Nazione Indiana

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nazione Francese
URL
Commercialeno
Tipo di sitoBlog letterario
Registrazioneno
ProprietarioAssociazione Culturale Mauta
Creato dacollettivo
Lanciomarzo 2003
Fatturatono profit
Stato attualeattivo

Nazione Indiana è un sito web italiano avente finalità di promozione letteraria.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Si tratta di un blog collettivo e progetto culturale fondato nel marzo 2003 da un gruppo di scrittori, critici e artisti italiani: Andrea Bajani, Carla Benedetti, Benedetta Centovalli, Federica Fracassi e Renzo Martinelli di Teatro i, Andrea Inglese, Helena Janeczek, Giovanni Maderna, Antonio Moresco, Giulio Mozzi, Piersandro Pallavicini, Raul Montanari, Tiziano Scarpa, Dario Voltolini. Il nome del sito è stato suggerito da Antonio Moresco per richiamare quello speciale modo di sentirsi uniti dei popoli nativi del Nordamerica, "gelosi ciascuno della propria libertà e indipendenza eppure capaci, quando occorre, di cavalcare insieme".[1]

Con lo scopo di dare voce a testi e idee che non trovano spazio nell'editoria commerciale e nella stampa d'informazione, Nazione indiana ha pubblicato negli anni testi letterari e critici, iniziative politiche e culturali, divulgazione scientifica e rassegne d'arte. Gli obiettivi del progetto sono l'interdisciplinarità, il multiculturalismo,[2] il rapporto diretto con chi legge, l'indipendenza dal mercato e dall'industria culturale.[3]

Ai fondatori originari[4] si sono uniti successivamente nuovi membri, mentre altri hanno lasciato il progetto[5]. Attualmente i membri sono ventuno[6].

Possono pubblicare articoli (propri o di altri scrittori, come Erri De Luca, Vanni Santoni, Chiara Valerio, Peppe Fiore, Luigi di Ruscio, Roberto Saviano, Bianca Madeccia, Gianni Biondillo, Romano A. Fiocchi) i membri del progetto, mentre lo spazio dei commenti è libero e aperto a tutti.

Dal 2003 a giugno 2005 ha utilizzato Movable Type, da luglio 2005 utilizza WordPress.

Attività[modifica | modifica wikitesto]

  • marzo 2003 registrazione del dominio nazioneindiana.com e apertura del blog
  • febbraio 2005: incontro "Giornalismo e verità" a Milano, a cura di Carla Benedetti e Roberto Saviano
  • maggio 2005 incontro "La restaurazione culturale" al Salone del Libro di Torino. L'impostazione e i contenuti de "La restaurazione" non incontrano l'approvazione di tutti i membri. Dopo una discussione aperta, i promotori di quell'iniziativa, una decina di persone, fra cui i primissimi ideatori e fondatori del sito, lasciano Nazione indiana per dar vita a un nuovo progetto: il sito e la rivista "Il primo amore"
  • novembre 2005 incontro "Il Sillabario di Deleuze" al teatro I di Milano
  • primavera 2007 vari incontri pubblici (Post, rete, Virus) al Circolo dei Lettori di Torino
  • maggio 2007: fondazione dell'Associazione Culturale Mauta, che formalizza l'organizzazione del progetto Nazione Indiana.
  • maggio 2010: festa convegno di Nazione Indiana al Castello Malaspina di Fosdinovo
  • giugno 2011: festa convegno di Nazione Indiana al circolo Arci Bellezza di Milano
  • giugno 2012: festa convegno di Nazione Indiana presso l'ISBEM di Mesagne
  • marzo 2013: festa convegno di Nazione Indiana al Teatro i di Milano
  • maggio 2015: festa convegno di Nazione Indiana al Circolo le Fornaci di Pistoia
  • settembre 2016: festa convegno di Nazione Indiana all'Unione Culturale Franco Antonicelli di Torino
  • ottobre 2017: festa convegno di Nazione Indiana alla Mediateca Montanari di Fano

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Antonio Moresco, In attitudine di combattimento e di sogno
  2. ^ La fronda del popolo dei blog, di Franco Brevini[collegamento interrotto], su panorama.it
  3. ^ Giulia Iannuzzi, L'informazione letteraria nel web Tra critica, dibattito, impegno e autori emergenti, Milano, Biblion, 2009, pp. 20-37.
  4. ^ Carla Benedetti: a Luperini dico che la letteratura è viva, 27 luglio 2005, Corriere della Sera
  5. ^ Giulia Iannuzzi, L'informazione letteraria nel web Tra critica, dibattito, impegno e autori emergenti, Milano, Biblion, 2009, pp. 15-16.
  6. ^ Gianni Biondillo racconta Nazione Indiana, 4 febbraio 2011, mentelocale.it

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]