Stati di allucinazione

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Stati di allucinazione
Stati di allucinazione.jpg
Eddie Jessup nella vasca di deprivazione sensoriale
Titolo originaleAltered States
Paese di produzioneStati Uniti d'America
Anno1980
Durata102 min
Generedrammatico, fantascienza, orrore
RegiaKen Russell
SoggettoSidney Aaron
ProduttoreHoward Gottfried
FotografiaJordan Cronenweth
MontaggioEric Jenkins
MusicheJohn Corigliano
TruccoDick Smith
Interpreti e personaggi

Stati di allucinazione (Altered States) è un film del 1980 diretto da Ken Russell e interpretato da William Hurt.

Scritto dal commediografo Paddy Chayefsky, il film è liberamente ispirato alla vita del ricercatore e psichiatra statunitense John Lilly, anche se la trama sconfina nella fantascienza. Chayefsky disconobbe però il film, ebbe continui liti con il regista e rifiutò di firmare la sceneggiatura. Questa appare nei titoli attribuita a Sydney Aron, il vero nome proprio dello scrittore.[1] La pellicola, candidata per gli Oscar alla migliore colonna sonora di John Corigliano e per il suono, segna il debutto al cinema dell'attore William Hurt; nel film appare anche una giovanissima Drew Barrymore (nel ruolo secondario della figlia del protagonista), all'età di 5 anni.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Il professore di medicina e ricercatore Eddie Jessup conduce su se stesso degli esperimenti restando in sospensione dentro una vasca di deprivazione sensoriale, ossia in un ambiente isolato per ottenere la massima assenza di percezioni esterne. Eliminando ogni elemento di distrazione, egli ritiene di poter condurre un'analisi introspettiva della propria coscienza, un vero viaggio esplorativo nel proprio passato. Il ricercatore viene a sapere che nel Centroamerica gli sciamani utilizzano una droga allucinogena, la quale conferirebbe agli assuntori la capacità di perlustrare una sorta di memoria collettiva ancestrale. Entusiasta delle esperienze drogastiche, Eddie unisce l'uso di tale sostanza stupefacente a quello della vasca d'isolamento per espandere il suo viaggio oltre la propria origine, via via attraverso la filogenesi degli ominidi (trovandosi persino trasformato in un australopiteco) fino alle forme di vita elementari, col rischio di vedere il proprio corpo regredire alla materia primordiale dell'epoca della formazione del Big bang.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

La regia del film fu inizialmente affidata ad Arthur Penn.[2]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Influenza culturale[modifica | modifica wikitesto]

Il film ha reso popolare al grande pubblico la tecnica della vasca di deprivazione sensoriale, che è stata ripresa in numerose opere televisive e non, in senso fantascientifico o solo umoristico, con frequenti riferimenti al film.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ STATI DI ALLUCINAZIONE - Morandini Dizionario del cinema - Sky Cinema- Sky, su cinema.sky.it. URL consultato il 1º maggio 2015.
  2. ^ Altered States (1980) - Trivia - IMDb
  3. ^ (EN) Winners & Nominees 1981, su goldenglobes.com. URL consultato il 21 dicembre 2017.
  4. ^ (EN) The 53rd Academy Awards | 1981, in Oscars.org | Academy of Motion Picture Arts and Sciences. URL consultato il 21 dicembre 2017.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]