Giuseppe Patroni Griffi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Giuseppe Patroni Griffi - Ritratto di Augusto De Luca

Giuseppe Patroni Griffi (Napoli, 27 febbraio 1921Roma, 15 dicembre 2005) è stato uno scrittore, drammaturgo, regista teatrale, regista e sceneggiatore italiano.

Di famiglia aristocratica, è considerato «una delle personalità più versatili del panorama culturale italiano del secondo Novecento»;[1] un anticonformista spinto da un forte senso di libertà intellettuale.

Scrittore di romanzi e racconti, autore di film e sceneggiature, ha dedicato la sua vita soprattutto all'arte teatrale: autore di commedie di successo e metteur en scene di spettacoli (lirica e prosa) complessi e raffinati, sempre improntati su un'eleganza e una bellezza mai prive di autorevole ingegno. Da ricordare la proficua collaborazione artistica con il gruppo cosiddetto dei Giovani (De Lullo-Falk-Guarnieri-Valli) di cui divenne commediografo di compagnia. A tal proposito racconta Giorgio De Lullo: «Sapevo che, quando Peppino avesse scritto la sua prima commedia, quella commedia fantomatica di cui ogni tanto si tornava a parlare, se fosse riuscito a vincere la sua pigrizia e la sua perplessità, non sarebbe stata certamente una “prima commedia”, un esordio, ma un frutto già maturo, con un sacco di esperienza teatrale dentro».[2]

Nel 1978 lo stesso De Lullo gli affidò la direzione artistica del neonato Piccolo Eliseo di Roma, spazio che Patroni Griffi riuscì a sfruttare al meglio portando in scena la nuova drammaturgia internazionale dell'epoca; mantenne l'incarico fino al 1981.

Successivamente fu direttore artistico del teatro Eliseo di Roma (2002-2005).

Alla sua memoria è stata intitolata la sala del Piccolo.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Il periodo napoletano: 1921-1945[modifica | modifica wikitesto]

Patroni Griffi nel 1954

Malgrado i nobili natali ebbe un'infanzia economicamente tormentata a causa della precoce scomparsa del padre: Felice Patroni Griffi (di Giuseppe e Veneranda Gioia), Barone di Faivano, nacque il 19 giugno 1866 e morì il 27 marzo 1925; nel 1902 sposò la baronessa Laura de Gemmis (1874-1908), morta prematuramente senza eredi; in seconde nozze sposò Zenobia Priante (13 maggio 1890-2 dicembre 1967), detta Bina, napoletana, ma per motivi prevalentemente professionali (la famiglia paterna gestiva una importante azienda agricola in Puglia) e poi anche di salute, le visite alla nuova moglie furono sporadiche, tuttavia ebbe due figli, Veneranda (1920-2005), detta Vanda, e Giuseppe, detto Peppino. «Ho saputo da mia madre che mio padre è morto… Piangeva davanti allo specchio dell'armadio… La mente non corse neppure al mio ultimo incontro con lui. Parecchi anni dopo me ne ricordai. Restammo ancora qualche tempo nella nostra grande casa. Ricordo l'arazzo in seta del salone… Poi non lo vidi più, da quando andammo ad abitare un'altra casa di poche stanze. Mia madre si aggirava senza sorrisi e senza parole… Se il campanello squillava, udivo sempre lo stesso sommesso parlare di avvocati. Molte cose son dovute accadere, molte cose sono mutate».[3]

Fu quindi la madre, donna di forte carattere, a lasciare per prima nel figlio l'impronta della sua passione cinematografica, portandolo con sé a vedere praticamente tutte le pellicole che da Hollywood giungevano a Napoli, al cinema Corona: Rodolfo Valentino, Ramon Novarro, Charlie Chaplin, ma soprattutto Gary Cooper, Marlene Dietrich, Greta Garbo, diventarono per Patroni Griffi icone con le quali confrontare, in futuro, la sua raffinatezza artistica.

Sin dall'adolescenza Patroni Griffi manifestò una grande predilezione per la letteratura, alimentata dall'interesse comune delle sue amicizie scolastiche: un gruppo culturalmente molto affiatato «di giovani illuminati, soprannominati poi i ragazzi di via Chiaja»[4], cui facevano parte Raffaele La Capria, Antonio Ghirelli, Francesco Rosi, Francesco Compagna, Maurizio Barendson, Tommaso Giglio, Achille Millo, Pasquale Prunas e, il più giovane, Giorgio Napolitano. Ricorda La Capria: «…la cosa stupefacente di allora era che, mentre adesso noi i libri che vogliamo leggere ce li andiamo a cercare, allora i libri venivano a noi».[5]

Cresciuto culturalmente durante il periodo di maggior conformismo, grazie alle frequentazioni scolastiche e alle preziose letture soprattutto dei grandi scrittori russi e dei nuovi americani, sempre più innamorato della democrazia e della libertà, soprattutto della libertà di scrivere, maturò idee e ideologie opposte a quelle coltivate dal regime. Contribuì alla realizzazione di alcuni spettacoli teatrali come autore, come regista e come scenografo e costumista. Insieme con Antonio Ghirelli, infatti, scrisse almeno tre commedie (mai date alle stampe).[6] Nel 1940, appena iscritto alla Università, il Giovane fascista Giuseppe Patroni Griffi presentò al Concorso di Teatro, organizzato dai Prelittoriali dello Spettacolo, la commedia (scritta con Ghirelli) La barriera, raggiungendo la fase finale. Da ricordare, inoltre, l'allestimento (aprile 1943) de La casa sull'acqua di Ugo Betti, per la regia di Giorgio Napolitano, spettacolo organizzato dal Guf e di cui è stata recuperata la locandina dove si legge «bozzetti di Giuseppe Patroni Griffi».[6]

La carriera universitaria (iscritto alla facoltà di Giurisprudenza nel 1940, presso la Regia Università di Napoli) fu tormentata da gravi attacchi di ulcera duodenale, malattia che però gli procurò, dopo vari intervalli di convalescenza, il congedo illimitato dal servizio militare (12 ottobre 1942). Tuttavia, dal 28 febbraio 1941, fu per brevi periodi di stanza a Verona, 8º Reggimento artiglieria, div. «Pasubio», e lì scoprì di essere omosessuale.[7] «Credo di essere stato il primo al quale Peppino ha confidato la sua omosessualità… avevamo circa vent'anni, stavamo a casa mia leggendo... Voleva sapere da me se la cosa mi turbava… così gli risposi “Peppi', ma cosa vuoi che m'importi, che cambia?”; e lui, “Niente”. E così proseguimmo la lettura».[8]

Durante l'occupazione tedesca, per far fronte alle difficoltà economiche (morto il padre, gli zii da Corato tentarono di sospendere ogni rapporto con i parenti napoletani), Patroni Griffi fu impiegato al Consorzio agrario, e successivamente, con l'arrivo degli americani, riuscì a conquistare, insieme con l'amico Antonio Ghirelli, l'ambito posto di commentator a Radio Napoli Pwb (Psychological Warfare Branch), sotto la direzione di Elvio H. Sadun, capo della sezione spettacolo. Una prestazione lavorativa durata pochi mesi, durante i quali, però, il loro programma di prosa e musica fu molto apprezzato, al punto che, appena il contratto fu disdetto per la riduzione delle attività alleate, sia Ghirelli che Patroni Griffi furono immediatamente assunti in Rai: il primo chiamato a dirigere Radio Bologna Libera, l'altro in forza alla sede centrale di via delle Botteghe Oscure a Roma.

Il primo periodo romano: 1945-1958[modifica | modifica wikitesto]

In teatro La governante Patroni Griffi, Anna Proclemer, Fulvia Mammi, Gianrico Tedeschi, Giorgio Albertazzi (1964)

Allievo di Luchino Visconti e di Ettore Giannini, al cinema diresse, tra gli altri, gli attori Charlotte Rampling, Elizabeth Taylor, Marcello Mastroianni, Florinda Bolkan, Terence Stamp e Laura Antonelli. Quest'ultima, nel film Divina creatura, fu ripresa in una memorabile scena di nudo integrale della durata, inaudita per l'epoca, di sette minuti.

Patroni Griffi ha diretto per Rai 1 un'edizione televisiva di Tosca di Giacomo Puccini (Tosca, nei luoghi e nelle ore di Tosca, 11-12 luglio 1992, in diretta mondovisione da Roma, con Placido Domingo (Cavaradossi), Catherine Malfitano (Tosca), Ruggero Raimondi (Scarpia), Giacomo Prestia (Angelotti), Giorgio Gatti (Sacrestano) e l'Orchestra Sinfonica di Roma della RAI diretta da Zubin Mehta), con la quale vinse il premio Emmy Award, poi, il 3 giugno 2000, La traviata di Giuseppe Verdi (La traviata a Paris), sempre in diretta mondovisione da Parigi. Anche la Traviata vinse il premio Emmy Award, come miglior film e migliore regia televisiva, nonché il Prix Italia 2001.

Nel campo dell'opera lirica ha messo in scena Così fan tutte al Teatro alla Scala di Milano, Il trovatore all'Arena di Verona e La bohème al Teatro Regio di Torino, nel centenario della prima rappresentazione. Su un suo testo, intitolato Il mio cuore è nel sud, Bruno Maderna compose una radioballata.

Nel 2001, la terza edizione del Lodi Città Film Festival gli ha dedicato la prima retrospettiva integrale dei film di regia e di sceneggiatura. Nel 2005 viene pubblicamente celebrato dalla Fondazione Premio Napoli, premio che aveva già vinto nel 1970[9].

Patroni Griffi è il soggetto del documentario In memoria di un signore amico, diretto da Rocco Talucci, prodotto del 2009.[10]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Regista[modifica | modifica wikitesto]

Sceneggiatore[modifica | modifica wikitesto]

Opere letterarie[modifica | modifica wikitesto]

Romanzi e racconti[modifica | modifica wikitesto]

Teatro[modifica | modifica wikitesto]

Drammi e commedie[modifica | modifica wikitesto]

Regie di prosa e lirica [in lavorazione][modifica | modifica wikitesto]
  • La governante (1965) di Vitaliano Brancati
  • Luv (1966) di Murray Schisgal
  • Vestire gli ignudi (1966) di Luigi Pirandello
  • La bottega del caffè (1967) di Carlo Goldoni
  • Napoli notte e giorno (1967) di Raffaele Viviani
  • Victor, o i bambini al potere (1969) di Roger Vitrac
  • Ascesa e rovina della città di Mahagonny (1972) di Bertolt Brecht (su musica di Kurt Weill)
  • Persone naturali e strafottenti (1974) di Giuseppe Patroni Griffi
  • Napoli: chi resta chi parte (1975) di Raffaele Viviani
  • Così fan tutte (1976) di W. A. Mozart (su libretto di Lorenzo da Ponte)
  • Confessione scandalosa (1978) di Ruth Wolff
  • Il valzer dei cani (1978) di Leonid Andreev
  • Le femmine puntigliose (1978) di Carlo Goldoni
  • Lontano dalla città (1979) di Jean-Paul Wenzel
  • O di uno o di nessuno (1979) di Luigi Pirandello
  • A porte chiuse (1980) di Jean-Paul Sartre
  • KesslerKabarett (1980)
  • Il bell'indifferente (1980) di Jean Cocteau
  • Oreste (1980) di Vittorio Alfieri
  • Notti americane (1981) di L. Melfi (Birdbath) e Israel Horowitz (Line)
  • L'avaro (1981) di Molière
  • Tradimenti (1982) di Harold Pinter
  • Gli amanti dei miei amanti sono miei amanti (1982) di Giuseppe Patroni Griffi
  • Sei personaggi in cerca d'autore (1983)
  • Cammurriata. Canti di malavita (1983) di Giuseppe Patroni Griffi
  • Assassinio nella cattedrale (1984) di T. S. Eliot (trad. Raffaele La Capria e Tommaso Giglio)
  • Il trovatore (1985) di G. Verdi (su libretto di S. Cammarano)
  • Zio Vanja (1985) di Anton Cechov
  • Questa sera si recita a soggetto (1987, progetto Trilogia del teatro nel Teatro) di Luigi Pirandello
  • La locandiera (1987) di Carlo Goldoni
  • Sei personaggi in cerca d'autore (1988, progetto Trilogia del teatro nel Teatro) di Luigi Pirandello
  • Ciascuno a suo modo (1989, progetto Trilogia del teatro nel Teatro) di Luigi Pirandello
  • Le false confidenze (1989) di Marivaux
  • La dolce ala della giovinezza (1989) di Tennessee Williams
  • Fior di pisello (1990) di Edouard Bourdet (trad. Franca Valeri)
  • Una volta nella vita (1991) di Kaufman & Hart
  • La moglie saggia (1991) di Carlo Goldoni
  • Trovarsi (1992) di Luigi Pirandello
  • Margherita Gautier (1992) di Giuseppe Patroni Griffi (da A. Dumas)
  • Napoli milionaria! (1993) di Eduardo
  • Un marito (1993) di Italo Svevo
  • Sabato, domenica e lunedì (1994) di Eduardo
  • Romeo e Giulietta (1995)[11] di William Shakespeare (trad. Giuseppe Patroni Griffi)
  • Questa sera si recita a soggetto (1995) di Luigi Pirandello
  • La bohème (1996) di Puccini (su libretto di Illica/Giacosa)
  • Nata ieri (1997) di Garson Kanin
  • Sei personaggi in cerca d'autore (1997)
  • La cage aux folles (1998) di Jean Poiret
  • Hollywood. Ritratto di un divo (1998) di Guido Morra su musiche di Gianni Togni
  • Cyrano de Bergerac (1999) di Edmond Rostand
  • Una tragedia reale (1999) di Giuseppe Patroni Griffi
  • Il grande campione (2000) di Guido Morra su musiche di Maurizio Fabrizio
  • Persone naturali e strafottenti (2001) di Giuseppe Patroni Griffi
  • Metti, una sera a cena (2003) di Giuseppe Patroni Griffi
  • Uno sguardo dal ponte (2003) di Arthur Miller
  • Il giuocatore (2004) di Carlo Goldoni
  • La bohème (2004) di Puccini (su libretto di Illica/Giacosa)
  • Improvvisamente l'estate scorsa (2005) di Tennessee Williams [regia terminata da Aldo Terlizzi e Fabio Battistini]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Articolo su Repubblica.it
  2. ^ da Tullio Kezich, De Lullo o il teatro empirico, Marsilio, Venezia, 1996, pag. 17, isbn 9788831764421
  3. ^ Articolo di Giuseppe Patroni Griffi, da «Sud, quindicinale di letteratura ed arte», anno I, n. 1, 15 novembre 1945
  4. ^ Fausto Nicolini, Quando eravamo…, Onyx, 2011, p. 6, ISBN 978-88-89410-37-0.
  5. ^ Mariano D'Amora, Gli amici dei miei amici sono miei amici, Bulzoni, 2013, p. 17, ISBN 978-88-7870-894-5.
  6. ^ a b Cfr. archivio Patroni Griffi
  7. ^ Alcune lettere (datate novembre 1942, quindi successive al periodo di leva), rinvenute nell'archivio, confermano che l'incontro con Gaetano B. turbò il sentimento del giovane Peppino nei confronti di una ragazza di nome Sara: «Se Sara ti comprendesse un po' di più, credo che riuscirebbe ad amarti con passione…», scrive il soldato Gaetano.
  8. ^ Mariano D'Amora, Gli amici dei miei amici sono miei amici, Bulzoni, 2013, p. 18, ISBN 978-88-7870-894-5.
  9. ^ Articolo di Raffaele La Capria su Corriere.it
  10. ^ Il documentario su Patroni Griffi al Doc Fest
  11. ^ Corriere.it

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Mariano d'Amora, Gli amici dei miei amici sono miei amici. La letteratura e il teatro di Giuseppe Patroni Griffi, Roma, Bulzoni, 2013.
  • Giuseppe Patroni Griffi e il suo teatro, a cura di A. Bentoglio, Quaderni di Gargnano, n. 7, Bulzoni, Roma 1998, pp. 519.
  • La morte della bellezza. Letteratura e teatro nel cinema di Giuseppe Patroni Griffi, a cura di F. Francione, Falsopiano, Alessandria, 2001.
  • «Sud, quindicinale di letteratura ed arte», diretto da Pasquale Prunas.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN4950202 · LCCN: (ENn82074053 · SBN: IT\ICCU\CFIV\062107 · ISNI: (EN0000 0001 0864 5047 · GND: (DE119488671 · BNF: (FRcb120549614 (data)