Indiana Jones

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando la serie di film e opere che riguardano questo personaggio, vedi Indiana Jones (franchise).
Henry Walton Jones, Jr.
Indiana Jones 02.jpg
Indiana Jones nel film I predatori dell'arca perduta
UniversoIndiana Jones
Soprannome
  • Indiana Jones
  • Indy (diminutivo)
  • Junior (diminutivo di suo padre)
  • Jonesy (diminutivo di Mac McHale)
AutoreGeorge Lucas
1ª app. inI predatori dell'arca perduta
Interpretato da
Voci italiane
SpecieUomo
SessoMaschio
Etniastatunitense
Luogo di nascitaPrinceton
Data di nascita1º luglio 1899
Professione

Henry Walton Jones, Jr., meglio noto come Indiana Jones, è un personaggio cinematografico ideato da George Lucas, un archeologo protagonista di una serie di quattro film d'avventura scritti da Lucas e diretti da Steven Spielberg e di una serie televisiva. Il suo ruolo è stato interpretato sul grande schermo dall'attore statunitense Harrison Ford.

Nel giugno 2003 Indiana Jones occupa il 2º posto nella classifica dei 50 migliori eroi cinematografici secondo l'American Film Institute[1]. Il 9 giugno 2020, secondo un sondaggio indetto dalla rivista Empire, è stato eletto come il più grande eroe cinematografico di tutti i tempi[2][3][4].

Ideazione del personaggio[modifica | modifica wikitesto]

Statua di cera di Indiana Jones al museo Madame Tussauds di Londra

Nel 1973 un giovane e neolaureato regista, George Lucas, era alla ricerca di nuove idee e progetti da sviluppare per il grande schermo. La prima ispirazione per il personaggio gli venne da un poster di un vecchio film che gli riportò alla mente gli anni 1930 e i film d'avventura dell'epoca, suggerendogli così la figura di archeologo dal doppio ruolo, quello di preciso e impeccabile professore universitario e quello di avventuriero vestito di giacca di pelle e vecchio borsalino in testa, con la barba incolta e una frusta come arma, in giro per il mondo alla ricerca di antichi reperti e civiltà perdute, capace di superare numerose insidie.

Nel 1977 Lucas parlò a Steven Spielberg, futuro regista della serie, dell'idea avuta quattro anni prima e a poco a poco sviluppata, arrivando già a gettare le basi di una sceneggiatura incentrata sulla ricerca della mitica Arca dell'Alleanza, lo scrigno che, secondo la Bibbia, conteneva le tavole dei Dieci comandamenti. Dovettero passare, però, altri quattro anni prima che il progetto andasse finalmente in porto; nel frattempo Lucas era impegnato nella realizzazione dei primi due episodi della serie di Guerre stellari (1977 e 1980), che riscossero un grande successo.

Al momento della realizzazione del film, Lucas vestì i panni dello sceneggiatore e del produttore, mentre Spielberg lo aiutò con il copione e curò la regia. Per il ruolo del dottor Jones venne scelto inizialmente Tom Selleck, che si dovette tirare indietro all'ultimo momento a causa del contratto di esclusività che aveva con la rete televisiva CBS, per la quale girava la serie TV Magnum, P.I. Quando arrivò il veto della CBS (a preparativi già molto avanzati), venne scelto l'emergente Harrison Ford, che aveva già recitato in un ruolo importante nei film di Guerre stellari, quello di Ian Solo. La decisione venne presa a sole tre settimane dal primo ciak.

In seguito Selleck fu proposto tra i possibili candidati per il ruolo di un eventuale fratello cattivo di Indiana nel quarto episodio della serie, idea poi accantonata. Rimangono alcuni filmati del provino di Selleck, nei panni dell'archeologo, che recita alcune scene del copione.

Il nome originario del personaggio, scelto da Lucas, doveva essere Indiana Smith, tuttavia Spielberg detestava questo nome, pensava suonasse davvero male, al che Lucas avrebbe detto: «Chiamalo Indiana Jones, o come ti pare, il film è tuo ora».[5]

Un'importante influenza per la creazione del personaggio di Indiana Jones e relative avventure, furono i fumetti avventurosi di Carl Barks con protagonista Paperon de' Paperoni[6][7], di cui George Lucas e Steven Spielberg hanno dichiarato di essere grandi fan[8][9]. Infatti, la sequenza iniziale del primo film della saga, I predatori dell'arca perduta, è ripresa da alcuni avvenimenti che accadono nelle storie Zio Paperone e le sette città di Cibola e Zio Paperone e l'oro di Pizarro[10][11].

Caratteristiche del personaggio[modifica | modifica wikitesto]

«Dottor Jones, abbiamo sentito parlare molto di lei: professore di archeologia, esperto di occultismo, e, come dite voialtri? Ricercatore di antichità rare.»

(Magg. Eaton, ne I predatori dell'arca perduta)

Indiana Jones è un brillante professore universitario di archeologia che in varie occasioni veste i panni dell'avventuriero partendo per i luoghi più esotici della terra alla ricerca di reperti straordinari; grande è la sua fama di avventuriero/archeologo, infatti nel corso dei film molte persone che si trovano in vari luoghi del mondo sembrano conoscere bene il "Dottor Jones".

Il nome completo di Indiana Jones è — come si apprenderà nel terzo capitolo della serie, Indiana Jones e l'ultima crociata — Henry Walton Jones Junior (Henry Jones Senior è il padre, a sua volta famoso professore di Letteratura Medievale). L'archeologo tuttavia non sopporta l'essere chiamato col proprio vero nome. Il soprannome di "Indiana" nella finzione deriva dal nome del cane che aveva quando era un ragazzino; mentre nella realtà era quello del cane di George Lucas, un alaskan malamute che il regista aveva già preso a ispirazione per il personaggio Chewbecca in Guerre stellari.

Harrison Ford (a sinistra), nei panni di Indiana Jones, durante una pausa sul set del Tempio maledetto (1984).

Il personaggio ha i requisiti dell'eroe dalla doppia vita, dato che veste i panni del rispettabile e pacato professore di archeologia durante le lezioni al college, per lasciare posto all'occorrenza all'alter ego di Indiana Jones, cacciatore di tesori che gira il mondo alla ricerca di eccezionali reperti e sempre nuove sfide. Non è tuttavia un eroe dotato di poteri sovrumani e non è privo di difetti (ad esempio ha una fobia per i serpenti). Il regista Spielberg volle conferire al personaggio una personalità a tratti infantile, per far sì che potesse risultare meno monotono quando veste i panni del professore e per le varie sfumature del suo carattere che lo rappresentano: romantico e cinico con atteggiamenti che ricordano quelli di un lupo solitario, cacciatore di tesori, detective incallito, eroe umano e patriota americano. Il personaggio di Indiana Jones rispecchia alcuni aspetti autobiografici del regista, come il fatto di non avere avuto una figura paterna al proprio fianco, sviluppando così un rapporto conflittuale con il padre Henry Jones Senior (interpretato da Sean Connery nel terzo film della serie).

Fedora, frusta e revolver di Indiana Jones.

Una caratteristica di Indiana Jones che viene evidenziata nel corso dei film, è che egli parla e scrive in molte lingue, sia antiche che moderne come l'inglese, il maya, il latino, il cinese, l'indiano e il russo. Un'altra caratteristica è la sua notevole abilità nell'uso della frusta, che usa per dondolarsi da una sponda all'altra (appendendola a qualcosa), bloccare persone vicine e disarmare un nemico.

Da alcuni riferimenti nel primo film si comprende come Indiana Jones fosse molto legato alla figura del professor Abner Ravenwood, suo mentore all'Università di Chicago e padre di Marion Ravenwood.

Alla sua prima apparizione ne I predatori dell'arca perduta, il personaggio di Indiana Jones può sembrare un cacciatore di tesori in cerca di gloria e ricchezze, ma lo si scopre ben presto come uno studioso dal grande rispetto per la storia e i reperti archeologici, che secondo lui dovrebbero essere esposti nei musei e non rimanere appannaggio di collezioni private. In questo si differenzia nettamente dai suoi concorrenti (come il francese René Belloq nel primo film), che sono rappresentati come mercenari privi di scrupoli, il cui unico scopo è il raggiungimento di ricchezza e/o potere.

I reperti a cui Indiana Jones dà la caccia nei film sono in realtà oggetti mitici, la cui importanza trascende il valore archeologico: l'Arca dell'Alleanza ne I predatori dell'arca perduta; la pietra sacra Sivalingam in Indiana Jones e il tempio maledetto; il Sacro Graal in Indiana Jones e l'ultima crociata; la mitica città di El Dorado in Indiana Jones e il regno del teschio di cristallo.

I "cattivi" per antonomasia contro cui Indy deve combattere durante il primo e il terzo capitolo sono i nazisti (questi film sono ambientati nella seconda metà degli anni 1930), che cercano di acquisire reperti dagli arcani poteri da sfruttare come armi. Nel secondo film Indiana Jones e il tempio maledetto, ambientato nel 1935 e prequel del primo film, il dinamico archeologo si scontra con una setta di fanatici religiosi adepti della dea Kālī (i thug, esistiti realmente). Nel quarto film, ambientato nel 1957, si apprende che Indy durante la seconda guerra mondiale ha combattuto col grado di colonnello nell'OSS.[12] Vista l'epoca della guerra fredda, i cattivi diventano i sovietici.

Poteri e abilità[modifica | modifica wikitesto]

Il personaggio non ha superpoteri, in quanto essere umano. Tuttavia Indiana Jones è "un uomo dai molti talenti"[13]. Fisicamente è un individuo atletico, in quanto ha resistenza e agilità superiori alla media. È anche dotato di una straordinaria prontezza di riflessi. È un formidabile combattente corpo a corpo, solitamente capace di battere un avversario a mani nude con facilità, e il suo modo di combattere è perlopiù una tecnica di rissa libera. È abile con la pistola e armi di ogni genere[14], ma dimostra il suo talento combattivo anche con qualunque oggetto raccoglie durante uno scontro, oltreché eccezionalmente abile con la frusta.

Indiana Jones è anche intelligente, adattabile e abilissimo nella fuga, in quanto riesce a cavarsela in ogni situazione e spesso con ironia. Professore universitario di archeologia, ha una profonda conoscenza delle antiche civiltà e della storia, così come di leggende, manufatti, idoli e usanze di diverse etnie. È anche un esperto dell'occulto. Anni di istruzione ed esperienza in molte parti del mondo lo hanno reso un poliglotta in grado di parlare e leggere diverse lingue (inglese, egiziano[15], maya[16], latino[17], cinese[18], indiano[19], greco[20], quechua[21] e russo[22]). Sa cavalcare un elefante[23] e un cavallo[24], guidare diversi veicoli, sia terrestri[25] che acquatici[26], e pilotare un aereo[27]. Il suo fascino ha avvicinato numerose donne, comprese Marion Ravenwood, Willie Scott e Elsa Schneider. Ha ottime capacità di osservazione, deduzione, memoria e comando, e anche una volontà indomabile.

Famiglia[modifica | modifica wikitesto]

Film[modifica | modifica wikitesto]

Opere derivate[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Indiana Jones (franchise).

Il personaggio è anche protagonista di svariati altri tipi di opere, identificate collettivamente come la saga di Indiana Jones. Queste comprendono tra l'altro la serie televisiva Le avventure del giovane Indiana Jones (Young Indiana Jones Chronicles), che ha come protagonista l'archeologo dapprima bambino e poi ventenne, e diversi romanzi, fumetti, videogiochi, giochi di ruolo, LEGO e altri giocattoli, attrazioni in parchi a tema.

Riferimenti storici[modifica | modifica wikitesto]

L'immagine di Indiana Jones può trovare un riferimento nella vita e nella figura di Giovanni Battista Belzoni, avventuroso archeologo italiano del XVIII secolo; George Lucas definì Belzoni «un archeologo eccezionale ma dotato di un carattere forte e rude».[28] Altri ravvisano delle analogie con Otto Rahn, occultista tedesco, per un breve periodo in forza alla Ahnenerbe, che fece delle ricerche per ritrovare il Sacro Graal.[senza fonte]

Influenza del personaggio[modifica | modifica wikitesto]

Indiana Jones ha ispirato nel corso di quasi trent'anni diversi altri personaggi di archeologi-avventurieri presenti in opere successive:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) AFI's 100 Years... 100 Heroes and Villains[collegamento interrotto], American Film Institute. URL consultato il 6 gennaio 2020.
  2. ^ INDIANA JONES È IL PIÙ GRANDE EROE CINEMATOGRAFICO DI SEMPRE: I VOTI DEI FAN HANNO PARLATO, su cinema.eyeryeye.it. URL consultato il 9 giugno 2020.
  3. ^ INDIANA JONES È L'EROE CINEMATOGRAFICO PIÙ GRANDE DI TUTTI I TEMPI SECONDO UN SONDAGGIO, su justnerd.it. URL consultato il 10 giugno 2020.
  4. ^ Indiana Jones è il miglior eroe cinematografico di sempre per i lettori di Empire, su cineblog.it. URL consultato il 10 giugno 2020.
  5. ^ Making Raiders of the Lost Ark, IndianaJones.com, 23 settembre 2003 (archiviato dall'url originale il 7 dicembre 2003).
  6. ^ "L'influenza del suo lavoro travalica il fumetto e si riverbera nell'arte grazie al lavoro di Gottfried Helnwein per poi raggiungere il cinema attraverso l'opera di Steven Spielberg e George Lucas. Entrambi hanno riconosciuto un forte debito nei confronti di Carl Barks.", Gottfried Helnwein | PRESS | local_press | Carl Barks
  7. ^ "The fact that George Lucas and Stephen Spielberg's Indiana Jones was at least partially inspired by Carl Barks' classic Uncle Scrooge comics is fairly evident, as Indiana Jones' globe-trotting searches for lost artifacts are extremely similar to Uncle Scrooge's similar trips (along with his nephew Donald and his other nephews, Huey, Dewey and Louie). This fact was made quite clear when George Lucas wrote the introduction to the 1980's collection of Carl Barks' comics, Walt Disney's Uncle Scrooge McDuck: His Life and Times, and spoke directly about the influence", Comic Book Urban Legends Revealed #133 by Brian Cronin, goodcomics.comicbookresources.com
  8. ^ No less a fan than George Lucas, creator of the STAR WARS saga, had it right when he said of Carl Barks: “What I think I enjoy most about Uncle Scrooge is that he is so American in his attitude. These comics are one of the few things you can point to and say, ‘Like it or not, this is what America is.' And it is for just this reason that they are a priceless part of our literary heritage.”, www.thecarlbarksfanclub.com/bio1.htm, Biografia di Barks sul sito CarlBarksfanclub.com
  9. ^ DUCK TALES: RAIDERS OF THE LOST bARKs!, The opening sequence of the George Lucas/Steven Spielberg classic "RAIDERS OF THE LOST ARK" (1981) was inspired by two different Walt Disney comic books starring Uncle Scrooge! The first of these duck tales was titled "The Seven Cities of Cibola" (From Walt Disney's Uncle Scrooge #7, September 1954). Here's that story's opening panel, drawn by the great Carl Barks, www.dialbforblog.com/archives/429/
  10. ^ 5 Amazing Things Invented by Donald Duck, www.cracked.com
  11. ^ "The memorable rolling rock sequence near the beginning of Raiders of the Lost Ark was directly inspired by Barks's vision", Carl Barks: Conversations - Pagina xii
  12. ^ il servizio segreto da cui sarebbe poi nata la CIA.
  13. ^ Durante l'incontro con i servizi segreti (primo film).
  14. ^ Un bazooka (quarto film), una lancia (secondo film), un machete (secondo film), una mitragliatrice (terzo film), una lancia da giostra improvvisata (terzo film) e un fucile (quarto film).
  15. ^ Ha letto un appunto riguardo un'incisione sul pavimento della sala del plastico a Tanis (primo film).
  16. ^ Ha tradotto questa lingua, sia scritta che parlata da Harold Oxley (quarto film).
  17. ^ Ha tradotto questa lingua sulla tavola di pietra esibita da Walter Donovan e sullo scudo trovato nelle catacombe di Venezia (terzo film).
  18. ^ Ha parlato questa lingua all'inizio dell'incontro con Lao Che e per dire a Short Round di aggrapparsi prima di tagliare il ponte (secondo film).
  19. ^ Ha parlato questa lingua per ringraziare gli abitanti del villaggio e rimproverare Mola Ram di aver tradito Siva, così come l'ha tradotta in un sanscrito e all'ingresso del passaggio segreto (secondo film).
  20. ^ Per contare fino a dieci su richiesta del padre, al momento troppo impegnato per ascoltarlo, nel prologo del 1912 (terzo film).
  21. ^ Per comunicare con dei cittadini di Cusco durante la ricerca di Oxley e del teschio (quarto film).
  22. ^ Ha detto qualche parola in questa lingua con i russi (quarto film).
  23. ^ Durante il tragitto per Pankot (secondo film).
  24. ^ In diverse occasioni: per prendere il camion su cui i nazisti portano via l'arca (primo film), durante il prologo del 1912 (terzo film), durante lo scontro con il carro armato (terzo film) e due volte nelle scene finali (terzo film).
  25. ^ Un camion (primo e quarto film), una motocarrozzetta (terzo film), due automobili (terzo film) e veicoli militari anfibi (quarto film).
  26. ^ Un canotto per un atterraggio di fortuna (secondo film) e una barca a motore durante l'inseguimento a Venezia (terzo film).
  27. ^ Per scappare, insieme al padre, dallo zeppelin su cui si erano imbarcati per uscire dalla Germania (terzo film).
  28. ^ Raiders of the Lost Ark, Tim Dirks, 1996-2008.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN316445703 · LCCN (ENsh92001311 · GND (DE119117398 · BNF (FRcb15756272z (data) · WorldCat Identities (ENviaf-32799606
Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema