Museo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Museo (disambigua).
La Galleria degli Uffizi a Firenze.

Il museo è una raccolta, pubblica o privata, di manufatti relativi a uno o più settori della cultura (tra cui in particolare, per tradizione, l'arte), della scienza e della tecnica. L'International Council of Museums lo definisce «un’istituzione permanente senza scopo di lucro e al servizio della società, che effettua ricerche, colleziona, conserva, interpreta ed espone il patrimonio materiale e immateriale. Aperti al pubblico, accessibili e inclusivi, i musei promuovono la diversità e la sostenibilità. Operano e comunicano eticamente e professionalmente e con la partecipazione delle comunità, offrendo esperienze diversificate per l’educazione, il piacere, la riflessione e la condivisione di conoscenze.»[1].

I musei – gli edifici e le loro collezioni – fanno parte del patrimonio culturale materiale delle nazioni del mondo e sono luoghi di cultura insieme ad altre istituzioni culturali quali biblioteche, archivi, parchi e aree archeologiche e complessi monumentali. I musei, insieme ad archivi e biblioteche, sono talvolta raggruppati e abbreviati con l'espressione MAB (musei, archivi, biblioteche); in inglese si usa l'espressione GLAM (galleries, libraries, archives and museums) per fare riferimento in particolare il patrimonio digitale dei musei.

I musei nel mondo sono oltre 95.000 (a fronte di 22.000 nel 1975), aumentando in modo significativo in relazione al turismo culturale[2].

I musei sono attualmente confrontati con temi quali la provenienza delle loro collezioni, diritti di proprietà, identità culturale, sostenibilità e ruolo sociale[3].

Definizione di museo[modifica | modifica wikitesto]

Una visita al museo in una foto di Paolo Monti. Castelvecchio, Verona.

La definizione di museo è data nel 2022 dall'ICOM, l'International Council of Museums che è il network internazionale dei musei[4][5]. La definizione dell'ICOM è adottata anche dall'UNESCO.

«Il museo è un’istituzione permanente senza scopo di lucro e al servizio della società, che effettua ricerche, colleziona, conserva, interpreta ed espone il patrimonio materiale e immateriale.

Aperti al pubblico, accessibili e inclusivi, i musei promuovono la diversità e la sostenibilità.

Operano e comunicano eticamente e professionalmente e con la partecipazione delle comunità, offrendo esperienze diversificate per l’educazione, il piacere, la riflessione e la condivisione di conoscenze.»

Si arriva a questa definizione dopo una lunga discussione con i musei e questa definizione soppianta quella del 2014[6], introducendo i temi di accessibilità e inclusione nei musei, diversità, sostenibilità, codice etico, coinvolgimento delle comunità, condivisione di conoscenze (correlato a tema dell'Open Access nei musei), luogo di riflessione e caratterizzando i musei come enti senza scopo e al servizio della società.

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

Il termine museo deriva dal greco antico mouseion (Μουσεῖον), «luogo sacro alle Muse», figlie di Zeus e protettrici delle arti e delle scienze, patronate da Apollo e dal latino Musēum. Il termine viene usato per la prima volta per definire il Museo di Alessandria d'Egitto[7].

Origini e storia del museo[modifica | modifica wikitesto]

Sovente i musei sono dotati di laboratori di preparazione e restauro degli oggetti esposti; nell'immagine il laboratorio paleontologico del Royal Tyrrell Museum

Intorno al 530 a.C. la sacerdotessa e principessa Ennigaldi, con il supporto del padre Nabonide, realizzò il cosiddetto museo di Ennigaldi-Nanna, che è da considerarsi come il primo o uno dei primi musei mai realizzati.[8]

Il Museo di Alessandria, sorto in età ellenistica, viene considerato come il vero primo museo della storia. Venne istituito dal re Tolomeo I: esso era un luogo di culto che ospitava una comunità scientifica e letteraria, la quale svolgeva le proprie attività consacrandole alle Muse.[9] Secondo Timone di Fliunte gli studiosi che vi vivevano erano alienati dalla realtà ed estremamente litigiosi,[10] mentre Callimaco narra che vi fossero continue gelosie.[11]

La direzione del Museo era affidata ad un εлιστάτης: la stessa funzione era attribuita al cosiddetto scolarca del Peripato (il Liceo fondato da Aristotele).

In età moderna, il concetto di museo come oggi lo intendiamo noi venne sviluppato per la prima volta da Paolo Giovio nella sua villa-museo a Como, mentre per il primo vero museo aperto al pubblico bisognò aspettare il 1734, quando a Roma, sotto il pontificato di Clemente XII, si aprì la collezione dei Musei Capitolini.

Aspetti normativi[modifica | modifica wikitesto]

In qualità di beni culturali, i musei e le loro collezioni sono tutelati dalle normative nazionali e dagli accordi internazionali in materia di protezione dei beni culturali.

  • Convenzione dell'Aia del 1954 sulla salvaguardia dei beni culturali in tempo di guerra.
  • Convenzione di Parigi del 1970, per vietare e impedire l’importazione, l’esportazione e il trasferimento di proprietà illeciti di beni culturali.
  • Convenzione di Faro del 2005.

Inoltre i musei sono oggetto di una serie di raccomandazioni e documenti redatti dall'UNESCO e dall'ICOM

  • 1986 (2001 e 2004) Codice etico dell'ICOM per i musei
  • 2015 Raccomandazione UNESCO dedicata alla protezione e promozione dei musei e delle collezioni, della loro diversità e del loro ruolo nella società

Negli Stati Uniti l'America Alliance of Museums (AAM) ha un ruolo centrale nell'accompagnare i musei statunitensi nella definizione di standard, pratiche professionali e questioni etiche.

Codice etico dell'ICOM per i musei[modifica | modifica wikitesto]

Il Codice etico dell’ICOM per i musei è un documento approvato nel 1986, modificato nel 2001 e revisionato nel 2004. Il codice etico presenta uno standard minimo e richiede ai musei di rispettare otto principi chiave: i musei assicurano la conservazione, l’interpretazione e la valorizzazione del patrimonio naturale e culturale dell’umanità; custodiscono le loro collezioni a beneficio della società e del suo sviluppo; custodiscono testimonianze primarie per creare e sviluppare la conoscenza; contribuiscono alla valorizzazione, alla conoscenza e alla gestione del patrimonio naturale e culturale; le risorse presenti nei musei forniscono opportunità ad altri istituti e servizi pubblici; operano in stretta collaborazione con le comunità da cui provengono le collezioni e con le comunità di riferimento; operano nella legalità; operano in modo professionale[12].

Studi sui musei[modifica | modifica wikitesto]

La museologia è la disciplina che studia i musei, il loro funzionamento e finalità. La disciplina si è sviluppata in particolare alla fine del Novecento con diversi approcci nazionali. Lo studio dei musei è diventato sempre più diffuso in considerazione anche alla crescita esponenziale del numero di musei nel mondo.

I musei sono studiati e analizzati anche da storici dell'arte (studi sulle collezioni, sulla storia delle istituzioni d'arte e delle esposizioni), archeologi, economisti della cultura (impatto economico della cultura e impatto sullo sviluppo territoriale, marketing e fundraising), antropologi e sociologi dell'arte (dinamiche sociali dell'arte, ruolo dei musei, coinvolgimento delle comunità, mondo e sistema dell'arte, cultura materiale, ruolo delle collezioni, definizione di opera d'arte), studiosi di comunicazione, restauratori (conservazione preventiva, metodi di organizzazione dei depositi, manutenzione dei beni, restauro) e museografi (costruzione, sistemazione e allestimento dei musei, catalogazione dei beni, impianti tenici, organizzazione e gestione dei musei).

Ruolo dei musei[modifica | modifica wikitesto]

I musei hanno ruoli diversi che sono valorizzati dalle organizzazioni internazionali, nazionali e tematiche che li sostengono.

Tra gli argomenti a sostegno dei musei[13] vi è il loro ruolo sociale (sono aperti a tutti, sono un riferimento per la comunità, sono accessibili online, coinvolgono volontari, offrono servizi sociali, sono collocati in luoghi diversi e anche fuori dai grandi centri urbani), di protezione e conservazione del patrimonio e delle specie, educativo (collaborano con le scuole, sono visitati da tantissimi studenti, contribuiscono alla formazione anche in sinergia con i programmi scolastici), economico (creano posti di lavoro e contribuiscono all'economia nazionale) e di benessere e salute pubblica (contribuiscono alla salute cognitiva[14]).

Il ruolo sociale dei musei[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Musei d'arte più visitati al mondo.

Il pubblico dei musei è un tema centrale nella classificazione e valutazione delle istituzioni e nella ridefinizione del ruolo e delle attività museali nel tempo.

Numero di musei al mondo[modifica | modifica wikitesto]

UNESCO fornisce delle stime sul numero di musei nel mondo[15].

Numero di musei nel mondo
Regione Stima 2021[15] Percentuale 2021[15]
Europa occidentale e altri 30.628 29,5%
Europa Orientale 11.366 11%
America latina e Caraibi 8.716 8,4%
Asia e Pacifico 18.180 17,5%
Africa 868 0,8%
Stati arabi 757 0,7%
Santa sede 19 0,02%
Totale osservatori permanenti 19 0,02%
Israele 226 0,2%
Stati Uniti d'America 33.092 31,9%
Totale non membri 33.308 32,1%
Totale 103.842 100%
Numero di musei per nazione nel 2021[15]
Numero di musei Numero di nazioni Nazioni
> 5.000 musei 5 Cina, Russia, Germania, Stati Uniti, Giappone, Stati Uniti d'America
2.001-5.000 5 Brasile, Canada, Francia, musei in Italia, Gran Bretagna
1.001-2000 8 Argentina, Messico, Polonia, Repubblica di Corea, Spagna, Svizzera, Svezia, Thailandia
501-1.000 10 Australia, Austria, Belgio, Georgia, Ungheria, Iran, Paesi Bassi, Norvegia, Portogallo, Ucraina
201-500 23 Azerbaijan, Bulgaria, Cile, Colombia, Cuba, Repubblica Ceca, Danimarca, Finlandia, Georgia, Grecia, India, Irlanda, Kazakistan, Malesia, Mongolia, Nuova Zelanda, Perù, Romania, Arabia Saudita, Slovacchia, Sud Africa, Uruguay, Israele
101-200 17 Armenia, Bolivia, Croazia, Cyprus, Ecuador, Estonia, Ethiopia, Indonesia, Lettonia, Lithuania, Myanmar, Paraguay, Philippines, Republic of Moldova, Serbia, Uzbekistan, Vietnam
51-100 10 Albania, Cambogia, Cameroon, Egitto, Kyrgyzstan, Singapore, Slovenia, Tajikistan, Tunisia, Venezuela (Bolivarian Republic of)
26-50 20 Algeria, Bosnia and Herzegovina, Burkina Faso, Cabo Verde, Costa Rica, Iceland, Jordan, Libya, Luxembourg, Malta, Morocco, Namibia, Nepal, Nicaragua, Nigeria, Northern Macedonia, Pakistan, Palestine, Sri Lanka, Syrian Arab Republic
11-25 29 Andorra, Angola, Bangladesh, Belarus, Côte d'Ivoire, Central African Republic, Dominican Republic, El Salvador, Guatemala, Honduras, Iraq, Jamaica, Kenya, Lao People's Democratic Republic, Lebanon, Madagascar, Mali, Montenegro, Mozambique, Oman, Panama, Democratic People's Republic of Korea, San Marino, Senegal, Sudan, Togo, Turkmenistan, United Arab Emirates, Zimbabwe
1-10 60 Afghanistan, Antigua and Barbuda, Bahamas, Bahrain, Barbados, Belize, Benin, Bhutan, Botswana, Brunei Darussalam, Burundi, Chad, Comoros, Congo, Cook Islands, Democratic Republic of Congo, Guinea, Equatorial Guinea, Guinea-Bissau, Eritrea, Eswatini, Fiji, Gabon, Gambia, Ghana, Grenada, Guyana, Haiti, Kuwait, Lesotho, Liberia, Malawi, Maldives, Marshall Islands, Mauritania, Mauritius, Monaco, Niger, Niue, Palau, Papua New Guinea, Qatar, Rwanda, Saint Lucia, Samoa, Sao Tome and Principe, Seychelles, Sierra Leone, Solomon Islands, Somalia, Suriname, Timor- Leste, Tonga, Trinidad and Tobago, Uganda, United Republic of Tanzania, Vanuatu, Yemen, Zambia
Nessun museo 9 Djibuti, Dominica, Kiribati, Micronesia, Nauru, Saint Kitss and Nevis, Sain Vincent and the Grenadines, Sud Sudan, Tuvalu

Tipi di musei[modifica | modifica wikitesto]

I tipi di musei variano, da quelli di maggiore dimensioni spesso situati nelle grandi città, a quelli di più piccole dimensioni.

Sono presenti numerosissime tipologie di musei: arti figurative, arti applicate, artigianato, archeologia, antropologia e etnologia, storia, storia militare, scienze, tecnologia, museo dei bambini, storia naturale, numismatica, giardini botanici e zoologici e filatelia.

All'interno di queste tipologie, molti musei si specializzano ulteriormente: come ad esempio i musei d'arte moderna, storia locale, storia dell'aviazione, agricoltura o geologia.

Il Museo dell'oro di Bogotà

Gli oggetti delle collezioni presenti all'interno di un museo sono spesso registrati e catalogati permettendo al visitatore di conoscere l'anno di datazione, la provenienza e l'autore degli artefatti. I responsabili che si occupano delle collezioni o mostre vengono chiamati curatori.

Musei archeologici[modifica | modifica wikitesto]

Una sala del Museo archeologico di Atene
Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Museo archeologico.

Per museo archeologico si intende una struttura di tipo museale la cui vocazione è improntata sull'esposizione di collezioni di manufatti di epoca antica, comprendente in generale i reperti dalla preistoria all'età classica, sebbene spesso comprenda anche esposizioni relative a manufatti ed opere che coprano produzioni fino alla fine del XVIII secolo e talvolta anche oltre.

Musei d'arte[modifica | modifica wikitesto]

Museum of Modern Art di New York
Museo Oceanografico di Monaco
Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Galleria d'arte, Pinacoteca e Gipsoteca.

Un museo d'arte, o anche galleria d'arte, è una struttura che spazia dalla pittura alla scultura, dalla fotografia alla videoarte, dalle installazioni artistiche ad elementi di design (arredamento, abbigliamento), una galleria d'arte può presentare opere di un singolo artista oppure di vari autori. Le opere d'arte ivi esposte possono essere frutto di: acquisti, prestito per esposizione, donazioni.

Musei all'aperto[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Museo all'aperto.

Un museo all'aperto è un particolare tipo di museo, le cui opere sono raccolte in ambienti all'aperto. I primi musei all'aperto sono stati istituiti in Scandinavia verso la fine del XIX secolo, ma presto l'idea si è diffusa nel resto d'Europa e del Nord America.

I musei all'aperto possono essere musei-villaggi, musei-fattoria, musei viventi di storia, e musei di costume. In Francia a partire dagli anni settanta, è stato creato anche l'ecomuseo il quale si è successivamente diffuso negli altri paesi.

Museo etnografico[modifica | modifica wikitesto]

I musei etnografici raccolgono manufatti risalenti a civiltà primitive o antiche, o oggetti relativi alle arti e alle tradizioni popolari[16]. I musei della civiltà contadina sono spesso anche musei etnografici. Esempi di musei etnografici sono il Museo nazionale delle arti e tradizioni popolari a Roma, il Museo etnografico di Budapest, il Museo folkloristico nazionale della Corea.

Museo marittimo o oceanografico[modifica | modifica wikitesto]

I musei marittimi sono specializzati nella visualizzazione di oggetti relativi a navi e viaggi su mari, laghi o fiumi. Essi possono includere una nave storica (o una replica), diventando così una nave-museo.

Mentre i musei oceanografici, oltre ai reperti di interesse marittimo, possono contenere anche acquari.

Acquario[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Acquario (museo vivente).
Il Canadian War Museum di Ottawa
Il National Museum of Natural History di Washington D.C.

Un acquario è quel luogo deputato alla conservazione e allo studio degli ambienti e delle forme di vita acquatiche, tra cui pesci, invertebrati, anfibi, rettili o piante. Esso è sostanzialmente analogo ad uno zoo per le specie ittiche e rappresenta quindi un vero e proprio museo vivente.

Musei militari o di guerra[modifica | modifica wikitesto]

I musei militari o di guerra sono spesso associati ai musei storici. In essi, in generale, sono conservati armi, altre attrezzature militari, uniformi, manifesti di propaganda bellica o mostre sulla vita dei civili in tempo di guerra.

Ingresso del Parco e Museo del Volo di Volandia

Musei scientifici[modifica | modifica wikitesto]

I Musei scientifici o tecnologici si basano sui successi scientifici, per spiegare le invenzioni usano una combinazione di manifestazioni, programmi interattivi che possono essere utilizzati da tutti. Alcuni musei hanno temi come: computer, aviazione, ferrovie, fisica, astronomia o regno animale.

Questi musei posso ospitare planetari o sale IMAX anche per la visione di film o cortometraggi in 3D.

Musei di storia naturale o di scienze naturali[modifica | modifica wikitesto]

I musei di storia naturale o scienze naturali mostrano il mondo naturale. All'interno di essi possiamo trovare ossa o scheletri di animali estinti, come i dinosauri, animali impagliati, educarci su questioni ambientali, come i mutamenti climatici, la biodiversità, l'evoluzione dell'uomo.

Musei storici[modifica | modifica wikitesto]

Il Museo del Risorgimento e istituto mazziniano di Genova

I musei storici hanno il compito di conservare la conoscenza della storia per capire il presente e futuro. Alcuni musei trattano di storia locale, altri invece di storie che hanno avuto rilevanza nazionale o internazionale, come il Risorgimento per l'Italia, Guerra di secessione per gli Stati Uniti d'America o come le due grandi guerre per il mondo.

Un altro tipo di museo storico è quello dedicato ad un grande personaggio, di enorme spicco per la società locale o nazionale, che spesso troviamo in case dove essi sono nati, cresciuti, vissuti o morti.

Anche dei siti storici possono diventare dei musei, come il Tuol Sleng Genocide Museum, il campo di concentramento di Auschwitz o anche il Colosseo e i Fori Imperiali.

Musei virtuali[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Museo virtuale.

Il museo virtuale è una delle forme più esplicite con cui un museo cerca di promuoversi e rinnovare l'interesse per le opere d'arte poste al suo interno, in un contesto sempre più competitivo e sempre più difficile per la sua affermazione. La rivoluzione informatica e l’affermarsi della rete come medium hanno segnato una sostanziale trasformazione nei processi di comunicazione nel museo e hanno portato a ripensare criticamente il concetto di pubblico. Il destinatario della comunicazione non è più solo il visitatore che è fisicamente all’interno del museo (onsite), ma è anche, e sempre più spesso, un pubblico online che accede al museo attraverso la rete.[17]

Parchi archeologici[modifica | modifica wikitesto]

Il parco archeologico è un ambito territoriale caratterizzato da importanti evidenze archeologiche e dalla compresenza di valori storici, paesaggistici o ambientali, attrezzato come museo all'aperto.

Parchi zoologici e giardini botanici[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Giardino zoologico e Giardini botanici.

Il giardino zoologico o parco zoologico, più comunemente chiamato zoo, è il luogo dove vengono esposti al pubblico animali. Essi possono essere locali o esotici. Generalmente considerati importanti luoghi ricreativi, specialmente per le famiglie, i maggiori giardini zoologici svolgono un'importante funzione nel campo dell'educazione naturalistica ed ambientale, nella ricerca scientifica e nella conservazione della biodiversità.

L'Orto botanico, o giardino botanico, è un ambiente naturale ricreato artificialmente che raccoglie una grande varietà di piante categorizzate per scopi scientifici e per l'educazione dei visitatori. Spesso associato ad esso vi sono una biblioteca ed un erbario per lo studio e la catalogazione delle specie.

Case museo[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Casa museo.

La Casa museo è un'abitazione trasformata in museo, dove gli arredi, i cimeli e gli oggetti di uso personale e quotidiano fanno parte del percorso espositivo, oltre ad eventuali opere di altro genere (quadri, sculture e collezioni).

Musei della moda[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Museo della moda.

Il Museo della moda è uno spazio dove si conservano e si presentano al pubblico collezioni legate al tema della moda.

Musei famosi[modifica | modifica wikitesto]

Uno dei musei più conosciuti al mondo è sicuramente il Museo del Louvre di Parigi, così come la Galleria degli Uffizi di Firenze (il museo d'arte italiano più visitato[18]), il British Museum di Londra, il Museo del Prado di Madrid, i Musei Vaticani a Roma, o la catena di musei Smithsonian a Washington DC, il Kunsthistorisches Museum di Vienna, il Rijksmuseum di Amsterdam, l'Ermitage di San Pietroburgo, il complesso dell'Isola dei Musei di Berlino, il Metropolitan Museum di New York.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ International Council of Museums.
  2. ^ Sito UNESCO sui musei, su en.unesco.org. URL consultato il 13 novembre 2022.
  3. ^ Bernice L. Murphy, Museums, ethics and cultural heritage, 2016, ISBN 978-1-138-67632-9, OCLC 934100237. URL consultato il 13 novembre 2022.
  4. ^ Definizione di museo di ICOM del 24 agosto 2022 nella versione originale "A museum is a not-for-profit, permanent institution in the service of society that researches, collects, conserves, interprets and exhibits tangible and intangible heritage. Open to the public, accessible and inclusive, museums foster diversity and sustainability. They operate and communicate ethically, professionally and with the participation of communities, offering varied experiences for education, enjoyment, reflection and knowledge sharing." su https://icom.museum/en/resources/standards-guidelines/museum-definition/.
  5. ^ Traduzione in italiano della definizione di museo di ICOM a cura di ICOM Italia, su icom-italia.org. URL consultato il 13 novembre 2022.
  6. ^ Definizione ICOM del 2014 "Un'istituzione permanente, senza scopo di lucro, al servizio della società e del suo sviluppo. Aperto al pubblico compie ricerche che riguardano le testimonianze materiali e immateriali dell'umanità e del suo ambiente, le acquisisce, le conserva, le comunica e, soprattutto, le espone a fini di studio, educazione e diletto".
  7. ^ Museo, su Treccani, l'Enciclopedia italiana. URL consultato il 15 maggio 2020.
  8. ^ (EN) The world’s oldest museums, su Museum.eu. URL consultato il 28 ottobre 2018.
  9. ^ Luigi Enrico Rossi Roberto Nicolai, Storia e testi della letteratura greca, L'età ellenistica, pag. 13.
  10. ^ Timone di Fliunte, Silli, fr. 12 Diels.
  11. ^ Callimaco, Giambi, I.
  12. ^ (IT) Codice etico dell’ICOM per i musei, 2004.
  13. ^ Museum Facts: At A Glance. Museums Advocacy Day 2022 (PDF), su American Alliance of Museums, 2022. URL consultato il 17 novembre 2022.
  14. ^ (EN) Jessica Finlay, Wenshan Yu e Philippa Clarke, Neighborhood cognitive amenities? A mixed-methods study of intellectually-stimulating places and cognitive function among older Americans, in Wellbeing, Space and Society, vol. 2, 1º gennaio 2021, pp. 100040, DOI:10.1016/j.wss.2021.100040. URL consultato il 17 novembre 2022.
  15. ^ a b c d UNESCO Report: Museums aroiund the world in the face of COVID-19. Annex 3: Number of Museums in the World, UNESCO, 2021, pp. 53-68.
  16. ^ Museo etnografico > significato - Dizionario italiano De Mauro, su dizionario.internazionale.it.
  17. ^ Virtual museum system evaluation through user studies, in Journal of Cultural Heritage, vol. 26, 2017, pp. 101–108.
  18. ^ Touring Club Italiano - Dossier Musei 2009 (PDF) (archiviato dall'url originale il 22 settembre 2012).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Liste

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàThesaurus BNCF 1909 · LCCN (ENsh85088723 · GND (DE4040795-0 · BNE (ESXX525627 (data) · BNF (FRcb11939565m (data) · J9U (ENHE987007553199805171 · NDL (ENJA00562853