Giulio Maria della Somaglia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Giulio Maria della Somaglia
cardinale di Santa Romana Chiesa
Giulio Maria della Somaglia.JPG
Ritratto del cardinale della Somaglia di Gaspare Landi
Template-Cardinal.svg
 
Incarichi ricoperti
 
Nato29 luglio 1744 a Piacenza
Ordinato presbitero2 giugno 1787
Nominato patriarca15 dicembre 1788 da papa Pio VI
Consacrato patriarca21 dicembre 1788 dal cardinale Giacinto Sigismondo Gerdil, B.
Creato cardinale1º giugno 1795 da papa Pio VI
Deceduto2 aprile 1830 (85 anni) a Roma
 

Giulio Maria Cavazzi della Somaglia (Piacenza, 29 luglio 1744Roma, 2 aprile 1830) è stato un cardinale italiano, cardinale segretario di Stato con papa Leone XII dal 1824 al 1828.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nacque a Piacenza il 29 luglio 1744 dalla nobile famiglia Cavazzi della Somaglia, era figlio di Carlo Orazio e di sua moglie, Marianna Fenaroli.

Dopo i suoi studi a Roma ottenne il dottorato nel 1773 in utroque iure e fu nominato da papa Clemente XIV prelato della casa pontificia. Il Papa lo nominò segretario della congregazione per i riti e lo trasferì, in seguito, nel febbraio 1787 alla Congregazione per i Vescovi.

Fu ordinato presbitero il 2 giugno 1787. Già l'anno successivo il 15 dicembre 1788 fu nominato patriarca titolare di Antiochia. Fu presto promosso vicario generale per Roma e prefetto della Congregazione per i vescovi.

Papa Pio VI lo elevò al rango di cardinale nel concistoro del 1º giugno 1795 con il titolo di Santa Sabina. Nel 1798 fu promosso arciprete della Basilica patriarcale di San Giovanni in Laterano e nel 1800 quale prefetto della Congregazione per i riti. Il 20 luglio 1801 ricevette il titolo di Santa Maria sopra Minerva.

Nel frattempo, dopo il ritorno del Papa dalla prigionia francese, fu nominato, nel restaurato Stato della Chiesa, segretario della Congregazione per la dottrina della fede.

Negli anni successivi fu poi nominato cardinale vescovo prima con il titolo di Frascati (26 settembre 1814), poi di San Lorenzo in Damaso (2 ottobre 1818), di Porto e Santa Rufina (21 dicembre 1818) e, infine, di Ostia (29 maggio 1820).

Malgrado fosse già ottantenne, fu nominato Cardinale Segretario di Stato da papa Leone XII in sostituzione dell'espertissimo Ercole Consalvi, dei cui consigli il Cavazzi della Somaglia avrebbe tuttavia continuato ad avvalersi se il predecessore - nel frattempo nominato prefetto di Propaganda fide - non fosse morto il 24 gennaio 1824. Al conclave del 1823 fu il candidato della Francia e dell'Impero austriaco, ottenendo dodici voti[1].

Morì il 2 aprile 1830 all'età di 85 anni poco più di un anno dopo la morte del - di lui ben più giovane - papa Leone XII.

Genealogia episcopale e successione apostolica[modifica | modifica wikitesto]

La genealogia episcopale è:

La successione apostolica è:

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere dell'Ordine supremo della Santissima Annunziata (Regno di Sardegna) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine supremo della Santissima Annunziata (Regno di Sardegna)
— 1828
Cavaliere di gran croce dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro (Regno di Sardegna) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di gran croce dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro (Regno di Sardegna)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Walter Brandmüller e Egon Johannes Greipl (a cura di), Copernico, Galilei e la Chiesa: fine della controversia (1820). Gli atti del Sant’Uffizio, Firenze : L. S. Olschki, 1992, p. 53.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Segretario della Congregazione per le Indulgenze e le Sacre Reliquie Successore Emblem Holy See.svg
Stefano Borgia 25 marzo 1775 - 1º luglio 1784 Giovanni Battista Bussi
Predecessore Segretario della Congregazione dei Riti Successore Emblem Holy See.svg
Muzio Gallo 1º luglio 1784 - 1º gennaio 1787 Giulio Carpegna
Predecessore Segretario della Congregazione dei Vescovi e Regolari Successore Emblem Holy See.svg
Bernardino Honorati 1º gennaio 1787 - 1º giugno 1795 Giuseppe Firrao il Giovane
Predecessore Patriarca titolare di Antiochia Successore PatriarchNonCardinal PioM.svg
Carlo Camuzi 15 dicembre 1788 - 1º giugno 1795 Giovanni Francesco Guidi di Bagno-Talenti
Predecessore Cardinale presbitero di Santa Sabina Successore CardinalCoA PioM.svg
Leonardo Antonelli 22 settembre 1795 - 20 luglio 1801 Johann Casimir von Häffelin
Predecessore Vicario generale di Sua Santità per la Diocesi di Roma Successore Berretta cardinalizia.png
Andrea Corsini 22 settembre 1795 - 18 settembre 1818 Lorenzo Litta
Predecessore Prefetto della Congregazione per la Residenza dei Vescovi Successore Emblem Holy See.svg
Andrea Corsini 22 settembre 1795 - 18 settembre 1818 Lorenzo Litta
Predecessore Camerlengo del Collegio Cardinalizio Successore Emblem Holy See.svg
Aurelio Roverella 24 luglio 1797 - 29 gennaio 1798 Vincenzo Maria Altieri I
Vincenzo Maria Altieri 1º dicembre 1799 - 23 febbraio 1801 Diego Innico Caracciolo di Martina II
Predecessore Prefetto della Congregazione dei Riti Successore Emblem Holy See.svg
Giovanni Archinto 30 ottobre 1800 - 2 aprile 1830 Carlo Maria Pedicini
Predecessore Cardinale presbitero di Santa Maria sopra Minerva Successore CardinalCoA PioM.svg
Vincenzo Ranuzzi 20 luglio 1801 - 26 settembre 1814 Francesco Fontana, B.
Predecessore Arciprete della Basilica di San Giovanni in Laterano Successore Roma Basilica S Giovanni.jpg
Leonardo Antonelli 23 gennaio 1811 - 2 aprile 1830 Bartolomeo Pacca
Predecessore Segretario della Congregazione della Romana e Universale Inquisizione Successore Emblem Holy See.svg
Leonardo Antonelli 20 maggio 1814 - 2 aprile 1830 Bartolomeo Pacca
Predecessore Cardinale vescovo di Frascati Successore CardinalCoA PioM.svg
Giuseppe Maria Doria Pamphilj 26 settembre 1814 - 21 dicembre 1818 Bartolomeo Pacca
Predecessore Vice-Cancelliere di Santa Romana Chiesa Successore Emblem Holy See.svg
Francesco Carafa della Spina di Traetto 2 ottobre 1818 - 2 aprile 1830 Tommaso Arezzo
Predecessore Cardinale presbitero di San Lorenzo in Damaso
(Titolo presbiterale in commendam)
Successore CardinalCoA PioM.svg
Francesco Carafa della Spina di Traetto 2 ottobre 1818 - 2 aprile 1830 Tommaso Arezzo
Predecessore Cardinale vescovo di Porto e Santa Rufina Successore CardinalCoA PioM.svg
Antonio Dugnani 21 dicembre 1818 - 29 maggio 1820 Michele Di Pietro
Predecessore Sottodecano del Collegio Cardinalizio Successore Pavillon pontifical.png
Antonio Dugnani 21 dicembre 1818 - 29 maggio 1820 Michele Di Pietro
Predecessore Decano del Collegio Cardinalizio Successore Pavillon pontifical.png
Alessandro Mattei 10 maggio 1820 - 2 aprile 1830 Bartolomeo Pacca
Predecessore Prefetto della Congregazione del Cerimoniale Successore Emblem Holy See.svg
Alessandro Mattei 10 maggio 1820 - 2 aprile 1830 Bartolomeo Pacca
Predecessore Cardinale vescovo di Ostia e Velletri Successore CardinalCoA PioM.svg
Alessandro Mattei 29 maggio 1820 - 2 aprile 1830 Bartolomeo Pacca
Predecessore Governatore di Velletri Successore Velletri-Stemma it.png
Alessandro Mattei 29 maggio 1820 - 2 aprile 1830 Bartolomeo Pacca
Predecessore Cardinale Segretario di Stato di Sua Santità Successore Emblem Holy See.svg
Ercole Consalvi 28 settembre 1823 - 17 gennaio 1828 Tommaso Bernetti
Predecessore Prefetto della Congregazione della Sacra Consulta Successore Emblem Holy See.svg
Ercole Consalvi 28 settembre 1823 - 17 gennaio 1828 Tommaso Bernetti
Predecessore Pro-prefetto della Congregazione di Propaganda Fide Successore Emblem Holy See.svg
Ercole Consalvi 23 gennaio 1824 - 1º ottobre 1826 Mauro Cappellari, O.S.B.Cam.
(prefetto)
Predecessore Pro-prefetto della Congregazione sopra la Correzione dei Libri della Chiesa Orientale Successore Emblem Holy See.svg
Ercole Consalvi 23 gennaio 1824 - 1º ottobre 1826 Bartolomeo Pacca
(prefetto)
Predecessore Archivista di Santa Romana Chiesa Successore Emblem Holy See.svg
Luigi Valenti Gonzaga 1º ottobre 1826 - 2 aprile 1830 Giuseppe Albani
Predecessore Bibliotecario di Santa Romana Chiesa Successore Emblem Holy See.svg
Luigi Valenti Gonzaga 1º ottobre 1826 - 2 aprile 1830 Giuseppe Albani
Controllo di autoritàVIAF (EN89095576 · ISNI (EN0000 0000 6204 4034 · GND (DE1079846360 · BAV (EN495/28862 · CERL cnp02134867 · WorldCat Identities (ENviaf-89095576