Gary Oldman

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Gary Oldman al WonderCon 2014

Gary Leonard Oldman (Londra, 21 marzo 1958) è un attore, sceneggiatore e produttore cinematografico britannico.

Ha ricevuto una candidatura all'Oscar al miglior attore per la sua interpretazione ne La talpa.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nasce a Londra, nella zona di New Cross. È figlio di Leonard e Kathleen Oldman. Il padre, un saldatore che all'occorrenza diventava marinaio, era un forte bevitore e abbandonò la famiglia quando Gary aveva sette anni. Così il giovane Oldman è cresciuto con la madre e le due sorelle maggiori, una di queste è Laila Morse nata nell'agosto del 1945, anch'ella attrice.

Da principio ha un primo amore per la musica e, deciso a diventare pianista, impara da autodidatta a suonare il pianoforte; successivamente grazie all'incontro con Roger Williams si appassiona alla recitazione. A 15 anni, Gary diventa membro del Greenwich Young People's Theatre, e poco dopo lascia la scuola per andare a lavorare in un negozio di articoli sportivi. Il suo tempo libero però, è tutto dedicato alla recitazione, al pianoforte e alla lettura dei classici.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Primi anni[modifica | modifica wikitesto]

A 17 anni tenta di entrare alla Royal Academy of Dramatic Art di Londra, ma la sua domanda d'ammissione è respinta, e Gary, che non vuole rinunciare al suo sogno, si iscrive alla Rose Bruford School of Speech and Drama, nel Kent, dove ottiene una borsa di studio. Si diploma nel 1979. L'anno successivo, Gary Oldman è in tour in Europa e America del Sud con il Glasgow Citizen's Theatre, e presto comincia ad apparire in film prodotti dalla televisione britannica, tra i quali Meantime di Mike Leigh, nel ruolo dello skinhead Coxie.

Nel 1986 la giovane star del teatro inglese è accolta al Royal Court Theatre e nella Royal Shakespeare Company, e nello stesso anno debutta al cinema con Sid & Nancy, film biografico su Sid Vicious, ex-bassista del gruppo punk dei Sex Pistols, diretto da Alex Cox. È sulle tavole del Royal Court Theatre che conosce l'attrice Lesley Manville, che sposa nel 1987 ma da cui divorzia dopo soli due anni. In questi anni, il giovane Oldman si fa largo nelle produzioni indipendenti diventando uno dei nuovi volti del cinema britannico. Tra le sue interpretazioni più importanti del periodo, sono da ricordare: Prick Up - L'importanza di essere Joe di Stephen Frears, nel quale interpreta il commediografo Joe Orton, The Firm di Alan Clarke, nel quale fa la parte di un violento hooligan, e Legge criminale, nel ruolo di un giovane avvocato.

Nel 1990 è protagonista al fianco dell'amico Tim Roth dell'adattamento al grande schermo dell'opera teatrale Rosencrantz e Guildenstern sono morti, vincitore del Leone d'oro al miglior film alla 47ª Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia. Sempre nel 1990 è al fianco di Sean Penn e di Ed Harris in Stato di grazia di Phil Joanou, un ottimo gangster-movie accompagnato dalle musiche di Ennio Morricone.

In questo periodo, Gary Oldman e altre giovani promesse del cinema britannico come Daniel Day-Lewis, Tim Roth, Colin Firth, Rupert Everett, Bruce Payne, Paul McGann e Spencer Leigh vengono etichettati come il "Brit Pack".

Il maggior successo[modifica | modifica wikitesto]

Abile nel trasformare sia il suo corpo che il suo accento, dà vita sullo schermo a una vasta serie di personaggi, molti dei quali particolarmente "cattivi": Lee Harvey Oswald in JFK - Un caso ancora aperto (1991) di Oliver Stone, il Conte Dracula in Dracula di Bram Stoker (1992) di Francis Ford Coppola, il protettore Drexl Spivey in Una vita al massimo (1993) di Tony Scott, il poliziotto che si vende come informatore alla mafia in Triplo gioco (1993) di Peter Medak, il corrotto e tossicomane agente della DEA Norman Stansfield in Léon (1994) di Luc Besson e il sadico condirettore Milton Glenn ne L'isola dell'ingiustizia - Alcatraz (1995) di Marc Rocco.

Il camaleontico interprete si destreggia abilmente anche nell'interpretazione di personaggi realmente esistiti e di personaggi letterari, come in Amata immortale di Bernard Rose del 1994, nel quale interpreta il compositore tedesco Ludwig van Beethoven, ne La lettera scarlatta di Roland Joffé del 1995, nel quale interpreta il reverendo Arthur Dimmesdale e in Basquiat del 1996, nel quale, attraverso il personaggio fittizio di Albert Milo, interpreta lo stesso regista del film, nonché pittore, Julian Schnabel.

Gli anni novanta lo vedono protagonista non solo in veste di attore ma anche di produttore e regista. Fondata con Douglas Urbanski la casa di produzione SE8 Group (il nome deriva dal codice di avviamento postale dalla cittadina natale di Oldman) nel 1997 Oldman ha scritto e diretto Niente per bocca, un film pieno di elementi autobiografici, che ha fatto vincere alla protagonista Kathy Burke la Palma d'oro al Festival di Cannes.

Sempre nel 1997 recita in due tra i maggiori incassi dell'anno: Air Force One, nel quale interpreta un terrorista russo che prende in ostaggio l'aereo presidenziale, al fianco di Harrison Ford, e Il quinto elemento, pellicola fantascientifica diretta da Luc Besson, nel quale interpreta un malvagio mercante d'armi.

Il 1998 è invece l'anno di Lost in Space - Perduti nello spazio, nel quale recita al fianco del protagonista William Hurt.

Nel 1999 lavora nel film televisivo Jesus, ultimo capitolo della serie RAI sulla Bibbia, dove ha il ruolo di Ponzio Pilato. Nel 2000 è diretto da Ridley Scott in Hannibal, dove interpreta il ruolo di Mason Verger, un miliardario sfigurato, unica vittima sopravvissuta del Dott. Lecter, del quale intende vendicarsi, e nello stesso anno esce The Contender, film che riceve due candidature al premio Oscar.

Nel 2002 recita nel generalmente ben accolto Interstate 60, film diretto dall'autore, assieme a Robert Zemeckis, della trilogia di Ritorno al futuro, Bob Gale, e nel cortometraggio "Beat The Devil" della serie The Hire, nel ruolo del diavolo.

Gary Oldman a Londra per l'anteprima de La talpa (2011)

Dopo alcuni anni passati recitando in piccole produzioni indipendenti (Tiptoes, Sin - Peccato mortale, Dead Fish), decisione presa in base alla volontà da parte dell'attore di passare più tempo con i suoi figli, Gary torna presto alla ribalta accettando ruoli sostanziosi in due dei franchise cinematografici più importanti dell'ultimo decennio.

Nel 2005, Oldman ha partecipato al film Batman Begins di Christopher Nolan nel ruolo del tenente James Gordon, capo dell'unità anti crimini della città di Gotham City e alleato di Batman, interpretato da Christian Bale. Contrariamente agli altri film, il James Gordon interpretato da Oldman è molto più giovane ed ha un rapporto fraterno con Batman, proprio come nel fumetto.[1] Inizialmente la produzione fu contraria al destinare la parte a Oldman, poiché l'attore, in precedenza, aveva avuto ruoli quasi esclusivamente da "cattivo".[2] In un'intervista, Oldman rivelò di non aver mai letto niente di Batman, ma di aver già apprezzato Christopher Nolan per i suoi precedenti lavori[1]. L'attore ha successivamente ripreso il ruolo di James Gordon ne Il cavaliere oscuro (uscito nelle sale nel 2008) e ne Il cavaliere oscuro - Il ritorno, l'ultimo capitolo della trilogia uscito nel luglio 2012.

L'attore ha anche recitato nella saga cinematografica di Harry Potter, tratta dagli omonimi romanzi della scrittrice J. K. Rowling. Nei film Oldman interpreta Sirius Black, padrino e tutore del protagonista Harry Potter. Il suo personaggio compare a partire dal terzo film Harry Potter e il prigioniero di Azkaban e, successivamente, in Harry Potter e il calice di fuoco (in cui, però, ha semplicemente prestato la voce al volto di Sirius realizzato al computer in una sola scena), in Harry Potter e l'Ordine della Fenice ed infine nell'ultimo capitolo della serie Harry Potter e i Doni della Morte - Parte 2. Oldman accettò il ruolo per problemi economici[3]. Inoltre suggerì alcune caratteristiche riguardo al personaggio, come ad esempio l'acconciatura[4], e nell'interpretarlo si ispirò a vari modelli come John Lennon e vari personaggi shakespeariani.[3][4]

Nel 2006 viene diretto da Koldo Serra nel thriller The Backwoods - Prigionieri nel bosco, il quale vanta un cast internazionale composto da attori inglesi, spagnoli e francesi, e che presenta affinità con pellicole quali Cane di paglia e Un tranquillo weekend di paura.

Nel 2009 è uno degli interpreti principali del film horror Il mai nato e recita ben tre parti in motion capture in A Christmas Carol di Robert Zemeckis.

Nel 2010 recita al fianco di Denzel Washington nel film post apocalittico diretto dai fratelli Hughes, Codice Genesi, nella parte di Carnegie, un violento despota intenzionato a impossessarsi dell'ultima copia della Bibbia rimasta sulla Terra per suggestionare il popolo e assumerne il controllo.

I grandi riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2011 interpreta la parte di George Smiley, un agente dell'MI6 britannico protagonista di molti romanzi di John le Carré, nel film inglese La talpa, ruolo che gli vale la sua prima nomination ai Premi Oscar 2012 come Miglior Attore Protagonista[5]. Questo ruolo, grazie al quale vince numerosi premi e viene elogiato unanimemente dalla critica internazionale, lo consacra definitivamente nell'Olimpo dei più grandi attori contemporanei.

Nel 2012 recita una parte nel film di John Hillcoat, Lawless, in mezzo a un cast composto da Tom Hardy, Shia LaBeouf, Jessica Chastain, Mia Wasikowska, Jason Clarke e Guy Pearce.

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1987 sposa l'attrice Lesley Manville da cui ha avuto un figlio, Alfie. Tre mesi dopo la nascita del figlio, Oldman la lascia e divorziano nel 1989. Sul set del film Stato di grazia, conosce l'attrice Uma Thurman; i due si sono sposati nel 1990 ma, in seguito, lui la lascia divorziando due anni dopo.

Dal 1994 al 1996 ha avuto una relazione sentimentale con l'attrice e modella Isabella Rossellini incontrata sul set di Amata immortale. Nel 1995 si sottopone a una cura disintossicante e conosce la fotografa e modella Donya Fiorentino. I due si sposano il 16 febbraio 1997 ed il 20 agosto nasce il loro primogenito, Gulliver Flynn, mentre l'11 febbraio 1999 nasce il loro secondo figlio Charles John. Il 13 aprile 2001 viene ufficializzato il divorzio.

Dal 31 dicembre 2008 al gennaio 2015 Oldman è stato sposato con la cantante inglese jazz Alexandra Edenborough[6].

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Attore[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Pubblicità[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatore[modifica | modifica wikitesto]

Regista[modifica | modifica wikitesto]

Produttore[modifica | modifica wikitesto]

Sceneggiatore[modifica | modifica wikitesto]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Premio Oscar

Premio Emmy

Premio BAFTA

Screen Actors Guild Awards

Festival di Cannes

MTV Movie Awards

People's Choice Award

2009 - Miglior cast cinematografico per Il cavaliere oscuro

Doppiatori italiani[modifica | modifica wikitesto]

Nelle versioni in italiano dei suoi film, Gary Oldman è stato doppiato da:

Nei film da doppiatore la voce dell'attore è sostituita da

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Parla Gary Oldman, in BadTaste.it, 21 aprile 2008. URL consultato il 1º maggio 2008.
  2. ^ Thompson, Anne, Dark Knight Review: Nolan Talks Sequel Inflation, in Variety, 6 luglio 2008. URL consultato il 7 luglio 2008 (archiviato dall'url originale il 10 luglio 2008).
  3. ^ a b Coventry Evening Telegraph: GO: CINEMA: I CASHED IN ON HARRY POTTER!, in Coventry Evening Telegraph, 28 maggio 2004.
  4. ^ a b Gary Oldman: Seriously Sirius, Newsround, 28 maggio 2004. URL consultato il 30 novembre 2007.
  5. ^ Benedict Cumberbatch Joins 'Tinker, Tailor, Soldier, Spy', 16 agosto 2010. URL consultato il 4 settembre 2010.
  6. ^ Gary Oldman divorzia da Alexandra Edenborough, gossipblog.it. URL consultato il 13 gennaio 2015.
  7. ^ Famous Millwall Fans, youtube.com.
  8. ^ GameSpot, Admiral Bishop Senate Speech Starring Gary Oldman - Star Citizen Official Trailer, 12 ottobre 2015. URL consultato il 21 maggio 2016.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN117341583 · LCCN: (ENn93039085 · ISNI: (EN0000 0001 2096 9036 · GND: (DE124243711 · BNF: (FRcb13954489t (data)