Tutti figli di Mammasantissima

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Tutti figli di Mammasantissima
Z - titolo TUTTI FIGLI DI MAMMASANTISSIMA.jpg
Titoli di testa
Titolo originaleTutti figli di mammasantissima
Lingua originaleitaliano
Paese di produzioneItalia
Anno1973
Generecommedia
RegiaAlfio Caltabiano
SoggettoAlfio Caltabiano
SceneggiaturaAlessandro Continenza, Alfio Caltabiano
Casa di produzioneOceania P.I.C.
Distribuzione in italianoTitanus
FotografiaGuglielmo Mancori
MontaggioAntonietta Zita
MusicheGuido De Angelis e Maurizio De Angelis
ScenografiaFranco Bottari (riprese in Irlanda), Giacomo Calò Carducci (interni)
CostumiEnrico Sabbatini
TruccoGianfranco Mecacci
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Tutti figli di Mammasantissima è un film del 1973 diretto da Alfio Caltabiano con protagonista Ornella Muti diciottenne. È una commedia parodistica e sexy di tipo criminal-satirico (crime spoof), con ambientazione tra mafiosi siciliani nella Chicago del 1929.

Tutti figli di Mammasantissima ha anche un titolo inglese alternativo: Italian Graffiti.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Assunta Morano è la figlia di Bug Morano, un boss siciliano trapiantato nella Chicago del 1929 dove vige il proibizionismo sulla vendita di alcolici.

Il padre partecipa alla lotta tra bande criminali per il controllo del mercato dell'alcool e delle case da gioco, ma i suoi uomini sono poco capaci, a cominciare dal fratello Lupo Morano. L'obiettivo dei Morano è eliminare la cosca rivale dei cosiddetti "Irlandesi", guidati da "Il Reverendo". La figlia Santuzza è invece d'animo pacifico, sebbene passionale, e non partecipa dei piani della famiglia.

Con ansia i boss Marano stanno attendendo l'arrivo dalla Sicilia di un "mammasantissima" con il compito di rafforzare la squadra dei killer contro gli "Irlandesi". Questi arriva, ma non è né feroce né spietato; si chiama Salvatore Mandolea ed è un giovane bello ed educato, possiede molta ironia ed abilità nel maneggiare mitra e lupara, ma è un buono, e soprattutto donnaiolo. Colpito dalla bellezza di Santuzza, se ne innamora.

La missione personale del giovane diviene segretamente conquistare Santuzza; ci riesce e scappa con l'intenzione di metterla incinta; anche lei lo ama quindi realizzano una classica fuitina e si sposano. Tornati tra le bande i due guideranno una battaglia per riappacificare ed unire le famiglie in lotta, facendo nascere un'unica grossa banda di mafiosi siciliani, meno mafiosi e meno incapaci, avendo ora a capo il mammasantissima di Santuzza.

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film è stato distribuito nelle sale italiane a partire dal 24 agosto del 1973.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Spettacolo, cultura e varietà, in La Stampa, n. 198, 1973, p. 6.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema