Claudio Cipolla

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Claudio Cipolla
vescovo della Chiesa cattolica
Confide surge vocat te
 
TitoloPadova
Incarichi attuali
 
Nato11 febbraio 1955 (69 anni) a Goito
Ordinato diacono16 dicembre 1978 dal vescovo Carlo Ferrari
Ordinato presbitero24 maggio 1980 dal vescovo Carlo Ferrari
Nominato vescovo18 luglio 2015 da papa Francesco
Consacrato vescovo27 settembre 2015 dal vescovo Roberto Busti
 

Claudio Cipolla (Goito, 11 febbraio 1955) è un vescovo cattolico italiano, dal 18 luglio 2015 135º vescovo di Padova.

Claudio Cipolla nasce a Goito, in provincia e diocesi di Mantova, l'11 febbraio 1955.

Formazione e ministero sacerdotale

[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1966 è entrato nel seminario di Mantova.

Il 16 dicembre 1978 è stato ordinato diacono e il 24 maggio 1980 viene ordinato presbitero dal vescovo Carlo Ferrari.

Durante il suo ministero sacerdotale ha svolto molti incarichi sia a livello diocesano sia a quello nazionale, rappresentando sempre la diocesi mantovana. È stato infatti, oltre che vicario parrocchiale dal 1980 al 1990 anche parroco della parrocchia di Sant'Antonio di Porto Mantovano dal 1998 fino al 2015.

Nel 1990 riceve l'incarico da parte del vescovo Egidio Caporello a direttore della Caritas diocesana di Mantova e nel 2008, una volta concluso il medesimo incarico, viene nominato dal nuovo vescovo Roberto Busti vicario episcopale per il settore pastorale, ruolo che manterrà fino alla nomina episcopale.

Nell'ambito dell'A.G.E.S.C.I. è stato assistente della Branca Esploratori e Guide dal 1988 al 1990 e dal 1990 fino al 1992 assistente provinciale.

Ministero episcopale

[modifica | modifica wikitesto]

Il 18 luglio 2015 papa Francesco lo nomina vescovo di Padova;[1] succede ad Antonio Mattiazzo, ritiratosi per raggiunti limiti di età. Il 27 settembre successivo riceve l'ordinazione episcopale, nella basilica di Sant'Andrea a Mantova, dal vescovo di Mantova Roberto Busti, co-consacranti il patriarca di Venezia Francesco Moraglia, il vescovo emerito di Mantova Egidio Caporello, di origini padovane, e il vescovo Nunzio Galantino, segretario generale della Conferenza Episcopale Italiana. Il 18 ottobre prende possesso della diocesi, diventando così anche vice gran cancelliere della Facoltà teologica del Triveneto.

Dopo poche settimane dall'ingresso in diocesi, balza alle cronache nazionali per aver proposto di fare "tanti passi indietro" sui simboli natalizi, pur di mantenere relazioni fraterne coi non cristiani.[2] A causa di tali esternazioni, si guadagna le critiche di alcuni esponenti veneti della Lega Nord, tra cui il presidente del Veneto Luca Zaia e l'allora sindaco di Padova Massimo Bitonci.

Alla Giornata mondiale della gioventù 2016 di Cracovia indice il sinodo dei giovani, iniziato ufficialmente il 3 giugno 2017, veglia di Pentecoste,[3] e concluso ufficialmente sempre durante la veglia di Pentecoste dell'anno successivo, la sera del 19 maggio 2018.

Il 26 febbraio 2021, con la pubblicazione di una lettera rivolta alla diocesi, propone un cammino sinodale per la diocesi patavina.[4] Il successivo 16 maggio, solennità dell'Ascensione, indice il sinodo diocesano,[5][6] che viene aperto il 5 giugno 2022, solennità di Pentecoste, e si conclude il 25 febbraio 2024.

Lo stemma è diviso in due parti:

Cappellano di Sua Santità - nastrino per uniforme ordinaria
— 27 ottobre 2011

Genealogia episcopale e successione apostolica

[modifica | modifica wikitesto]

La genealogia episcopale è:

La successione apostolica è:

  1. ^ Rinunce e nomine. Rinuncia del Vescovo di Padova (Italia) e nomina del successore, su press.vatican.va, 18 luglio 2015. URL consultato il 22 ottobre 2023.
  2. ^ Simboli del Natale, il vescovo Cipolla: «Per la pace farei tanti passi indietro», su corrieredelveneto.corriere.it, 30 novembre 2015. URL consultato il 22 ottobre 2023.
  3. ^ Diocesi: Padova, il vescovo Claudio Cipolla ha aperto il Sinodo dei giovani, su agensir.it. URL consultato il 22 ottobre 2023.
  4. ^ Il vescovo Claudio annuncia alla Chiesa di Padova la scelta di un Sinodo diocesano, su diocesipadova.it. URL consultato il 22 ottobre 2023.
  5. ^ Indizione Sinodo diocesano della Chiesa di Padova, su diocesipadova.it. URL consultato il 22 ottobre 2023.
  6. ^ Primo Sinodo del terzo millennio della Chiesa patavina, su diocesipadova.it. URL consultato il 22 ottobre 2023.

Altri progetti

[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni

[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Vescovo di Padova Successore
Antonio Mattiazzo
(arcivescovo-vescovo)
dal 18 luglio 2015 in carica

Predecessore Vice gran cancelliere della Facoltà teologica del Triveneto Successore
Antonio Mattiazzo dal 18 luglio 2015 in carica