David Foster Wallace

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
David Foster Wallace

David Foster Wallace, all'anagrafe David Wallace (Ithaca, 21 febbraio 1962Claremont, 12 settembre 2008), è stato uno scrittore, saggista e accademico statunitense.

Il romanzo di Wallace del 1996 Infinite Jest è stato citato dalla rivista Time come uno dei 100 migliori romanzi in lingua inglese dal 1923 al 2005,[1] mentre l'editore del Los Angeles Times David Ulin ha definito Wallace "uno degli scrittori più influenti e innovativi degli ultimi 20 anni"[2]. L'ultimo romanzo incompiuto di Wallace, Il re pallido, è stato pubblicato nel 2011 ed è stato un finalista per il Premio Pulitzer 2012 per la narrativa. Una biografia di Wallace è stata pubblicata nel settembre del 2012 e un'estesa letteratura critica sul suo lavoro si è sviluppata negli ultimi dieci anni.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Wallace durante una lettura per Booksmith alla All Saints Church (2006)

Romanziere, scrittore di cronaca e saggista, nonché docente di scrittura creativa, David Wallace nacque ad Ithaca, città situata a 400 km da New York, il 21 febbraio del 1962, figlio di James Donald Wallace e di Sally Jean Foster. Visse a Champaign, nell'Illinois, fino alla quarta elementare per poi trasferirsi a Urbana, dove frequentò la Yankee Ridge School. Iscritto all'Amherst College, la stessa università del padre, vi si laureò nel 1985 in letteratura inglese e in filosofia, con una specializzazione in logica modale e matematica, per poi frequentare il primo semestre del corso di filosofia presso l'università di Harvard, che abbandonò alla fine del 1989 dopo il ricovero alla clinica psichiatrica McLean's.

La sua tesi sulla logica modale, intitolata Richard Taylor's 'Fatalism' and the Semantics of Physical Modality, soggetto del saggio del 2008 del The New York Times Consider the Philosopher, fu premiata con il Gail Kennedy Memorial Prize. Nel 1987 ottenne un Master of Fine Arts in scrittura creativa alla University of Arizona. Insegnò alla Illinois State University per gran parte degli anni novanta e nell'autunno del 2002 diventò professore di scrittura creativa e letteratura inglese al Pomona College, in California.

Il suo romanzo d'esordio, La scopa del sistema, si ispira alla sua seconda tesi universitaria ed uscì nel 1987. La critica notò subito il talento di Wallace che, a soli venticinque anni, si distingueva per lo stile ironico, complesso e acuto. Nel 1989 uscì negli Stati Uniti La ragazza con i capelli strani, una raccolta di racconti che tocca temi tipici di Wallace e fu considerata un suo manifesto poetico e stilistico.

Il secondo romanzo, Infinite Jest, uscì nel 1996 e fece diventare Wallace un autore di culto internazionale. Nel 2006 la rivista Time lo incluse nella lista dei cento migliori romanzi di lingua inglese dal 1923 al 2006. Il romanzo, considerato il capolavoro dello scrittore statunitense, descrive la complessità della società contemporanea: le difficoltà nei rapporti interpersonali, l'uso delle droghe, il ruolo sempre più importante del mondo dello spettacolo, dei media e dell'intrattenimento, l'esasperata competizione sociale raccontata attraverso il tennis, sport praticato a livelli agonistici dallo stesso autore.

Definito dal New York Times un "Émile Zola post-millennio"[3] e "la mente migliore della sua generazione", la critica lo ha spesso paragonato ad autori celebrati come Thomas Pynchon, Don DeLillo, Vladimir Nabokov e Jorge Luis Borges. Considerato uno dei rappresentanti della corrente letteraria Avantpop, ricevette diversi premi, tra cui il MacArthur Fellowship.

Morte[modifica | modifica wikitesto]

Secondo il padre di Wallace, David soffrì di depressione per oltre vent'anni e solo la cura a base di antidepressivi che seguiva gli permetteva di essere produttivo[4]. Gli effetti collaterali dovuti ai farmaci che assumeva lo indussero, nel giugno 2007, ad interrompere la terapia a base di fenelzina, con il benestare del proprio medico[4].

La depressione si ripresentò e Wallace sperimentò altre cure, inclusa la terapia elettroconvulsivante. Infine tornò ad assumere fenelzina, ma questa non gli faceva più effetto. Il 12 settembre 2008, a 46 anni, Wallace scrisse un messaggio di addio di due pagine, corresse parte del manoscritto di Il re pallido e si impiccò ad una trave di casa sua[5] a Claremont, in California. Il corpo fu rinvenuto dalla moglie, Karen Green[6].

The End of the Tour[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: The End of the Tour - Un viaggio con David Foster Wallace.

A partire dal libro-intervista di David Lipsky Come diventare se stessi, è stato realizzato il film The End of the Tour - Un viaggio con David Foster Wallace, uscito negli Stati Uniti il 31 luglio 2015 e in uscita in Italia l'11 febbraio 2016.

La storia narrata è quella del viaggio di cinque giorni, compiuto nell'inverno del 1996, dal giornalista di Rolling Stone David Lipsky, interpretato da Jesse Eisenberg, e dallo scrittore David Foster Wallace, che avrà il volto di Jason Segel. Wallace aveva all'epoca trentaquattro anni ed era stato da poco lanciato, con la pubblicazione del romanzo Infinite Jest, come una delle grandi promesse della letteratura americana; Lipsky di anni ne aveva trentuno e anch'egli stava cercando la propria strada nella vita.

The End of The Tour racconta i cinque giorni di intervista di Lispky a Wallace, le loro ambizioni e aspirazioni e la nascita di una breve ma intensa amicizia. L'intervista non sarà mai pubblicata e le cassette audio finiranno in uno scantinato di Lipsky. I due non si incontreranno più e solamente dopo il suicidio di Wallace Lipsky deciderà di raccontare in un libro quel viaggio e quell'amicizia.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

L'autore, ne Il re pallido, racconta di aver deciso di anteporre il cognome della madre a quello del padre a seguito di un episodio avvenuto quando lavorava presso l'Internal Revenue Service, l'agenzia statunitense delle entrate, nella quale la sua confusione con un omonimo aveva determinato una serie di spiacevoli conseguenze; in realtà gli eventi che lo scrittore descrive sono fittizi, inventati per conferire una parvenza di realismo all'intera vicenda narrata: David Foster Wallace non ha mai lavorato per l'Internal Revenue Service.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Romanzi[modifica | modifica wikitesto]

Racconti[modifica | modifica wikitesto]

Raccolte di racconti[modifica | modifica wikitesto]

Racconti non antologizzati[modifica | modifica wikitesto]

Saggistica[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) All-TIME 100 Novels, su entertainment.time.com. URL consultato il 13 luglio 2017.
  2. ^ (EN) Writer David Foster Wallace found dead, su latimes.com. URL consultato il 13 luglio 2017.
  3. ^ (EN) David Foster Wallace, Postmodern Writer, Is Found Dead, in The New York Times, 14 settembre 2008. URL consultato il 13 luglio 2017.
  4. ^ a b (EN) Bruce Weber, David Foster Wallace, Influential Writer, Dies at 46, in The New York Times, 14 settembre 2008. URL consultato il 13 luglio 2017.
  5. ^ (EN) D.T. Max, Every Love Story is a Ghost Story: A Life of David Foster Wallace, p. 301, ISBN 9781847084941.
  6. ^ Morto impiccato David Foster Wallace, in Corriere.it, 14 settembre 2008. URL consultato il 15 settembre 2008.
  7. ^ Inizialmente pubblicato nella prima edizione della raccolta La ragazza con i capelli strani

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN68975157 · ISNI: (EN0000 0001 1768 6131 · LCCN: (ENn86001949 · GND: (DE122865251 · BNF: (FRcb12191640m (data)