Antonio Monda

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Antonio Monda

Antonio Monda (Velletri, 19 ottobre 1962) è uno scrittore e docente italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Alla Festa del Cinema di Roma (Roma, 2015) con Wes Anderson e Donna Tartt

Antonio Monda è uno scrittore e organizzatore culturale italiano che insegna presso il Film and Television Department della New York University[1] e collabora a varie testate giornalistiche, tra le quali La Repubblica, Vogue e RAI News 24, dove tiene la rubrica "Central Park West". Ha vissuto i primi anni della propria vita a Cisterna di Latina, dove il padre era sindaco DC. La città di adozione è stata tuttavia Roma, dove ha vissuto sino al 1994, quando si è trasferito a New York, dove vive insieme alla moglie giamaicana, Jacqueline Greaves[2], e ai figli Ignazio, Caterina e Marilù, autrice della saga fantasy L’eredità dell’ombra (2012). È nipote, da parte materna, di Riccardo Misasi, uomo politico democristiano che è stato ministro della Pubblica Istruzione e del Mezzogiorno. Il fratello Andrea Monda, dal 18 dicembre 2018 direttore dell'Osservatore Romano, è autore di numerosi saggi sulla narrativa fantastica di J. R. R. Tolkien e C. S. Lewis, oltre che di Benedetta Umiltà, un saggio su Papa Benedetto XVI.

Dopo il primo romanzo Assoluzione, incentrato sul problema della presunzione d'innocenza e dell'etica del diritto, ha dato il via a un progetto letterario di dieci libri ambientati a New York nel ventesimo secolo. Ognuno di questi romanzi è ambientato in un decennio diverso, e i libri sono legati da personaggi ricorrenti. Il primo romanzo della serie è L'America non esiste, vincitore del premio Premio Cortina d'Ampezzo, ambientato negli anni cinquanta, a cui ha fatto seguito La casa sulla roccia (anni sessanta), Ota Benga (anni dieci), L'indegno (anni settanta), L'evidenza delle cose non viste (anni ottanta), Io sono il fuoco (anni quaranta) e Nel territorio del Diavolo (anni novanta). In tutte queste opere, tradotte in undici lingue, risulta evidente un interesse per temi etici e spirituali e una costante riflessione sul senso ultimo dell'esistenza.

Oltre ai romanzi ha scritto la raccolta di racconti e immagini Nella città nuda (2013), i saggi La Magnifica Illusione, Viaggio nel cinema americano (2004), Tu Credi? (2006), Hanno preferito le tenebre (2010) e Lontano dai sogni (2011), un libro intervista con Ennio Morricone, e Il Paradiso dei lettori innamorati (2013), una raccolta di interviste a grandi scrittori sui loro film preferiti. Nel 2005, ha organizzato al Museum of Modern Art di New York, insieme a Mary Lea Bandy, una retrospettiva su cinema e spiritualità intitolata The Hidden God, in occasione della quale ha curato un'antologia pubblicata dalla casa editrice del museo. I suoi libri sono tradotti in inglese, francese, spagnolo, olandese, portoghese, brasiliano, ebraico, giapponese, coreano e cinese.

L’uscita americana di Unworthy (L’Indegno) presso Penguin Random House, ha generato un grande entusiasmo nel mondo letterario americano, con dichiarazioni appassionate di Daniel Mandelsohn, Cathleen Schine, Mary Karr, Colum McCann e Philip Roth che ha voluto scrivere in prima persona “con finezza narrativa Monda ha realizzato un libro potente e compatto, che sembra un morboso racconto erotico del Boccaccio, nel quale viene esposto la tormentata lussuria del clero.”

La sua prima attività lavorativa è nel cinema, dove ha lavorato come assistente di Paolo e Vittorio Taviani ne La Notte di San Lorenzo (1981). Ha diretto numerosi documentari, tra i quali Oltre New York, viaggio nella cultura ebraica americana (1986), Stranieri in America (1987) e il lungometraggio Dicembre, presentato al Festival di Venezia nel 1990.

All'arrivo negli Stati Uniti ha lavorato per cinque anni come super (una via di mezzo tra il portiere e l'uomo di fatica di un palazzo) presso uno stabile dell'Upper East Side. Inizia in quello stesso periodo la carriera universitaria, che lo porta a conseguire la tenure presso la New York University nel 2003. Ritorna al cinema recitando per Wes Anderson ne Le avventure acquatiche di Steve Zissou (2005), e poi, co-producendo, con Davide Azzolini, Enzo Avitabile music life, diretto da Jonathan Demme. Il documentario viene presentato al Festival di Venezia del 2012.

Ha curato e organizzato numerose mostre presso il MoMA,[1] il Solomon Guggenheim Museum, il Lincoln Center,[1] il Museum of Moving Images. Insieme a Richard Pena e Giorgio Gosetti, ha creato nel 2000 Open Roads, New Italian Cinema, retrospettiva di cinema italiano presso il Lincoln Center.

Nel 2004 ha creato, insieme a Mario Sesti, Viaggio nel cinema americano, organizzando e moderando vari incontri presso l'Auditorium di Roma.

Nel 2006 ha fondato insieme a Davide Azzolini, il festival letterario Le Conversazioni, di cui è direttore artistico, che si tiene a cavallo tra giugno e luglio a Capri. Dal 2009 Le Conversazioni ha cominciato ad ospitare eventi anche presso la Morgan Library di New York.

Nel febbraio del 2015 è stato nominato direttore artistico del Festival del Cinema di Roma.[1]

Dall'ottobre del 2013 è autore e conduttore della rubrica Central Park West per RaiNews24. Insieme a Maurizio Molinari ha condotto per il TG5 la trasmissione di approfondimento televisivo Lettera da New York. In seguito ha iniziato a collaborare con il telegiornale de La7.

È docente presso la Tisch School of the Arts dell'Università di New York.

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

  • Vincitore del Premio Carro d'Oro per Dicembre (1990)
  • Vincitore del Premio Cinema Giovane for Dicembre (1990)
  • Vincitore del Premio Navicella per Dicembre (1990)
  • Candidato al David di Donatello come miglior regista esordiente per Dicembre (1990)
  • Vincitore del Premio Efebo d'Oro per il miglior libro sul cinema per La magnifica illusione (2003)
  • Vincitore del Premio Cortina d'Ampezzo per il romanzo L'America non esiste (2010)
  • Menzione speciale del premio Giulietta per il romanzo L'evidenza delle cose non viste (2016)
  • Vincitore del Premio Biagio Agnes per il romanzo Io sono il fuoco (2018)
  • Il 3 giugno 2019 il Presidente della Repubblica Italiana Sergio Mattarella lo ha insignito dell'onorificenza di Ufficiale al Merito della Repubblica

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • La magnifica illusione, 2003; Nuova edizione riveduta e ampliata, 2007
  • Tu credi? Conversazioni su Dio e la religione, Fazi Editore, 2006 ISBN 88-8112-712-1
  • The Hidden God, 2005 MoMA
  • Assoluzione, Milano, Arnoldo Mondadori Editore, 2008, ISBN 88-04-57361-9
  • Hanno preferito le tenebre. Dodici storie del male, Milano, Arnoldo Mondadori Editore, 2010, ISBN 978-88-04-56479-9
  • Lontano dai sogni, 2010 Arnoldo Mondadori editore [biografia di Ennio Morricone]
  • L'America non esiste, Milano, Mondadori, 2012
  • Il paradiso dei lettori innamorati, Milano, Mondadori, 2013
  • Nella città nuda, Milano, Rizzoli, 2013
  • La casa sulla roccia, Milano, Mondadori, 2014
  • Ota Benga, Milano, Mondadori, 2015
  • L'indegno, Milano, Mondadori, 2016
  • L'evidenza delle cose non viste, Milano, Mondadori, 2017
  • Io sono il fuoco, Milano, Mondadori, 2018.
  • Nel territorio del Diavolo, 2019.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Antonio Monda, The Huffington Post. URL consultato il 19 novembre 2017 (archiviato il 7 settembre 2017).
  2. ^ Letizia Airos, JAQUELINE GREAVES MONDA: VIVERE (CON UN) ITALIANO A NEW YORK, AISE Agenzia Internazionale Stampa Estero. URL consultato il 6 aprile 2019 (archiviato il 6 aprile 2019).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN17501831 · ISNI (EN0000 0001 1041 757X · SBN IT\ICCU\RAVV\091495 · LCCN (ENno2003061943 · BNF (FRcb15015851c (data) · WorldCat Identities (ENno2003-061943