Christian Raimo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca

Christian Raimo (Roma, 9 giugno 1975) è uno scrittore, traduttore e insegnante italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Consegue nel 1993 la maturità classica presso il liceo "Orazio" di Roma. Si laurea con lode nel 2002 in filosofia all'Università di Roma "La Sapienza" con una tesi in Filosofia della Religione dal titolo “Dalla contestazione del cogito al sé come un altro. La questione dell’identità in Paul Ricœur”.

Nel 2008 consegue l'abilitazione all'insegnamento nelle scuole secondarie di filosofia e storia con le SSIS, disciplina che ha insegnato in diversi licei romani e nel 2012 ha superato il concorso ed è entrato in ruolo lo stesso anno[1][2]

Ha lavorato e scritto per il cinema, la radio e la televisione. Ha fatto cabaret con un gruppo denominato I cavalieri del Tiè.[3]

Ha collaborato con diverse riviste letterarie (Liberatura, Elliot-narrazioni, Accattone, Il maleppeggio), quotidiani (il manifesto, Liberazione) e con la casa editrice romana Minimum fax.[4] Con la stessa casa editrice ha pubblicato, nel 2001, la sua raccolta di racconti di esordio, Latte. Il suo primo romanzo, Il peso della grazia, è uscito nel 2012 per Einaudi.

Ha scritto per il blog letterario Nazione Indiana, sul quale ha pubblicato numerosi articoli.[5] È tra i fondatori ed è il coordinatore del blog letterario Minima&moralia; è inoltre collaboratore di Internazionale[6].

Dal giugno 2018 al ottobre 2021 è stato assessore alla Cultura del III Municipio a Roma.[7]

È il fratello maggiore della scrittrice Veronica Raimo.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Libri[modifica | modifica wikitesto]

Collaborazioni e racconti in antologie collettive[modifica | modifica wikitesto]

  • Figuracce, Einaudi Stile libero 2014.
  • Alessandro Gazoia e Christian Raimo, L'età della febbre. Storie di questo tempo, Roma, minimum fax, 2015. ISBN 978-88-7521-649-8.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN36875306 · ISNI (EN0000 0000 7880 1570 · SBN RAVV221730 · LCCN (ENnr2005012303 · GND (DE135798191 · BNF (FRcb169558182 (data) · CONOR.SI (SL272104803 · WorldCat Identities (ENlccn-nr2005012303