Getaway (film 1994)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Getaway
Titolo originale The Getaway
Lingua originale Inglese
Paese di produzione USA
Anno 1994
Durata 115 min
Colore Colore
Audio Sonoro
Genere azione, drammatico, thriller
Regia Roger Donaldson
Soggetto Jim Thompson (romanzo)
Casa di produzione Warner Bros
Distribuzione (Italia) Cecchi Gori
Musiche Mark Isham
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Getaway è un film diretto da Roger Donaldson, remake di Getaway, il rapinatore solitario del 1972 e diretto da Sam Peckinpah.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Grazie alla propria influenza politica Jack Benyon riesce a far rilasciare dalle prigioni messicane Carter Mc Coy, detto "Doc", un rapinatore professionista, su richiesta della moglie Carol. Per sdebitarsi Mc Coy accetta di prendere parte ad una grossa rapina ad un cinodromo in Arizona organizzata da Benyon, giurando a Carol che sarà l'ultima. Il colpo riesce bene ma al momento di dividersi il bottino Rudy, uno dei due complici di Mc Coy (che in passato, tradendolo, ne aveva facilitato la cattura), nel tentativo di accaparrarsi tutto fredda a bruciapelo l'altro complice, Hansen, e prova ad eliminare anche Doc, il quale però capendone le intenzioni reagisce sparandogli ripetutamente; Rudy cade a terra apparentemente esanime, ma si salverà perché nascostamente protetto da un giubbotto antiproiettile. Doc, credendolo morto ed essendo in possesso dell'intera refurtiva, decide allora di recarsi da Benyon per spartire i soldi come pattuito, nonostante Carol cerchi in tutti i modi di dissuaderlo. Giunti alla villa del ricco boss, Mc Coy scopre che in realtà egli lo aveva fatto scarcerare in cambio di ripetute prestazioni sessuali da parte di sua moglie, la quale nel momento di massima tensione tra i due irrompe sulla scena armata di revolver ed uccide Benyon. Le rivelazioni di quest'ultimo circa il comportamento di Carol generano in Doc frustrazione e rabbia, ma dopo un'aspra lite la coppia si riconcilia e decide di mettersi in fuga col malloppo verso il Messico. Nel frattempo Rudy, ripresosi, si reca presso una clinica locale per farsi medicare, incontrando Harold Carvey, un pusillanime veterinario che sotto la minaccia di una pistola si vedrà costretto - assieme all'accondiscendente e sessualmente inappagata moglie Fran - a scortarlo in auto fino ad El Paso. Durante una sosta in un motel Fran e Rudy danno libero sfogo alla propria sfrenata libidine, accoppiandosi selvaggiamente proprio sotto gli occhi impotenti di Harold, legato ad una sedia dentro al cesso, che vedendosi completamente umiliato, tradito, deriso ed incapace di reagire, si suicida impiccandosi. Arrivati intanto ad una stazione ferroviaria Carol e Doc depositano i soldi in una cassetta di sicurezza, ma la donna si fa raggirare da un truffatore venendo derubata; Doc riesce comunque a recuperare la valigetta inseguendo e malmenando il ladro che si era rifugiato su di un treno. Raggiungono così l'albergo a El Paso, dove il portiere Gollie, vecchia conoscenza di Doc, procura loro dei passaporti falsi per poter espatriare; ignorano però il fatto che lì, nascosto in una delle camere, ci sia già Rudy ad attenderli assieme a Fran, la quale per fortuna aveva rapidamente elaborato il lutto per la dipartita del caro marito. Lo strano atteggiamento di Gollie comincia ad insospettire Doc e poco dopo piombano sul posto pure gli scagnozzi di Jack Benyon, anch'essi con l'intento di far fuori i Mc Coy per impossessarsi del denaro, ma che nel conflitto a fuoco susseguente avranno alla fine la peggio. Dopo una serie di durissimi scontri (durante uno dei quali, pur potendo, evita di ucciderlo a sangue freddo) Doc riesce ad ammazzare anche Rudy, scaraventandolo dentro la cabina di un ascensore e, sparando ai cavi, facendolo precipitare fragorosamente giù fino al piano terra, con grande dolore e profonda disperazione di Fran. I due coniugi scappano dunque dall'hotel e si fanno accompagnare in Messico da Slim, un arzillo cowboy al quale regaleranno 40.000 dollari in cambio del suo vecchio furgone una volta oltrepassato il confine.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema