Giggi il bullo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Giggi il bullo
Lingua originaleitaliano
Paese di produzioneItalia
Anno1982
Durata88 min
Generecommedia
RegiaMarino Girolami
SoggettoCarlo Veo
SceneggiaturaCarlo Veo, Marino Girolami
Casa di produzioneFilmes
Distribuzione in italianoMedusa
FotografiaFederico Zanni
MontaggioAlberto Moriani
MusichePaolo Rustichelli
ScenografiaVincenzo Morozzi
CostumiSilvana Scandariato
TruccoVittorio Aceto
Interpreti e personaggi

Giggi il bullo è un film del 1982 diretto da Marino Girolami, ispirato dalla celebre macchietta "Giggi er Bullo" di Ettore Petrolini. Nel film Alvaro Vitali è un giovane sbruffone romano incline a cacciarsi nei guai.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Giggi è un giovanotto dall'indole ribelle e scapestrata che vive con la madre a Roma nel rione Trastevere. Il ragazzo cerca di fare il duro ma si caccia solo nei guai, coinvolgendo anche i suoi amici; tra le sue avventure che compongono una sua giornata odierna c'è una discussione con un commissario di polizia che lo arresta facendolo finire in una camera di sicurezza con un vagabondo, dopodiché si finge protettore di una prostituta veneta, inoltre si spaccia per gigolò e si scontra con due becchini. Alla fine il suo riscatto arriva quando vince con l'amica Raffaella una gara di ballo, dove riesce anche a malmenare il rivale Peppe.

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Giggi il bullo è arrivato per la prima volta nelle sale italiane il 20 agosto 1982.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • Nel film compare anche il maestro Beppe Vessicchio nel ruolo dell'autista del carro funebre.
  • In una scena Giggi, mentre esce, fischietta la melodia che accompagna i film di Pierino, altro personaggio interpretato da Alvaro Vitali.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema