Domenico Pompili

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Domenico Pompili
vescovo della Chiesa cattolica
Coat of arms of Domenico Pompili.svg
Ut fructum afferatis
 
TitoloVerona
Incarichi attuali
Incarichi ricoperti
 
Nato21 maggio 1963 (59 anni) a Roma
Ordinato presbitero6 agosto 1988 dal vescovo Luigi Belloli
Nominato vescovo15 maggio 2015 da papa Francesco
Consacrato vescovo5 settembre 2015 dal cardinale Angelo Bagnasco
 

Domenico Pompili (Roma, 21 maggio 1963) è un vescovo cattolico italiano, dal 2 luglio 2022 vescovo di Verona e dal 1º ottobre 2022 amministratore apostolico di Rieti.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

È nato a Roma il 21 maggio 1963. È originario di Acuto, in provincia di Frosinone e diocesi di Anagni-Alatri.[1]

Formazione e ministero sacerdotale[modifica | modifica wikitesto]

Il 6 agosto 1988 è stato ordinato presbitero, per la diocesi di Anagni-Alatri, dal vescovo Luigi Belloli.[1]

Ha conseguito la licenza, nel 1990, e il dottorato, nel 2001, in teologia morale presso la Pontificia Università Gregoriana in Roma.

Dal 1988 al 1999 ha svolto il ministero nella diocesi di Anagni-Alatri in qualità di segretario particolare del vescovo Luigi Belloli e direttore dell'ufficio diocesano per le comunicazioni sociali. È stato contestualmente parroco di Vallepietra. Dal 2000 al 2006 ha svolto il ministero di vicario episcopale per la pastorale e direttore dell'ufficio diocesano per i beni culturali della sua diocesi, continuando ad essere direttore dell'ufficio diocesano per le comunicazioni sociali e assistente unitario dell'Azione Cattolica diocesana. Nello stesso periodo è stato anche parroco della concattedrale di San Paolo di Alatri.

È stato docente incaricato di teologia morale presso l'Istituto Teologico Leoniano di Anagni, dove è stato insegnante dal 1990.

Nell'ottobre 2005 è stato nominato aiutante di studio della segreteria generale della CEI con incarichi presso SAT 2000 e Radio InBlu. È stato inoltre segretario della fondazione comunicazione e cultura e membro del comitato italiano per il sostegno alle iniziative della pastorale giovanile (CISIP) e componente del consiglio di amministrazione del quotidiano Avvenire.

Dal 2007 è stato direttore dell'ufficio nazionale per le comunicazioni sociali della Conferenza Episcopale Italiana. Il 28 gennaio 2009 è stato nominato sottosegretario della CEI dal Consiglio episcopale permanente, venendo poi prorogato nell'incarico il 29 gennaio 2014.[2]

Ministero episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Il 15 maggio 2015 papa Francesco lo ha nominato vescovo di Rieti;[3] è succeduto a Delio Lucarelli, ritiratosi per raggiunti limiti di età. Il 5 settembre seguente ha ricevuto l'ordinazione episcopale, nella cattedrale di Rieti, dal cardinale Angelo Bagnasco, arcivescovo metropolita di Genova e presidente della CEI, co-consacranti Delio Lucarelli, vescovo emerito di Rieti, Lorenzo Loppa, vescovo di Anagni-Alatri, Nunzio Galantino, segretario della CEI, e Lorenzo Chiarinelli, vescovo emerito di Viterbo. Durante la stessa celebrazione ha preso possesso della diocesi.

Nel maggio 2018 è stato eletto presidente della Commissione episcopale per la cultura e le comunicazioni sociali della CEI; nel maggio 2021 è stato riconfermato in questo ruolo.

Il 29 ottobre 2020 è stato nominato dallo stesso papa amministratore apostolico di Ascoli Piceno dopo le dimissioni del vescovo Giovanni D'Ercole;[4] ha mantenuto l'incarico fino all'ingresso del nuovo arcivescovo-vescovo Gianpiero Palmieri, avvenuto il 28 novembre 2021.

Il 2 luglio 2022 papa Francesco lo ha nominato vescovo di Verona;[5] è succeduto a Giuseppe Zenti, dimessosi per raggiunti limiti di età. Il 24 settembre dello stesso anno avrebbe dovuto insediarsi nella diocesi[6] ma, a causa delle elezioni politiche previste per il 25 settembre, la celebrazione è stata posticipata al 1º ottobre successivo, così come riferito da un nota della diocesi.[7] Lo stesso giorno è stato nominato amministratore apostolico di Rieti.

Genealogia episcopale[modifica | modifica wikitesto]

La genealogia episcopale è:

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Domenico Pompili, La ricerca del parametro interiore dello sviluppo. Per una fondazione etico-teologica a partire dalla Sollicitudo rei socialis, tesi di dottorato, Roma, Pontificia Università Gregoriana, 2001.
  • Domenico Pompili e Eliseo Boldrin (a cura di), Cinema e famiglia. Proposte di film da guardare insieme, Castel Bolognese, Itaca, 2011, ISBN 978-8852602672.
  • Ezio Casella, Ti trovo o Cristo nei tuoi sacramenti. Lezioni di teologia sacramentaria: penitenza, unzione, ordine, matrimonio, prefazione di Domenico Pompili, Roma, Antonianum, 2018, ISBN 978-8872571057.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Caterina I. Paoletta, Anagni, Due Diocesi in fermento per Mons. Domenico Pompili neo Pastore di Rieti., su frosinonetoday.it, 3 settembre 2015. URL consultato il 13 luglio 2022.
  2. ^ Annuario CEI.
  3. ^ Rinunce e nomine. Rinuncia del Vescovo di Rieti (Italia) e nomina del successore, su press.vatican.va, 15 maggio 2015. URL consultato il 2 luglio 2022.
  4. ^ Rinunce e nomine. Rinuncia del Vescovo di Ascoli Piceno (Italia) e nomina dell'Amministratore Apostolico, su press.vatican.va, 29 ottobre 2020. URL consultato il 2 luglio 2022.
  5. ^ Rinunce e nomine. Rinuncia e nomina del Vescovo di Verona (Italia), su press.vatican.va, 2 luglio 2022. URL consultato il 2 luglio 2022.
  6. ^ Il vescovo Domenico inizierà il suo servizio a Verona il 24 settembre, su chiesadirieti.it, 12 luglio 2022. URL consultato il 13 luglio 2022.
  7. ^ Ingresso del vescovo Domenico rimandato a sabato 1º ottobre, su diocesiverona.it, 23 luglio 2022. URL consultato il 25 luglio 2022.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Sottosegretario della Conferenza Episcopale Italiana Successore Mitra heráldica.svg
Domenico Mogavero 28 gennaio 2009 – 15 maggio 2015 Ivan Maffeis
con Mauro Rivella (2009-2012) con Giuseppe Baturi
con Bassiano Uggè (2012-2015)
Predecessore Vescovo di Rieti Successore BishopCoA PioM.svg
Delio Lucarelli 15 maggio 2015 – 2 luglio 2022 Vito Piccinonna
Predecessore Vescovo di Verona Successore BishopCoA PioM.svg
Giuseppe Zenti dal 2 luglio 2022 in carica
Controllo di autoritàVIAF (EN89362606 · ISNI (EN0000 0000 6174 2535 · SBN CUBV127128 · WorldCat Identities (ENviaf-89362606