Angelo Amato

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Angelo Amato, S.D.B.
cardinale di Santa Romana Chiesa
Visita de Cardenal Angelo Amato - 17792469768 (cropped).jpg
Il cardinale Amato il 22 maggio 2015
Coat of arms of Angelo Amato.svg
Sufficit gratia mea
 
TitoloCardinale diacono di Santa Maria in Aquiro
Incarichi attualiPrefetto della Congregazione delle cause dei santi (dal 2008)
Incarichi ricoperti
 
Nato8 giugno 1938 (80 anni) a Molfetta
Ordinato presbitero22 dicembre 1967
Nominato arcivescovo19 dicembre 2002 da papa Giovanni Paolo II
Consacrato arcivescovo6 gennaio 2003 da papa Giovanni Paolo II
Creato cardinale20 novembre 2010 da papa Benedetto XVI
 

Angelo Amato (Molfetta, 8 giugno 1938) è un cardinale e arcivescovo cattolico italiano, dal 9 luglio 2008 prefetto della Congregazione delle cause dei santi.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nasce a Molfetta, sede vescovile in provincia di Bari, l'8 giugno 1938.

Formazione e ministero sacerdotale[modifica | modifica wikitesto]

Entrato nei salesiani, dopo il noviziato frequentò il liceo salesiano di Catania. Studiò poi filosofia e teologia a Roma. Fu ordinato presbitero il 22 dicembre 1967. Studiò all'Università pontificia salesiana e, a partire dal 1968, alla Gregoriana. Si specializzò in cristologia. Nel 1972 cominciò ad insegnare all'Università salesiana come assistente. Nel 1974 conseguì il dottorato con una dissertazione su I pronunciamenti tridentini sulla necessità della confessione sacramentale nei canoni 6-9 della Sessione XIV; relatore era il gesuita padre Zoltan Alszeghy.

Negli anni 1978-79 fu borsista del patriarcato ecumenico di Costantinopoli a Salonicco in Grecia, presso il monastero ortodosso Moní Vlatádon, sede del rinomato Istituto patriarcale di studi patristici. Contemporaneamente frequentò anche l'Università Aristotele di Salonicco.

Nel 1988 trascorse un anno sabbatico a Washington, negli Stati Uniti, dove iniziò a studiare la teologia delle religioni.

Fu ordinario di dogmatica presso la UPS, e per dodici anni (1981-1987 e 1993-1997) fu decano della facoltà di teologia. Della stessa UPS fu anche prorettore nel 1991 e poi vicerettore (1997-2000).

Fu consultore della Congregazione per la dottrina della fede e del Pontificio consiglio per la promozione dell'unità dei cristiani, nonché della Congregazione per i vescovi. È Membro della Pontificia accademia mariana internazionale.

Ministero episcopale e cardinalato[modifica | modifica wikitesto]

Angelo Amato a Budapest
Angelo Amato e Péter Erdő a Budapest il 19 ottobre 2013

Il 19 dicembre 2002 papa Giovanni Paolo II lo nomina arcivescovo titolare di Sila e segretario della Congregazione per la dottrina della fede; succede a Tarcisio Bertone, precedentemente nominato arcivescovo metropolita di Genova. Il 6 gennaio 2003 riceve l'ordinazione episcopale, nella basilica di San Pietro in Vaticano, per l'imposizione delle mani dello stesso pontefice, consacranti gli arcivescovi Leonardo Sandri e Antonio Maria Vegliò (poi entrambi cardinali). Si ritiene sia tra gli estensori principali della dichiarazione Dominus Iesus.

Il 9 luglio 2008 papa Benedetto XVI lo nomina prefetto della Congregazione delle cause dei santi; succede al cardinale José Saraiva Martins, dimessosi per raggiunti limiti di età.

Dal 2010 al 2014 è membro della Commissione internazionale di inchiesta su Međugorje presso la Congregazione per la dottrina della fede.

Nel concistoro del 20 novembre 2010 papa Benedetto XVI lo crea cardinale diacono di Santa Maria in Aquiro; l'11 febbraio 2011 prende possesso della diaconia.

L'8 giugno 2018, al compimento del suo ottantesimo genetliaco, esce dal novero dei cardinali elettori.

Genealogia episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Medaglia della città di Chimbote - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia della città di Chimbote
— 2015[1]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

- (versione epub)

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN64413594 · ISNI (EN0000 0001 1763 5844 · SBN IT\ICCU\TO0V\260245 · LCCN (ENn78028863 · GND (DE133817903 · BNF (FRcb129263778 (data) · BAV ADV11002296