Primo Zeglio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Primo Zeglio, noto anche con lo pseudonimo di Omar Hopkins (Buronzo, 8 luglio 1906Roma, 6 novembre 1984), è stato un regista e pittore italiano.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Primo Zeglio debutta nel cinema come scenografo e aiuto regista di Duilio Coletti ed altri registi con cui lavora a cavallo fra la fine degli anni trenta e l'inizio degli anni quaranta, anni in cui cura anche le sceneggiature di varie produzioni.

Debutta come regista nel 1943 con Accadde a Damasco, e continuerà a lavorare per tutti gli anni cinquanta e sessanta, affrontando tutti i generi cinematografici in voga in quegli anni[1], come la fantascienza (...4..3..2..1...morte del 1967), l'azione (Il dominatore dei 7 mari del 1962) e lo spaghetti western (I due violenti del 1964).

Oltre che regista, Zeglio fu anche pittore[2] e fece parte delle redazioni di Il Selvaggio, L'italiano e Omnibus. Negli ultimi anni lasciò il cinema per dedicarsi all'esposizione delle proprie opere in varie mostre a Roma, città in cui morì il 6 novembre 1984.[2] Sua moglie era l'attrice Paola Barbara.[2] Il fratello, Secondo Zeglio, appare come caratterista in qualche film degli anni '50, diretto da Giorgio Walter Chili.

Filmografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

Regista[modifica | modifica wikitesto]

Aiuto regista[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Dizionario del cinema italiano I registi, di Roberto Poppi, Gremese editore Roma 2002
  • Dizionario dei registi di Pino Farinotti, SugarCo Milano 1993

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN17413219 · ISNI (EN0000 0000 5934 8811 · SBN IT\ICCU\UBOV\798229 · LCCN (ENno2009098731 · GND (DE1107597722 · BNF (FRcb13946105d (data) · WorldCat Identities (ENno2009-098731