Roy Scheider

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Roy Scheider nel 2007

Roy Richard Scheider (Orange, 10 novembre 1932Little Rock, 10 febbraio 2008) è stato un attore statunitense.

Attore versatile, capace di interpretare i ruoli più disparati, dal buono al violento, al duro, ottenne due candidature all'Oscar e partecipò sin dai primi anni sessanta a pellicole di successo, venendo fin dagli esordi "condannato per anni a ruoli da macho per il suo fisico nervoso e l'espressione cattiva"[1].

Tra le sue interpretazioni principali e di maggior impatto, da ricordare il protettore di prostitute Frank Ligourin in Una squillo per l'ispettore Klute (1971), il solitario e scontroso detective Buddy Russo in Il braccio violento della legge (1971), che gli valse una candidatura agli Oscar, il capitano della polizia Martin Brody in Lo squalo (1975), il misterioso Henry David Levy in Il maratoneta (1976), il duro e tuttofare ballerino Joe Gideon in All That Jazz - Lo spettacolo comincia (1979), per il quale ricevette la seconda candidatura agli Oscar, il veterano e tormentato poliziotto Frank Murphy in Tuono blu (1982), il determinato e cupo dottor Sam Rice di Una lama nel buio (1982), il pavido scienziato Heywood Floyd in 2010 - L'anno del contatto (1984), il freddo e impassibile killer Cohen in Le strade della paura (1988).

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Giovinezza[modifica | modifica wikitesto]

Scheider nacque ad Orange, nel New Jersey, il 10 novembre 1932, figlio di Roy Bernhard Scheider, un meccanico statunitense di origini tedesche e di religione protestante, e di Anna Crosson, una casalinga statunitense di origini irlandesi e di religione cattolica.

Dal 1946 cominciò a praticare la boxe principalmente per perdere peso, come rivelerà in un'intervista molti anni dopo. Fu uno dei pugili esordienti più famosi di allora nel New Jersey[2]. Nel suo secondo incontro Scheider si procurò anche una frattura al setto nasale, ma in seguito vinse quasi tutti gli incontri disputati[2].

Terminò la boxe nel 1949, quando all'età di 17 anni decise di intraprendere gli studi di recitazione. Si iscrisse così all'accademia delle arti drammatiche e completò gli studi verso la metà degli anni cinquanta.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Debuttò sul grande schermo nel 1963 nell'horror The Curse of the Living Corpse, dove fu co-protagonista con Helen Warren. Seguirono poi alcuni ruoli secondari in alcuni film minori, come Lamp at Midnight (1966) con Melvyn Douglas, e Un assassino per un testimone (1969), interpretato anche da Patrick O'Neal. Nel 1971 Scheider conquistò la notorietà con due celebri pellicole: Una squillo per l'ispettore Klute, dove interpretò Frank Ligourin, un protettore di prostitute, e soprattutto con Il braccio violento della legge, dove grazie al ruolo di Buddy Russo, collega-spalla di Gene Hackman, ottenne la candidatura all'Oscar al miglior attore non protagonista.

Dopo la partecipazione al film Funerale a Los Angeles (1975), entrò nell'olimpo dei miti di Hollywood grazie al film Lo squalo di Steven Spielberg, in cui interpretò il protagonista Martin Brody, alle prese con il grande squalo bianco, considerata da molti la sua miglior interpretazione. La battuta pronunciata da Brody/Scheider ("Ci serve una barca più grossa") è entrata al 35º posto nella lista delle 100 frasi più celebri di sempre dell'American Film Institute. Scheider prenderà parte anche al sequel Lo squalo 2 (1978), per poi abbandonare definitivamente il personaggio. Nel 1976 interpretò anche il ruolo del fratello di Dustin Hoffman in Il maratoneta.

Entrato tra i miti del cinema, Scheider recitò in altri capolavori come All That Jazz - Lo spettacolo continua (1979) di Bob Fosse, con il quale ottenne una seconda candidatura all'Oscar al miglior attore protagonista, Una lama nel buio (1982) al fianco di Meryl Streep, Tuono blu (1983) e 2010 - L'anno del contatto (1983), le uniche due pellicole di fantascienza cui abbia preso parte, Le strade della paura (1986) accanto ad Adam Baldwin, mentre rifiutò - nonostante le insistenze sia dei fan che della produzione - di riprendere il ruolo di Martin Brody in Lo squalo 4 - La vendetta, per poi apparire in La casa Russia (1990). Tra il 1993 e il 1996 fu protagonista della serie SeaQuest - Odissea negli abissi, telefilm avventuroso di grande successo della NBC prodotto da Steven Spielberg. Dopo la chiusura della serie, apparve prevalentemente in ruoli secondari o brevi camei.

Nel 1997 recitò in un cameo in L'uomo della pioggia - The Rainmaker diretto da Francis Ford Coppola. Le sue ultime interpretazioni di rilievo furono nel film bellico di Giorgio Serafini Texas 46 (2002), affiancato da Luca Zingaretti, e negli ultimi due capitoli della saga Dracula's Legacy nel 2003 e nel 2005. Interpreterà anche un piccolo ruolo nell'action-movie The Punisher (2004) con Thomas Jane, mentre nel 2009 uscì postumo il film Justic Vengeance.

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Dal primo matrimonio con Cynthia Bebout, dal 1962 al 1986, Scheider ebbe una figlia, Maximiliana. Risposatosi l'11 febbraio 1989 con Brenda King, da lei ebbe Christian (nato nel 1990) e adottò Molly. Morì il 10 febbraio 2008 all'ospedale di Little Rock, in Arkansas, all'età di 75 anni, per un mieloma multiplo che lo aveva colpito da circa due anni. Dopo i funerali il corpo venne cremato.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatori italiani[modifica | modifica wikitesto]

Nelle versioni in italiano dei suoi film, Roy Scheider è stato doppiato da:

Da doppiatore è stato sostituito da:

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN19866926 · ISNI (EN0000 0001 1042 6011 · LCCN (ENn87860064 · GND (DE123948983 · BNF (FRcb138994661 (data) · BNE (ESXX4578884 (data) · NLA (EN40633183 · WorldCat Identities (ENlccn-n87860064