Vincenzo Cirrincione

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Vincenzo Cirrincione
vescovo della Chiesa cattolica
Coat of arms of Vincenzo Cirrincione.svg
Aedificare corpus in caritate
 
Incarichi ricoperti
 
Nato27 aprile 1926 a Vicari
Ordinato presbitero16 luglio 1950
Consacrato vescovo12 aprile 1980 dal cardinale Salvatore Pappalardo
Deceduto12 febbraio 2002 (75 anni) a Piazza Armerina
 

Vincenzo Cirrincione (Vicari, 27 aprile 1926Piazza Armerina, 12 febbraio 2002) è stato un vescovo cattolico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Ordinato sacerdote il 16 luglio 1950, ha svolto il ministero sacerdotale nell'arcidiocesi di Palermo, ricoprendo diverse cariche tra cui quella di superiore del seminario minore e maggiore, parroco e vicario generale, fino al 21 febbraio 1980 quando papa Giovanni Paolo II lo ha nominato vescovo titolare di Apollonia e vescovo ausiliare di Palermo.

Il successivo 12 aprile è stato ordinato vescovo nella cattedrale di Palermo dal cardinale Salvatore Pappalardo, arcivescovo di Palermo, coconsacranti Angelo Cella, anch'esso vescovo ausiliare di Palermo, e Giuseppe Petralia, vescovo di Agrigento.

Sei anni dopo, l'8 gennaio 1986, è stato nominato dallo stesso papa Giovanni Paolo II vescovo di Piazza Armerina, iniziando ufficialmente il ministero episcopale il successivo 8 marzo.[1]

Dopo sedici anni di episcopato in diocesi, è morto improvvisamente il 12 febbraio 2002 nel seminario estivo di Montagna Gebbia di cui, con propri fondi, aveva portato a termine la costruzione e l'apertura.[1]

Il suo corpo riposa nella cattedrale di Piazza Armerina.

Genealogia episcopale[modifica | modifica wikitesto]

La tomba nella cattedrale di Piazza Armerina

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN33865005 · ISNI (EN0000 0000 4076 5367 · SBN IT\ICCU\SBNV\026510 · LCCN (ENn2005034614