Plantae

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Piante
Diversity of plants image.png
Intervallo geologico
Cambriano - recente
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Divisioni

Le piante (Plantae Haeckel, 1866) sono un regno di esseri viventi e comprende circa 350.000 specie di organismi viventi, identificati comunemente con i nomi di alberi, arbusti, cespugli, erbe, rampicanti, succulente, felci, muschi e molti altri ancora a seconda dell'aspetto.

La maggior parte delle piante esistenti e conosciute sono incluse nel gruppo delle Angiosperme (divisione Magnoliophyta), con circa 250.000 specie che si distinguono dalle altre divisioni per la produzione di fiori seguita, dopo l'impollinazione, dalla formazione di semi racchiusi e protetti all'interno di un frutto.

La branca della biologia che si occupa dello studio delle piante è la botanica.

Definizione[modifica | modifica wikitesto]

Per la biologia le piante hanno alcune caratteristiche fondamentali:

  • sono organismi autotrofi, cioè riescono a sintetizzare le proprie molecole organiche a partire da sostanze inorganiche (da aria, acqua, terreno minerale), utilizzando energia non derivante da sostanze organiche assimilate;
  • per l'approvvigionamento energetico svolgono la fotosintesi, un insieme di reazioni biochimiche, che permette di catturare parte dell'energia solare trasformando l'anidride carbonica in zuccheri ed altre sostanze;
  • sono formati da cellule eucariote, cioè cellule particolarmente evolute, dotate di un vero e proprio nucleo;
  • le pareti cellulari sono strutturate con una base di cellulosa e le cellule stesse possono immagazzinare amido come fonte energetica di riserva.

I limiti precisi del regno delle Piante, per quanto riguarda gli organismi inferiori e in particolare unicellulari, sono stati oggetto di valutazioni in parte discordanti.

Inizialmente, il regno delle Piante (più esattamente il regno Vegetale, v. sotto) comprendeva anche organismi eterotrofi affini agli animali come i Funghi, e tutti i batteri ed archeobatteri. Successivamente, le Piante vennero ristrette ai soli organismi autotrofi pluricellulari, rimandando tutti gli organismi unicellulari anche autotrofi al regno dei Protisti.

Oggi prevale la tendenza a riportare nel regno delle Piante gli organismi unicellulari autotrofi, purché eucarioti[1]. Ciò si applica in particolare alle alghe verdi, tradizionalmente incluse nei Protisti; esse farebbero parte del regno delle Piante, perché hanno cellule con le pareti di cellulosa, contengono lo stesso tipo di clorofilla delle piante terrestri e producono amido con la fotosintesi.

Nel capitoletto dedicato alla sistematica, vengono presentate anche altre posizioni, come quella degli studiosi che considerano ancora oggi le Piante un gruppo tassonomico ben circoscritto, dal quale ribadiscono l'esclusione delle alghe[2].

Ancora più controversa è la collocazione delle alghe rosse o Rodofite, che hanno una parentela meno stretta delle alghe verde con le piante superiori.

Rimangono unanimemente esclusi i procarioti capaci di fotosintesi, in particolare il gruppo delle alghe azzurre (più correttamente chiamate Cianobatteri).

Per la loro semplicità strutturale e la stretta vicinanza filogenetica, le alghe verdi vengono considerate antenate delle piante terrestri. Secondo questa ipotesi, circa 400 milioni di anni fa alcune alghe verdi d'acqua dolce (le Caroficee o le Carofite secondo i diversi inquadramenti tassonomici), facevano capolino sulle rive dei laghi esposte per breve tempo all'aria. Queste sottili fasce verdi intorno alle zone d'acqua erano l'unica vegetazione sulla terraferma, allora completamente deserta.

Sistematica ed Evoluzione[modifica | modifica wikitesto]

A partire dal XVII secolo, le piante venivano incluse nel più vasto – ed allora poco conosciuto – Regno Vegetale, che comprendeva anche tutti i tipi di alghe, i funghi, i batteri e i licheni. Dal XX secolo, con l' avanzare delle conoscenze scientifiche, i funghi, biochimicamente e filogeneticamente molto più affini agli animali, vennero ascritti a un separato regno tassonomico, i batteri si ripartirono nei due regni, o meglio divisioni eubatteri e archeobatteri, i licheni vennero riconosciuti come organismi formati dalla simbiosi di un'alga e di un fungo, mentre le alghe della prima classificazione vennero disperse: la maggior parte di quelle macroscopiche comprese nelle piante, mentre molte altre, a seconda dei gruppi, divise in ambiti tassonomici differenziati e tuttora in parte controversi.

Nel corso della complessa storia della tassonomia delle piante, i continui cambiamenti apportati dai botanici sistematici hanno così generato diversi raggruppamenti, spesso basati su distinzioni morfologiche e riproduttive. Anche se molti di essi sono ufficialmente in disuso, questi gruppi rimangono tuttora utilizzati in botanica perché offrono una rapida comprensione delle differenze mostrate dagli organismi vegetali, a seguito di una diversa complessità tracciata dal cammino evolutivo.

Con l ' avvento della filogenesi molecolare, molti gruppi inizialmente considerati monofiletici come le Bryophyta, le Gimnosperme o le Charophyta, sono stati suddivisi in linee separate risultando cosi' parafiletici. La più recente e comprensiva analisi molecolare basata sull' uso di molti marcatori ottenuti dal trascrittoma, tecnica conoscitua come filogenomica o filotrascrittomica [3] ha individuato un forte supporto per la monofilia delle Bryophyta (muschi ed epatiche) e delle Gimnospermee, ma ha anche confermato la parafilia delle Carophyta, rappresentate nel cladograma sottostante da solo due linee. Una di queste, le Zygnemataceae, sono risultate essere il sister gorup delle Embryophyta, le piante terrestri.


Plantae
.

Chlorophyta


Viridiplantae
.

Charophyta


.
.

Zygnemataceae


Embryophyta
.

Bryophyta


Tracheophyta
.

Lycopodiophyta


Euphyllophytes
.

Monilophytes, (Felci)


Spermatophyta
.

Gymnospermae


.

Angiospermae









Relazioni filogenetiche fra i maggiori gruppi di Piante secondo Wickett et al. 2014


Ecologia[modifica | modifica wikitesto]

La fotosintesi condotta dalle piante e dalle alghe è la principale fonte di energia e di materia organica (la fitomassa) in quasi tutti gli ecosistemi. Questo processo portò ad un radicale cambiamento della composizione dell'atmosfera originaria, causato da un incremento della quantità di ossigeno, che ora ne occupa il 21% del volume. Ciò permise lo sviluppo degli organismi aerobi ed in seguito l'approdo della vita nell'ambiente sub-aereo.
Grazie all'autotrofia, le piante sono i produttori primari negli ecosistemi terrestri, formando la base della catena alimentare, da cui dipende l'esistenza degli animali e degli altri organismi eterotrofi.

Le specie vegetali svolgono un'importante funzione all'interno del ciclo dell'acqua (evapotraspirazione) e di altri cicli biogeochimici. Alcune piante si sono coevolute con batteri azotofissatori, essenziali per il ciclo dell'azoto. Inoltre, lo sviluppo radicale ha un ben determinato ruolo nell'evoluzione del suolo (pedogenesi) e, assieme alle chiome che formano il manto vegetale, nel prevenire la sua erosione.

Le piante sono anche gli organismi dominanti i vari biomi terrestri, i cui nomi derivano proprio dal tipo di vegetazione caratteristica.

Numerosi animali si sono coevoluti con le piante, assumendo entrambi forme e comportamenti specializzati a favorire un'associazione mutualistica che, a volte, diviene così stretta da legare le due specie letteralmente per la "vita", perché la scomparsa di una particolare pianta provoca l'immediata estinzione della specie animale simbiotica e viceversa.
Mentre le piante offrono tane, siti per la riproduzione e cibo in quantità, alcuni animali, detti pronubi, favoriscono l'impollinazione dei fiori; altri la dispersione dei semi. Le mirmecofite sono piante coevolutesi con le formiche, che le difendono dagli erbivori o da piante competitrici e le fertilizzano con i loro rifiuti organici, in cambio di una casa e, non sempre, di cibo.

Oltre che con i batteri e gli animali, le piante instaurano frequentemente simbiosi con delle specie fungine tramite le radici, formando un'associazione definita micorriza: i funghi aiutano la pianta per l'assorbimento dell'acqua e dei nutrienti presenti nel suolo; la pianta offre in cambio i carboidrati prodotti con la fotosintesi. Altre specie ospitano al loro interno dei funghi endofitici che proteggono la pianta dagli erbivori mediante la produzione di tossine. Nelle Orchidacee, i semi sono privi o carenti di endosperma e la germinazione non può avvenire senza l'ausilio di un fungo specifico.

Sensibilità delle piante[modifica | modifica wikitesto]

Le piante possono "annusare" molecole perché le loro cellule sono dotate di recettori di sostanze volatili; usano questa forma di odorato, per esempio, per ricevere informazioni dall'ambiente. Se le cellule delle radici sentono la presenza di nutrienti come azoto e fosforo, la crescita delle radici si rivolge verso la direzione degli elementi. Le piante sono anche in grado di "sentire". Le piante carnivore, hanno questa caratteristica. Ad esempio la dionea ha sulle foglie-trappola dei peli sensibili che rilevano la presenza degli insetti e che consentono alle trappole di chiudersi immediatamente, impiegando meno di un secondo, appena percepiscono il movimento delle prede sopra di queste, e la Mimosa pudica ritrae le foglie se toccata. Le piante individuano la luce grazie a molecole presenti sulle foglie (come i fitocromi) che agiscono da recettori. Diverse specie di piante sono in grado di percepire l'umidità del terreno, la gravità, la CO2 (anidride carbonica) o altri composti chimici. Come "difesa passiva" usano centinaia di molecole, quali l'acido salicilico, la morfina, la nicotina la caffeina. Queste molecole rendono la pianta poco appetibile o velenosa.

Il mezzo di comunicazione privilegiato per i vegetali, anche tra specie diverse, è l'emissione di molecole, ovvero composti chimici emessi da una pianta che determinano, qualora si verificasse un caso di pericolo, una reazione di difesa in un'altra pianta (ad esempio l'artemisia, se ferita, emette dei composti chimici che allertano le piante vicine dell'arrivo dei nemici). Alcune addirittura comunicano con gli animali. Si è scoperto che tabacco, cotone o fagiolo del Perù, quando sono attaccati da insetti, producono molecole che attirano altri insetti predatori che le liberano dai loro aggressori.

Le piante creano una rete sotterranea con altri esseri viventi per scambiarsi informazioni: in particolare usano i filamenti (miceli) dei funghi che vivono in simbiosi con le radici, scambiandosi segnali chimici, formando una rete molto più vasta di quella delle sole radici.[4]

Già Charles Darwin aveva intuito, nel suo The power of movement in plants (1880), che le radici potevano essere considerate sede dell' "intelligenza" delle piante. Ogni segmento delle radichette ha una funzione particolare quando si addentra nel terreno. È in grado di percepire le condizioni ambientali e produce e propaga segnali elettrici come i neuroni del cervello. Gli alberi più grandi aiutano quelli più piccoli a crescere e gli alberi più anziani fanno da "patriarchi" a tutti gli altri. Gli "alberi madre" torreggiano sugli alti tronchi e, attraverso la rete sotterranea, "gestiscono" le risorse (come il carbonio), per aiutare i tronchi vicini. Vi sono poi piante in grado di muoversi molto velocemente, come la Mimosa pudica; questa pianta chiude le foglie in risposta a tocchi che possono essere minacciosi. La mimosa è anche in grado di "ricordare" se un colpo ricevuto al vaso può essere considerato un pericolo. Dopo alcuni di questi colpi innocui, smette di chiudere le foglie. [5]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Only six kingdoms of life. URL consultato il 22 settembre 2009.
  2. ^ (EN) Lynn Denis H., The New Higher Level Classification of Eukaryotes with Emphasis on the Taxonomy of Protists in Journal of Eukaryotic Microbiology, vol. 52, nº 5, 19, pp. 399-451, DOI:10.1111/j.1550-7408.2005.00053.x. URL consultato il 22 settembre 2009.
  3. ^ (EN) Norman J. Wickett, Siavash Mirarab e Nam Nguyen, Phylotranscriptomic analysis of the origin and early diversification of land plants in Proceedings of the National Academy of Sciences, vol. 111, nº 45, 2014-11-11, pp. E4859-E4868, DOI:10.1073/pnas.1323926111. URL consultato il 2015-08-21.
  4. ^ "Sensibile come una pianta" in Focus, novembre 2013, pag. 39-44.
  5. ^ "Il grande cervello verde", in Focus, marzo 2015, n. 269, pag. 28-34.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Classificazione delle specie
Haeckel (1894)
Tre regni
Whittaker (1969)
Cinque regni
Woese (1977)
sei regni
Woese (1990)
Tre domini
Cavalier-Smith (2004)
Due domini e sette regni
Animalia Animalia Animalia Eukarya Eukaryota Animalia
Plantae Fungi Fungi Fungi
Plantae Plantae Plantae
Protista Protista Chromista
Protozoa Protista
Monera Eubatteria Bacteria Prokaryota Bacteria
Archeabacteria Archaea Archaea