Giuseppe Carraro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Giuseppe Carraro
vescovo della Chiesa cattolica
BishopCoA PioM.svg
Vince in bono
 
Incarichi ricopertiVescovo ausiliare di Treviso
Vescovo di Vittorio Veneto
Vescovo di Verona
 
Nato26 giugno 1899 a Mira
Ordinato presbitero31 marzo 1923 dall'arcivescovo Andrea Giacinto Longhin, O.F.M.Cap.
Consacrato vescovo1º novembre 1952 dal vescovo Antonio Mantiero
Deceduto30 dicembre 1980 (81 anni) a Verona
 

Giuseppe Carraro (Mira, 26 giugno 1899Verona, 30 dicembre 1980) è stato un vescovo cattolico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Mira Porte, che allora apparteneva al territorio della diocesi di Treviso, il 26 giugno 1899, venne ordinato sacerdote il 31 marzo 1923 dall'arcivescovo Andrea Giacinto Longhin, O.F.M.Cap., oggi beato. Nel 1944 divenne rettore del seminario diocesano.

Il 29 settembre 1952 venne nominato vescovo ausiliare di Treviso, e al contempo gli venne assegnata la sede titolare di Usula. Ricevette l'ordinazione episcopale il 1º novembre 1952 per l'imposizione delle mani del vescovo Antonio Mantiero (co-consacranti i vescovi Girolamo Bartolomeo Bortignon, O.F.M.Cap., e Gioacchino Muccin).

Il 9 aprile 1956 venne nominato vescovo di Vittorio Veneto.

Il 15 dicembre 1958 divenne vescovo di Verona, carica che mantenne per vent'anni. Si dimise infatti per raggiunti limiti di età il 19 maggio 1978, due anni prima della morte, avvenuta il 30 dicembre 1980.

In qualità di vescovo di Verona prese parte alle sedute del Concilio Vaticano II.

Processo di beatificazione[modifica | modifica wikitesto]

Nel dicembre 2005 l'allora vescovo di Verona Flavio Roberto Carraro, O.F.M.Cap., ne ha aperto il processo di beatificazione. Ha assunto quindi il titolo di Servo di Dio.

Il 16 luglio 2015 papa Francesco, ricevendo in udienza privata il cardinale Angelo Amato, S.D.B., prefetto della Congregazione per le cause dei santi, ha autorizzato la Congregazione a pubblicare il decreto riguardante le sue virtù eroiche[1].

Genealogia episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Successione apostolica[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN88708975 · ISNI (EN0000 0000 6243 3494