F. Murray Abraham

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
F. Murray Abraham nel 2009
Statuetta dell'Oscar Oscar al miglior attore 1985

F. Murray Abraham, all'anagrafe Murray Abraham[1] (Pittsburgh, 24 ottobre 1939), è un attore statunitense.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Abraham è nato a Pittsburgh, in Pennsylvania, il 24 ottobre del 1939 da Frederick Abraham, un meccanico siriano di etnia assira[2] e di religione siro-ortodossa, emigrato negli Stati Uniti nel corso degli anni venti, e da Josephine Stello, una casalinga statunitense figlia di immigrati italiani[3] originari della Calabria. È cresciuto ad El Paso (in Texas)[3].

Abraham ha raggiunto grande notorietà in Italia per aver interpretato i ruoli di Jacopo nel Marco Polo (1982) di Giuliano Montaldo e dell'Innominato ne I Promessi Sposi (1989) di Salvatore Nocita.

Le sue interpretazioni cinematografiche sono numerose, quasi mai nel ruolo di protagonista e spesso in quello del villain, come Omar Suarez, il trafficante di droga in Scarface (1983) di Brian De Palma.

Grazie alla sua interpretazione di Antonio Salieri nel film Amadeus (1984)[4] di Miloš Forman si è aggiudicato l'Oscar al miglior attore protagonista[5]. Ha in seguito interpretato il terribile inquisitore Bernardo Gui ne Il nome della rosa (1986)[4]. Nel 1989 ha recitato nel film Un uomo innocente, al fianco di Tom Selleck[4], dove interpreta un ergastolano detenuto in un carcere di massima sicurezza. Tuttavia, nonostante il successo e il premio Oscar, in campo hollywoodiano ha proseguito sporadicamente la carriera, privilegiando invece il teatro e preferendo produzioni più modeste, soprattutto ultimamente, negli anni della maturità.

In Star Trek: L'insurrezione (1998), ha interpretato l'antagonista del capitano Jean-Luc Picard.

Negli ultimi anni ha stretto un sodalizio artistico con il regista italiano Renzo Martinelli, con cui ha girato cinque film: Piazza delle Cinque Lune (2003), Il mercante di pietre (2006), Carnera - The Walking Mountain (2008), Barbarossa (2009) e 11 settembre 1683 (2013)

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

È sposato dal 1962 con Kate Hannan e ha due figli: Jamili e Mick.

Filmografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatori italiani[modifica | modifica wikitesto]

Nelle versioni in italiano dei suoi film, F. Murray Abraham è stato doppiato da:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ name=nrmref1Getting to Know F. Murray Abraham | LA STAGE TIMES
  2. ^ F. Murray Abraham, Oscar Winner, Seeks Tolerance Through Arts. America.gov (2006-09-20). Retrieved on 2012-10-15.
  3. ^ a b Andrew Salomon, The Lion in Winter, Backstage.com, 15 febbraio 2007. URL consultato il 15 febbraio 2007 (archiviato dall'url originale il 4 marzo 2007).
  4. ^ a b c Come da scheda su Imdb
  5. ^ Awards for F. Murray Abraham. URL consultato il 23 maggio 2011.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Oscar al miglior attore Successore
Robert Duvall
per Tender Mercies - Un tenero ringraziamento
1985
per Amadeus
William Hurt
per Il bacio della donna ragno
Controllo di autorità VIAF: (EN84953782 · LCCN: (ENn88027458 · ISNI: (EN0000 0000 7839 7053 · GND: (DE121644561 · BNF: (FRcb14001688v (data)