Professione: reporter

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Professione: reporter
Professione-reporter-1975-Nicholson.PNG
Jack Nicholson in una scena del film
Titolo originale The Passenger
Paese di produzione Francia, Italia, Stati Uniti d'America, Spagna
Anno 1975
Durata 119 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere drammatico
Regia Michelangelo Antonioni
Soggetto Mark Peploe
Sceneggiatura Michelangelo Antonioni, Mark Peploe, Enrico Sannia
Produttore Carlo Ponti
Fotografia Luciano Tovoli
Montaggio Michelangelo Antonioni, Franco Arcalli
Musiche Ivan Vandor
Scenografia Piero Poletto
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Professione: reporter (The Passenger) è un film del 1975, quattordicesimo lungometraggio diretto da Michelangelo Antonioni.

Presentato in concorso al Festival di Cannes 1975,[1] è il terzo film di Antonioni ambientato fuori dall'Italia e privo di attori protagonisti italiani. Si tratta inoltre della prima collaborazione di Antonioni con il direttore della fotografia Luciano Tovoli[2].

Trama[modifica | modifica wikitesto]

David Locke, un giornalista di successo, lanciatissimo nella professione ma ormai sazio e annoiato dalla vita, scopre un giorno l'opportunità di ricominciare tutto daccapo: rinvenuto il cadavere di un uomo che gli somiglia, inscena una finta morte ed assume l'identità del defunto. Mal gliene incoglie: l'uomo era un trafficante d'armi che riforniva il movimento di ribellione a un piccolo dittatore africano. Raggiunto dai sicari del despota, il reporter viene ucciso, questa volta sul serio.

Critica[modifica | modifica wikitesto]

Per Alberto Moravia è il film più rigoroso ed essenziale di Antonioni, con una interpretazione ineccepibile di Jack Nicholson.

Cast[modifica | modifica wikitesto]

La cantante Patty Pravo rifiutò una parte offertole dal regista[3].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Official Selection 1975, festival-cannes.fr. URL consultato il 28 maggio 2015.
  2. ^ Luciano Tovoli aveva già lavorato con Antonioni nel documentario televisivo Cina del 1972.
  3. ^ Patty Pravo, ondarock.it. URL consultato il 28 maggio 2015.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema