Jane Eyre (film 1996)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jane Eyre
Jane Eyre (film 1996).png
Edward Rochester e Jane Eyre
Titolo originale Jane Eyre
Paese di produzione Francia, Italia, Regno Unito, Stati Uniti
Anno 1996
Durata 116 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere drammatico, sentimentale
Regia Franco Zeffirelli
Soggetto dal romanzo di Charlotte Brontë
Sceneggiatura Hugh Whitemore
Fotografia David Watkin
Montaggio Richard Marden
Effetti speciali Jeff Clifford
Musiche Claudio Capponi, Alessio Vlad
Costumi Jenny Beavan
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani
Premi

Jane Eyre è un film del 1996 diretto da Franco Zeffirelli.

Il film, coproduzione italiana, francese e britannica, mette in scena l'omonimo romanzo di Charlotte Brontë. Questa versione cinematografica è piuttosto fedele a quella cartacea, sebbene nella seconda parte del copione siano presenti alcuni tagli e cambiamenti.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Jane Eyre (romanzo) § Trama.

Jane Eyre, giovane orfana educata in un rigido collegio, una volta adulta decide di fare l'istitutrice e viene così assunta a Thornfield Hall per occuparsi della piccola Adele. Conosce così Edward Rochester, tutore della piccola e padrone di Thornfield Hall.

Jane avverte un'affinità con il suo enigmatico e peraltro affascinante datore di lavoro, ed inizia a nutrire per lui un sincero affetto, senza però accorgersi di essere corrisposta dall'uomo. Questo sentimento sembra però essere ostacolato da un mistero, risate inquietanti, incendi che non hanno spiegazioni ed amici arrivati da luoghi lontani ed esotici si frappongono tra i due protagonisti, fino a quando i sentimenti di Rochester per Jane diventano forti al punto che l'uomo chiede alla ragazza di sposarlo. Durante la cerimonia, appare un avvocato che dichiara che Rochester è già sposato e che sua moglie è ancora in vita, ma si aggira per il castello in preda alla pazzia. La rivelazione consente di spiegare gli strani e misteriosi fenomeni accaduti in precedenza.

Jane Eyre decide così di lasciare la casa e partire, comprendendo di non poter più restare sotto lo stesso tetto di un uomo che la ama e che lei ama, ma purtroppo già sposato. Giunta a destinazione dal pastore St. John Rivers, precedentemente conosciuto, la giovane è talmente sconvolta dall'esperienza vissuta che subisce un crollo emotivo. Accolta in casa del pastore e di sua sorella, viene da loro accudita e curata, fino al giorno in cui scopre che in realtà questi ultimi sono suoi cugini, e che uno zio comune e deceduto l'ha resa unica erede della sua fortuna.

St. John Rivers ha inoltre cominciato a nutrire un sentimento diverso per Jane e le chiede di sposarlo e seguirlo nella sua opera missionaria. Jane, ancora incapace di dimenticare Edward Rochester, rifiuta e capisce che deve tornare a Thornifield Hall per sapere che cosa ne è stato dell'uomo che ama. Una volta arrivata a destinazione però riceve un'amara sorpresa. La casa è in parte cadente in seguito a un incendio avvenuto dopo la sua partenza, e in conseguenza del quale la moglie pazza di Rochester è morta. Anche l'uomo ha subito le conseguenze dell'evento, poiché è rimasto mutilato di una mano e pressoché cieco. Quando Jane lo rivede capisce non solo che il suo amore per lui è immenso, ma anche che non potrà lasciarlo mai più.

I due infine si sposano, avranno due figli e condurranno un felice esistenza insieme.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema