Giuseppe Bennati

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Giuseppe Bennati (Pitigliano, 4 gennaio 1921Milano, 27 settembre 2006) è stato un regista e sceneggiatore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Frequentò il Centro sperimentale di cinematografia, interrompendo gli studi a causa della guerra. Nel dopoguerra diresse alcuni documentari ed esordì nel lungometraggio nel 1951 con il film Il microfono è vostro.

Il successivo film, Amore selvaggio (1953), destò l'interesse della critica e lo impose come narratore. Buon successo ottennero anche i successivi La mina (1958) con Antonio Cifariello, e Labbra rosse (1960), pellicola che in qualche misura anticipò i temi di Lolita (1962) di Stanley Kubrick.

In Congo vivo (1962) affrontò i problemi sociali e politici delle nuove realtà nell'Africa indipendente.

Per la Rai realizzò nel 1970 Marcovaldo, una miniserie tratta dall'omonimo romanzo di Italo Calvino.

Il suo ultimo lavoro, il film giallo L'assassino ha riservato nove poltrone, risale al 1974.

Morì a Milano nel 2006.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Regista[modifica | modifica wikitesto]

Sceneggiatore[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN273028 · ISNI (EN0000 0000 0883 852X · BNF (FRcb14668823s (data) · WorldCat Identities (ENviaf-273028