Pino Colizzi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il quasi omonimo cineasta, vedi Giuseppe Colizzi.
Pino Colizzi nel 1977

Pino Colizzi, all'anagrafe Giuseppe Colizzi (Roma, 12 novembre 1937), è un attore, doppiatore e direttore del doppiaggio italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Roma nel 1937 da famiglia calabrese originaria di Paola[1], ha iniziato la carriera televisiva nel 1960 come protagonista dello sceneggiato televisivo Tom Jones, ma le sue caratteristiche di "duro e tenebroso" poco si adattavano al personaggio del romanzo di Henry Fielding. Sono così dovuti passare oltre dieci anni perché gli venisse affidata un'altra parte da protagonista.

Infatti, nel 1974, il regista Sandro Bolchi lo chiamò ad indossare le vesti del personaggio Vronskij in Anna Karenina. Il ruolo assai complesso mise in luce le qualità interpretative di Colizzi, che poi espresse in modo rilevante nei successivi lavori di prosa televisiva: La guerra al tavolo della pace (1975), L'assedio, Così è se vi pare, Dei miei bollenti spiriti e La piovra.

In contemporanea Colizzi ha svolto un'intensa attività di doppiatore dando la voce a Michael Douglas, Jack Nicholson, James Caan, Richard Dreyfuss, Omar Sharif, Franco Nero, a Robert Powell nel Gesù di Nazareth di Franco Zeffirelli, a Christopher Reeve nei primi tre episodi cinematografici di Superman, a Robert De Niro nell'epico film di Francis Ford Coppola Il padrino - Parte II, a Patrick McGoohan nella seconda edizione del doppiaggio de Il Prigioniero, celebre science-fiction inglese degli anni sessanta e soprattutto a Martin Sheen nel capolavoro di Francis Ford Coppola Apocalypse Now. Ha inoltre doppiato Robin Hood nel celebre cartone animato della Disney e ha diretto il doppiaggio di alcuni importanti film degli anni novanta, tra cui Pulp Fiction, 007 - Goldeneye, Il paziente inglese e Matrix.[2][3][4][5]

Nel 2001 ha partecipato alla serie televisiva Il bello delle donne nel ruolo del conte Gabriele De Contris.[6]

Nel 2010, abbandona definitivamente il mondo del doppiaggio per darsi alla letteratura.[6]

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

È stato sposato con la collega Manuela Andrei, con cui ha avuto Chiara Colizzi che ha seguito le orme dei genitori.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Doppiaggio[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Film d'animazione[modifica | modifica wikitesto]

Film TV e sceneggiati televisivi[modifica | modifica wikitesto]

Direzioni del doppiaggio[modifica | modifica wikitesto]

Anni 1990[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Pino Colizzi, su calabriansmostfamous.com. URL consultato il 2 aprile 2021.
  2. ^ AntonioGenna.net presenta: IL MONDO DEI DOPPIATORI - ZONA CINEMA: "Pulp Fiction", su www.antoniogenna.net. URL consultato l'8 luglio 2021.
  3. ^ AntonioGenna.net presenta: IL MONDO DEI DOPPIATORI - ZONA CINEMA: "Matrix", su www.antoniogenna.net. URL consultato l'8 luglio 2021.
  4. ^ AntonioGenna.net presenta: IL MONDO DEI DOPPIATORI - ZONA CINEMA: "Il paziente inglese", su www.antoniogenna.net. URL consultato l'11 ottobre 2021.
  5. ^ AntonioGenna.net presenta: IL MONDO DEI DOPPIATORI - ZONA CINEMA: "007 - Goldeneye", su www.antoniogenna.net. URL consultato l'11 ottobre 2021.
  6. ^ a b Pino Colizzi, su toth.be. URL consultato il 2 aprile 2021.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN172149106154068491138 · SBN IT\ICCU\UBOV\597353 · GND (DE1046205897 · WorldCat Identities (ENviaf-172149106154068491138