Maria Schneider (attrice)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Maria Schneider / Créteil Films de Femmes Festival / Paris (2001)

Maria Schneider (Parigi, 27 marzo 1952Parigi, 3 febbraio 2011) è stata un'attrice francese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Maria Schneider nacque a Parigi il 27 marzo del 1952, figlia illegittima dell'attore francese Daniel Gélin e di Marie-Christine Schneider, una tedesca di Romania[1], proprietaria di una libreria a Parigi. Il padre, durante il periodo della relazione intrattenuta con la madre della Schneider (che al tempo si manteneva come modella), era sposato con l'attrice Danièle Delorme[2] e, pertanto, non ne riconobbe la paternità; l'attrice, cresciuta dunque dalla madre presso una piccola città non molto distante dal confine con la Germania[3], verrà a conoscenza dell'identità del padre solamente durante l'adolescenza[4]. Esordì in teatro non ancora quattordicenne, senza aver mai ricevuto lezioni di recitazione[5]. Nel 1969 debuttò sul grande schermo con una piccola parte in L'albero di Natale (1969) di Terence Young e, l'anno successivo, apparve in Madly - Il piacere dell'uomo (1970) con Alain Delon.

L'affermazione giunse con Ultimo tango a Parigi, film di Bernardo Bertolucci che le regalò una fama mondiale facendola entrare nella storia del cinema a soli 20 anni. È su questo set che dovette girare una scena di sesso comprendente un rapporto anale simulato. La scena non era prevista dalla sceneggiatura e l'attrice, a distanza di anni, in una intervista concessa a un giornale inglese dichiarò di essere stata "quasi violentata" e di aver subito un forte choc emotivo dovuto all'umiliazione alla quale dovette sottostare[6]. Subito dopo il successo di Ultimo tango a Parigi, la Schneider dichiarò ai media la sua bisessualità[6][7][8].

Maria Schneider in Ultimo tango a Parigi, nel 1972

Nel 1975 interpretò la misteriosa amante di Jack Nicholson in Professione: reporter, film di Michelangelo Antonioni. Nei primi mesi del 1976, durante le riprese di Caligola, venne licenziata dalla produzione per il suo rifiuto di girare scene di nudo. Il licenziamento le provocò una crisi nervosa che la costrinse al ricovero in un ospedale psichiatrico[8] a Roma. In quell'occasione venne sostituita dall'attrice Teresa Ann Savoy.

Il 1979 fu per la Schneider un anno turbolento, segnato dalla tossicodipendenza, da un'overdose e da un conseguente tentativo di suicidio[9][10]. La Schneider ammise che la sua tossicodipendenza da eroina fu causata dall'immagine che Bertolucci le aveva fatto assumere, suo malgrado, in Ultimo tango a Parigi[11]. Nel 1980, dopo un lungo periodo di riabilitazione, tornò alle scene cinematografiche e teatrali[12]. Nel 1996 produsse un disco-tributo a Lucio Battisti dal titolo Señor Battisti, di cui fu anche interprete insieme a Cristiano Malgioglio, suo carissimo amico.

Morì il 3 febbraio 2011, a 58 anni, a causa di un cancro ai polmoni.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Maria Schneider con Marlon Brando in Ultimo tango a Parigi, nel 1972

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

Collaborazioni[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Chevalier de l'Ordre des Arts et des Lettres - nastrino per uniforme ordinaria Chevalier de l'Ordre des Arts et des Lettres
«Vous incarnez, vous aussi, une facette de la femme moderne et de sa liberté. Vous êtes une actrice audacieuse, capable de jouer tous les rôles, y compris le sien même : c'est ainsi que l'on croit vous découvrir telle que vous êtes, ou bien plutôt telle que le cinéma vous fait être dans la mise en abyme subtile qu'a réalisée Bertrand BLIER il y a tout juste dix ans, dans Les Acteurs, où vous côtoyez de nombreuses autres « ètoiles » du septième art français.[13]»
— Parigi, 2 luglio 2010

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Judy Klemesrud, Maria Says Her 'Tango' Is Not; Movies, in The New York Times, 4 febbraio 1973. URL consultato il 12 maggio 2010.
  2. ^ David Thomson, A Biographical Dictionary of Film, Andre Deutsch.
  3. ^ http://movies.yahoo.com/person/maria-schneider/biography.html "Maria Schneider" Archiviato il 8 luglio 2012[Date mismatch] in Internet Archive., Movies, Yahoo
  4. ^ Judy Klemesrud, Maria Says Her "Tango" Is Not; Movies, in The New York Times, 4 febbraio 1973. URL consultato il 12 maggio 2010.
  5. ^ Scheda su My Movies - Sito web specializzato in cinema
  6. ^ a b Boze Hadleigh, The Lavender Screen: The Gay and Lesbian Films, Citadel Press, 2001, p. 81, ISBN 0-8065-2199-6.
  7. ^ Richard M. Abrams, America Transformed: Sixty Years of Revolutionary Change, 1941-2001, Cambridge University Press, 2006, pp. 165-6, ISBN 0-521-86246-9.
  8. ^ a b Roger Ebert, Interview with Maria Schneider, Chicago Sun-Times, 14 settembre 1975. URL consultato il 21 aprile 2007.
  9. ^ Le straniere nel nostro cinema - di Enrico Lancia e Fabio Melelli, 2005
  10. ^ Intervista a Maria Schneider di Claudio Pollastri in "Studi Cattolici" - settembre 2008
  11. ^ "Il burro? Bertolucci mi ha ingannato" Parla la star di Ultimo Tango a Parigi
  12. ^ Lina Das, I felt raped by Brando (London), Daily Mail, 14 settembre 1975. URL consultato il 21 aprile 2007.
  13. ^ (FR) Cérémonie de remise des insignes à Bulle Ogier, à Nicoletta, à Claude Vega et à Maria Schneider, culture.gouv.fr, 2 luglio 2010. URL consultato il 3 febbraio 2011.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN100917565 · LCCN: (ENno96065419 · ISNI: (EN0000 0001 1526 4605 · GND: (DE12962361X · BNF: (FRcb138995173 (data)