Cinzia De Carolis

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Cinzia De Carolis
Nazionalità Italia Italia
Genere Pop
Periodo di attività musicale 1969-1982
Etichetta E.P., Erre, Produttori Associati, Hobby

Cinzia De Carolis (Roma, 22 marzo 1960) è un'attrice, doppiatrice, dialoghista, direttrice del doppiaggio e cantante italiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Esordisce come attrice bambina nello sceneggiato televisivo Anna dei miracoli. Nel 1970 interpreta Irina Roskoff nel musicarello in costume Angeli senza paradiso accanto ad Al Bano, Romina Power ed Agostina Belli. È Lori, la nipote di Franco Arnò (Karl Malden) nel film Il gatto a nove code (1971) di Dario Argento. Nel 1972 è l'inquietante giovinetta zombi ne La notte dei diavoli di Giorgio Ferroni. Nel 1975 è Maria, nella commedia amara a tinte quasi blasfeme (il film venne ritirato e ridistribuito con un altro titolo), Vergine, e di nome Maria. Nel 1979 interpreta la parte di Anna, figlia dello scienziato pazzo, nel soft-core Libidine, film nel quale ha un rapporto sessuale - finto, ovviamente - con un serpente. In precedenza aveva posato nuda per l'edizione italiana di Playboy: il servizio appare nel numero di ottobre del 1976. Nel film cult, amato da registi come Joe Dante e Quentin Tarantino, Apocalypse domani (1980), diretto da Antonio Margheriti, interpreta la giovane vicina di casa di Norman Hopper (John Saxon). Sempre come attrice interpreta, fino all'inizio degli anni novanta vari film e sceneggiati televisivi di non particolare qualità. Compagna del dottor Ugo Crisci, è madre dei doppiatori Daniele Martino e Lorenzo Crisci.

Il doppiaggio[modifica | modifica wikitesto]

Nel frattempo intraprende la carriera di doppiatrice che con il tempo diventa la sua principale attività. La sua professione si estende anche a direttrice di doppiaggio ed adattamento dialoghi, ad esempio nella prima stagione di Sex and the City. Innumerevoli sono i suoi doppiaggi sia per il cinema che per la televisione (tra cui serie di telefilm e di cartoni animati, per la quale è particolarmente amata e ricordata dai fan). Il ruolo che le ha dato enorme visibilità e riconoscibilità nel mondo dell'animazione è stato quello di Lady Oscar nell'omonimo anime, a cui sono seguite molte altre parti: Bia, la sfida della magia, Maysha di Galaxy Express 999; Monsley nel ridoppiaggio di Conan, il ragazzo del futuro; Lena di Belle e Sebastien; Kagura di Inuyasha; She-Ra, la principessa del potere, Simone Lorène di Il Tulipano Nero, ecc. Fra le attrici da lei doppiate ci sono Courteney Cox nella saga di Scream, Madonna, Katharine Hepburn, Geena Davis, Rebecca De Mornay, Andie McDowell, Holly Hunter e Madeleine Stowe.

Musica[modifica | modifica wikitesto]

Parallelamente alla sua carriera di attrice e doppiatrice, Cinzia De Carolis intraprende anche una breve carriera di cantante. Tra il 1969 e il 1970 incide alcuni singoli per le Edizioni Paoline, sono queste canzoncine per bambini nel tipico stile della casa editrice apostolica. Del 1971 è il passaggio alla Produttori Associati per la quale pubblica il singolo Compagno mio. Nel 1973, per la Erre del paroliere Carlo Rossi, pubblica il suo singolo probabilmente più celebre: Papà non correre, grazioso brano pop. Torna a registrare nel 1982 con il singolo Hobbysogno per la Hobby Records.

Prosa televisiva RAI[modifica | modifica wikitesto]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Attrice[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatrice[modifica | modifica wikitesto]

Film[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Film d'animazione[modifica | modifica wikitesto]

Anime[modifica | modifica wikitesto]

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

Album[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN90258050 · SBN: IT\ICCU\MODV\348081