Lago

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Lago (disambigua).
Lago di Bariloche (Argentina)
Il Lago di Lugano, visto da Porlezza
Il lago Maggiore, le cui sponde sono in parte sul suolo italiano e in parte svizzero, comprende anche undici isole

Un lago (o bacino lacustre) è una grande massa per lo più d'acqua dolce raccolta nelle cavità terrestri. Può essere inteso anche come "specchio d'acqua". Laghi di grandi dimensioni sono alle volte chiamati "mari interni", mentre, talvolta, i piccoli mari sono chiamati laghi (es. il Grande Lago Salato ed il Mar Morto).

Essi raggiungono il loro equilibrio idrico attraverso l'alimentazione da parte di fiumi (detti immissari), sorgenti, ghiacciai e precipitazioni, influendo questi sulla salinità e acidità dell'acqua, e il deflusso tramite fiumi (detti emissari) e l'evaporazione.

Essi rappresentano una riserva di acqua dolce utilizzata dall'uomo per l'irrigazione dei campi, come fonte di acqua potabile ed in alcuni casi anche per produrre energia elettrica.

Tipi[modifica | modifica wikitesto]

Origine dei laghi[modifica | modifica wikitesto]

Una classificazione dei laghi si basa sul tipo di evento geologico responsabile della formazione.

In regioni aride sottoposte ad intense piogge stagionali, viene utilizzato in geomorfologia il termine laghi effimeri per indicare depressioni poco profonde riempite dagli apporti meteorici durante la stagione piovosa e sottoposti a rapido essiccamento per l'intensa evaporazione durante la stagione arida. L'evaporazione delle acque meteoriche provoca la concentrazione e la deposizione progressiva dei sali (nell'ordine: carbonati, solfati e cloruri), dando origine a depositi evaporitici in forma di croste superficiali e noduli.

Fine dei laghi[modifica | modifica wikitesto]

La maggior parte dei laghi ha una vita relativamente breve (su scala geologica) in quanto vengono cancellati da due fenomeni:

  • l'interramento dovuto alla sedimentazione in corrispondenza degli immissari, dovuta all'improvviso calo della velocità della corrente;
  • l'erosione della soglia (punto più basso del bordo della conca lacustre) ad opera dell'emissario.

A questi, per i laghi con sponde basse e clima adatto, si aggiunge l'interramento dovuto allo sviluppo di canneti ed altra vegetazione di riva. Un esempio di questo fenomeno è il Lago Trasimeno.

Le correnti[modifica | modifica wikitesto]

L'acqua nei laghi non è ferma: oltre alle correnti derivanti dalla presenza di immissari ed emissari (anche sotterranei), possono formarsi dei gorghi o delle onde dovute a varie cause, tra le quali l'azione del vento sulla superficie. Inoltre i laghi sono soggetti ad una serie di movimenti, detti sesse, veri e propri spostamenti periodici di acqua da una parte all'altra del bacino, osservabili come veri e propri dislivelli tra una parte e l'altra della costa. Nel Lago di Bolsena sono state registrate sesse anche di 50 cm.

Proprietà termiche dei laghi[modifica | modifica wikitesto]

Le proprietà termiche di un lago sono il fattore fisico più importante del determinare il ciclo annuale e giornaliero di un lago, queste influenzano le caratteristiche chimiche delle acque e in ultima analisi l'ecologia degli organismi costituenti il suo ecosistema.

La principale fonte di calore di un lago è la radiazione solare che cede calore venendo assorbita dall'acqua. Tuttavia, l'acqua ha una scarsa tendenza a cedere calore per diffusione molecolare, motivo per cui solo l'epilimnio, lo strato superficiale (nell'ordine di alcuni metri), risulta influenzato dalla temperatura esterna. Nello strato immediatamente sottostante all'epilimnio, chiamato metalimnio, la temperatura varia rapidamente con la profondità. Se il lago è abbastanza profondo, può possedere anche l'ipolimnio, uno strato in cui la temperatura si mantiene costante intorno ai 4 °C.

Un esempio di lago con la superficie ghiacciata è quello di Montorfano in provincia di Como (gennaio 2006)

A differenza della maggior parte delle sostanze, la cui densità aumenta al diminuire della temperatura, nell'acqua il massimo di densità si ha alla temperatura di 3,94 °C: lo stato solido dell'acqua, ovvero il ghiaccio, galleggia. Per questo motivo l'acqua alla temperatura di 4 °C essendo la più densa e pesante, si trova nello strato più profondo.

Un tipico lago profondo della zona temperata in estate avrà nell'epilimnio una temperatura alta e acque poco dense, che galleggiano sullo strato ipolimnico più denso e freddo, separate da un sottile strato metalimnico. Questo profilo di densità, determinato dalla differente temperatura, impedisce alle acque dei vari strati di mescolarsi fra loro (stratificazione termica), limitando gli scambi di sostanze disciolte e particellate. In inverno, se la temperatura delle acque superficiali scende al disotto dei 4 °C, arrivando a formare ghiaccio, si avrà una stratificazione termica inversa, con l'epilimnio più freddo, ma comunque più leggero per via dell'anomalia della curva di densità, che galleggia su un ipolimnio più caldo ma più pesante. Tra le due situazioni sopra descritte intercorrono tipicamente due fasi dette di piena circolazione (olomissi), in primavera ed in autunno, in cui tutta la colonna d'acqua si trova a 4 °C, e nelle quali scompare la stratificazione termica, in queste condizioni il vento può innescare un rimescolamento completo delle acque.

Al variare delle condizioni climatiche e della profondità del corpo lacustre i cicli annuali e giornalieri di laghi diversi differiscono notevolmente, si distinguono quindi:

  • Laghi olomittici, presentano almeno una fase di piena circolazione
  • Laghi dimittici, due fasi di piena circolazione (tipicamente i laghi delle zone temperate)
  • Laghi monomittici, una sola fase di piena circolazione (tipicamente i laghi sub-polari ed i laghi sub-tropicali)
  • Laghi meromittici, privi di una fase di piena circolazione (con stratificazione perenne dovuta al profilo della temperatura e/o all'eccesso di sali dissolti nell'acque, aumentandone così la densità, sul fondo)
  • Laghi oligomittici, con fasi di piena circolazione non regolari negli anni

Attività sportive[modifica | modifica wikitesto]

Nei laghi, oltre alla pesca, vengono praticate numerose attività sportive, tra le quali il canottaggio, la vela, il windsurf e le immersioni subacquee. Piuttosto diffusa la balneazione estiva, anche se i laghi rappresentano un pericolo mediamente più alto rispetto alle coste marittime, per diversi motivi: l'acqua è più fredda, possono essere presenti correnti o vortici inaspettati, e sono spesso prive sorveglianza.

Lago di vapore[modifica | modifica wikitesto]

Il Boiling lake in Dominica

Con la locuzione "lago di vapore", traduzione imprecisa di boiling lake si intende un lago in perenne ebollizione a causa della presenza di sorgenti termali. Il più famoso di questi laghi termali, e secondo per estensione è il Boiling Lake in Dominica.

Record e disposizioni[modifica | modifica wikitesto]

Una piccola imbarcazione nelle acque del Lago Victoria

I laghi più estesi superficialmente, raggruppati per continente di appartenenza, sono:

Nota: il Lago di Maracaibo può essere considerato il lago più esteso del Sud America. Tuttavia giace sul livello del mare, in cui sfocia con un'apertura relativamente estesa, pertanto è meglio descritto come una baia-estuario, anche se le sue acque sono dolci e salmastre.

Lo specchio d'acqua che contiene il maggior volume, nonché il più profondo al mondo, è il lago Baikal in Siberia.

Il lago più profondo d'Europa è Hornindalsvatnet in Norvegia (contea di Sogn og Fjordane). Areale: 50,42 km² e profondità: 514 m.

Più del 60% dei laghi di superficie sono situati in Canada.

La Finlandia è conosciuta come la terra dei mille laghi, mentre il Minnesota è conosciuta come la terra dei diecimila laghi.

Il lago di Ocrida è il lago più antico d'Europa.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità LCCN: (ENsh85074030 · GND: (DE4054084-4