Salvatore Nocita

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Salvatore Nocita (Arcisate, 30 luglio 1934) è un regista e sceneggiatore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Vincitore del Nastro d'Argento, del Festival Cinematografico Internazionale di Montreal, per due volte del Festival Cinematografico di Nizza, e per cinque volte consecutive del Premio per Regia Televisiva assegnato dalla critica televisiva italiana.

La sua attività

HA prestato la sua opera presso la RAI in qualità di giornalista e collaborato alle trasmissioni di informazione come Almanacco Cordialment TV7, e realizzato una serie di Inchieste Televisive Servizi Speciali anche di carattere internazionale. Dal 1969 si è occupato di produzione di fiction, come sceneggiatore e regista, e poi anche come produttore Ha ealizzato 21 opere fra TV movie, miniserials e serials.

Il suo primo film a puntate è I Nicotera, sceneggiato con Arnaldo Bagnasco, cui fanno seguito opere significative fra le quali citiamo

Ligabue (vincitore del Festival Cinematografico Internazionale di Montreal, di Nizza e di Bruxelles), in collaborazione per la sceneggiatura con Cesare Zavattini e Arnaldo Bagnasco.

La commediante veneziana, in collaborazione per la sceneggiatura con Vittorio Bonicelli

I Fisici, tratto da Durenmatt, con la sceneggiatura con Vittorio Bonicelli

Gli irreperibili, in occasione del Premio Nobel assegnato a Henrich Boll autore dell'omonimo testo teatrale. Interpretato da Bruno Ganz e A.M. Guarnieri

Il giudice, miniserial in sei parti tratto da racconti di Durenmatt.

Storia di Anna (vincitore del Festival Cinematografico Internazionale di Nizza), che introduce, per la prima volta sugli schermi televisivi italiani, in una fiction il problema della droga

Tre anni, riduzione filmica dell'omonima novella di Cechov, nella riscrittura di James Joyce, i particolare interesse per la ricerca di linguacci filmici innovativi

Piccolo mondo antico, tratto dall'omonimo romanzo di Antonio Fogazzaro, ridotto e sceneggiato in collaborazione con Vittorio Bonicelli

Olga e i suoi figli, che indaga il tema della malattia mentale in collaborazione per la sceneggiatura con Arnaldo Bagnasco e la supervisione scientifica di Vittorino Andreoli

Un crimine, tratto dal romanzo di George Bernanos, sceneggiato in collaborazione con Vittorio Bonicelli

I Promessi Sposi, sceneggiato in collaborazione con Enrico Medioli e Roberta Mazzoni.

Ha prestato la sua opera di sceneggiatore per i film e i TV picture quali Exit, Aoujourd’Houi, Il colore della vita, Una sola settimana d’amore.

Nel corso della sua attività di realizzatore di fiction, ha anche realizzato due importanti documentari artistici quali: nel 1982 “ L’accademia di Venezia , visita guidata. “ e nel 1985 “Guidarello Guidarelli, Ravenna fra Bizantino e Rinascimento.”

Ha diretto i Corsi di Sceneggiatura e di Comunicazione Multimediale tenuti dall’Istituto Mediastudio di Milano.

Ha diretto i Corsi “Le Professioni della Comunicazione Televisiva” (Direttore della fotografia, Cameraman, Film-editor, Segretaria di produzione) tenuti dall’Istituto Mediastudio di Milano,

Ha tenuto Seminari di Lettura dell’immagine e del Linguaggio televisivo presso la Facoltà di Lingue dell’Università di Torino.

Ha tenuto Seminari di Scienza di Comunicazione Televisiva e Multimediale presso la Facoltà di Scienze Politiche dell’Università di Bologna, e quella di Linguistica di Torino

Ha esteso le sue attività alla realizzazioni di prodotti multimediali collaborando alla produzione di CD Rom di vari generi, dall’editoriale all’industriale, e di varie strutture e l’allestimento di Siti Internet. Per questa attività si avvale della collaborazione di operatori tecnici e di società di software altamente qualificate.

Nel 1998 ha realizzato un audiovisivo, su incarico dalla Giunta Regionale, dal titolo “Così lontani, così vicini”, sul tema Immigrazione e integrazione. L’audiovisivo proiettato durante la Conferenza Conclusiva, alla presenza del Presidente della Camera On Violante, ha riscosso un caloroso consenso anche da parte del Sindaco Albertini. Il Consiglio Regionale ne ha editato poi 20.000 copie

Sempre nel 1998 ha progettato e prodotto, per conto della Direzione Generale all’Urbanistica della Regione Lombardia, un CD Rom atto alla Testualizzazione informatica e all’illustrazione del Piano Territoriale e Paesistico Regionale.

Ha prodotto e diretto per conto della Direzione Generale all’Urbanistica della Regione Lombardia un reportage audiovisivo di documentazione socio-paesistica sul territorio e sullgli insediamenti in Lombardia . Ha tenuto seminari di comunicazione presso il Politecnico di Milano, all’interno del Master di Design Strategico dal 2001-2005. Di Cura dal 1997 la comunicazione televisiva dell'Agenzia di Stampa della Regione Lombardia realizzando su incarico di Lombardia Notizie la trasmissione-notiziario “L’Apriregione” settimanale d’informazione sulle iniziative della Giunta Regionale, diffuso da 23 emittenti private lombarde.

Fra le ultime sceneggiature:

Preti di Periferia Serial in dodici puntate in via di studio presso Endemol

Il colore della vita Tv un TVmoviE in produzione Rai

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Regista[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Carlo Della Corte, Per lei Venezia prese una cotta, Radiocorriere TV, 1979, n. 16/17, pp. 26-29
  2. ^ Teresa Buongiorno, Un lungo viaggio attraverso il proprio fallimento, Radiocorriere TV, 1983, n. 5, pp. 52-53

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN262046882 · ISNI (EN0000 0003 8188 5789 · SBN IT\ICCU\MILV\254591 · BNF (FRcb16179163z (data)