Giovanna Granato

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Giovanna Granato (...) è una traduttrice italiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nata a Catania si è laureata in Lingue e Letterature Straniere Moderne cum laude all'Università di Torino con una tesi di traduzione e commento dell'opera teatrale Love's Metamorphosis di John Lyly e in seguito ha frequentato la SETL Scuola Europea di Traduzione Letteraria dove ha avuto come docenti: Giuseppe Pontiggia (scrittura), Valerio Magrelli (Letteratura), Ottavio Fatica (Traduzione). La sua opera di traduzione ha inizio negli anni 1990, e si concentra principalmente su opere di scrittori statunitensi, o comunque di madrelingua inglese. Ha tradotto buona parte dell'opera di David Foster Wallace.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Traduzioni[modifica | modifica wikitesto]

COTRADUZIONI:

  • Flannery O’Connor, Nel territorio del diavolo, Sul mestiere di scrivere, Theoria 1993, minimum fax, 2002
  • Susanna Kaysen, La ragazza interrotta, Corbaccio 1993
  • A cura di Sergio Toffetti e Andrea Morini, La grande parata. Il cinema di King Vidor, Lindau 1994
  • AA. VV., Il palinsesto del cervello umano, Il Melangolo 1995
  • David Punter, Storia della letteratura del terrore, Editori Riuniti 1997
  • Elémire Zolla, Il dio dell’ebbrezza, Einaudi 1998
  • Tim Parks, Christina Stead: L’importanza di un colpo di Fortuna, in Christina Stead, Letty Fox, Adelphi 2001
  • Elizabeth Taylor, La carta moschicida, in Adelphiana, Adelphi 2002
  • Graham Greene, Due racconti per il cinema in Tutti i racconti, Mondadori 2011
  • Danis Rose, .i..’ . .o..l, introduzione a James Joyce, Finn’s Hotel, Gallucci 2013
  • David Foster Wallace, David Foster Wallace Portatile, Einaudi 2017
  • AA. VV., Decameron Project, NNEditore, 2021

Traduzioni teatrali[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]