Last Action Hero - L'ultimo grande eroe

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Last Action Hero - L'ultimo grande eroe
Last Action Hero - L'ultimo grande eroe.jpg
Arnold Schwarzenegger in una scena del film.
Titolo originaleLast Action Hero
Paese di produzioneStati Uniti
Anno1993
Durata130 min
Generecommedia, azione, fantastico
RegiaJohn McTiernan
SoggettoZak Penn, Adam Leff
SceneggiaturaShane Black, David Arnott
Casa di produzioneColumbia Pictures
FotografiaDean Semler
MontaggioJohn Wright
Effetti specialiThomas L. Fisher
MusicheMichael Kamen
ScenografiaEugenio Zanetti
Interpreti e personaggi
Doppiatori originali
Doppiatori italiani

Last Action Hero - L'ultimo grande eroe (Last Action Hero) è un film commedia d'azione del 1993, diretto da John McTiernan e interpretato da Arnold Schwarzenegger e Austin O'Brien.

La pellicola ironizza sui cliché dei film d'azione, presentando diverse parodie e riferimenti tipici al genere.[1] Prodotto con un budget per l'epoca altissimo di 85 milioni di dollari, il film ne ricavò solamente 50 al botteghino negli Stati Uniti.[2] Tuttavia recuperò parzialmente con gli incassi nel resto del mondo e le successive vendite in home video.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Danny Madigan, 12 anni, è un grande fan di Jack Slater, eroe del cinema d'azione, del quale conosce tutti i film a memoria. Il suo unico vero amico, un anziano proiezionista di un cinema, gli regala un biglietto magico avuto dal grande mago Harry Houdini in persona. In attesa dell'uscita dell'ultimo film della serie di Jack Slater, Nick gli propone di vederlo prima dell'uscita nelle sale, al solito cinema a mezzanotte.

Il biglietto rivela i suoi poteri misteriosi poco dopo l'inizio del film, catapultando letteralmente il giovane Danny nell'automobile del suo eroe a godersi lo spettacolare inseguimento e le scene di acrobazia. La conoscenza che il ragazzo ha di particolari dovuti alla previa visione del film incuriosisce Dekker, il nevrotico capo di Jack, che decide di affiancare Danny a Jack, e insospettisce Benedict, perfido killer al servizio del mafioso Tony Vivaldi, che irrompe a casa Slater, sottrae il biglietto e riesce a sfuggire al detective, rientrato nel frattempo.

Benedict organizza un funerale molto speciale ad un mafioso ucciso al posto del suo capo, Leo la Scorreggia, che in omaggio alle passate qualità viene riempito di gas nervino che dovrebbe annientare tutta la gang rivale di Vivaldi. Jack, con l'aiuto di Danny, che si arrangia a manovrare una grossa gru, riesce a far cadere Leo in uno stagno di catrame che frena la diffusione del gas. Benedict fa fuori Vivaldi e braccato da Slater, usa il biglietto e si trasferisce nel mondo reale, seguito da Jack e Danny. Mentre Benedict scopre che nella realtà di New York i delitti restano impuniti, Jack vede le sue doti acrobatiche e atletiche molto ridotte rispetto alla finzione cinematografica.

Per giustificare la scomparsa da casa di Danny, Slater si finge un poliziotto con la madre di lui. Alla prima del nuovo film di Slater, Benedict tenta di uccidere il vero Schwarzenegger servendosi dello Squartatore, fatto "uscire" dal relativo film. Jack e Danny vengono salvati in extremis da un gatto-cartoon dal tradimento di John Practice, agente FBI: Slater riesce a uccidere lo Squartatore, a salvare Danny gettato dal tetto da quest'ultimo e ad eliminare Benedict ma rimane ferito. Tra la varie comparse famose che interpretano se stesse, Danny incontra addirittura la Morte de Il settimo sigillo di Ingmar Bergman, grazie alla quale riuscirà a far tornare Slater nel mondo immaginario dei suoi film dove ogni ferita all'eroe, per quanto possa sembrare grave è solo un graffio. Questo infatti è il responso del medico che visita Slater appena ritorna nel suo mondo.

Personaggi principali[modifica | modifica wikitesto]

Jack Slater[modifica | modifica wikitesto]

«Essere o non essere? Non essere.»

(Jack Slater, in una immaginaria interpretazione di Amleto)

Jack è il prototipo dell'antieroe dei film d'azione degli anni '80 e '90. È sprezzante del pericolo e si trova continuamente coinvolto in "folli avventure", riuscendo sempre a sopravvivere. Dotato di un fisico imponente e di abilità fuori dal comune, spesso si prende gioco dei suoi nemici, mostrandosi spavaldo e sicuro di sé, e lasciandosi andare a battute sarcastiche. Jack è un poliziotto e il suo capo, il sergente Dekker, non lo sopporta visto che i suoi modi di agire bruschi causano molti danni collaterali. Indossa sempre gli stessi abiti, e porta con sé una quantità spropositata di armi, assieme all'immancabile sigaro. Per spostarsi non utilizza i normali veicoli della polizia, ma una muscle car decappottabile color oro, o un enorme monster truck di colore nero con fiamme.

Danny Madigan[modifica | modifica wikitesto]

È il prototipo del ragazzino appassionato di film d'azione. Jack Slater è il suo eroe preferito, al punto che conosce tutti i suoi film e tutte le sue battute. Arriva tardi a scuola pur di assistere in anteprima al suo nuovo film. Nella vita non ha molti amici e spesso sogna di fare da spalla al suo eroe.

Benedict[modifica | modifica wikitesto]

È un killer cinico, perfezionista e spietato, abile con le pistole e dotato di una incredibile mira. Ha un occhio di vetro, che a volte sostituisce a seconda dello stato umorale. Non sopporta il comportamento del suo capo, e soprattutto il suo modo di parlare.

Tony Vivaldi[modifica | modifica wikitesto]

È un boss della mafia siciliana, impegnato in traffici illeciti e in una guerra tra famiglie per la supremazia territoriale. Il suo modo di esprimersi, a tratti grottesco, desta le ire di Benedict, che di nascosto lo chiama "scemotto".

Camei e citazioni[modifica | modifica wikitesto]

Numerosissimi i riferimenti e le citazioni presenti in questa pellicola, oltre a tutta una serie di camei e comparsate di divi del cinema che interpretano se stessi, quali Sharon Stone, Robert Patrick, Anthony Quinn, James Belushi, Jean-Claude Van Damme, Damon Wayans, Tina Turner, Little Richard.

  • L'insegnante che mostra ai suoi alunni un video di Laurence Olivier è interpretata da Joan Plowright, vedova del famoso attore.
  • Nella scena del Blockbuster si possono intravedere alcuni film come Dracula di Bram Stoker, Interceptor - Il guerriero della strada. Anche pellicole del regista McTiernan, tra cui Trappola di cristallo, Caccia a Ottobre Rosso e Mato Grosso. C'è anche il poster di un improbabile Terminator interpretato da Sylvester Stallone. Nel film Demolition Man il favore viene ricambiato, quando al protagonista Stallone viene detto che, durante l'ibernazione del suo personaggio, Schwarzenegger era diventato presidente degli Stati Uniti (anche se Stallone commenta la notizia in maniera ironica).
  • I nomi dei cattivi di Jack Slater III e IV, lo Squartatore e Tony Vivaldi, sono chiari riferimenti a Jack lo squartatore e al compositore italiano Antonio Vivaldi.
  • Quando Jack Slater incontra il collega John Practice, Danny gli spiega che l'attore che lo interpreta (F. Murray Abraham) "ha ucciso Mozart" nel film Amadeus, in cui interpretava Antonio Salieri.
  • Durante la visione del film si può notare che i personaggi citano alcuni importanti kolossal del cinema come Via col vento e Rosemary's Baby - Nastro rosso a New York; vengono citati inoltre altri personaggi cinematografici come Indiana Jones, Freddy Krueger, King Kong e Frankenstein.
  • Nella presentazione del film Jack Slater IV compare come produttore esecutivo un vecchio amico di Schwarzenegger, Franco Columbu, culturista e interprete di 'particine' in altri film interpretati dal futuro Governatore della California come Conan il barbaro e Terminator.
  • Nella scena della lezione a scuola Austin O'Brien immagina Schwarzenegger che interpreta una parodia dell'Amleto di William Shakespeare.
  • Nello stesso momento in cui Jack Slater sta entrando nella stazione di polizia, ne escono un poliziotto interpretato da Robert Patrick, omaggio al celebre personaggio del T-1000 de Terminator 2 - Il giorno del giudizio, e Sharon Stone nei panni della scrittrice assassina di Basic Instinct.
  • La scena in cui Danny vola con la bicicletta stagliandosi contro la luna piena è un’evidente citazione di E.T. l'extra-terrestre di Steven Spielberg.
  • Nella sequenza dell'esplosione in cui muoiono il cugino di Jack Slater e due agenti di polizia, uno di questi ultimi prima di morire dice che gli mancavano due giorni alla pensione, citazione inversa ad una scena di Arma Letale 3 in cui uno dei due protagonisti si salva da uno scontro a fuoco e ricorda che gli mancano 3 giorni alla pensione (Shane Black, uno dei due sceneggiatori del film, è l'autore del primo Arma letale).
  • La scena di Jack Slater che fuoriesce dalla pozza di catrame con la faccia tutta coperta ricorda il finale del film Predator in cui il personaggio di Schwarzenegger usciva da un fiume con il corpo e la faccia coperti di fango. In quel film il regista era lo stesso John McTiernan e lo sceneggiatore Shane Black, che interpretava uno dei personaggi secondari, ha riscritto alcuni dialoghi del copione.

All'interno del film sono presenti circa 50 diversi modelli di armi da fuoco, alcune delle quali rare o in edizione speciale.[3]

Colonna sonora[modifica | modifica wikitesto]

  1. Big Gun – 4:24 – AC/DC
  2. What the Hell Have I – 3:58 – Alice in Chains
  3. Angry Again – 3:47 – Megadeth
  4. Real World – 4:21 – Queensrÿche
  5. Two Steps Behind – 4:19 – Def Leppard
  6. Poison My Eyes – 7:04 – Anthrax
  7. Dream On (Live) – 5:42 – Aerosmith
  8. A Little Bitter – 3:53 – Alice in Chains
  9. Cock the Hammer – 4:11 – Cypress Hill
  10. Swim – 4:13 – Fishbone
  11. Last Action Hero – 5:44 – Tesla
  12. Jack and the Ripper – 3:43 – Michael Kamen feat. Buckethead

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Parlando dell'insuccesso di Last Action Hero, nel 2017 Arnold Schwarzenegger ha incolpato il presidente Bill Clinton: "Non dimenticate che l'anno in cui uscì il film era l'anno in cui bisognava prendersela con Arnold. Clinton era stato eletto presidente e la stampa rese tutto politico, dicevano: okay, gli eroi d'azione anni Ottanta sono finiti, ecco un esempio perfetto, diffusero quest'idea prima che nessuno avesse la possibilità di vedere il film. Dicevano: l'era dell'action hero è finita, è arrivato Bill Clinton, ora vanno i film di livello, non potevo vincere".[4]

Il film è stato accolto tiepidamente dalla critica e dal pubblico, tanto da guadagnarsi in breve tempo lo status di flop cinematografico.[5] I motivi furono una produzione travagliata, in cui la sceneggiatura di partenza di Zak Penn e Adam Leff venne riscritta da Shane Black,[6] e una campagna pubblicitaria mastodontica che fece lievitare ulteriormente i costi del budget. La Columbia Pictures spese infatti mezzo milione di dollari solo per comprare uno spazio pubblicitario per il film sulla fiancata di un missile della NASA.[7] Last Action Hero venne pubblicizzato come uno dei maggiori blockbuster dell'estate, facendo leva sul grande successo ottenuto da Schwarzenegger con il suo film precedente Terminator 2 - Il giorno del giudizio.[8] L'attore fu pagato 15 milioni di dollari per prendere parte al progetto.[9] Last Action Hero fu inoltre il primo film girato in SDDS (Sony Dynamic Digital Sound), ma all'epoca solo pochi cinema erano in grado di supportare il nuovo sistema audio, e molti di questi riscontrarono problemi tecnici durante la proiezione della pellicola.[10]

Incassi[modifica | modifica wikitesto]

La casa produttrice decise di distribuire la pellicola nei cinema appena una settima dopo il kolossal Jurassic Park di Steven Spielberg,[11] diventato uno dei film con maggiori incassi nella storia del cinema.

Il film esordì al secondo posto del botteghino statunitense alle spalle di Jurassic Park durante il weekend del 18-20 giugno 1993. Gli incassi non furono nemmeno la metà di quelli del suo diretto concorrente, che alla seconda settimana nei cinema riusciva ancora a guadagnare più di 38 milioni di dollari contro i 15 milioni di debutto di Last Action Hero.[12] Nel fine settimana successivo scese al quarto posto, venendo superato da Insonnia d'amore e Dennis la minaccia, con Jurassic Park ancora saldamente in testa.[13] Il film andò leggermente meglio nel resto del mondo e concluse la sua corsa al botteghino con un ricavato totale di 137 milioni di dollari, comunque inferiore alle attese e in grado a malapena di coprire gli ingenti costi di produzione.[2] Negli Stati Uniti fu solamente il 26° maggiore incasso dell'anno,[14] mentre globalmente risultò il 15° film più visto del 1993.[15]

Critica[modifica | modifica wikitesto]

Il film ricevette critiche miste. Il sito Rotten Tomatoes gli ha dato una valutazione pari a 34% basandosi su 47 recensioni, con un punteggio medio di 4.9/10. Il consenso recita: "Last Action Hero ha la maggior parte degli ingredienti giusti per una parodia d'azione ad alto budget, ma il suo tono disordinato e la sua struttura irregolare non fanno che aumentare il caos confuso e caotico".[16] Su Metacritic ha invece un punteggio di 44 basato su 19 recensioni.[17]

Vincent Canby paragonò il film a "uno sketch di due ore del Saturday Night Live" e lo definì "qualcosa di disastroso, ma spesso gradevole".[18] Roger Ebert diede un giudizio di due stelle e mezzo su quattro, scrivendo che nonostante alcuni momenti divertenti, Last Action Hero "sembra più un'idea brillante che un film studiato a fondo".[19] I toni della pellicola, a metà tra comico e action, finirono per scontentare entrambe le fasce di pubblico.[20]

Il regista del film John McTiernan ha successivamente dichiarato: "All'inizio era una splendida storia stile Cenerentola con un bambino di nove anni [...] alla fine non feci nemmeno il film che pensavo di fare. Fu annegato nelle aspettative. Poi fu sputato fuori senza montaggio, praticamente assemblato così come l'avevamo girato. Era in sala cinque o sei settimane dopo aver finito le riprese. Fu un suicidio, stupido, senza nessuna giustificazione. Poi uscire una settimana dopo Jurassic Park... Dio mio! Per esplorare l'abisso delle scelte malsane che furono fatte ci vorrebbe una muta da sub".[21]

Il film fu nominato per ben sei Razzie Awards: peggior film, peggior attore protagonista (Arnold Schwarzenegger), peggior regista, peggior attore esordiente (Austin O'Brien), peggior sceneggiatura, e peggior canzone originale (Big Gun), senza trionfare in nessuna categoria.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) 'Last Action Hero' Can't Deliver As Action Flick, Parody In One, su articles.orlandosentinel.com. URL consultato il 18 novembre 2017.
  2. ^ a b (EN) Last Action Hero (1993), Box Office Mojo. URL consultato l'8 settembre 2018.
  3. ^ (EN) Last Action Hero - Internet Movie Firearms Database, su imfdb.org. URL consultato il 18 novembre 2017.
  4. ^ Per Arnold Schwarzenegger Last Action Hero andò male per colpa di Bill Clinton, Comingsoon.it, 26 ottobre 2017. URL consultato il 10 settembre 2018.
  5. ^ (EN) Kurt Andersen, How To Run a Movie Studio, in Time, 5 luglio 1993. URL consultato l'8 settembre 2018.
  6. ^ (EN) Terry Pristin, SUMMER SNEAKS : Well, They Wanted Action : Brash newcomers Zak Penn and Adam Leff engineered their own industry buzz, landing an agent and a deal for their screenplay. Fame and fortune followed, but with a weird ending, in Los Angeles Times, 16 maggio 1993. URL consultato l'8 settembre 2018.
  7. ^ (EN) David J. Fox, `Action' Promotion Is Out of This World : Movies: Sources said the stunt, in which the movie's logo will be painted on a NASA rocket, will cost Columbia about $500,000., in Los Angeles Times, 3 marzo 1993. URL consultato l'8 settembre 2018.
  8. ^ (EN) Terry Pristin, 'Last Action': Too Many Heroes? : Big-Name Star, Director and Writers--So What Happened?, in Los Angeles Times, 30 giugno 1993. URL consultato l'8 settembre 2018.
  9. ^ (EN) Rick Marin, Battle of the Action Heroes, in The New York Times, 5 maggio 1993. URL consultato l'8 settembre 2018.
  10. ^ (EN) Nancy Griffin e Kim Masters, Hit and run: how Jon Peters and Peter Guber took Sony for a ride in Hollywood, Simon & Schuster. URL consultato l'8 settembre 2018.
  11. ^ (EN) David J. Fox, SUMMER SNEAKS : The Seasonal Sweats : 'Jurassic Park' and 'Last Action Hero' are going to take the summer, no problem. But there are a few other movies that are pretty good bets, in Los Angeles Times, 16 maggio 1993. URL consultato l'8 settembre 2018.
  12. ^ (EN) Weekend Box Office: June 18-20, 1993, su boxofficemojo.com. URL consultato l'8 settembre 2018.
  13. ^ (EN) Weekend Box Office: June 25-27, 1993, su boxofficemojo.com. URL consultato l'8 settembre 2018.
  14. ^ (EN) 1993 Domestic Grosses, su boxofficemojo.com. URL consultato l'8 settembre 2018.
  15. ^ (EN) 1993 Worldwide Grosses, su boxofficemojo.com. URL consultato l'8 settembre 2018.
  16. ^ (EN) Last Action Hero - L'ultimo grande eroe, in Rotten Tomatoes, Flixster Inc. URL consultato l'8 settembre 2018. Modifica su Wikidata
  17. ^ (EN) Last Action Hero - L'ultimo grande eroe, su Metacritic, CBS Interactive Inc. URL consultato l'8 settembre 2018. Modifica su Wikidata
  18. ^ (EN) Vincent Canby, Review/Film: Last Action Hero; A Hero Within and Without, in The New York Times, 18 giugno 1993. URL consultato l'8 settembre 2018.
  19. ^ (EN) Roger Ebert, Last Action Hero, in Chicago Sun-Times, 18 giugno 1993. URL consultato l'8 settembre 2018.
  20. ^ (EN) David J. Fox, 'Sleepless' Surprises Hollywood : Movies: Romantic comedy opens with a strong $17 million; 'Last Action Hero' falls 50% at box office. 'Jurassic Park' collects another $28 million., in Los Angeles Times, 28 giugno 1993. URL consultato l'8 settembre 2018.
  21. ^ (EN) The Extreme Sport of Being John McTiernan, 1º agosto 2001. URL consultato l'8 settembre 2018.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN195831581 · LCCN (ENn93041460 · GND (DE4340434-0
Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema