno, in ottobre, mese di nascita del grande compositore, si svolge a Parma un festival di rinomanza mondiale dedicato alle sue Opere
Niccolò Paganini. L'ottocentesco cimitero della Villetta conserva le spoglie del musicista e quelle di Ildebrando Pizzetti, unite in un monumento funebre costruito su progetto di Giuseppe Cocconcelli

Già nel XVI secolo la musica iniziò ad avere un ruolo importante per la città: fin da allora la corte farnesiana, sensibile all'importanza sociale di quest'arte, si occupò di favorire l'insegnamento della musica e del liuto ai principi e ai paggi. Nel 1570 agli ospiti della Paggeria vennero impartite lezioni di canto da Giulio Buonaggiunta e di liuto da Galeazzo Cacciardino. Nel 1601 fu fondato il "Collegio dei Nobili", tra le cui materie di insegnamento furono sempre presenti la musica e la danza. Nel 1603 fu istituita la "Compagnia dei violini", in un periodo in cui questo strumento non aveva ancora assunto un ruolo specialistico nello svolgimento dello opere teatrali, mentre nel 1757 venne fondata la "Reale Scuola di Ballo", di cui fu nominato direttore Pierre Delisle, accompagnato da una compagnia di attori francesi che soggiornò alla corte fino al 1758, recitando opere di classici (Corneille, Racine e Molière) e di moderni sia nel Teatro Ducale cittadino che in quello bibienesco di Colorno.

« Attualmente Parma sembra essere un'accademia per formare bravi ballerini e può forse in breve tempo fornire all'Italia i migliori danzatori così come fa ora Parigi per la Francia. »
(Edmund Rolfe, 1761)

Qualche anno più tardi, nel 1768, nei locali che sarebbero stati in seguito occupati dal Conservatorio musicale, la "Reale Direzione Generale degli Spettacoli" istituì la "Reale Scuola de' Cantanti" o "Scuola di Canto ad uso del Ducale Teatro", il cui insegnamento si prefiggeva di formare dei cantanti per le occorrenze dei cori negli spettacoli teatrali e con lo scopo dichiarato di rendere utilità al ducato.

La vera cultura musicale si affermò tuttavia solo tra la fine del Settecento e i primi decenni dell'Ottocento. Crocevia politico e culturale tra Parigi e Vienna, Parma, tra le cui mura cittadine vivevano nel XVIII secolo circa 4.000 francesi, divenne infatti un vero e proprio laboratorio per lo sviluppo della musica e del ruolo dell'orchestra. In particolare, l'attività in seno all'Orchestra ducale del celebre musicista Niccolò Paganini, voluto dalla stessa reggente dell'epoca, la duchessa Maria Luigia, influenzò le prime disposizioni di quello che in seguito sarebbe divenuto il concetto moderno di orchestra. Proprio intitolato al grande maestro Paganini, sorge oggi, a due passi dal centro, un auditorium da 780 posti dotato di sofisticati impianti tecnologici ed acustici che ne assicurano la massima funzionalità, progettato dell'architetto Renzo Piano ed inaugurato nel 2001.[73]

« Ho nelle mani il modo di rendere felice quattrocentomila anime: di proteggere le scienze e le arti [...]. I parmigiani, melomani e gourmet, non chiedono di meglio come programma politico. »
(Maria Luigia, duchessa di Parma. Lettera ai familiari, 1816)

Oggi a Parma ha sede l'"Orchestra Regionale dell'Emilia Romagna", fondata nel 1975; dal 2002 essa partecipa come nucleo costitutivo permanente della "Filarmonica Arturo Toscanini", grande compagine dedicata al grande maestro parmigiano.[74] In città sono poi presenti fin dalla loro fondazione nel 1990 "I fiati di Parma", unica orchestra da camera stabile italiana di strumenti a fiato.[75] Nel 2014 fu inoltre fondata in città l'"Orchestra dell'Opera Italiana", riunendo un gruppo di musicisti proveniente da varie orchestre italiane ed in particolare dalla prestigiosa "Orchestra del Teatro Regio di Parma", a sua volta presente in città da tempo immemorabile.[76] Strettamente connesso a quest'ultima è il "Coro del Teatro Regio di Parma", che negli ultimi anni si esibisce nel Teatro Regio con la "Filarmonica Arturo Toscanini".[77] Ad esso si aggiunge dal 1978 il coro "Voci di Parma", con repertorio composto principalmente da brani di polifonia sacra, canti popolari e musica lirica.[78] In città ha infine sede la "Corale Giuseppe Verdi di Parma", nata nel 1905, che si occupa sia dell'attività concertistica sia delle incisioni discografiche.[79]

Musica rock[modifica | modifica wikitesto]

Il rock parmigiano ha i suoi primi esponenti già negli anni sessanta e settanta con il gruppo storico degli "Snakes" e dei Corvi, che rimane una delle band più rappresentative del beat italiano. A loro si aggiungono "The Rangers", precursori del genere beat, i "Baronetti", i "Gref 84", i "Moschettieri" e i "Gentlemen". Più tardi si affermano i "Gemini 4", gli "Acqua Fragile" (Gino Campanini, Piero Canavera, Maurizio Mori, Franz Dondi e Bernardo Lanzetti, che passerà poi alla PFM). Negli anni ottanta si afferma sulla scena nazionale il cantante Scialpi, che rimane il fenomeno principale in ambito di musica leggera che Parma ha saputo produrre. Altro cantautore importante della scena parmense è Raffaele Fiume.

Musica bandistica[modifica | modifica wikitesto]

A Parma, presso il Centro Culturale Argonne nel Quartiere Molinetto, ha sede il Corpo bandistico municipale Giuseppe Verdi di Parma, ossia la Banda Cittadina, fondato già nel 1946.[80]

Cucina[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Cucina parmigiana.
Parmigiano-Reggiano
Prosciutti di Parma

Parma e la sua provincia sono famose nel mondo per i loro prodotti alimentari e per la loro cucina, in particolare per il formaggio Parmigiano-Reggiano e per il Prosciutto di Parma. Questi prodotti sono tutelati dai rispettivi consorzi di produzione che ne certificano l'origine e la qualità.

« [...] ed eravi una montagna di Parmigiano grattugiato sopra la quale stavan genti che niun'altra cosa facevan, che fare maccheroni et ravioliet cuocergli in brodo di cappone. »
(Boccaccio, 1348)

La pasta prodotta a Parma, confezionata con semola di grano duro, fu conosciuta e apprezzata già nel Cinquecento sulla mensa dei duchi Farnese.

Il vino di maggior produzione nella provincia di Parma è il lambrusco, vino rosso scuro dal moderato tenore alcolico che non supera i 10-11 gradi. Sui colli del parmense si produce anche la "Malvasia dei Colli di Parma" (DOC), vino da pasto o da dessert, fermo o frizzante di bassa gradazione alcolica (10,5º). La "Fortanina" è vino tipico della Bassa parmense, un tempo assai diffuso, prodotto in quantitativi limitati nella zona di San Secondo.

Eventi[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Principali manifestazioni culturali a Parma.

In città si svolgono regolarmente numerose manifestazioni culturali e tra esse figurano appuntamenti di rinomanza mondiale quali il "Festival Verdi", che si svolge ogni anno nel mese di ottobre, dedicato alle opere del grande compositore Giuseppe Verdi (nato a Roncole Verdi il 10 ottobre 1813).[81]

Numerosi appuntamenti dedicati alla musica, alla danza e al teatro, dai repertori classici al contemporaneo, si annoverano tra le rassegne annuali principali e di maggiore distinzione, cui si aggiungono iniziative culturali dedicate alla letteratura e al giornalismo,[82] oltre all'annuale "Festival dell'architettura".[83]

Un appuntamento folkloristico cittadino che trae la sua origine nel XIV secolo è poi il "Palio di Parma", celebre competizione che si svolge ogni anno nel mese di settembre, incentrata sulla staffetta fra le 5 squadre rappresentanti le 5 antiche porte cittadine.[84]

Persone legate a Parma[modifica | modifica wikitesto]

Arrows-folder-categorize.svg Le voci sui singoli soggetti sono elencate nella Categoria:Persone legate a Parma

Sono numerose le personalità che nel corso dei secoli, grazie alle loro opere o alle loro azioni, hanno legato il loro nome alla storia della città marcandone il carattere degli abitanti, l'architettura e la cultura.

Geografia antropica[modifica | modifica wikitesto]

Urbanistica[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Evoluzione urbanistica di Parma.

Quartieri[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Quartieri di Parma.
I Quartieri del Comune di Parma

Dal 2002, in seguito all'abolizione delle 7 Circoscrizioni in cui era suddivisa la città dal 1979, il Comune di Parma risulta suddiviso in 13 Quartieri, che dal 2010 non hanno più funzioni istituzionali ed elettive:[85]

Frazioni[modifica | modifica wikitesto]

Sono numerose le frazioni che sorgono ai margini dell'area urbana: Alberi, Baganzola, Baganzolino, Beneceto, Borghetto (o Castelnovo a mane), Botteghino, Carignano, Casalbaroncolo, Casaltone di Parma, Case Vecchie, Casello, Castelnovo a sera, Cervara, Coloreto, Corcagnano, Cornocchio, Crocetta, Eia, Fognano, Fraore di Golese, Fraore di San Pancrazio, Gaione, Il Moro, Malandriano, Marano, Mariano, Marore, Martorano, Moletolo, Panocchia, Paradigna, Pedrignano, Pilastrello, Pizzolese, Pontetaro di Parma, Porporano, Ravadese, Roncopascolo, San Donato, San Martino, San Pancrazio Parmense, San Prospero Parmense, San Ruffino, Santa Elisabetta, Scarzara, Ugozzolo, Valera, Viarolo di Parma, Vicofertile, Vicomero di Parma, Vicopò, Vigatto, Vigheffio, Vigolante.

Economia[modifica | modifica wikitesto]

La Violetta di Parma
La Duchessa Maria Luigia
La Violetta di Parma è un profumo che ormai fa parte della memoria storica e imprenditoriale cittadina, intrecciandosi profondamente al mito e al ricordo della duchessa Maria Luigia, che amava questo fiore tanto quanto la città da lei stessa governata. La Duchessa favorì in ogni modo le ricerche di alcuni abili alchimisti frati fino all'ottenimento di un'essenza al profumo di violetta e quando fu costretta ad abbandonare il Ducato durante i moti del 1831, scrisse nel suo diario la frase «Souvenir de Parme malheureuse» custodendola tra i colori ed il profumo di alcune violette essiccate tra le pagine. Un amore che la città ha sempre ricambiato facendole avere ogni anno un mazzetto di violette sulla tomba nella Chiesa dei Cappuccini di Vienna, dove si trova la cripta dei sepolcri imperiali degli Asburgo. Nel 1880, dieci anni dopo l'inizio del suo percorso imprenditoriale nella profumeria, il parmigiano Ludovico Borsari, venuto a conoscenza della formula per ottenere il prezioso distillato del "profumo alla violetta", ebbe l'idea di farlo diventare un prodotto destinato ad un largo pubblico fino a diventare, ai giorni nostri, un simbolo famoso quale espressione del gusto e della raffinatezza della petite Capitale stendhaliana e contribuendo non poco a veicolare il "marchio" Parma in tutto il mondo.

Alla tradizione culinaria, già fortemente radicata nella cultura del buon vivere emiliano, si è affiancata in queste terre una moderna industria agro-alimentare. Sul terreno dell'economia Parma si distingue tra tutte le città italiane per la singolarissima compenetrazione tra agricoltura e industria. Gli agricoltori parmensi producono derrate per la trasformazione industriale: pomodoro, pisello e mais dolce per le industrie conserviere, latte per le industrie casearie, prima tra le altre la produzione del Parmigiano Reggiano.

L'industria meccanica parmense vanta il primato nazionale nella produzione di impianti per la trasformazione industriale delle derrate agricole: apparecchiature per l'industria delle conserve, impianti di trasformazione del latte, impianti per la macellazione. È per questi primati che Parma vanta il titolo di primo polo agroalimentare padano, un titolo che ha rilevanti conseguenze per la cultura e le istituzioni.[86]

Ciò detto, è importante anche menzionare che, sebbene Parma sia una delle zone più ricche d'Italia, è anche fra le zone a più alto costo della vita, con una grande sproporzione fra i redditi dei lavoratori dipendenti e quelli dei lavoratori autonomi, forbice peraltro in netto aumento e che reca forte malessere nelle numerose famiglie a reddito fisso.

Il distretto agro-alimentare[modifica | modifica wikitesto]

Parma è situata al centro di un'importante rete agro-alimentare mondiale di scambi, meritando l'appellativo di «food valley heart». La regione è conosciuta per le produzioni di latte e prodotti derivati di qualità (formaggio parmigiano reggiano, di salumi (prosciutto di Parma, culatello di Zibello, salame di Felino, spalla di San Secondo), di conserve vegetali, di pasta e di prodotti cotti al forno.

« Parma è una città rimarchevole, posta fra le colline degli Appennini e il Po. I suoi pascoli sono così gustosi e dolci che si crede che nessun luogo d'Europa si possa paragonare a questo per gli eccellenti formaggi che produce, onde il nome di Parma è conosciuto dappertutto. »
(William Thomas, diplomatico inglese, The Historye of Italye, Londra, 1561)

Il distretto agroalimentare parmigiano comprende Parma e 29 comuni limitrofi alla città, e risulta baricentrico rispetto ad un'area di circa 2.411 km². Vi trovano impiego il 15% degli addetti del settore agro-alimentare. Il panorama aziendale si compone di: 326 prosciuttifici, 5.500 allevamenti, 163 macelli, 189 aziende produttrici (con 3.000 addetti) e 1.380 aziende del lattiero-caseario (con 7.500 addetti). Il distretto, per il quale la produzione e lavorazione della carne di suino costituisce un connotato tra i più tipici del panorama storico-economico alimentare, produce l'80% del prosciutto crudo della regione, mentre l'export ammonta complessivamente a 2.500 miliardi annui di prodotti.

Il territorio ospita numerose aziende del settore agro-alimentare ed industriale tra loro collegate che consentono di definire l'area parmense come un distretto di filiera, in cui convergono i prodotti agricoli e zootecnici da trasformare e da cui si proiettano, anche al di fuori dell'ambito nazionale, i prodotti trasformati, gli impianti per la trasformazione e la tecnologia in generale. Tali aziende rappresentano la metà del fatturato industriale e artigianale della città, ossia 7,6 miliardi di euro su 15,6 miliardi di euro (dati 2002).

Come previsto nel documento unico di programmazione sottoscritto dalla Regione Emilia-Romagna, dalla Provincia di Parma, dal Comune di Parma e dalle rappresentanze delle organizzazioni economiche e sociali a Parma verrà insediato un Tecnopolo all'interno del campus universitario, composto da centri di ricerca che opereranno in diversi settori industriali:

  • Biopharmanet_Tec: centro interdipartimentale per l'innovazione dei prodotti per la salute;
  • Cim: centro interdipartimentale misure;
  • Cipack: centro interdipartimentale per l'imballaggio;
  • Comt: centro interdipartimentale di oncologia molecolare e translazionale;
  • Rfid&Vis Labs: centro interdipartimentale sulle tecnologie di identificazione in radiofrequenza e con visione artificiale;
  • Siteia.Parma: centro interdipartimentale sulla sicurezza e le tecnologie per l'industria alimentare.

La tutela dei prodotti locali[modifica | modifica wikitesto]

In merito al numero delle denominazioni tutelate ed i prodotti certificati (DOP - denominazione di origine protetta, IGP - indicazione geografica protetta e STG - specialità tradizionale garantita), Parma si colloca prima provincia nel settore agroalimentare di qualità. Parma eccelle nella classifica delle province per Primato qualitativo sulla base di due tipi di indicatori: fatturato di ogni singolo prodotto rispetto alla superficie della zona di produzione ricadente nella provincia rispetto al numero di aziende produttrici ubicate nella provincia stessa, mentre il secondo è calcolato considerando il numero delle certificazioni ricadenti nell'area provinciale rispetto al totale nazionale.[87]

I dati economici e occupazionali[modifica | modifica wikitesto]

Globalmente, le imprese attive nel 2004 erano 41.435, in progressione del 1,2% rispetto all'anno precedente con una forza lavorativa di 188.000 unità.

Se nel 2004 le esportazioni verso l'estero dalla provincia di Parma ammontavano a 3 miliardi e 326 milioni di euro, nel 2007 sono salite a 4 miliardi 348 milioni di euro. Particolarmente significativo, nell'export 2007, l'incremento verso gli Usa dove, nonostante l'euro forte, la percentuale è aumentata dal 2% del 2006 al 22% del 2007, in particolare nei settori della meccanica e dell'alimentare. Il mercato principale per i prodotti del territorio resta tuttavia l'Europa, che assorbe il 73% del valore totale.[88] Globalmente, la crescita nel 2007 rispetto al 2006 è stata pari all'11,8% del fatturato, all'8,8% della produzione, al 10,6% dell'export, al 6,1% degli investimenti (rispetto al fatturato) e al 3,4% dell'occupazione: l'industria parmense consente all'economia di questo territorio di viaggiare a ritmi europei, con una sostanziale piena occupazione e un tasso di disoccupazione tra i più bassi d'Italia.

« Si riscontra come nonostante Parma sia l'undicesima provincia per crescita economica in Italia e la sesta per benessere, la distribuzione della ricchezza non è uniforme e a pagare di più sono i settori dove maggiormente si fa ricorso a contratti di tipo flessibile »
(Estratto dall'analisi formulata dal Presidente della Camera di commercio Andrea Zanlari in merito al rapporto sull'economia della provincia di Parma nel 2007)

Nel 2006 sono stati creati 3.000 posti di lavoro in più nei servizi, è cresciuta l'occupazione femminile e quella dei lavoratori nella fascia di anni 55-64.

Nel dettaglio, l'occupazione femminile è aumentata nella fascia di età 15-64 anni, passando dal 57,5% del 2005 al 61,4% nel 2006, mentre la disoccupazione femminile, risalita in modo preoccupante, scende dal 6,0% nel 2005 al 3,2% nel 2006, percentuale che supera di quattro punti gli obiettivi di Lisbona; contemporaneamente il tasso di occupazione per i lavoratori anziani (di 55-64 anni) è passato dal 36,6% al 40,3%, mentre il territorio continua a vantare uno dei valori di disoccupazione più bassi del Paese con tasso complessivo che si riduce dal 4,1% del 2005 al 2,7% del 2007 (nel 2004 era al 3,6%).[89]

Secondo i dati Istat relativi al 2007 la provincia di Parma si attesta per la seconda volta al primo posto in Italia per tasso di occupazione confermando la capacità di reazione del "Sistema Parma"” alle sollecitazioni dei mercati, alla competizione internazionale ed al crack finanziario Parmalat del 2003. Ha un lavoro il 72,4% della popolazione in età compresa tra i 15 e 64 anni, pari a 200.000 persone.

Sempre nel 2007, il territorio ha saputo mantenere l'ottavo posto nella graduatoria delle province con il maggior Pil pro capite attestandosi a 32.388 euro per abitante.[90] Nell'anno 2009 si sono persi 1458 posti di lavoro ma il trend si è capovolto tra luglio 2009 e giugno 2010. L'attività imprenditoriale nel periodo 2007-2010 registra un saldo positivo del 4% (in controtendenza rispetto a regione e nazione). Nel 2008 il 7,9% dell'imprenditoria locale era straniera, un dato che colloca Parma al terzo posto in regione. L'export, dopo la brusca contrazione del 2009, segna nel 2010 un importante +22,9% a livello provinciale contro il 3,8% regionale. Il Censis colloca la realtà geo-economica di Parma al 12º posto in Italia.[42]

Le multinazionali[modifica | modifica wikitesto]

Settore alimentare[modifica | modifica wikitesto]

A Parma e nelle sue vicinanze hanno sede due grosse multinazionali del settore alimentare: Barilla S.p.A. e Parmalat S.p.A. Secondo la speciale classifica stilata nel 2006 da "Il Reputation Institute" di New York, la Barilla è risultata, tra le multinazionali mondiali, la migliore azienda in base alla reputazione, essendo la più conosciuta nel mondo.[91] Parmalat si è piazzata al 22º posto.

Altri settori[modifica | modifica wikitesto]

Parma è anche sede di grosse multinazionali del settore chimico-farmaceutico tra le quali l'inglese GlaxoSmithKline (l'altra sede italiana si trova a Verona) e la Chiesi Farmaceutici S.p.A, un'azienda nata in città nel 1935 e che conta nel mondo 22 filiali dirette, 3 impianti produttivi e quattro centri di ricerca.[92] Rimane importante per il tessuto economico locale la presenza dell'industria vetraria rappresentata dalle sedi delle multinazionali Bormioli Luigi S.p.A (sede a Parma), specializzata nella produzione in vetro di flaconi per profumeria e articoli per la tavola e Bormioli Rocco & Figli S.p.A., fondata a metà dell'Ottocento da Rocco Bormioli. Il Gruppo "Bormioli Rocco & Figli" possiede 9 stabilimenti (uno per il vetro ed uno per gli stampi situati in provincia), 3 atelier di decorazione e 11 outlet. Opera in oltre 100 paesi, con circa 3.000 dipendenti.[93]

Turismo[modifica | modifica wikitesto]

Parma fa parte del circuito "Città dell'arte della pianura padana", un'associazione che riunisce 12 capoluoghi del nord Italia. In città sono presenti 30 alberghi e tre residenze turistico-alberghiere. Dagli inizi dell'anno 2000 ai primi del 2007, le presenze in queste strutture sono aumentate dell'11%, passando da 365.000 a 408.000, il numero di camere è lievitato del 70%, passando da 870 a 1.478, alle quali si aggiungeranno le possibili 700 previste dai progetti di apertura di nuovi alberghi.[94][95] Considerando anche le altre 57 strutture ricettive cittadine, nel 2006 si sono censite globalmente 465 000 presenze delle quali 315 000 provenienti dall'Italia e 150 000 dall'estero, in particolare da Francia, USA, Regno Unito e Germania, nazioni che da sole, hanno totalizzato 65 000 presenze.[96]

Terme[modifica | modifica wikitesto]

In provincia di Parma è ubicato uno dei più noti ed importanti poli termali italiani: Salsomaggiore Terme e Tabiano Terme. Di rilievo è anche il centro termale con acque sulfuree-solfate e salsobromoiodiche di Monticelli Terme, frazione del Comune di Montechiarugolo. Queste terme sono in funzione dal 15 maggio 1927 con la costruzione dello stabilimento termale che si trova in un grande parco secolare di conifere esteso 35 ettari.

Fiere di Parma[modifica | modifica wikitesto]

Il quartiere fieristico è situato a ridosso dell'autostrada A1 a Baganzola, vicino alle frazioni di Roncopascolo ed Eia ed occupa una superficie di 300.000 m², di cui 100.000 adibiti a superficie espositiva coperta e attrezzata. Le principali manifestazioni sono Cibus (salone internazionale dell'alimentare), Cibus Tec (meccanica e impiantistica alimentare), Dolce Italia (dolciario), Mercanteinfiera ed Emporium (modernariato, antichità e collezionismo), Gotha (antiquariato), Bagarre (collezionismo e antichità).

« Cibus ha un compito: continuare a testimoniare, come ha sempre fatto, l'alta qualità della tradizione alimentare italiana nel mondo. »
(Luca Cordero di Montezemolo, presidente di Confindustria, 4 maggio 2006)

Artigianato[modifica | modifica wikitesto]

Per quanto riguarda l'artigianato, Parma è rinomata, oltre al settore agro-alimentare, per la produzione di ceramiche e per i laboratori di abbigliamento, scarpe e borse in pelle.[97]

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Arrows-folder-categorize.svg Le voci sui singoli soggetti sono elencate nella Categoria:Trasporti a Parma

Strade[modifica | modifica wikitesto]

Parma è ben servita sotto il profilo stradale. Sono due le autostrade che si collegano alla città: l'autostrada A1 Milano-Bologna, tramite l'uscita "Parma", e l'autostrada A15 Parma-La Spezia, tramite l'uscita "Parma Ovest".

Le principali vie di accesso sono: la strada statale 9 Via Emilia, che percorre l'intero nucleo urbano da est ad ovest; la strada statale 62 della Cisa a sud; la strada statale 343 Asolana a nord.

Un anello di tangenziali cinge infine l'intera città.

Ferrovie[modifica | modifica wikitesto]

Parma è posta sulla linea ferroviaria Milano-Bologna. Dalla stazione cittadina si diramano le linee per La Spezia, Brescia e Suzzara, quest'ultima di competenza delle Ferrovie Emilia Romagna. Dal dicembre del 2010, l'interconnessione di Parma collega l'impianto ferroviario alla linea ad alta velocità Milano-Bologna.

Aeroporti[modifica | modifica wikitesto]

La città è servita dall'aeroporto "Giuseppe Verdi", aperto al traffico passeggeri nazionale e internazionale.

Mobilità urbana[modifica | modifica wikitesto]

Il trasporto urbano viene gestito dalla TEP - Tranvie Elettriche Parmensi, che fornisce alla città 17 linee diurne, 2 notturne e il servizio pronto bus attivo dalle 20 fino all'una del mattino; è inoltre attiva una rete filoviaria di quattro linee, che sostituì nel 1953 una rete tranviaria attivata nel 1899.

Tranvie[modifica | modifica wikitesto]

Oltre alla rete urbana, Parma fu servita tra il 1892 e il 1954 da un'estesa rete di tranvie interurbane:

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Sindaci di Parma.

L'attuale sindaco è Federico Pizzarotti appartenente al Movimento 5 Stelle, in carica dal 21 maggio 2012.

Consolati[modifica | modifica wikitesto]

A Parma sono presenti i consolati onorari di Francia e Lituania.[98]

Gemellaggi[modifica | modifica wikitesto]

La città è gemellata[99] con:

Ha un patto d'amicizia con[99]:

Scambi internazionali[modifica | modifica wikitesto]

L'Agenzia per l'internazionalizzazione creata dalla Provincia di Parma ha realizzato accordi turistico-commerciali e culturali con le città di Manchester e Stockton nel 1998, Reutlingen nel 2002 e Cluj-Napoca nel 2003.[100]

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Sport a Parma.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Secondo Ireneo Affò i parmigiani elessero a loro patrono Sant'Ilario di Poitiers nel 1266, dopo che la società dei crociati di Parma, insieme a Carlo I d'Angiò, sconfisse il ghibellino Oberto II Pallavicino, che voleva impadronirsi di Parma. Ciò in onore del fatto che Ilario di Poitiers era il santo protettore dell'esercito di Carlo d'Angiò.
  2. ^ a b Statistiche demografiche ISTAT, Istituto nazionale di statistica. URL consultato il 19 gennaio 2016.
  3. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  4. ^ Guglielmo Capacchi, Dizionario Italiano-Parmigiano. Tomo II M-Z, Artegrafica Silva, pp. 895 ss.
  5. ^ Sito Università di Parma
  6. ^ (EN) World's top 20 places for the good life, su telegraph.co.uk. URL consultato il 2 dicembre 2014.
  7. ^ Parma è la regina d'Italia, su Panorama.
  8. ^ Parma città creativa per la gastronomia Unesco, gazzettadiparma.it. URL consultato l'11 dicembre 2015.
  9. ^ Ernest R. Kubasek, The History of Parma . A Township . A Village . A City, Ernest R Kubasek and Bernard Survoy, 1976, p. 58.
  10. ^ La cassa di espansione del torrente Parma (DOC), agenziapo.it, 26 novembre 2005. URL consultato il 29 dicembre 2010.
  11. ^ a b Clima Parma - Medie climatiche, ilmeteo.it. URL consultato il 3 gennaio 2011.
  12. ^ I record termici dell'agosto 2003 in Italia (per non dimenticare), meteolive.it, 19 agosto 2009. URL consultato il 3 gennaio 2011.
  13. ^ Marco Rossi, Giovanni Staiano, E venne il grande gelo: dettagliata cronaca del gennaio 1985, Meteogiornale.it, 29 dicembre 2007. URL consultato il 3 gennaio 2011.
  14. ^ Parma, gennaio 1985, Meteo Parma. URL consultato il 2 gennaio 2011.
  15. ^ Precipitazioni medie, eurometeo.com. URL consultato il 3 gennaio 2011.
  16. ^ Parma: medie climatiche 1961-1990
  17. ^ Zone climatiche italiane, Eurometeo. URL consultato il 2 gennaio 2011.
  18. ^ Massimo Pittau, Parma: città fondata dagli etruschi, pittau.it. URL consultato il 29 dicembre 2010.
  19. ^ Quaderni Parmensi, di Gianfranco Stella (1988).
  20. ^ Aldo Curti, Baldassarre Molossi, Parma anno zero, Parma, STEP, 1982.
  21. ^ Dettagli onorificenza, quirinale.it. URL consultato il 29 dicembre 2010.
  22. ^ Carta del Rischio del Patrimonio Culturale dell'ICR, dati al 2006.
  23. ^ Gianni Capelli, Gli architetti del primo Novecento a Parma, Parma, Battei - Banca del Monte, 1975.
  24. ^ Manifestazioni e iniziative, turismo.parma.it. URL consultato il 18 settembre 2015.
  25. ^ Teatro di tradizione
  26. ^ Dopo il Teatro Olimpico di Andrea Palladio
  27. ^ Teatro Due, cultura.comune.parma.it. URL consultato il 21 maggio 2015.
  28. ^ IL VERDE URBANO (PDF), areeurbane.isprambiente.it. URL consultato il 23 maggio 2015.
  29. ^ ECOSISTEMA URBANO (PDF), legambiente.it. URL consultato il 23 maggio 2015.
  30. ^ L’Assessore Alinovi sulla manutenzione del verde, comune.parma.it. URL consultato il 23 maggio 2015.
  31. ^ Aree verdi attrezzate, informafamiglie.it. URL consultato il 23 maggio 2015.
  32. ^ A spasso con i cani nelle 34 aree non sempre verdi, gazzettadiparma.it. URL consultato il 23 maggio 2015.
  33. ^ La Kyoto Forest anche a Parma, irenemilia.it. URL consultato il 23 maggio 2015.
  34. ^ Un 2014 di piogge ha almeno migliorato l'aria: PM10 in brusco calo, in Regione. Dato così così su Parma, rossoparma.com. URL consultato il 24 maggio 2015.
  35. ^ Pm10: 2014 da dimenticare, il 2015 inizia malissimo, parmaquotidiano.info. URL consultato il 24 maggio 2015.
  36. ^ Parma, raccolta differenziata al 70 per cento. Ma in centro topi e immondizia, ilfattoquotidiano.it. URL consultato il 24 maggio 2015.
  37. ^ Nuova raccolta, molti disagi, gazzettadiparma.it. URL consultato il 24 maggio 2015.
  38. ^ Raccolta differenziata, comune.parma.it. URL consultato il 24 maggio 2015.
  39. ^ Modena prima per piste ciclabili, Parma per aree pedonali, reggionline.com. URL consultato il 24 maggio 2015.
  40. ^ La Mobilità del futuro a Parma (PDF), inu.it. URL consultato il 24 maggio 2015.
  41. ^ Classifica delle città italiane per qualità ambientale, informagiovani-italia.com. URL consultato il 24 maggio 2015.
  42. ^ a b Ecco il bilancio 2011 del Comune di Parma, parmadaily.it, 13 novembre 2010. URL consultato il 4 gennaio 2011.
  43. ^ Reti Medievali Rivista, V - 2004/1.
  44. ^ Censimento disposto da Pier Luigi Farnese nel 1545 e riportato nel libro di Luigi Alfieri Parma la vita e gli amori edizione Battei.
  45. ^ Ufficio Centrale di Statistica, Popolazione presente ed assente per comuni, centri e frazioni di comune. Censimento 31 dicembre 1871, vol. I, Roma Stamperia Reale, 1874 e MAIC.
  46. ^ Direzione Generale della Statistica, Censimento della popolazione del regno d'Italia al 31 dicembre 1881, vol. I, Roma Tipografia Bodoniana, 1883.
  47. ^ a b c Anno 2014 - Bilancio demografico (PDF), statistica.comune.parma.it. URL consultato il 12 giugno 2015.
  48. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  49. ^ Stranieri a Parma - Anno 2013 (PDF), statistica.comune.parma.it. URL consultato il 12 giugno 2015.
  50. ^ Cittadini stranieri Parma 2016, tuttitalia.it. URL consultato il 30 luglio 2016.
  51. ^ Du Tillot al poterE: e Parma divenne l'Atene d'Italia, gazzettadiparma.it. URL consultato il 7 agosto 2015.
  52. ^ Presentiamoci, biblioteche.comune.parma.it. URL consultato il 3 agosto 2015.
  53. ^ Presentiamoci, biblioteche.comune.parma.it. URL consultato il 3 agosto 2015.
  54. ^ Biblioteca Palatina, bibpal.unipr.it. URL consultato il 3 agosto 2015.
  55. ^ Biblioteche, biblioteche.unipr.it. URL consultato il 3 agosto 2015.
  56. ^ Chiusura per trasloco, csmovimenti.org. URL consultato il 2 ottobre 2015.
  57. ^ Mappa, liceoromagnosi.org. URL consultato il 4 agosto 2015.
  58. ^ Dove siamo, liceoartisticotoschi.gov.it. URL consultato il 4 agosto 2015.
  59. ^ Dove siamo, scuolaperleuropa.eu. URL consultato il 2 ottobre 2015.
  60. ^ Matematica: l'Università di Parma fra le migliori 150 al mondo, unipr.it. URL consultato l'11 giugno 2015.
  61. ^ Chi siamo, europeancollege.it. URL consultato il 4 agosto 2015.
  62. ^ Massimo Emanuelli, Radio Parma, storiaradiotv.it. URL consultato il 4 gennaio 2011.
  63. ^ Dati diffusi da Accertamenti Diffusione Stampa, media mobile 12 mesi da marzo 2008 a aprile 2009, fotografi.org. URL consultato il 5 febbraio 2011.
  64. ^ Dati Audipress 2010/II (XLS), Audipress. URL consultato il 5 febbraio 2011.
  65. ^ Il Mese Parma, ilmese.it. URL consultato il 5 agosto 2015.
  66. ^ Aurea Parma, aureaparma.it. URL consultato il 5 agosto 2015.
  67. ^ Parma economica, pr.camcom.it. URL consultato il 5 agosto 2015.
  68. ^ Fondazione senza soldi - Muore la "capitale della musica", parma.repubblica.it. URL consultato il 6 agosto 2015.
  69. ^ Fondazione Teatro Regio di Parma, teatroregioparma.it. URL consultato il 6 agosto 2015.
  70. ^ Istituzione Casa della Musica di Parma, lacasadellamusica.it. URL consultato il 6 agosto 2015.
  71. ^ Casa del Suono, casadelsuono.it. URL consultato il 6 agosto 2015.
  72. ^ Storia, conservatorio.pr.it. URL consultato il 6 agosto 2015.
  73. ^ Auditorium Paganini, teatroregioparma.org. URL consultato il 6 agosto 2015.
  74. ^ Orchestra Regionale dell'Emilia Romagna, fondazionetoscanini.it. URL consultato il 6 agosto 2015.
  75. ^ L'Orchestra, fiatidiparma.com. URL consultato il 6 agosto 2015.
  76. ^ Orchestra dell'Opera Italiana, orchestraoperaitaliana.it. URL consultato il 6 agosto 2015.
  77. ^ L'orchestra del Teatro Regio di Parma fatta fuori dal Festival Verdi dal sindaco Pizzarotti, 24emilia.com. URL consultato il 6 agosto 2015.
  78. ^ Il Coro Voci di Parma, vocidiparma.it. URL consultato l'8 agosto 2015.
  79. ^ Corale Giuseppe Verdi di Parma, giuseppeverdi.it. URL consultato il 7 agosto 2015.
  80. ^ Corpo bandistico Giuseppe Verdi - Parma, bandaverdiparma.it. URL consultato il 6 agosto 2015.
  81. ^ Festival Verdi, teatroregioparma.org. URL consultato il 1 agosto 2015.
  82. ^ Eventi, cultura.comune.parma.it. URL consultato il 1 agosto 2015.
  83. ^ Festival dell'architettura, festivalarchitettura.it. URL consultato il 1 agosto 2015.
  84. ^ Palio di Parma, paliodiparma.it. URL consultato il 1 agosto 2015.
  85. ^ I Quartieri, comune.parma.it. URL consultato il 1 ottobre 2015.
  86. ^ Antonio Saltini, La parabola del polo agroalimentare di Trapani nel confronto con Parma. Tra terra e mare la capitale del commercio alimentare, Bologna, Avenue media, 1995.
  87. ^ Studio condotto nel dicembre 2004 dalla Fondazione Qualivita di Siena per conto del Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali.
  88. ^ Dati del rapporto sull'economia della provincia di Parma nel 2007, studio presentato il 9 maggio 2008, dalla Camera di commercio di Parma in collaborazione con Unioncamere Emilia-Romagna.
  89. ^ Dati del “Rapporto sul mercato del lavoro 2007” realizzato dall'Osservatorio sul Mercato del Lavoro della Provincia di Parma (Oml).
  90. ^ Fonte ISTAT 2007.
  91. ^ Classifica del Reputation Institute. (PDF), Largoconsumo. URL consultato il 4 gennaio 2011.
  92. ^ Il gruppo Chiesi, chiesigroup.com. URL consultato il 4 gennaio 2011.
  93. ^ Il Gruppo Bormioli Rocco, bormioliroccocasa.com. URL consultato il 5 febbraio 2011.
  94. ^ Federalberghi fonte giornalistica del 30 marzo 2008.
  95. ^ Istituto Nazionale di Statistica Rilevazione del Movimento dei Clienti negli Esercizi Ricettivi Circoscrizione (capoluogo, APT o AASCT, Altri comuni) Parma Sezione 1.
  96. ^ Istituto Nazionale di Statistica Rilevazione del Movimento dei Clienti negli Esercizi Ricettivi 2006 Circoscrizione (capoluogo, APT o AASCT, Altri comuni) Parma Sezione 1.
  97. ^ Atlante cartografico dell'artigianato, vol. 2, Roma, A.C.I., 1985, p. 4,6.
  98. ^ Ambasciata e Consolati lituani, click-lithuania.com. URL consultato il 4 gennaio 2011.
  99. ^ a b Portale Istituzionale del Comune di Parma - Comune - Gemellaggi, comune.parma.it. URL consultato il 16 novembre 2015.
  100. ^ Cooperazione fra Provincia di Parma e Provincia rumena di Cluj, notizie.parma.it, 17 novembre 2004. URL consultato il 16 luglio 2010.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Ireneo Affò, Storia della città di Parma, Parma, Stamperia Carmignani, 1792.
  • Giuseppe Vallardi, Itinerario d'Italia o sia: Descrizione di CXXXVI viaggi per le strade più frequentate sì per posta che altrimenti alle principali Città d'Italia, 22ª ed., Milano, Vallardi, 1835 [1815].
  • Antonino Sorrentino, La Regia Galleria di Parma, Roma, IPZS, 1931.
  • Géza de Francovich, Benedetto Antelami architetto e scultore e l'arte del suo tempo, Milano-Firenze, Electa, 1952.
  • Gianni Capelli, Parma. Una città da vedere, Collecchio, Artegrafica Silva, 1972.
  • Vincenzo Banzola, Mirella Marini Calvani (a cura di), Parma, la città storica, Parma, Silva, 1978.
  • Marzio Dall'Acqua, Marzio Lucchesi, Parma città d'oro, Parma, Albertelli, 1979.
  • Paolo Conforti, Carlo Castagneti, Olga Hainess, Ezio Pellegrini, Le mura di Parma, Parma, Battei, 1979-80.
  • Baldassarre Molossi, Aldo Curti, Parma anno zero, Parma, Grafiche Step, 1982.
  • Tiziano Marcheselli, Le strade di Parma, Parma, Benedettina, 1988.
  • Jürgen Schulz, Gli edifici di Parma nell'età comunale, Parma, Tecnografica, 1988 [1982].
  • Roberto Greci, Parma medievale: economia e società nel parmense dal Tre al Quattrocento, Parma, Battei, 1992 [1978].
  • Cecil Gould, Il Parmigianino, Milano, Mondadori, 1994, ISBN 88-04-38916-8.
  • Eberhard Horst, Federico II di Svevia, Milano, Rizzoli, 1994 [1977], ISBN 88-17-11621-1.
  • Gustavo Marchesi, Storia di Parma, Roma, Newton Compton, 1994, ISBN 88-7983-672-2.
  • Lucia Fornari Schianchi, Il Palazzo della Pilotta a Parma. Dai servizi della corte alle moderne istituzioni culturali, Milano, Franco Maria Ricci, 1996.
  • Mario Zannoni, Parma 1943, 8 settembre, Parma, PPS, 1997.
  • Giancarlo Gonizzi (a cura di), I luoghi della storia. Atlante topografico parmigiano, Parma, PPS, 2000-02.
  • Laura Quagliolo (a cura di), Emilia Romagna: Bologna, le città d'arte, il Po e la Riviera adriatica, la pianura e l'Appennino, Milano, Touring, 2001, ISBN 88-365-2346-3.
  • Gianni Guadalupi, Marzio Dall'Acqua, Francesca Grignaffini, Parma, Milano, Franco Maria Ricci, 2002, ISBN 88-216-0670-8.
  • Margherita Becchetti, Il teatro del conflitto. La Compagnia del Collettivo di Parma nella stagione dei movimenti. 1968-1976, Roma, Odradek, 2003, ISBN 88-86973-52-7.
  • Antonio Saltini, Maria Teresa Salomoni, Stefano Rossi Cescati, Via Emilia: percorsi inconsueti fra i comuni dell'antica strada consolare, Bologna-Milano, Il Sole 24 ORE-Edagricole, 2003, ISBN 88-506-4958-4.
  • Parma. Città d'arte, Bologna, OGB, 2006, ISBN 88-6078-044-6.
  • Cristina Lucchini, Palazzi di Parma. Segrete architetture, Parma, Battei, 2006 [1999], ISBN 88-7883-019-4.
  • Tiziano Marcheselli, Parma di una volta, Parma, Grafiche Step, 2006, ISBN 88-7898-043-9.
  • Le osterie parmigiane da ieri a oggi, Monte Università Parma, 2007, ISBN 88-7847-144-5.
  • Paolo Conforti, Giuseppe Rizzardi Polini, Parma tra neoclassico e romantico, Sala Baganza, Tipolitotecnica, 2007, ISBN 88-901185-0-4.
  • Gustavo Marchesi, Toscanini e Parma, a cura di Guido Conti, Monte Università Parma, 2007, ISBN 88-7847-118-6.
  • William Gambetta, E le pietre presero un'anima. Le barricate del 1922, in Roberto Montali (a cura di), Le due città. Parma dal dopoguerra al fascismo (1919-1926), Parma, Silva, 2008, pp. 73-89, ISBN 88-7765-158-X.
  • Domenico Vera, Bruno Adorni et al. (a cura di), Storia di Parma, Monte Università Parma, 2009-13, ISBN 88-7847-293-X.
  • Fiorenzo Sicuri, Roberto Montali (a cura di), Storia di ieri : Parma dal regime fascista alla Liberazione, 1927-1945, Reggio Emilia, Diabasis, 2011, ISBN 88-8103-760-2.
  • Fiorenzo Sicuri, Gli anni del littorio, il regime fascista a Parma dalle leggi eccezionali alla guerra d'Etiopia, Edizioni Mattioli 1885, 2014

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità LCCN: (ENn79021799 · GND: (DE4115856-8 · BNF: (FRcb11945625w (data)
Parma Portale Parma: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Parma