Giacomo Filippo Fransoni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Giacomo Filippo Fransoni
cardinale di Santa Romana Chiesa
Kardinal Giacomo Filippo Fransoni.jpg
Template-Cardinal.svg
Nato 10 dicembre 1775, Genova
Ordinato presbitero 14 marzo 1807
Nominato arcivescovo 27 settembre 1822 da papa Pio VII
Consacrato arcivescovo 8 dicembre 1822 dal cardinale Pietro Francesco Galleffi
Creato cardinale 2 ottobre 1826 da papa Leone XII
Deceduto 20 aprile 1856, Roma

Giacomo Filippo Fransoni (Genova, 10 dicembre 1775Roma, 20 aprile 1856) è stato un cardinale e arcivescovo cattolico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Di origini aristocratiche nonché fratello del futuro arcivescovo di Torino Luigi Fransoni, si allontanò dalla sua città natale assieme alla famiglia nel 1797 in seguito all'invasione delle truppe francesi, per trasferirsi a Roma. Laureatosi nel 1806, fu ordinato sacerdote nell'anno successivo.

Carriera diplomatica[modifica | modifica wikitesto]

Delegato apostolico a Firenze, arcivescovo di Nazianzo e nunzio apostolico a Lisbona[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1809 divenne delegato apostolico a Firenze, dove dovette trasferirsi quando da Roma fu cacciato il governo papale. Durante la Restaurazione svolse parecchi incarichi nella gerarchia pontificia, fino alla nomina ad arcivescovo di Nazianzo in partibus infidelium (1822) e a nunzio apostolico a Lisbona (1823).

Cardinale di Santa Maria in Ara Coeli[modifica | modifica wikitesto]

Papa Leone XII lo elevò al rango di cardinale nel concistoro del 2 ottobre 1826, col titolo di Santa Maria in Ara Coeli. Membro di numerose congregazioni, fu a capo di quella de Propaganda Fide.

Morte[modifica | modifica wikitesto]

Morì il 20 aprile 1856 all'età di 80 anni. È sepolto nella basilica di San Lorenzo in Lucina.

Genealogia episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • La porpora romana. Ritrattistica cardinalizia a Roma dal Rinascimento al Novecento, a cura di Francesco Petrucci, Roma, Gangemi Editore, 2006, pp. 154-155.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Cardinale protopresbitero Successore CardinalCoA PioM.svg
Carlo Oppizzoni 1855-1856 Benedetto Colonna Barberini di Sciarra
Controllo di autorità VIAF: (EN29524930 · BNF: (FRcb10692031t (data)