I Medici (serie televisiva)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
I Medici
I Medici serie TV.jpg
Logo della serie televisiva
Titolo originale Medici: Masters of Florence
Paese Regno Unito, Italia
Anno 2016 – in produzione
Formato serie TV
Genere drammatico, storico
Stagioni 1-in corso
Episodi 8-in corso
Durata 55 min (episodio)
Lingua originale inglese
Rapporto 1,85:1
Crediti
Ideatore Frank Spotnitz, Nicholas Meyer
Regia Sergio Mimica-Gezzan
Interpreti e personaggi
v. Personaggi e interpreti
Fotografia Vittorio Omodei Zorini
Montaggio Lorenzo Fanfani, Tim Murrell, Marta Evry
Musiche Paolo Buonvino
Scenografia Francesco Frigeri
Costumi Alessandro Lai
Effetti speciali Fabio Traversari, David Serge, Ghost SFX, Stargate Studios Malta
Produttore Fania Petrocchi
Produttore esecutivo Frank Spotnitz, Nicholas Meyer, Sergio Mimica-Gezzan, Sharon Remmer, Matilde Bernabei, Luca Bernabei, Daniele Passani
Casa di produzione Big Light Productions, Lux Vide, Wild Bunch
Prima visione
Distribuzione originale
Dal 9 dicembre 2016
Al in corso
Distributore Netflix
Prima TV in italiano
Dal 18 ottobre 2016
Al in corso
Rete televisiva Rai 1

I Medici (Medici: Masters of Florence) è una serie televisiva anglo-italiana, di produzione internazionale, creata da Frank Spotnitz e Nicholas Meyer, e diretta da Sergio Mimica-Gezzan, in onda su Rai 1 dal 18 ottobre 2016.

La serie descrive l'ascesa della famiglia Medici, casata a capo della città di Firenze durante il Rinascimento, e le numerose traversie affrontate con le altre famiglie rivali e i tentativi di spodestamento. Il protagonista della prima stagione è Cosimo de' Medici, interpretato da Richard Madden, succeduto al padre come capo della famiglia e che insieme con il fratello Lorenzo, interpretato da Stuart Martin, dovrà dimostrare di essere all'altezza del compito affidatogli dal padre.[1] Tra gli altri interpreti principali figurano Dustin Hoffman, Guido Caprino, Alessandro Sperduti, Annabel Scholey, Lex Shrapnel, Frances Barber, Alessandro Preziosi, Sarah Felberbaum e Brian Cox.

La serie antologica, pensata per narrare un periodo della storia dei Medici in ogni stagione, trae ispirazione da fatti, persone ed eventi realmente avvenuti ed esistiti seppur romanzati per rendere più appetibili le vicende al pubblico televisivo.

È diffusa in Italia e in prima visione mondiale da Rai 1 dal 18 ottobre 2016 e tutti gli 8 episodi sono anche trasmessi nello standard Ultra HD, sul canale Rai 4K al canale 210 della piattaforma satellitare gratuita tivùsat: prima volta nella storia della televisione italiana che una serie televisiva viene trasmessa in Ultra HD.[2] Lo stesso giorno della messa in onda mondiale e prima di trasmetterla la sera stessa, la Rai ha pubblicato in anteprima sul portale Rai Play i primi cinque minuti dell'episodio pilota della serie.[3] La sigla è il brano Renaissance cantata da Skin.[4]

Il 20 ottobre 2016, dopo due episodi trasmessi, Frank Spotnitz e Sergio Mimica-Gezzan hanno annunciato il rinnovo per una seconda stagione.[5]

Negli Stati Uniti, nel Regno Unito, in Canada e in India, la serie è stata diffusa da Netflix il 9 dicembre 2016.[6][7]

La prima stagione è attualmente disponibile sui siti RAI PLAY a questo sito: http://www.raiplay.it/programmi/imedici/

Trama[modifica | modifica wikitesto]

La serie, ambientata nel XV secolo, è incentrata sulla storia della famiglia fiorentina dei Medici: protagonista è Cosimo de' Medici, che nel 1434 fu eletto gonfaloniere della città di Firenze, andando a costituire una signoria (anche se solamente de facto). Con dei flash back Cosimo ricorda il tempo passato col padre, Giovanni, e i suoi insegnamenti, tra Firenze e Roma; il padre è stato avvelenato all'inizio della serie. Nel presente, Cosimo si trova nel difficile compito di conciliare le sorti della sua casata, del Banco mediceo e della politica fiorentina, soprattutto contro gli avversari come Rinaldo degli Albizi.

La trama si ispira liberamente ai fatti storici, aggiungendo fatti e romanzando alcune situazioni. Ad esempio né Giovanni di Bicci, né Rinaldo degli Albizzi o Lorenzo de' Medici vennero assassinati nella realtà, ma si tratta di espedienti narrativi per la trama. Altri episodi sono invece accurati, come la nomina del cardinale Baldassarre Cossa a papa, la venuta di Eugenio IV a Firenze, o anche la vicenda della schiava Maddalena.

Episodi[modifica | modifica wikitesto]

La prima stagione della serie è costituita da otto episodi. Una seconda è in produzione.[8]

Stagione Episodi Prima TV Italia Pubblicazione internazionale
Prima stagione 8 2016 2016

Personaggi e interpreti[modifica | modifica wikitesto]

Prima Stagione[modifica | modifica wikitesto]

Personaggi principali[modifica | modifica wikitesto]

Personaggi secondari[modifica | modifica wikitesto]


Seconda Stagione[modifica | modifica wikitesto]

Personaggi principali[modifica | modifica wikitesto]

  • Lorenzo il Magnifico (stagione 2-in corso).
    Figlio di Piero de' Medici e di Lucrezia Tornabuoni, dal 1469 al 1492 ricoprirà la carica di Signore di Firenze. E' il protagonista della seconda stagione.[10]
  • Piero de' Medici (stagione 1-stagione 2), interpretato da Alessandro Sperduti.
    Figlio di Cosimo e Contessina.[9]
  • Lucrezia Tornabuoni (stagione 1-stagione 2), interpretata da Valentina Bellè.
    Moglie di Piero e madre del futuro Lorenzo de' Medici.[9]
  • Giuliano de' Medici (stagione 2).
    Fratello di Lorenzo il Magnifico, verrà assassinato durante la Congiura dei Pazzi nel 1478.[10]
  • Jacopo de' Pazzi (stagione 2), interpretato da Sean Bean, doppiato da Massimo Corvo.
    Figlio di Andrea de' Pazzi, era legato alla famiglia Medici dal matrimonio del suo nipote Guglielmo con Bianca de' Medici, sorella di Lorenzo il Magnifico, ebbe a trovarsi contro la stessa famiglia Medici per questioni legate a eredità e per altri malumori derivati dalla supremazia politica ed economica di Lorenzo nella città di Firenze.[10]
  • Bianca de' Medici (stagione 2-in corso).
    Sorella di Lorenzo il Magnifico e moglie di Guglielmo de' Pazzi.[10]
  • Francesco de' Pazzi (stagione 2).
    Nipote di Jacopo de' Pazzi e fratello di Guglielmo.[10]
  • Guglielmo de' Pazzi (stagione 2-in corso).
    Nipote di Jacopo de' Pazzi e marito di Bianca de' Medici, sorella del Magnifico. [10]
  • Leonardo da Vinci (stagione 2).
    Uomo d'ingegno e talento universale del Rinascimento, incarnò in pieno lo spirito della sua epoca, portandolo alle maggiori forme di espressione nei più disparati campi dell'arte e della conoscenza. Si occupò di architettura e scultura, fu disegnatore, trattatista, scenografo, anatomista, musicista, progettista e inventore.

Personaggi Secondari[modifica | modifica wikitesto]


Produzione[modifica | modifica wikitesto]

I Medici (Medici: Masters of Florence) è prodotta dalla Wild Bunch di Frank Spotnitz e Nicholas Meyer, in collaborazione con la casa di produzione italiana Lux Vide.[11] Il budget messo a disposizione, assieme alla RAI, è stato di circa 25 milioni di dollari.[11] La pre-produzione è partita all'inizio del 2015 dalla Big Light Productions, che in collaborazione alla Rai Fiction diretta da Eleonora Andreatta, ha dato il via alla fase di casting:[12] esso comprende Dustin Hoffman nel ruolo di Giovanni de' Medici, e Richard Madden, star de Il trono di spade, per la parte di Cosimo, il protagonista.[12] Completano il cast gli italiani Alessandro Preziosi nel ruolo di Filippo Brunelleschi, Guido Caprino, nei panni di Marco Bello, Miriam Leone e Sarah Felberbaum, come amanti di Cosimo.[13] L'ufficializzazione del cast è resa nota nel settembre 2015.[13]

Le riprese, partite il 30 settembre 2015 a Firenze,[14] sono durate 18 settimane e si sono svolte principalmente in Italia, a Roma oltre che nel capoluogo fiorentino, dove è stato concesso alla produzione di girare all'interno di sedi storiche come Palazzo Vecchio, Basilica di San Lorenzo, Palazzo del Bargello, il Battistero e Duomo di Firenze, ma anche a Villa Adriana e Villa d'Este a Tivoli e in altre località come: Montepulciano, Pistoia, Pienza, San Quirico d'Orcia, Bagno Vignoni, Bracciano,[15] Viterbo, Castello di Rota[16], Caprarola[17], Santa Severa (Santa Marinella)[18] e nella Val d'Orcia.[19][20][21] Palazzo Piccolomini di Pienza è stato usato come Palazzo Medici ma gli interni sono stati ricostruiti in teatro di posa, sul lato sinistro c'è il Palazzo Comunale che è stato usato come il Banco dei Medici.[22]

In un'intervista al TG1 del 7 ottobre 2015 Dustin Hoffman ha rivelato che una delle sedi è stata Montepulciano, dove sono state girate la maggior parte delle scene in playback.[23] La Andreatta, direttore di Rai Fiction, si è rivolta così all'ANSA: «La serie de I Medici non è soltanto un period drama, ma la testimonianza dello sforzo della Rai per esserci nel mercato internazionale».[14] Anche la Lux Vide e la Bigh Light Productions, una volta terminate le riprese nel marzo 2016,[11] si sono dette entusiaste dell'ambizione del progetto.[24] A giugno viene rivelato che la sigla della fiction sarà il brano Renaissance interpretato da Skin e arrangiato da Paolo Buonvino.[25]

Inoltre già nell'aprile 2016 il creatore Frank Spotnitz ha rinnovato la serie per una seconda stagione, che entrerà in produzione verso la fine del 2016.[26]

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Il primo spot della serie viene mandato in onda il 1° luglio 2016 sulle reti Rai,[11] con esordio previsto per il 17 ottobre su Rai 1, mentre alcuni giorni dopo la serie è presentata al MipTV a Cannes tra le 10 migliori serie internazionali.[27] Il 14 ottobre 2016 è stato proiettato, a Firenze, in anteprima mondiale, il primo episodio della serie, alla presenza della Lux Vide, del cast e della cantante Skin.[11]

I Medici ha esordito in prima visione mondiale il 18 ottobre 2016 su Rai 1, essendo anche trasmessa in Ultra HD Rai 4K al canale 210 della piattaforma satellitare gratuita tivùsat.[28] Gli otto episodi sono stati trasmessi in quattro serate, fino all'8 novembre 2016.

Ancor prima di andare in onda, la serie è già stata venduta in Nuova Zelanda, Francia, Israele, Giappone, USA, Canada, India e Australia.[29]

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Critica[modifica | modifica wikitesto]

La serie ha ricevuto, visto il grande numero di inesattezze storiche, critiche contrastanti: Aldo Grasso, de Il corriere della Sera, ha dato un giudizio tuttosommato positivo, visto che "l’intento, spesso raggiunto, è quello di rendere avvincente una storia che può godere di uno degli scenari più belli del mondo. Ogni tanto, però, si cade nel didascalico e l’uso eccessivo del flashback a volte rompe la linearità della storia, a volte rompe, e basta".[30] Il critico d'arte Philippe Daverio, d'altra parte, ha criticato aspramente la serie, "poiché non è permesso falsificare la Storia. (...) Esiste una funzione didattica di chi ha la responsabilità culturale che non è permesso tradire. È una sconfitta della cultura".[31]

Sequel[modifica | modifica wikitesto]

A partire da settembre 2017 inizieranno le riprese per la seconda stagione de I Medici, in mano nuovamente a Frank Spotnitz, che si svolgeranno a Pienza. La seconda stagione subirà un salto temporale di circa 20 anni rispetto al precedente finale di stagione, per concentrarsi sulle vicende di Lorenzo il Magnifico. Non è stata ancora confermata la presenza di nessun membro del precedente cast, ed in particolare di Richard Madden (Cosimo de' Medici) che sarà impegnato in un'altra serie (Oasis). Probabilmente compariranno nuovamente Valentina Bellé (Lucrezia Tornabuoni) e Alessandro Sperduti (Piero il Gottoso) nei ruoli precedenti e come genitori dunque di Lorenzo il Magnifico. Unico membro confermato del nuovo cast è Sean Bean che interpreterà Jacopo de' Pazzi, uno dei principali responsabili dell'omonima congiura.

Inesattezze storiche[modifica | modifica wikitesto]

  • La fisionomia di Cosimo de' Medici, interpretato da Richard Madden, non corrisponde a quella di Cosimo il Vecchio ma a quella di Cosimo I così come risulta dai ritratti medicei della Serie Aulica conservata agli Uffizi[32].
  • Cosimo de' Medici ebbe due figli: Piero e Giovanni, ma nella fiction c'è solo Piero, e non si fa menzione del secondogenito Giovanni. Nella terza puntata, quando la madre di Cosimo muore, quest'ultima chiede a Piero di chiamare il figlio in attesa Giovanni, in onore del nonno.
  • Nella serie si fa capire che il fondatore della potenza economica medicea sia stato Giovanni di Bicci de' Medici, che ricorda sempre un mulino da cui sarebbe partito alla conquista del potere economico e politico: in realtà già prima i Medici erano già una famiglia abbastanza potente economicamente, anche se il grande balzo lo fecero proprio con Giovanni.
  • Durante il Conclave che elegge Giovanni XXIII i cardinali consumano un pranzo a base di fagioli e patate, entrambe piante di provenienza americana. Ciò rappresenta un evidente anacronismo, in quanto Giovanni XXIII salì al soglio pontificio nel 1410, ben 82 anni prima della scoperta dell'America.
  • Giovanni di Bicci de' Medici non morì avvelenato come viene mostrato nella serie, bensì di vecchiaia all'età di 69 anni, il 20 febbraio 1429.[33]
  • Non furono i Medici a finanziare la cupola del Brunelleschi, bensì l'Arte della Lana che all'epoca esercitava il potere sull'Opera del Duomo.
  • Anacronistica la presenza della cupola di San Lorenzo, sulla sommità della cappella dei Principi, commissionata all'architetto Matteo Nigetti solo nel 1604.[33]
  • Clamorosamente inesatte sono alcune vedute della città di Venezia, in cui la Basilica di Santa Maria della Salute, posteriore di due secoli e trionfo dell'architettura barocca, non solo è presente ma viene anche situata sul lato errato di Canal Grande.
  • Nella sigla dei titoli di testa viene mostrato il corridoio vasariano, che però venne aperto nel 1565, più di un secolo dopo il periodo di ambientazione della serie.[33]
  • L'Antipapa Giovanni XXIII, eletto secondo procedure non canoniche, non salì al soglio pontificio a Roma nel 1410, ma a Bologna dove era morto il suo predecessore Papa Alessandro V e dove era stato provvisoriamente trasferito il conclave.[34]
  • Nel Salone dei Cinquecento a Palazzo Vecchio, viene mostrato l'affresco intitolato La presa di Siena, che verrà realizzato da Giorgio Vasari tra il 1554 e il 1560, quindi anch'esso posteriore rispetto all'ambientazione temporale della serie.[34]
  • Rinaldo degli Albizzi non fu ucciso da mercenari (come mostrato nella serie), ma terminò la propria esistenza in esilio ad Ancona nel 1442.
  • Lorenzo il Vecchio, fratello di Cosimo de Medici, non fu ucciso per mano di sicari della famiglia Pazzi, ma morì nel 1440 nella Villa di Careggi. Inoltre, nel 1416 si sposò con Ginevra di Giovanni di Amerigo Cavalcanti ed ebbe dei figli.
  • Cosimo non ebbe nessun fratello gemello; Damiano, di cui si parla nella fiction, nacque nel 1390, un anno dopo la sua nascita, anche se poi scomparve prematuramente.
  • In una scena si vedono Cosimo il Vecchio e Rinaldo degli Albizzi ancora ragazzi (ed amici) giocare al Calcio storico fiorentino, gioco inventato nella seconda metà del Quattrocento e definitivamente lanciato durante l'Assedio di Firenze nel 1530, con lo scopo di ridicolizzare le truppe spagnole assedianti.
  • Il figlio di Cosimo e della schiava Maddalena ha solo circa 12 anni di differenza (nato tra il 1428 e il 1430 col nome di Carlo di Cosimo de' Medici) con il fratellastro Piero de Cosimo de' Medici, detto il Gottoso (nato dall'unione di Cosimo e Contessina nel 1416) e non molti di più come la serie lascia intendere mostrando la schiava incinta di Cosimo, nello stesso tempo nel quale Piero aspetta un figlio dalla moglie Lucrezia Tornabuoni (durante la processione dell'Epifania).
  • Piero de' Medici viene rappresentato come un ragazzo vivace e pieno d'iniziativa mentre in realtà fu un personaggio scialbo, anche per motivi di salute (non a caso fu detto Il Gottoso) tanto che Cosimo curò particolarmente l'educazione del nipote Lorenzo de' Medici, considerandolo il vero erede della casata.
  • Piero e Lucrezia ebbero ben tre figlie prima della nascita di Lorenzo.
  • Il grido dei sostenitori dei Medici non era "Medici! Medici!" ma "Palle! Palle!", con riferimento allo stemma della famiglia.
  • Marco Bello fu in realtà un pittore attivo a Venezia e non poteva essere guardia del corpo di Piero il Gottoso perché quest'ultimo morì a causa della gotta il 2 dicembre 1469 e Bello nacque l'anno dopo.
  • Piero e Lucrezia si sposarono nel 1444 e non nell'ambientazione menzionata perché Lucrezia, all'epoca dei fatti, aveva pochi mesi essendo nata lei nel 1427.
  • Contessina de' Bardi non era una donna sottomessa al marito ma era alla sua pari, infatti molte cronache storiche riportano che lei era intellettualmente simile al marito ed era una donna pia che prese in casa Carlo, figlio naturale di Cosimo.
  • Filippo Brunelleschi non realizzò mai le porte del Battistero di San Giovanni come viene citato nella serie, ma fu il suo rivale Lorenzo Ghiberti il quale vinse con esito dubbio (I Commentarii riportano una vittoria unanime, mentre altri dicono che ci fu un pari tra le due formelle del concorso avente come tema il "Sacrificio d'Isacco") il concorso indetto dall'Arte di Calimala nel 1401, avente come uno dei giudici Giovanni di Bicci.
  • Brunelleschi non era solito rivelare i suoi segreti sulla costruzione della cupola, e si preoccupava per la sicurezza dei suoi operai tant'è che aveva creato dei ponteggi apposta affinché potessero mangiare e bere sul posto (ci sono dei disegni su questi ponteggi rimasti al Gabinetto delle Stampe e dei Disegni della Galleria degli Uffizi).
  • Non viene mostrata la spiccata passione per Cosimo Il Vecchio per l'arte, i libri e l'incontro con Gemisto Pletone con il quale fonderà l'Accademia Neoplatonica fiorendo poi con il nipote Lorenzo.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ I personaggi de I Medici spiegati
  2. ^ 'I Medici' da martedì 18 ottobre su Rai 1 e in 4K solo su tivùsat, su tivusat.tv, 10 ottobre 2016. URL consultato il 17 ottobre 2016.
  3. ^ I Medici - Anteprima esclusiva, su raiplay.it, 18 ottobre 2016. URL consultato il 18 ottobre 2016.
  4. ^ Skin canta la sigla de 'I Medici' col brano Renaissance
  5. ^ Dopo soltanto due puntate...terremoto: "I Medici"? La clamorosa novità sulla serie. URL consultato il 30 ottobre 2016.
  6. ^ Claudia Gagliardi, I Medici sbarca su Netflix in mezzo mondo: ufficiale la première internazionale a dicembre, in Optimagazine - webzine di Optima Italia, 24 novembre 2016. URL consultato il 24 novembre 2016.
  7. ^ Netflix annuncia I Medici in Usa, Gran Bretagna, Canada e India, in tvzap.kataweb.it, 26 novembre 2016. URL consultato il 29 novembre 2016.
  8. ^ I Medici, confermate le riprese della seconda stagione - Wired, in Wired, 28 marzo 2017. URL consultato il 29 maggio 2017.
  9. ^ a b c d e f g h i j Angelo Catalano, I Medici: cast della serie Lux Vide, Serieit, 25 settembre 2015. URL consultato il 15 giugno 2016.
  10. ^ a b c d e f g h i j k (EN) Medici: Masters of Florence, Big Light Productions. URL consultato il 15 giugno 2016.
  11. ^ a b c d e Lux Vide presenta I Medici
  12. ^ a b I Medici Dustin Hoffman e Richard Madden nel cast
  13. ^ a b I Medici: Dustin Hoffman, Preziosi, Madden e Felberbaum nel cast
  14. ^ a b Al via le riprese de 'I Medici', la serie evento RAI
  15. ^ Serie tv "I Medici", le location 1: Il castello di Bracciano, in Le location della serie tv "I Medici. Masters of Florence", 25 dicembre 2016. URL consultato il 29 dicembre 2016.
  16. ^ Serie tv "I Medici", le location 8: il castello di Rota, in Le location della serie tv "I Medici. Masters of Florence", 03 febbraio 2017. URL consultato il 03 febbraio 2017.
  17. ^ Serie tv "I Medici", le location 7: Palazzo Farnese a Caprarola, in Le location della serie tv "I Medici. Masters of Florence", 31 gennaio 2017. URL consultato il 31 gennaio 2017.
  18. ^ Serie tv "I Medici", le location 6: il Castello di Santa Severa, in Le location della serie tv "I Medici. Masters of Florence", 28 gennaio 2017. URL consultato il 31 gennaio 2017.
  19. ^ I Medici - Luoghi e ambientazioni, su raiplay.it. URL consultato il 10 ottobre 2016.
  20. ^ La fiction sui Medici in piazza del Duomo, su iltirreno.gelocal.it. URL consultato il 10 ottobre 2016.
  21. ^ Villa Adriana, Villa d'Este e Palazzo Farnese nel film 'I Medici', su villaadriana.beniculturali.it. URL consultato il 10 ottobre 2016.
  22. ^ I Medici - Palazzo Medici, su raiplay.it. URL consultato il 10 ottobre 2016.
  23. ^ Proseguono le riprese de 'I Medici' a Montepulciano
  24. ^ http://www.tvzoom.it/2016/10/10/44207/lux-vide-presenta-medici-cerca-un-partner-industriale/
  25. ^ I Medici: la colonna sonora di Skin
  26. ^ I Medici rinnovata per una seconda stagione
  27. ^ [1]
  28. ^ I Medici: la prima serie in 4k
  29. ^ Lux Vid presenta I Medici
  30. ^ Boom ascolti per i medici, corriere.it.
  31. ^ Tvblog.it.
  32. ^ Patrizia Vezzosi, Ti presento la Famiglia Medici. Ritratti medicei della Serie Aulica agli Uffizi, Alinea, 2009.
  33. ^ a b c I Medici - Masters of Florence: le inesattezze della serie tv
  34. ^ a b I Medici, i 5 errori storici della serie tv Rai

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione