Film a basso costo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Un film a basso costo è un'opera cinematografica realizzata con spese di produzione relativamente basse. Autori di questi prodotti sono spesso registi giovani ed esordienti che non possono utilizzare somme maggiori per la realizzazione, oppure perché si vedono negati i finanziamenti dagli studi cinematografici in quanto l'opera non è considerata un buon investimento.

Non esiste un livello di bilancio di produzione che determina se un film è o no a basso costo, poiché questa determinazione cambia da nazione a nazione a seconda del peso della valuta e in alcuni casi anche a seconda del genere cinematografico: per esempio un film commedia dalla spesa di 20.000.000 di dollari può venire considerato di medio costo mentre un film d'azione dalla stessa spesa verrebbe considerato di basso costo.

Casi cinematografici di film a basso costo[modifica | modifica wikitesto]

Il film a basso costo che ha riscosso più successo a livello internazionale nella storia del cinema è The Blair Witch Project - Il mistero della strega di Blair (1999), film dell'orrore realizzato ed interpretato da giovani esordienti con una spesa stimata di tra i 20.000 e i 25.000 dollari[1] e che nel mondo ottenne un incasso totale di 248.639.099 dollari.

Un altro evento cinematografico, in questo controverso e dibattuto, è del film pornografico Gola profonda (Deep Throat) (1972), il quale prodotto con 22.500 dollari ne avrebbe incassati circa 600.000.000 nel mondo. La cifra è stata oggetto di dibattiti sia perché per un film del genere sarebbe un evento surreale, e il costo del biglietto che era di 5 dollari se comparato con i dati delle vendite porterebbe a un incasso di 120.000.000 di dollari.[2]

Più di recente va citato il caso del falso documentario Paranormal Activity (2007) del regista israeloamericano Oren Peli realizzato con 15.000 dollari riuscendo ad incassarne più di 193 milioni di dollari[3] a livello mondiale.

Incentivi[modifica | modifica wikitesto]

Nel dicembre 2009, dopo il successo riscosso da Paranormal Activity, la Paramount Pictures ha annunciato i piani per la realizzazione di un programma di incentivazione dalla spesa annuale di 1.000.000 di dollari per finanziare non oltre venti opere di artisti esordienti e non all'anno.[4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ John Young, The Blair Witch Project 10 years later: Catching up with the directors of the horror sensation, in Entertainment Weekly, 09-072009.
  2. ^ Ralph Blumenthal: Porno chic; "Hard-core" grows fashionable-and very profitable. The New York Times, 21-01 1973.
  3. ^ (EN) Paranormal Activity, Box Office Mojo. URL consultato il 10 febbraio 2010.
  4. ^ La Paramount investirà un milione nei microbudget, Bad Taste, 14 dicembre 2009. URL consultato il 14 dicembre 2009.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità GND: (DE4629696-7
Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema