Ricky Tognazzi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ricky Tognazzi sul set della miniserie Mia madre (2010)

Ricky Tognazzi, all'anagrafe Riccardo Tognazzi (Milano, 1º maggio 1955), è un attore, regista, sceneggiatore e produttore cinematografico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio degli attori Ugo Tognazzi (1922-1990) e Pat O'Hara (1933-2018), Ricky ha tre fratellastri, nati dai due successivi matrimoni del padre: Thomas Robsahm, Gianmarco e Maria Sole Tognazzi. Dopo essere stato coniugato con Flavia Toso, da cui ha avuto la figlia Sarah, nel 1995 si è sposato con l'attrice, doppiatrice, sceneggiatrice e regista Simona Izzo. Dopo aver frequentato sin da piccolo molti set cinematografici grazie al padre (che poi lo vorrà per qualche comparsata in alcuni suoi film), studia in Inghilterra e poi al DAMS dell'Università di Bologna, e si diploma nel 1975 presso l'Istituto di Stato per la Cinematografia e Televisione "Roberto Rossellini" di Roma. Inizia a lavorare come aiuto regista per Luigi Comencini, Pupi Avati e Maurizio Ponzi.

Nel 1987 debutta come regista con Fernanda, episodio della serie TV Piazza Navona progettata da Ettore Scola, per poi confermarsi tra gli autori cinematografici italiani della sua generazione con Piccoli equivoci (1989), Ultrà (1990), La scorta (1993), Vite strozzate (1996), Canone inverso - Making Love (2000), Il padre e lo straniero (2010), Tutta colpa della musica (2011) e, assieme a Simona Izzo, Io no (2003). Successivamente torna a girare per il piccolo schermo le fiction I giudici - Excellent Cadavers (1998), Il papa buono (2003), L'isola dei segreti - Korè (2009), Mia madre (2010), Il caso Enzo Tortora - Dove eravamo rimasti? (2012), Pietro Mennea - La freccia del Sud (miniserie del 2015), Boris Giuliano - Un poliziotto a Palermo (2016), La vita promessa (2018), L’amore strappato (2019) e Svegliati amore mio (2021).

Tra le sue interpretazioni si ricordano invece La famiglia (1986) dello stesso Scola; Una storia semplice (1991) di Emidio Greco; Maniaci sentimentali (1994) e Tutte le donne della mia vita (2007) di Simona Izzo; Il cielo in una stanza (1999) e In questo mondo di ladri (2004) di Carlo Vanzina; I giorni dell'amore e dell'odio (2001) di Claver Salizzato. Tifoso del Milan, come il padre, nel 1997 è la voce narrante nel brano Ieri, prima traccia del CD Ulisse della Premiata Forneria Marconi, mentre nel 2016 mette in scena lo spettacolo teatrale Figli, mariti, amanti... (il maschio superfluo), scritto da Simona Izzo e realizzato dal produttore Angelo Tumminelli.

Ricky Tognazzi è dichiaramente ateo[1] anche se ammira alcune figure religiose come san Tommaso, papa Giovanni XXIII e papa Francesco.[2]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Attore[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Videoclip[modifica | modifica wikitesto]

Regista[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatore[modifica | modifica wikitesto]

Pubblicità[modifica | modifica wikitesto]

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Festival internazionale del cinema di Berlino[modifica | modifica wikitesto]

David di Donatello[modifica | modifica wikitesto]

Ciak d'oro[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Alisa Toaff, Covid: Tognazzi, 'cinema non riaprono? manca volontà, per anima importanti come chiese', su OlbiaNotizie, AdnKronos, 11 marzo 2021. URL consultato il 24 luglio 2021.
  2. ^ Lucio Giordano, Credo in Dio ma solo in TV, nella vita sono ateo, in Dipiù, n. 30, 30 luglio 2021, pp. 98-101.
  3. ^ Enrico Lancia, Ciak d'oro, in I premi del cinema, I grandi dizionari economici, prefazione di Claudio G. Fava, Roma, Gremese, 1998, p. 277, ISBN 88-7742-221-1. URL consultato il 13 aprile 2020.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN61383203 · ISNI (EN0000 0001 1473 4919 · SBN IT\ICCU\RAVV\101728 · LCCN (ENnr00020155 · GND (DE141639180 · BNF (FRcb142334831 (data) · BNE (ESXX1174399 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-nr00020155