Angelo Pannacciò

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Angelo Pannacciò, noto anche con gli pseudonimi di Elo Pannacciò, Angelo Pann, Alessandro Pann, Gerald B. Lennox, John Jonathan, Angel Valery, Angel Jonathan, Frank C. Lucas, Mark Welles ed Elio Pannacciò (Foligno, 13 marzo 1923Viterbo, 26 dicembre 2001), è stato un regista, sceneggiatore e produttore cinematografico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Foligno nel 1923, si trasferì molto giovane a Roma, dove entrò in contatto con il mondo del cinema. Studiò per alcuni anni presso il Centro sperimentale di cinematografia (e durante questo tempo, infatti, collaborò alla stesura della sceneggiatura del film Divisione Folgore, del 1954, diretto da Duilio Coletti), senza tuttavia conseguire il diploma.

Dopo parecchi anni di inattività, all'inizio degli anni settanta, fondò, assieme a Luigi Petrini, la Universal Vision, una società con cui produssero un unico film, Così, così... più forte, (1970), diretto da Petrini stesso; ma l'impresa fallì un anno dopo, nel 1971.

Pannacciò, nel 1972, fondò allora da solo un'altra società, la Produzione cinematografica Universalia, ma anche in questo caso le cose andarono decisamente male, tanto che il solo film prodotto, Il sesso della strega, (1973), ebbe notevoli problemi di distribuzione. Pannacciò decise allora di dedicarsi prevalentemente alla sceneggiatura ed alla regia, divenendo uno dei più prolifici autori di film trash, girati con budget risicatissimi e spesso connotati da un erotismo notevolmente spinto, dei quali Il sesso della strega, (1973) e Porno erotico western, (1979) sono solo i titoli più rappresentativi.

Pur non rivestendo in prima persona il ruolo di produttore, negli anni seguenti Pannacciò continuò ad aprire società di produzione (come la Film Montecarlo Produzione Cinematografica e Televisiva o la Colosseum International) che, in disastrose condizioni economiche, chiudevano i battenti nel giro di uno o massimo due anni. Ma questa "strategia" commerciale costò cara a Pannacciò che, all'inizio degli anni ottanta, sommerso dai debiti, fu costretto a "chiudere" la sua carriera girando dei film hard, fra i quali Erotico 2000, (1982), con Marina Hedman, e Le regine, del 1986.

Filmografia (parziale) come regista[modifica | modifica wikitesto]

Filmografia (parziale) come regista pornografico[modifica | modifica wikitesto]

Filmografia (parziale) come sceneggiatore[modifica | modifica wikitesto]

Filmografia (parziale) come produttore[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN107620187 · BNF: (FRcb16188162k (data)