Gremlins

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Gremlins (disambigua).
Gremlins
Gremlins.JPG
Una scena del film
Paese di produzioneUSA
Anno1984
Durata106 min
Generefantastico, commedia, orrore
RegiaJoe Dante
SoggettoChris Columbus
SceneggiaturaChris Columbus
ProduttoreMichael Finnell
Produttore esecutivoSteven Spielberg, Frank Marshall
Distribuzione (Italia)Warner Bros.
FotografiaJohn Hora
MontaggioTina Hirsch
Effetti specialiBob MacDonald Jr., Robert MacDonald, Richard Ratliff, Ken Speed, Chris Walas
MusicheJerry Goldsmith, Noel Regney
ScenografiaJackie Carr
Interpreti e personaggi
Doppiatori originali
Doppiatori italiani

Gremlins è un film del 1984, diretto da Joe Dante, su sceneggiatura di Chris Columbus. Steven Spielberg è il produttore esecutivo. Il film oltre a essere stato un grande successo ha anche ottenuto positivi riscontri da parte della critica, in particolare per il suo perfetto bilanciamento tra commedia e horror.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

A Kingston Falls, un centro abitato dell'America settentrionale, mancano pochi giorni a Natale e uno dei suoi cittadini, l'inventore Rand Peltzer, cerca un regalo per suo figlio Billy, un ragazzo che lavora come bancario e artista. Rand finisce in un negozio a Chinatown e trova quello che cerca: un "mogwai", una tenera e adorabile creaturina, pelosa e intelligente. Il proprietario del negozio, Wing, si rifiuta di venderglielo, ma suo nipote, di nascosto, glielo dà con l'avvertenza di attenersi a tre semplici regole, senza spiegarne tutte le motivazioni:

  • non esporlo alla luce forte, che lo irriterebbe e in particolare a quella del sole, che lo ucciderebbe;
  • mai bagnarlo;
  • mai nutrirlo dopo la mezzanotte.

Il mogwai viene chiamato Gizmo e regalato a Billy come suo nuovo animale da compagnia. La prima regola (tenerlo lontano dalla luce forte) viene disattesa quando la madre di Billy gli scatta una foto: il flash abbaglia Gizmo che impazzisce per pochi secondi. La seconda viene disattesa quando Pete, amico di Billy, rovescia accidentalmente un bicchiere d'acqua su Gizmo, facendo nascere con una sorta di riproduzione asessuata altri cinque mogwai dall'aria agitata, capeggiati dall'aggressivo Ciuffo Bianco. La terza viene disattesa quando i nuovi arrivati tranciano di nascosto il filo della corrente della sveglia posta sul comodino inducendo Billy a dare loro del cibo facendogli credere che non sia ancora passata la mezzanotte. Una volta mangiato, i mogwai formano dei bozzoli nei quali si trasformano in "gremlin", orribili mostriciattoli verdi, molto pericolosi e vandalici.

La loro prima vittima è un ricercatore, il prof. Hanson, che aveva ricevuto da Billy uno dei mogwai con lo scopo di farglielo studiare, ma che era stato attaccato dalla sua stessa creatura trasformata rimanendo ucciso. Billy ne scopre il cadavere e cerca di chiedere aiuto, ma viene ferito alla mano dal mostro. Si rifugia in infermeria dove incontra di nuovo il gremlin (nascosto in un armadietto) ma quest'ultimo riesce a fuggire. Anche la madre di Billy fa la conoscenza di queste terribili creature quando sale nella camera del figlio e ne scopre i bozzoli schiusi, per poi uccidere tre di loro. Il quarto gremlin cerca di strangolarla ma Billy, arrivato appena in tempo, brandisce una spada e lo uccide. Ciuffo Bianco, avendo perso i suoi compagni, fugge e Billy, dopo aver portato la madre ferita dal vicino, si mette sulle sue tracce arrivando in una scuola di nuoto dove il mostriciattolo si tuffa in una piscina, moltiplicandosi; Billy capisce che la situazione è estremamente grave e fugge, mentre i mostri sono pronti a invadere la città e a seminare distruzione. Billy, dopo essersi diretto alla stazione di polizia, cerca inutilmente di far capire allo sceriffo che la città è in pericolo e che i gremlin fanno passare le loro aggressioni e i loro sabotaggi come incidenti. Durante la notte i gremlin causano la morte di varie persone, tra le quali lo stesso sceriffo, la cui auto entra in collisione con un furgoncino guidato da un gremlin.

Quindi i gremlin si riuniscono nella taverna in cui lavora Kate, fidanzata ufficiosa di Billy, che viene costretta a servire loro da mangiare e da bere mentre i mostri fanno festa devastando il locale. Kate riesce a fuggire stordendoli con il flash della macchina fotografica: si ricongiunge con Billy e fa la conoscenza di Gizmo. I tre si rifugiano nella banca dove lavora Billy.

Usciti dalla banca, si accorgono che la città è piombata nel silenzio e scoprono che i gremlin sono intenti a guardare Biancaneve e i sette nani nel cinema locale. Billy apre le valvole del gas facendo esplodere l'edificio e uccidendoli tutti, tranne Ciuffo Bianco (entrato in un centro commerciale per sfamarsi) che scappa dopo aver ferito Billy a un braccio con la freccia scagliata da una balestra. Nel centro commerciale Ciuffo Bianco trova un revolver e una fontana zampillante acqua nella quale cerca di riprodursi. Sopraggiunge Billy che viene allontanato a colpi di pistola andati fortunatamente a vuoto. Il gremlin sta per infilarsi nell'acqua quando arriva Gizmo su una macchina giocattolo e spalanca un lucernario, facendo entrare la luce del sole e provocando così il dissolvimento di Ciuffo Bianco. Rand e Barney (il cane del ragazzo) li raggiungono sul posto.

Nella scena finale Wing va dai Peltzer per riprendersi Gizmo, rimproverandoli per la loro imprudenza e sostenendo che il mondo occidentale non è ancora pronto, anche se un giorno Billy potrebbe essere degno di prendersi cura di Gizmo, cosa che pensa lo stesso Gizmo evidentemente affezionatosi a Billy. Wing infine si allontana con Gizmo al seguito.

Il film si chiude con la voce di Rand che narra come la storia sia finita e ci invita a ispezionare accuratamente le nostre case: se ci capitano strani eventi un gremlin potrebbe aggirarsi tra di noi.

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Il film ricevette 5 Saturn Award nel 1985: miglior film horror, miglior regia, miglior attrice non protagonista (Polly Holliday), miglior colonna sonora e migliori effetti speciali.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1943 Roald Dahl scrisse un libro per bambini intitolato I Gremlins e ne ricavò una sceneggiatura per un progetto avviato con la Disney che non vide mai la luce. Chris Columbus ha tratto l'ispirazione dal soggetto di tale film. La sceneggiatura iniziale di Columbus era molto più orrorifica e prevedeva una scena in cui la madre di Billy viene uccisa dai gremlin e la sua testa fatta rotolare per le scale, un'altra in cui il cane di famiglia finisce divorato dai gremlin e una in cui i gremlin assaltano un McDonald's mangiandone i clienti e rifiutandone gli hamburger.

Distribuzione e incassi[modifica | modifica wikitesto]

Gremlins è stato un inaspettato successo commerciale. Costato circa 11 milioni di dollari, cifra all'epoca non particolarmente alta, incassò nell'anno della sua uscita nei soli Stati Uniti 148 milioni di dollari, diventando il quarto incasso del 1984 dopo blockbuster quali Beverly Hills Cop, Ghostbusters e Indiana Jones e il tempio maledetto. Nel 1985 un nuovo passaggio nei cinema assestò l'incasso sui 153 milioni di dollari, che è il secondo incasso assoluto del genere commedia horror dopo Scary Movie.

Il circuito home video portò ulteriori 80 milioni di dollari. In Italia il film è uscito in DVD nel 2000. Non è stata distribuita la special edition del 2002 contenente tra gli altri due commenti, le scene tagliate, un dietro le quinte oltre ai consueti trailer.

Sequel e merchandising[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1990 Joe Dante girò il sequel Gremlins 2 - La nuova stirpe. Nonostante il budget molto ricco di 50 milioni di dollari, il film rimase molto lontano per ispirazione e per incassi dal primo.

Gremlins e il suo sequel sono ancora oggi al centro di una vasta campagna di merchandising. I prodotti comprendono vari tipi di peluches, action figure, giochi da tavolo.

Diversi videogiochi legati a queste creature sono stati prodotti a partire dal 1985:

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema