Piccola peste

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Piccola peste
Titolo originale Problem Child
Lingua originale inglese
Paese di produzione Stati Uniti d'America
Anno 1990
Durata 81 min
Colore colore
Audio sonoro
Rapporto 1,85:1
Genere commedia
Regia Dennis Dugan
Soggetto Scott Alexander, Larry Karaszewski
Sceneggiatura Scott Alexander, Larry Karaszewski
Produttore Robert Simonds
Casa di produzione Universal, Imagine Entertainment
Distribuzione (Italia) Universal
Fotografia Peter Lyons Collister
Montaggio Mike Hill, Daniel P. Hanley
Effetti speciali Jack Bennett
Musiche Miles Goodman
Scenografia George Costello
Costumi Eileen Kennedy
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Piccola peste (Problem Child) è un film del 1990 diretto da Dennis Dugan.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Junior è un bambino di sette anni che è stato abbandonato quando era ancora in fasce. Man mano che cresce, il suo difetto si mostra quello di avere un carattere estremamente vivace e pestifero e per questo motivo è stato rimandato indietro da ben trenta famiglie che hanno provato ad adottarlo. Quando non è in famiglia, Junior si diletta a far impazzire le suore dell'istituto, le quali, disperate, non sanno più cosa fare con lui, e sono consapevoli che nessuna famiglia vorrà mai più prenderlo con sé. Un giorno, però, Ben Healy e sua moglie Flo scoprono di non poter avere figli e questo li conduce alla decisione estrema di un'adozione.

Ansiosi di sbolognare Junior a qualcuno, né le suore né il direttore si curano di informare gli Healy circa l'indole del piccolino, giacché per Healy, che non sa ancora cosa voglia dire essere un genitore, si preparano tempi durissimi. Junior si comporterà malissimo: insofferente all'autorità di Ben e Flo farà in modo, con i suoi scherzi, di farsi detestare da qualsiasi anima che viva in città. La realtà è che lui cerca soltanto attenzione e comprensione, dato che per le altre famiglie era stato fin troppo facile restituirlo invece che impegnarsi a modellare il suo carattere. Junior sottopone Ben a umiliazioni continue, convinto che anche lui si arrenderà, ma con sua grande sorpresa scoprirà che Healy non ha alcuna intenzione di abbandonarlo; il bambino, dunque, per la prima volta inizia a sentirsi amato. Nel frattempo si è dimenticato che, mentre era in orfanotrofio, aveva scritto ad un criminale chiedendogli di incontrarlo.

Quest'ultimo, pensando che la lettera sia stata scritta da un adulto, evade dal carcere per incontrare il soggetto in questione, ma va su tutte le furie quando, arrivato in casa Healy, scopre di essere evaso per un moccioso di sette anni. Flo inizia a mal sopportare Junior, in quanto non rispecchia il figlio che lei si aspettava di avere, e si trova d'accordo con il padre di Ben, Big Ben, un riccone che ama circondarsi di giovinette (candidato alla carica di sindaco) e che detesta il ragazzino. Il criminale Marty seduce Flo e scappa con lei e Junior, chiedendo a Ben centomila dollari come riscatto per lasciarli andare. Dapprima Ben è felicissimo di essersene liberato, ma essendosi legato a Junior, decide di andarselo a riprendere, mentre Junior capisce che Marty si comporta molto male con lui. Ben paga il riscatto e Marty sembra non stare al patto, ma Junior riesce a scappare dal criminale riunendosi al padre. Marty viene arrestato, ma prima di essere portato via dalla polizia riesce a sparare un colpo di pistola a Ben, che si salva poiché il proiettile viene fermato da una spilla e da una prugna secca (che Ben aveva regalato a Junior). Alla fine Ben lascerà Flo e inizierà la sua vita da solo con Junior.

Personaggi[modifica | modifica wikitesto]

  • Junior: orfanello abbandonato dalla madre quando era solo un neonato, è stato più e più volte rifiutato da ogni famiglia che lo aveva adottato a causa del suo carattere eccessivamente vivace, che lo porta a giocare scherzi terribili a coloro che lo circondano, nonché tremende vendette verso coloro che lo offendono in qualsiasi maniera, e per questo motivo riportato all'orfanotrofio per ben 30 volte ed è temuto e detestato dalle suore che gestiscono l'istituto. In realtà sotto il suo carattere pestifero si cela un desiderio disperato di ricevere affetto, avere una vera famiglia ed essere amato. Nonostante la sua giovane età è dotato di notevole intelligenza ed inventiva, che adopera per le sue marachelle. Ha un odio particolare per i pagliacci.
  • Little Ben Healy: gentile e bonaccione, e per questo denigrato dalla moglie, da suo padre e dai suoi vicini di casa, adotta Junior affezionandosi molto a lui, e fa di tutto per comportarsi da buon padre, rimanendo però sconvolto dal temperamento vivace del figliastro, al punto da decidere di riportarlo all'orfanotrofio. Si rende conto solo in seguito che il bambino in realtà gli vuole molto bene, e rischierà la vita per salvarlo alla fine del film. È allenatore di una squadra di baseball Under 12.
  • Florence Healy: moglie di Ben, è una donna frivola e superficiale, che vede Junior come un trofeo da esibire per farsi bella agli occhi dei vicini, piuttosto che come un figlio da accudire e amare. A differenza del marito, mal sopporta da subito il carattere di Junior, e non ci metterà molto a detestarlo. Non ha inoltre alcun rispetto per il marito, che considera un uomo debole e senza carattere (al punto da tradirlo con Martin);
  • Big Ben Healy: padre di Ben, è un ricco imprenditore che vuole candidarsi come sindaco della città. Cinico, disonesto e avido, ha ancora meno rispetto e considerazione di Flo per il figlio, che disprezza perché, a differenza sua, si è sempre rifiutato di ricorrere a mezzi disonesti per raggiungere il successo. Odia Junior ancora più di Flo e non manca di consigliare a Ben di sbarazzarsene. Perde le elezioni quando, grazie al figlio, si rivela ai cittadini di Cold River per la persona approfittatrice e disonesta che è veramente.
  • Dottor Igor Peabody: direttore e psicologo comportamentale dell'orfanotrofio St. Brutus. Imbroglione e bugiardo, su richiesta delle esasperate suore, fa sempre di tutto per liberarsi di Junior, convincendo con menzogne e scuse numerose coppie in cerca di un figlio da adottare a prenderlo con loro (proprio come fa con Ben e Flo) per poi vederselo sistematicamente riportare indietro dagli esasperati genitori adottivi.
  • Martin Beck: noto anche come "l'assassino con il papillon", per via del farfallino che indossa, è un pericoloso assassino seriale che, all'inizio del film viene arrestato dopo essere evaso. Aggressivo, folle e completamente senza scrupoli (al punto da spaventare ben tre Stati e da essere temuto da tutti i detenuti e perfino dai secondini del carcere dov'è recluso), suscita l'ammirazione sconfinata di Junior, che intrattiene una corrispondenza con lui e comincia a indossare il papillon per assomigliargli. Convinto di stare comunicando con un pericoloso criminale, evade nuovamente per stringere alleanza con lui, rimanendo deluso e furioso nello scoprire che il "criminale" non è altro che un bambino di sette anni. Rapisce sia Junior che Flo (dopo aver sedotto quest'ultima), per farsi pagare un riscatto da Ben. Come Junior, odia particolarmente i clowns.
  • Roy: antipatico e spaccone vicino di casa degli Healy, padre di sei bambini (oltre ad un settimo in arrivo), si finge amico di Ben, non perdendo mai occasione di lanciargli frecciatine o umiliarlo (come quando noleggia per Ben e Junior un posto al campeggio accanto ai gabinetti pubblici o rimarcandogli di essere divenuto padre di una numerosa famiglia). Come Ben, è anche lui allenatore di una squadra giovanile di baseball, che batte spesso quella allenata da Ben e che, per aver insultato Junior, viene "massacrata" dallo stesso Junior a colpi di mazza da baseball.
  • Lucy: bimba coetanea di Junior, molto prepotente e viziata, discrimina Junior per il suo essere stato adottato, e lo invita molto malvolentieri alla sua festa di compleanno su insistenza della madre. Durante la festa prende in giro Junior e lo esclude dallo spettacolo di magia organizzato dai genitori, e Junior si vendica rovinandole la festa con una serie di pesanti scherzi.
  • Madre superiora: arcigna e autoritaria suora dell'orfanotrofio St. Brutus, odia particolarmente Junior, e non manca di infliggergli punizioni per le sue marachelle. Dopo uno scherzo che le è addirittura costato un infortunio, fa pressione assieme alle altre sorelle sul dottor Peabody affinché gli trovi una famiglia e lo mandi via una volta per tutte dall'istituto.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Le riprese si sono svolte dal 2 ottobre al 24 novembre 1989.[1]

Sequel[modifica | modifica wikitesto]

Il film ha avuto due sequel: Piccola peste torna a far danni (1991) e Piccola peste si innamora (1995). Michael Oliver, John Ritter e Amy Yasbeck hanno partecipato solo al secondo capitolo, anche se quest'ultima ha un ruolo diverso dal primo film. Jack Warden e Gilbert Gottfried invece sono comparsi in entrambi i sequel. Inoltre, nel 1993, è stata realizzata anche una serie animata: Junior combinaguai.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Box office / incassi per Piccola peste (1990), Internet Movie Database. URL consultato il 31 maggio 2013.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema