Polypodiopsida

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Polypodiopsida
Polypodium vulgare 002.JPG
Polypodium vulgare
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Sottoregno Tracheobionta
Divisione Pteridophyta
Classe Polypodiopsida
Ritgen, 1828
Ordini

Polypodiopsida Ritgen, 1828 è una classe di piante della divisione delle Pteridofite (o felci).[1]

Consiste nel raggruppamento di piante terrestri più numeroso dopo le angiosperme, comprendendo circa 10.000 specie.[senza fonte]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

La generazione più evidente è quella dello sporofito (2n), avente fronde erette, direttamente collegate ad un rizoide sotterraneo o strisciante, con radici avventizie. Per quanto riguarda le fronde, queste presentano la tipica struttura che vede un rachide sorreggere le pinne, suddivise in pinnule. Proprio sulla membrana inferiore delle fronde vengono a trovarsi gli sporangi, raggruppati sotto forma di "sori", protetti da una membrana sottile, detta "indusio". In seguito alla rottura dello sporangio, le spore si liberano nell'ambiente, e dalla loro germinazione si origina il gametofito (n). Quest'ultimo, a differenza dello sporofito, ha vita effimera e presenta dimensioni ridotte, è formato da un singolo strato di cellule che macroscopicamente conferiscono una struttura laminare a forma di cuore.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

Tipiche di ambienti umidi, in particolare nelle regioni tropicali, sono molto presenti anche sul territorio italiano.

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

La classe comprende 7 ordini e 33 famiglie:[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Smith A.R., Pryer K.M., Schuettpelz E., Korall P., Schneider H. & Wolf P.G, A classification for extant ferns (PDF), in Taxon 2006; 55(3): 705–731.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]