Rosario Gisana

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Rosario Gisana
vescovo della Chiesa cattolica
Ritratto mons gisana.jpg
Ritratto ufficiale del vescovo Rosario Gisana
Coat of arms of Rosario Gisana (Piazza Armerina).svg
Mitis humilis corde
 
TitoloPiazza Armerina
Incarichi ricopertiVescovo di Piazza Armerina (dal 2014)
 
Nato14 aprile 1959 (60 anni) a Modica
Ordinato diacono4 aprile 1985
Ordinato presbitero4 ottobre 1986 dal vescovo Salvatore Nicolosi
Nominato vescovo27 febbraio 2014 da papa Francesco
Consacrato vescovo5 aprile 2014 dal vescovo Antonio Staglianò
 

Rosario Gisana (Modica, 14 aprile 1959) è un vescovo cattolico italiano, dal 27 febbraio 2014 vescovo di Piazza Armerina.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

È nato a Modica, nella diocesi di Noto, il 14 aprile 1959.

Formazione e ministero sacerdotale[modifica | modifica wikitesto]

Entra nel seminario minore di Noto a 11 anni e, dopo la maturità classica, si trasferisce al seminario maggiore di Acireale per il biennio di studi filosofico-teologici.[1]

Nel 1980 viene inviato all'Almo collegio Capranica di Roma e consegue il baccellierato in teologia presso la Pontificia Università Gregoriana nel 1983 e poi la licenza in scienze bibliche presso il Pontificio Istituto Biblico nel 1986 e quella in teologia e scienze patristiche presso l'Istituto Patristico Augustinianum nel 1987; sempre presso l'Augustinianum ha conseguito il dottorato in patristica nel 2010.[2]

È stato ordinato diacono nella cattedrale di Noto il 4 aprile 1985 e presbitero il 4 ottobre 1986 nel duomo di Modica dal vescovo Salvatore Nicolosi.[1]

Dal 1990 al 2009 è stato rettore del seminario di Noto e dal 2010 al 2014 è stato vicario episcopale per la pastorale e direttore dell'Ufficio catechistico diocesano.[2]

Ministero episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Il 27 febbraio 2014 papa Francesco lo ha nominato vescovo di Piazza Armerina.

Il successivo 5 aprile ha ricevuto l'ordinazione episcopale nella cattedrale di Piazza Armerina da Antonio Staglianò, vescovo di Noto, coconsacranti Michele Pennisi, arcivescovo di Monreale e suo predecessore a Piazza Armerina, e il vescovo Paolo De Nicolò, reggente emerito della Prefettura della casa pontificia; durante la stessa celebrazione ha preso possesso della diocesi.

Nel 2017 ha riformato la caritas diocesana assumendone direttamente la direzione e dedicando esclusivamente ad essa i diaconi di ogni vicariato della diocesi.[3]

A maggio 2018 annuncia alla diocesi la visita pastorale di Papa Francesco prevista per il prossimo 15 settembre.[4]

Genealogia episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Diocesi di Noto: biografia di Don Rosario Gisana. (PDF), su diocesinoto.it. URL consultato il 25 novembre 2017.
  2. ^ a b Rinunce e nomine: Nomina del vescovo di Piazza Armerina (Italia), su press.vatican.va. URL consultato il 25 novembre 2017.
  3. ^ Mario Antonio Pagaria, Diocesi P. Armerina: le grandi innovazioni del Vescovo Mons. Rosario Gisana, in La Gazzetta ennese.it, 1º maggio 2017. URL consultato il 1º dicembre 2017.
  4. ^ Comunicato della Prefettura della Casa Pontificia, su press.vatican.va. URL consultato il 28 maggio 2018.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN308196682 · LCCN (ENno2016161150 · GND (DE1050246772 · WorldCat Identities (ENno2016-161150