Antonio Staglianò

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Antonio Staglianò
vescovo della Chiesa cattolica
Antonio Staglianò.png
Coat of arms of Antonio Staglianò.svg
Misericordia et Veritas in Caritate
 
TitoloNoto
Incarichi attualiVescovo di Noto (dal 2009)
 
Nato14 giugno 1959 (63 anni) a Isola di Capo Rizzuto
Ordinato presbitero20 ottobre 1984 dall'arcivescovo Giuseppe Agostino
Nominato vescovo22 gennaio 2009 da papa Benedetto XVI
Consacrato vescovo19 marzo 2009 dal cardinale Camillo Ruini
 

Antonio Staglianò (Isola di Capo Rizzuto, 14 giugno 1959) è un vescovo cattolico italiano, dal 22 gennaio 2009 vescovo di Noto.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Formazione e ministero sacerdotale[modifica | modifica wikitesto]

Ha frequentato le scuole medie al Seminario di Crotone e il liceo "Tommaso Campanella" di Reggio Calabria. Ha proseguito la sua formazione teologico-spirituale come ospite dell'Arcidiocesi di Milano (al Seminario di Saronno per il biennio filosofico 1977-1979 e a Venegono Inferiore per il triennio teologico 1979-1982). È stato ordinato sacerdote il 20 ottobre 1984 e incardinato nell'Arcidiocesi di Crotone-Santa Severina. Alunno del Pontificio Seminario Lombardo dal 1982 al 1986, anno in cui ha ottenuto, alla Pontificia Università Gregoriana, il dottorato in Teologia Fondamentale. Ha quindi seguito corsi di specializzazione in Germania e si è laureato in filosofia presso l'Università della Calabria nel 1995.

Ha svolto i seguenti ministeri e incarichi: dal 1986: Assistente diocesano della FUCI; 1986 - 1990: vicario parrocchiale in San Dionigi, Crotone, Canonico della Chiesa Cattedrale di Crotone; 1989-1995: Membro del Consiglio nazionale dell'Associazione Teologica Italiana; 1990-1993: Vicario Parrocchiale in Santa Rita, Crotone; 1991-1998: Assistente Spirituale dell'Ordo Virginum; dal 1994: Membro del Consiglio Presbiterale, Direttore Diocesano degli Uffici Catechistico, Cultura, Scuola e Pastorale della Scuola; 1994-2002: Professore invitato nei corsi di specializzazione di Teologia Fondamentale alla Pontificia Università Gregoriana; dal 1997: teologo consulente del Servizio nazionale della Conferenza Episcopale Italiana per il progetto culturale; dal 1998 è giornalista pubblicista; dal 1999 Parroco in solidum in Le Castella; dal 2007 vicario episcopale per la Cultura; Ordinario di Teologia sistematica all'Istituto Teologico Calabro aggregato alla Pontificia Facoltà Teologica dell'Italia Meridionale, di cui è stato Direttore per due mandati; Direttore per dieci anni della Rivista di Scienze teologiche Vivarium.

Nominato da papa Benedetto XVI "adiutor secretarii specialis" alla XI Assemblea generale ordinaria del Sinodo dei Vescovi (Roma dal 2 al 23 ottobre 2005) sul tema: «L'Eucarestia: fonte e culmine della vita e della missione della Chiesa».

Eletto dal Consiglio episcopale permanente della Conferenza Episcopale Italiana "Membro della Commissione episcopale per la cultura e le comunicazioni sociali".

Membro ad sexennium per il Consiglio Internazionale per la Catechesi (COINCAT), organismo consultivo della Congregazione per il Clero.

Autore di numerose pubblicazioni.

Ministero episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Il 22 gennaio 2009 papa Benedetto XVI lo nomina vescovo della diocesi di Noto, dove succede a Mariano Crociata. È stato consacrato vescovo il 19 marzo 2009 dal cardinale Camillo Ruini. Fa l'ingresso in diocesi il 2 aprile 2009.

Onorificenze e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Cittadinanza onoraria della città di Chiaravalle Centrale - nastrino per uniforme ordinaria Cittadinanza onoraria della città di Chiaravalle Centrale
— 9 aprile 2010

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Monografie scientifiche (filosofico-teologiche e teologico-pastorali)
  • La Teologia secondo Rosmini, Morcelliana, 1988.
  • La Teologia «che serve», SEI, 1996.
  • La Mente Umana alla prova di Dio, EDB, 1996.
  • Il Mistero del Dio Vivente, EDB, 2002.
  • Vangelo e comunicazione, EDB, 2002.
  • Pensare la fede, Città Nuova, 2004.
  • Su due ali, Lateran University Press, 2005.
  • Teologia e spiritualità, Ed. Studium Roma, 2006.
  • Cristianesimo da esercitare, Ed. Studium Roma, 2007.
  • Ecce Homo, Cantagalli, 2008.
  • Intagliatori di sicomoro, Rubbettino, 2009.
  • Madre di Dio, San Paolo, 2010.
  • Una speranza per l'Italia, Ed. Paoline, 2011.
  • L'Abate calabrese, LEV, 2013.
  • La Cattedrale di Noto e la sua bellezza difficile, Ed. Santocono, 2015.
  • Credo negli esseri umani, Rubbettino 2016.
  • Maria di Nazareth da conoscere e amare. Teologia, devozione, poetica, omiletica (a cura di Don Ignazio Petriglieri), LEV 2016.
  • Pop-Theology. Autocritica del Cattolicesimo convenzionale per un Cristianesimo umano, Rubbettino 2018.
  • Chiesa e giovani. Più fuori che dentro, ElleDiCi, 2018.
  • Oltre il cattolicesimo convenzionale. L'umanità di Gesù, verità, senso, libertà per tutti, Il pozzo di Giacobbe, Trapani 2019.
  • @Epistole. Oltre il solipsismo per generare e custodire nuova umanità, Santocono, Rosolini 2019.

Genealogia episcopale e successione apostolica[modifica | modifica wikitesto]

La genealogia episcopale è:

La successione apostolica è:

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Vescovo di Noto Successore BishopCoA PioM.svg
Mariano Crociata dal 22 gennaio 2009 in carica
Controllo di autoritàVIAF (EN84491195 · ISNI (EN0000 0001 2102 7542 · SBN CFIV087861 · BAV 495/352656 · LCCN (ENn96003930 · GND (DE139297707 · BNF (FRcb12738917d (data) · WorldCat Identities (ENlccn-n96003930