Alessandro Plotti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Alessandro Plotti
arcivescovo della Chiesa cattolica
ArcivPlotti.jpg
Coat of arms of Alessandro Plotti.svg
Misericordia tua
 
Incarichi ricoperti
 
Nato8 agosto 1932 a Bologna
Ordinato presbitero25 luglio 1959
Nominato vescovo23 dicembre 1980 da papa Giovanni Paolo II
Consacrato vescovo6 gennaio 1981 da papa Giovanni Paolo II
Elevato arcivescovo7 giugno 1986 da papa Giovanni Paolo II
Deceduto19 ottobre 2015 (83 anni) a Roma
 

Alessandro Plotti (Bologna, 8 agosto 1932Roma, 19 ottobre 2015) è stato un arcivescovo cattolico italiano.

Note biografiche[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Bologna l'8 agosto 1932, alunno dell'Almo Collegio Capranica di Roma, consegue la laurea in Sacra Teologia ed è ordinato sacerdote per la diocesi di Roma il 25 luglio 1959 nella chiesa di Moltrasio, vicino Como. Dal 1959 al 1961 è vicario parrocchiale nella parrocchia dei Santi Urbano e Lorenzo a Prima Porta, dal 1961 al 1972 assistente spirituale e docente di Teologia presso la Facoltà di Medicina e Chirurgia dell'Università Cattolica del Sacro Cuore ed infine, dal 1972 al 1980, parroco della parrocchia di Santa Lucia. Nominato vescovo titolare di Vannida e ausiliare di Roma il 23 dicembre 1980, è consacrato dal Papa il 6 gennaio 1981.

Il 7 giugno 1986 è promosso alla chiesa metropolitana di Pisa, di cui prende possesso il 17 giugno dello stesso anno, ricevendo il pallio il 29 giugno successivo. Nel febbraio 2008 rinuncia a tale carica per raggiunti limiti d'età[1], lasciando la sede a Giovanni Paolo Benotto, nominato suo successore da papa Benedetto XVI. Saluta l'arcidiocesi pisana in occasione della messa del 30 marzo. Il 6 aprile successivo assume il titolo di arcivescovo emerito di Pisa.

Per anni, fino al 2006, è presidente della Conferenza episcopale toscana e, dal 2000 al 2005, vice presidente della Conferenza Episcopale Italiana. Il 19 maggio 2012 è nominato amministratore apostolico ad nutum Sanctae Sedis della diocesi di Trapani in seguito al sollevamento dall'incarico pastorale del vescovo Francesco Miccichè[2]. Il 24 settembre 2013 annuncia la nomina del nuovo vescovo di Trapani, Pietro Maria Fragnelli, al quale affida la diocesi il 3 novembre successivo. È morto a Roma il 19 ottobre 2015[3].

Genealogia episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Successione apostolica[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine di Santo Stefano Papa e Martire - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine di Santo Stefano Papa e Martire
— Firenze, 1993

Pubblicazioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Alessandro Plotti, Al servizio del malato. L'U.N.I.T.A.L.S.I. in prima linea, Casale Monferrato, PIEMME, 2000.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN90327300 · ISNI (EN0000 0000 6241 1922 · SBN IT\ICCU\SBLV\080162