Siamo tutti pomicioni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Siamo tutti pomicioni
Titolo originale Siamo tutti pomicioni
Paese di produzione Italia
Anno 1963
Durata 95'
Dati tecnici B/N
Genere commedia, satirico, comico
Regia Marino Girolami
Soggetto Steno e Lucio Fulci
Sceneggiatura Tito Carpi, Roberto Gianviti
Produttore Marino Girolami
Casa di produzione MG Cin.Ca - Rome International Film
Fotografia Mario Fioretti
Musiche Carlo Savina
Scenografia Enrico Tovaglieri
Interpreti e personaggi

Siamo tutti pomicioni è un film del 1963 diretto da Marino Girolami.

Il film è ambientato a Roma e si apre su un'inquadratura del Palazzo della Civiltà Italiana all'EUR la cui celebre scritta risulta contraffatta e adattata alla bisogna:

« Un popolo di poeti di artisti di eroi
di santi di pensatori di scienziati
di navigatori di trasmigratori
e di pomicioni »

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nei quattro sketch in cui la pellicola si articola viene preso di mira il gallismo, ossia l'attitudine attribuita maschio italiano di assillare il sesso femminile già anticipata in film come Poveri ma belli, particolarmente in voga negli anni sessanta caratterizzati dal boom economico (il fenomeno sarebbe poi sfociato nel moderno e più crudele stalking).

Nel primo episodio[1] (titolo: Il colonnello e la signora) il caporale carrista Ennio intreccia una relazione con la moglie di un alto ufficiale inglese; nel secondo (Le gioie della vita) il protagonista, Mario, vorrebbe diventare amante di un'avventuriera ma, complice la madre, si troverà a rischiare di doverla sposare; il terzo episodio (Pomicione di provincia) vede protagonisti due siciliani - Ciccio e Salvatore - giunti in pellegrinaggio nella capitale assieme alle rispettive consorti. Sfuggiti alla sorveglianza delle mogli, vanno invano in cerca di avventure; il quarto e ultimo episodio (Il piazzista) presenta come protagonista tale Floro, sorpreso in compagnia dell'amante dalla propria moglie. In suo aiuto accorre un piazzista di elettrodomestici il quale, in cambio dell'aiuto, lo ricatta fino a costringerlo ad acquistargli tutto il campionario.

"Cast"[modifica | modifica wikitesto]

Peppino Di Capri con i suoi Rockers

Nonostante il film appartenga al cosiddetto genere b-movie, il cast è piuttosto nutrito e composto da nomi noti dello spettacolo dell'epoca (su tutti svetta la coppia Raimondo Vianello-Sandra Mondaini, oltre a Gino Bramieri e Mario Carotenuto) molti dei quali noti comici caratteristi o addirittura vecchie glorie come Fanfulla, capocomico di celebrata fama teatrale.

Nella pellicola compaiono anche un giovane Carlo Delle Piane e il cantante Peppino Di Capri (con i suoi Rockers).

Le musiche della colonna sonora sono firmate da Carlo Savina. Il brano Sexy Jazz, non utilizzato in tale colonna sonora, è stato inserito nel CD del 2004, con musiche da film, della Rambling Records RBCS-2065 (UPN 4-545933-120655), destinato al mercato nipponico[2].

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

(EN) Siamo tutti pomicioni, su Internet Movie Database, IMDb.com. Modifica su Wikidata

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema