Cimitero delle Porte Sante

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Coordinate: 43°45′32.23″N 11°15′50.71″E / 43.758953°N 11.264086°E43.758953; 11.264086

Cimitero delle Porte Sante
SanMiniatoAlMonte-Cimetiere.jpg
Veduta panoramica del cimitero
Tipo civile
Confessione religiosa cattolica
Ubicazione
Stato Italia Italia
Città Firenze
Costruzione
Periodo costruzione 1837 - 1848
Data apertura 1848
Architetto Niccolò Matas, Mariano Falcini
Tombe famose vedi paragrafo
Mappa di localizzazione

Il cimitero delle Porte Sante è un cimitero monumentale di Firenze situato entro il bastione fortificato della basilica di San Miniato al Monte.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'idea di un luogo di sepolture vicino a San Miniato nacque intorno al 1837 anche se il camposanto fu inaugurato undici anni dopo, nel 1848.

Il progetto, inizialmente affidato all'architetto Niccolò Matas (l'autore della facciata della basilica di Santa Croce), venne ingrandito e nel 1864 Mariano Falcini utilizzò a tale scopo l'area della fortezza cinquecentesca che si stendeva intorno alla chiesa.

Il progetto del nuovo cimitero si accrebbe parallelamente allo sviluppo della nuova rete viaria, elaborata dal Poggi che, con l'apertura del viale dei Colli e dello scalone monumentale, creava nuove modalità di accesso alla basilica.

Tombe di personalità[modifica | modifica wikitesto]

Oltre a numerose testimonianze architettoniche di gusto neogotico, il cimitero accoglie le salme di molti illustri personaggi, fra i quali (in ordine alfabetico):

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Foresto Niccolai (a cura di), L'urne de' forti, monumenti e iscrizioni sepolcrali, Coppini Tipografi, Firenze, settembre 1997.
  • Valeria Paniccia, Passeggiate nei prati dell'eternità, Mursia Editore, 2013
  • Aldi là delle Porte Sante - Studi di conservazione e restauro dei monumenti sepolcrali, Firenze, Palazzo Spinelli, 2016

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]