Noceto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Noceto (disambigua).
Noceto
comune
Noceto – Stemma Noceto – Bandiera
Rocca dei Sanvitale
Rocca dei Sanvitale
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Emilia-Romagna-Stemma.svg Emilia-Romagna
Provincia Provincia di Parma-Stemma.png Parma
Amministrazione
Sindaco Fabio Fecci (lista civica Liberi e uniti per il paese) dal 26/05/2014
Territorio
Coordinate 44°49′N 10°11′E / 44.816667°N 10.183333°E44.816667; 10.183333 (Noceto)Coordinate: 44°49′N 10°11′E / 44.816667°N 10.183333°E44.816667; 10.183333 (Noceto)
Altitudine 74 m s.l.m.
Superficie 79,17 km²
Abitanti 12 999[1] (31-12-2014)
Densità 164,19 ab./km²
Frazioni Borghetto, Castelguelfo, Cella, Costamezzana, Ponte Taro, Sanguinaro.
Comuni confinanti Collecchio, Fidenza, Fontanellato, Fontevivo, Medesano, Parma
Altre informazioni
Cod. postale 43015
Prefisso 0521
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 034025
Cod. catastale F914
Targa PR
Cl. sismica zona 3 (sismicità bassa)
Nome abitanti nocetani
Patrono san Martino
Giorno festivo 11 novembre
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Noceto
Noceto
Posizione del comune di Noceto nella provincia di Parma
Posizione del comune di Noceto nella provincia di Parma
Sito istituzionale

Noceto (Nozèi in dialetto parmigiano[2]) è un comune italiano di 12.999 abitanti della provincia di Parma.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Preistoria[modifica | modifica wikitesto]

Il territorio di Noceto fu abitato già in epoca preistorica quando il ritiro delle acque permise i primi insediamenti, tuttavia la principale civiltà fu quella delle terramare che costruì villaggi organizzati. Durante questo periodo le popolazioni si affidarono al fiume Taro come importante corridoio fra l'Emilia ed il Tirreno successivamente, durante l'Età del ferro il passaggio fu utilizzato dai Liguri per insediarsi nelle foreste dell'Appennino.

Epoca romana e Medioevo[modifica | modifica wikitesto]

L'area fu occupata dai romani presumibilmente nello stesso periodo dell'occupazione di Parma nel 183 a.C. mentre la prima testimonianza di Noceto come comunità si ha nell'835 quando la regina Cunegonda moglie del re longobardo Bernardo donò i beni del paese alle Monache benedettine del monastero di Sant'Alessandro questo fino al 1077 quando Noceto diventò possedimento degli Este che ebbero l'arduo compito di difendere il paese dalla crescente espansione della famiglia Pallavicino e fu durante questo periodo che Noceto si trasformò in una città fortificata. Negli anni successivi si susseguirono lotte per il dominio del paese fino al 1266 quando il paese fu attaccato pesantemente dai Guelfi.

Età moderna[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1345 Noceto passò in mano ai Sanvitale fino al 1416 quando vi fu un continuo susseguirsi di signorie governanti, solo la famiglia Rossi, nel 1447, riuscì a strappare il predominio di Noceto ai Pallavicino. Nel 1481 i Rossi rafforzarono la rocca per poter resistere ad un'imminente invasione degli Sforza chiamati in aiuto dai Sanvitale, questi assediarono Noceto il 26 aprile dell'anno successivo costringendo alla resa Pier Maria II de' Rossi che, dopo una strenua resistenza, rimase senza alleati e fu così costretto a cedere nuovamente il paese ai Sanvitale. Con la creazione del Ducato di Parma e Piacenza nel 1545 Paolo III affidò le terre del parmense a suo figlio Pier Luigi che tuttavia vide i propri domini minacciati dai Gonzaga, solo grazie ad un nuovo intervento del papa che strinse un accordo con il re di Francia si pose fine alle battaglie e alle conseguenze che portarono nelle terre parmensi. Nel 1574 Ottavio Farnese affidò a Luigi Sanvitale i territori di Noceto e Fontanellato confermando ancora il domino della famiglia Sanvitale. Nella primavera del 1611 fu arrestato Alfonso Sanvitale, conte di Fontanellato e Onofrio Martani, quest'ultimo sotto tortura rivelò una possibile congiura ai danni del duca di Parma Ranuccio Farnese, l'anno successivo furono arrestati membri della famiglia di Alfonso e condannati a morte e i territori del parmense, compreso Noceto, vennero quindi ceduti in parte ai marchesi Dalla Rosa e in parte rimase ai Sanvitale. Con il passaggio del ducato di Parma in mano ai Borbone in seguito alla morte senza eredi di Antonio Farnese il territorio vide un periodo di prosperità, si costruirono le prime reti di canali e il paese perse lentamente la sua funzione di fortezza militare e, in un'atmosfera tipica dell'età moderna e non più medievale, nel 1795 nacque il comune di Noceto.

Il periodo napoleonico e l'Unità[modifica | modifica wikitesto]

Con l'occupazione francese il ducato venne affidato dapprima a Moreau de Saint Mery che lo rimodellò secondo le leggi francesi e successivamente, una volta annesso alla Francia come dipartimento da Jean-Jacques Régis de Cambacérès come duca di Parma nominato da Napoleone. Il ducato verrà ripristinato in seguito al Congresso di Vienna e ceduto alla moglie di Napoleone Maria Luigia che governò il ducato fino al ritorno degli ultimi Borbone e dell'annessione alle Province Unite del Centro Italia sotto il comando di Luigi Carlo Farini e della successiva annessione al Regno di Sardegna tramite plebiscito nel 1860. Con l'annessione al neonato Regno d'Italia fu ripristinato il consiglio comunale e la nomina a sindaco.[3]

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

Chiesa di San Martino[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Chiesa di San Martino (Noceto).

Ai margini del centro storico si erge la neoclassica chiesa di San Martino, edificata tra il 1692 e il 1754 sul luogo dell'originaria pieve risalente all'XI o XII secolo; modificata nel 1875 con l'elevazione della nuova facciata e tra il 1885 e il 1890 con la costruzione delle due navate laterali affiancate da cinque cappelle per parte, fu ornata internamente nel 1905 una prima volta e nuovamente decorata dopo il 1950 dai fratelli Furlotti; il luogo di culto conserva alcune opere di pregio, tra cui la pala d'altare raffigurante San Martino a cavallo, dipinta da Francesco Scaramuzza nel 1832.[4]

Chiesa dei Santi Simone e Giuda[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Chiesa dei Santi Simone e Giuda (Noceto).

Nella frazione di Sanguinaro, anch'essa posta lungo la via Emilia, sorge l'antica chiesa dei Santi Simone e Giuda, innalzata nell'XI secolo, ma modificata dai cavalieri Ospitalieri nel XV secolo e nuovamente nel 1578; abbandonata dai melitensi nel 1798, fu alienata a privati nel 1864 e ristrutturata tra il 1910 e il 1915, con la costruzione della nuova facciata con portico e della canonica annessa; dell'edificio originario si conservano intatte la zona absidale, decorata internamente con affreschi tardogotici, e la cripta, suddivisa in tre navate sviluppate su cinque campate oltre al transetto e ai tre absidi.[5]

Architetture militari[modifica | modifica wikitesto]

Rocca dei Sanvitale[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Rocca dei Sanvitale (Noceto).

Nella centralissima piazza Garibaldi si erge la Rocca dei Sanvitale, piccola fortezza innalzata probabilmente all'inizio del XIII secolo dalla famiglia Pallavicino; entrata nel 1345 in possesso dei Sanvitale, fu abbattuta e ricostruita più volte, fino al 1447, quando fu conquistata da Pier Maria II de' Rossi, che nel 1481 la fece fortificare conferendole la veste attuale in vista della guerra dei Rossi, durante la quale il castello fu danneggiato da colpi di bombarda; rientrata nelle mani dei Sanvitale, la fortezza fu confiscata nel 1805 e alienata a privati; nel 1938 fu acquistata dal Comune di Noceto, che dopo vari utilizzi la ristrutturò nel 1998, per trasformarla nel 2005 nel "Castello della Musica", sede del museo della Liuteria e del museo del Disco; all'interno delle mura della rocca è presente inoltre un giardino pensile.[6]

Castello di Castelguelfo[modifica | modifica wikitesto]

Castello di Castelguelfo
Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Castello di Castelguelfo.

Nell'abitato di Castelguelfo, lungo la via Emilia, sorge inoltre il notevole castello omonimo, costruito prima del XIII secolo; la fortezza appartenne a partire dal 1212 ai Fieschi, ma fu conquistata nel 1312 dai Rossi e l'anno seguente da Giberto III da Correggio, che la fecero abbattere; espugnata nel 1397 da Gian Galeazzo Visconti, fu affidata ai Pallavicino, che la ricostruirono; assoggettata da Ottobuono de' Terzi, passò poi a Alberto Scotti, a Niccolò III d'Este, ai Sanvitale per ritornare nuovamente a Rolando il Magnifico; nel secolo seguente fu incamerata dal Comune di Parma, indi pervenne ai duchi Farnese, che, trasformatala in residenza nobiliare, la assegnarono infine agli Scotti di Vigoleno; il maniero passò di mano molte altre volte e nel 1916 fu completamente ristrutturato dall'armatore Fasce, che apportò varie modifiche; oggi il grande castello e tutti gli edifici annessi appartengono alla famiglia Rovagnati.[7]

Castello di Costamezzana[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Castello di Costamezzana.

A sud del piccolo centro di Costamezzana, si erge l'omonimo castello, edificato probabilmente nell'XI secolo dalla nobile famiglia dei Tavernieri; assegnato nel 1249 ai Pallavicino, fu successivamente espugnato prima dai Da Cornazzano e poi dai guelfi parmigiani; riconquistato nel 1374 dai Pallavicino, fu completamente ricostruito entro il 1395; nel 1403 il possente edificio fu distrutto dai Rossi, ma rimase, salvo una parentesi di alcuni anni, nelle mani dei Pallavicino fino al 1600, quando fu ceduto al Comune di Parma; il feudo, elevato a marchesato nel 1706, fu assegnato dal duca Francesco Farnese a Benedetto Mischi, i cui eredi lo alienarono alla fine del XIX secolo alla famiglia Barbieri; della maestosa fortezza tardo-medievale oggi rimangono soltanto l'alto mastio, alcuni edifici tra cui l'antica chiesa medievale di San Pietro Apostolo, una torre rotonda e alcune mura a sostegno del terrapieno.[8]

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[9]

Etnie e minoranze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Secondo i dati ISTAT, nel 2013 il totale dei residenti stranieri erano 1.501 (11.5%) mentre le principali etnie straniere provenivano da:

  1. Albania, 245
  2. Marocco, 232
  3. Romania, 198
  4. Moldavia, 161
  5. India, 130
  6. Tunisia, 85
  7. Costa d'Avorio, 71
  8. Senegal, 45
  9. Ucraina, 40
  10. Repubblica Dominicana, 24

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Il Nocino

Il Nocino[modifica | modifica wikitesto]

Uno dei prodotti tipici di Noceto è il Nocino, un liquore ricavato dalle noci. Una delle fonti pìu sicure circa le sue origini si hanno con la famiglia Cotti che risiedevano a Noceto da oltre 400 anni, producendo e tramandando la ricetta[10]. Secondo la leggenda invece, la ricetta del liquore, di origine celtica, fu importata dalle Gallie dai romani. Una versione alternativa racconta di come gli stessi celti, che dimoravano nel nord Italia, diffusero il prodotto attraverso la coltura delle noci che dovevano essere raccolte all'alba del solstizio d'estate da una vergine a piedi nudi[11]. Al giorno d'oggi il Nocino è considerato un prodotto tradizionale tipico dell'Emilia.

Settimana della creatività[modifica | modifica wikitesto]

Dopo il decesso di un bambino, che a seguito della visione di un'impiccagione in TV ha voluto imitare il gesto, la comunità ha deciso di spegnere volontariamente la televisione per un periodo dell'anno. Questa idea, sorta sull'onda emotiva del grave fatto, si è con il tempo trasformata in un progetto educativo, la Settimana della creatività, in cui viene proposta ai bambini e ai ragazzi del paese un'alternativa all'intrattenimento televisivo, cercando di renderli protagonisti e non spettatori[12].

Persone legate a Noceto[modifica | modifica wikitesto]

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

I servizi, comprendono l'asilo nido e la scuola materna comunale. L'Istituto comprensivo "Biagio Pelacani", dotato della scuola elementare e della scuola media. I servizi sociali, hanno in dotazione, la casa di riposo "Villa Pavesi-Borsi", con annesso centro diurno per gli anziani. Per i disabili, esiste un apposito centro diurno, denominato il Giardino.

Di seguito è presentata una tabella relativa alle amministrazioni che si sono succedute in questo comune.

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
1946 1951 Luigi Barocelli Sindaco [13]
1951 1956 Pietro Furlotti Sindaco [13]
1956 1959 Dante Francario Sindaco [13]
1959 1963 Carlo Furlotti Sindaco [13]
1963 1965 Armando Sesenna Sindaco [13]
1965 1975 Gian Paolo Milli Sindaco [13]
1975 1983 Camillo Paini Sindaco [13]
1984 1987 Michele Tambini Sindaco [13]
9 luglio 1987 30 luglio 1990 Francesco Barocelli Partito Socialista Italiano Sindaco [13]
6 agosto 1990 24 ottobre 1992 Francesco Barocelli Partito Socialista Italiano Sindaco [13]
24 ottobre 1992 24 aprile 1995 Paolo Paglia Democrazia Cristiana Sindaco [13]
24 aprile 1995 14 giugno 1999 Paolo Paglia coalizione di centro-destra: Centro Cristiano Democratico, Forza Italia, Alleanza Nazionale Sindaco [13]
14 giugno 1999 14 giugno 2004 Fabio Fecci lista civica di centro-destra: sostenuta da Forza Italia e Centro Cristiano Democratico Sindaco [13]
14 giugno 2004 8 giugno 2009 Fabio Fecci lista civica di centro-destra: sostenuta da Forza Italia-PdL e Lega Nord Sindaco [13]
8 giugno 2009 14 giugno 2014 Giuseppe Pellegrini lista civica Sindaco [13]
26 maggio 2014 in carica Fabio Fecci lista civica di centro: Liberi e uniti per il paese: sostenuta da FI-Unione di Centro Sindaco [13]

Gemellaggi[modifica | modifica wikitesto]

Noceto è gemellata con:

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Noceto è posta lungo la Strada statale 357 di Fornovo, servita da autocorse in servizio pubblico svolte dalla società TEP.

Fra il 1908 e il 1937 tale servizio pubblico di collegamento con Parma era svolto dalla Tranvia Fornace Bizzi-Medesano esercita con tram a vapore[14].

La stazione di Noceto, posta sulla linea Fidenza-Fornovo, risulta priva di traffico viaggiatori a partire dal 2013.

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Calcio[modifica | modifica wikitesto]

La principale squadra di calcio della città è S.S.D. Crociati Noceto S.r.l., che ha militato in Lega Pro Seconda Divisione per la prima volta nella sua storia dal 2009 al 2011 e che attualmente milita nel girone A dell'Eccellenza Emilia-Romagna.

L'altra squadra di calcio della città è l'A.S.D. Noceto che milita nel girone B emiliano-romagnolo di 1ª Categoria. È nata nel 2008.

Rugby[modifica | modifica wikitesto]

Noceto vanta una forte tradizione rugbistica, risalente al 1971, anno di fondazione del Rugby Noceto. A lungo impegnato ai massimi livelli del rugby nazionale, il club milita attualmente in Serie B. Dopo aver partecipato alla creazione del GrAN Parma, oggi costituisce un importante serbatoio per i Crociati Rugby e per le Zebre Rugby.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.
  2. ^ Guglielmo Capacchi, Dizionario Italiano-Parmigiano. Tomo II M-Z, Artegrafica Silva, pp. 895ss.
  3. ^ comune.noceto.pr.it
  4. ^ Chiesa Parrocchiale di San Martino, comune.noceto.pr.it. URL consultato il 10 luglio 2016.
  5. ^ Chiesa dei SS. Simone e Giuda a Sanguinaro di Noceto, romanico-emiliaromagna.com. URL consultato il 30 aprile 2016.
  6. ^ "La Rocca" o Castello della Musica, preboggion.it. URL consultato il 30 aprile 2016.
  7. ^ I castelli parmensi ad ovest del Taro (PDF), storiadiparma.it. URL consultato il 5 maggio 2016.
  8. ^ Costamezzana, web.tiscali.it. URL consultato il 7 maggio 2016.
  9. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  10. ^ gustoblog.it
  11. ^ luoghimisteriosi.it
  12. ^ Nel paese che ha spento la tv "Così salviamo i nostri bambini" - cronaca - Repubblica.it
  13. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p http://amministratori.interno.it/
  14. ^ Francesco Ogliari e Franco Sapi, Ritmi di ruote. Storia dei trasporti italiani volume 10°. Emilia-Romagna, a cura degli autori, Milano, 1969.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN237038594 · GND: (DE7555996-1
Parma Portale Parma: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Parma