Cimitero delle Porte Sante

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Cimitero delle Porte Sante
SanMiniatoAlMonte-Cimetiere.jpg
Veduta panoramica del cimitero
Tipocivile
Confessione religiosacattolica
Ubicazione
StatoItalia Italia
CittàFirenze
Costruzione
Periodo costruzione1837 - 1848
Data apertura1848
ArchitettoNiccolò Matas, Mariano Falcini
Tombe famosevedi paragrafo
Mappa di localizzazione

Coordinate: 43°45′32.4″N 11°15′50.76″E / 43.759°N 11.2641°E43.759; 11.2641

Il cimitero delle Porte Sante è un cimitero monumentale di Firenze situato entro il bastione fortificato della basilica di San Miniato al Monte.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'idea di un luogo di sepolture vicino a San Miniato nacque intorno al 1837 anche se il camposanto fu inaugurato undici anni dopo, nel 1848.

Il progetto, inizialmente affidato all'architetto Niccolò Matas (l'autore della facciata della basilica di Santa Croce), venne ingrandito e nel 1864 Mariano Falcini utilizzò a tale scopo l'area della fortezza cinquecentesca che si stendeva intorno alla chiesa.

Il progetto del nuovo cimitero si accrebbe parallelamente allo sviluppo della nuova rete viaria, elaborata dal Poggi che, con l'apertura del viale dei Colli e dello scalone monumentale, creava nuove modalità di accesso alla basilica.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Il cimitero si snoda sul bastione michelangiolesco attorno a San Miniato. Il lato panoramico (piazzale Galleria, piazzale Fontana), accanto alla scalinata che porta alla basilica, è occupato da alcuni dei monumenti più prestigiosi (Spadolini, Cecchi Gori, Annigoni, Papini...), mentre la parte più antica si trova sul retro della basilica, con le sepolture ottocentesche (Vecchia Galleria e bastione Pian di Sco'), che si trovano ai lati dei perpendicolari viali Coveri e Longinotti. Sepolture per lo più degli anni dieci, venti e trenta del Novecento si trovano nei bastioni occidentale e nord-occidentale, mentre nella proseguire nelle zone Pozzo e Montagnola si trovano le tombe per lo più dagli anni Quaranta in poi. Le cappelle gentilizie si trovano lungo il perimetro oppure, in costruzioni isolate, nella zona alle spalle della basilica e sud-est del palazzo dei Vescovi. Tra queste la cappella Pettini fu decorata da Galileo Chini.

Infine un colombario moderno (nuova Galleria), si trova parzielamente interrato tra il piazzale Galleria e il baluardo del Cantiere.

Tombe di personalità[modifica | modifica wikitesto]

Tomba di Libero Andreotti Cimitero delle Porte Sante
Tombe nel Cimitero delle Porte Sante poste dietro al campanile della Basilica di San Miniato al Monte
Cimitero delle porte sante, tomba di Giovanni Meyer

Oltre a numerose testimonianze architettoniche di gusto neogotico, eclettico, liberty, déco e contemporaneo, il cimitero accoglie le salme di molti illustri personaggi, fra i quali (in ordine alfabetico):

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Cappella Valsè Pantellini, su palazzospinelli.org. URL consultato il 27 agosto 2019.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Foresto Niccolai (a cura di), L'urne de' forti, monumenti e iscrizioni sepolcrali, Firenze, Coppini Tipografi, 1997, ISBN 8887287023.
  • Valeria Paniccia, Passeggiate nei prati dell'eternità, Milano, Mursia Editore, 2013, ISBN 8842552267.
  • Fausta Valentina Antonelli, Jessica Consalvi e Manuela Masenello (a cura di), Al di là delle Porte Sante - Studi di conservazione e restauro dei monumenti sepolcrali di San Miniato al Monte, Roma, Universitalia, 2018, ISBN 8832931249.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàLCCN (ENn2002111474 · WorldCat Identities (ENn2002-111474