Alfredo Adami

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Alfredo Adami in un fotogramma del film Fantozzi.

Alfredo Adami (Roma, 2 luglio 1915Roma, 2 agosto 1989) è stato un attore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Artisticamente nasce nel teatro romanesco, lavorando agli esordi con grandi nomi come Gustavo Cacini; Attore comico di rivista e avanspettacolo tra gli anni '40 e '60 porterà in scena anche da capocomico, con la sua compagnia di riviste "Spettacoli Rosa", un gran numero di riviste, alcune di grande successo. Considerato dalla critica un attore comico di valore, vince negli anni '50 il premio Ettore Petrolini dedicato ai comici romani

Magro, alto, si avvicina al mondo del cinema non più giovanissimo, esordendo nel film Adua e le compagne, (1960), di Antonio Pietrangeli.

Diverse le apparizioni in pellicole importanti del cinema italiano, anche d'autore, come Roma, (1972), di Federico Fellini, Fantozzi, (1975), di Luciano Salce e Polvere di stelle, (1973), di Alberto Sordi, e in numerose pellicole di genere degli anni settanta.

Adami muore a Roma il 2 agosto del 1989 per arresto cardiaco dopo una lunga malattia[senza fonte].

Filmografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]