Eva Grimaldi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Eva Grimaldi nel 2009 al Roma Fiction Fest

Eva Grimaldi, nome d'arte di Milva Perinoni (Verona, 7 settembre 1961), è un'attrice italiana[1], sex-symbol degli anni 1980 e 1990.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Prima di iniziare a lavorare in televisione con il popolare programma ideato da Antonio Ricci Drive In (dove fa la guardarobiera) era una benzinaia del veronese. Lascia però il programma dopo poche puntate per interpretare un ruolo in un film di Federico Fellini, Intervista.

Prosegue la carriera cinematografica alternando pellicole d'autore come Tolgo il disturbo di Dino Risi, il francese Giorni felici a Clichy di Claude Chabrol, L'angelo con la pistola di Damiano Damiani, Kinski Paganini di Klaus Kinski, Per sempre - Forever di Walter Hugo Khouri e Mutande pazze di Roberto D'Agostino, a film più popolari e di genere tipo Rimini Rimini - Un anno dopo di Bruno Corbucci, Quella villa in fondo al parco di Giuliano Carnimeo, Cobra nero e Cobra nero 2 di Stelvio Massi, Mia moglie è una bestia di Castellano e Pipolo con Massimo Boldi, La maschera del demonio di Lamberto Bava, Abbronzatissimi e Abbronzatissimi 2 - Un anno dopo entrambi diretti da Bruno Gaburro. Sempre in questi anni ha posato senza veli per diverse riviste erotiche tra le quali Playmen e l'edizione italiana di Playboy, divenendo così un sex-symbol del cinema e della TV a cavallo tra gli anni 1980 e 1990.

Successivamente, si dedica anche al teatro, dove lavora con Pier Francesco Pingitore in Buonanotte Bettino e con Pino Ammendola e Nicola Pistoia in Uomini targati Eva (quest'ultimo ebbe ben 100 repliche al Salone Margherita di Roma) e con Roberta Torre in Invece che all'una alle due. Nel 1994, ritorna a lavorare al cinema con Cari fottutissimi amici di Mario Monicelli, mentre l'anno successivo lavora di nuovo in Francia interpretando un film con Gérard Depardieu, intitolato Les anges gardiens (distribuito in Italia con il titolo Soldi proibiti) che registrò record d'incassi nel Paese d'oltralpe, e viene scelta come testimonial della pubblicità di Calvin Klein. In questo periodo è anche protagonista di una puntata del varietà di Canale 5 Viva le italiane del Bagaglino, nel 1998 interpreta sé stessa nella commedia cinematografica Paparazzi diretta da Neri Parenti e nello stesso anno è al cinema anche con un'altra commedia: Simpatici e antipatici diretta da Christian De Sica.

Nel 2001 è la primadonna del varietà televisivo del Bagaglino Saloon, trasmesso in prima serata su Canale 5 e diretto da Pier Francesco Pingitore, in cui la Grimaldi era affiancata da comici come Pippo Franco, Leo Gullotta, Oreste Lionello, Maurizio Mattioli, Gabriella Germani, Martufello e Manlio Dovì e ad altre tre soubrette: Pamela Prati, Nathalie Caldonazzo e Milena Miconi. Il programma, che registrò ascolti record, destò molto scalpore in quanto in ogni puntata la Grimaldi (assieme alle altre tre primedonne del varietà) si esibiva in un balletto sexy al termine del quale si mostrava in topless. Nel 2003 fa un calendario sexy. Nel biennio 2004-2005 lavora in teatro con Antonio Giuliani, recitando in Che fine ha fatto Cenerentola? e in Bravi a letto. Sempre nel 2005 è nel cast del film americano L'educazione fisica delle fanciulle di John Irvin.

Nel 2006 partecipa come concorrente, in coppia con Simone Di Pasquale, alla terza edizione del talent-show Ballando con le stelle in onda su Rai 1 e condotto da Milly Carlucci, venendo eliminata nella semifinale.

A partire dagli anni 1990 ha però soprattutto interpretato diverse fiction televisive di successo in onda sulle reti del gruppo Fininvest (poi ribattezzato Mediaset nel 1996), tra cui Donna d'onore e Donna d'onore 2, La signora della città, La villa dei misteri, Ladri si nasce (e il seguito Ladri si diventa), Villa Ada, La casa delle beffe, Il bello delle donne, Occhi verde veleno, Caterina e le sue figlie, Mogli a pezzi, Il peccato e la vergogna e Pupetta - Il coraggio e la passione. Nel 2013 torna anche a teatro con lo spettacolo Circe, la figlia del sole.

Nel 2014 prende parte come concorrente alla terza edizione dell'adventure game Pechino Express in onda su Rai 2 con Roberta Garzia, formando la coppia delle Cougar, arrivando fino alla puntata finale e classificandosi terza: parteciperà poi come guest star anche a una puntata della stagione successiva dello stesso programma. Nel 2015 torna dopo molti anni al cinema, prendendo parte alla commedia Babbo Natale non viene da Nord diretta da Maurizio Casagrande, distribuita nelle sale nel periodo natalizio, e nello stesso anno è di nuovo a teatro con la piéces Il marito di mio figlio. Nel 2016 entra nel cast di altre due pellicole cinematografiche, Respiri di Alfredo Fiorillo e Il traduttore di Massimo Natale. Nel 2017 prende parte come concorrente alla dodicesima edizione del reality show L'isola dei famosi, in onda su Canale 5, arrivando anche in questo caso fino alla finale, classificandosi al terzo posto, venendo eliminata con l'86% dei voti[2].

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Imma Battaglia ed Eva Grimaldi nel 2015, a una manifestazione in favore del matrimonio egualitario.

È stata legata, dal 1997 al 2001, all'attore Gabriel Garko, con il quale è rimasta in buoni rapporti anche dopo la fine del loro legame, lavorando spesso insieme in diverse fiction. Si è in seguito sposata nel 2006 con l'imprenditore Fabrizio Ambroso, dopo tre mesi di fidanzamento; i due si sono separati nel 2010 e hanno divorziato nel 2013. Dal 2012 è legata sentimentalmente all'attivista e politica Imma Battaglia[3].

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Teatro[modifica | modifica wikitesto]

Programmi TV[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Giorgio Dell'Arti, Biografia di Eva Grimaldi, Corriere della Sera, 17 marzo 2014.
  2. ^ Mario Manca, Eva Grimaldi: «All'Isola per riscoprire me stessa (e uscire dagli anni '80)», vanityfair.it, 25 gennaio 2017.
  3. ^ Stefania Saltalamacchia, Eva Grimaldi: «Imma Battaglia è la mia vita», vanityfair.it, 16 settembre 2017.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN231650089 · LCCN: (ENno2012106639 · SBN: IT\ICCU\RAVV\237892 · GND: (DE1061330192 · BNF: (FRcb14183555x (data)