Gianni Biondillo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Biondillo a sinistra, con Marco Ardemagni al centro e a destra Luca Crovi

Gianni Biondillo (Milano, 3 febbraio 1966) è uno scrittore e architetto italiano. Autore di romanzi, testi per il cinema e la televisione, articoli di tema artistico, letterario e politico, saggi su Pasolini e Proust. È membro del blog collettivo Nazione Indiana.

Dal 2012 al 2016 è stato direttore artistico del festival culturale Parole sotto la torre, Portoscuso (CI), manifestazione insignita nel 2014 della medaglia ai benemeriti della cultura e dell'arte del Presidente della Repubblica[1].

Dal 2013 al 2017 è stato docente presso l'Università della Svizzera Italiana, all'Accademia di Architettura di Mendrisio, di Psicogeografia e narrazione del territorio[2]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

L'ispettore Ferraro[modifica | modifica wikitesto]

Altri romanzi[modifica | modifica wikitesto]

Racconti[modifica | modifica wikitesto]

  • Come fu che alla fine ho ascoltato (e amato) i Radiohead (in AA.VV., Narradiohead. Storie e visioni rock, Baldini-Castoldi-Dalai, 2008)
  • Strane storie (Guanda, 2012, ISBN 978-88-6088-836-5) Raccolta di 17 racconti (inediti o pubblicati in altre antologie).

Saggi[modifica | modifica wikitesto]

Libri per ragazzi[modifica | modifica wikitesto]

Curatele[modifica | modifica wikitesto]

  • Carlo Levi e Elio Vittorini. Scritti di architettura (1997, Testo&Immagine, Universale di architettura)
  • Pene d'amore: sette racconti erotici (a cura di Gianni Biondillo) (Guanda, 2008, ISBN 978-88-6088-406-0 - Tea, 2010, ISBN 978-88-502-2141-7)
    Racconti di Gianni Biondillo, Andrea Bajani, Valerio Evangelisti, Marcello Fois, Raul Montanari, Gianluca Morozzi e Tiziano Scarpa.
  • Edgar Alla Poe, Storie di terrore e follia (Mondadori, Oscar junior, 2015, ISBN 978-88-04-65478-0) introduzione al volume e selezione racconti di Gianni Biondillo
  • Piccolo vocabolario autostradale ad uso dei contemporanei, (Rubbettino, 2015, ISBN 978-88-498-4725-3) testi della redazione di Nazione Indiana, con disegni di Francesco Scarpini e postfazione di Andrea Gritti

Cinema e Televisione[modifica | modifica wikitesto]

  • 1999. Autore del soggetto e sceneggiatore (con Vinicio Canton e Roberta Giudetti) del film A casa di Irma, regia di Alberto Bader, con Valeria Milillo e Rosalinda Celentano
  • Ha collaborato per la RAI alla stesura dei dialoghi della fiction Un posto al sole.
  • Ha scritto anche sceneggiature per le serie TV La squadra e Distretto di polizia.

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Inoltre, per il suo operato ha ricevuto:

  • 2007 il Premio Isimbardi della Provincia di Milano[7]
  • 2012 il AlumniPolimi Awards[8]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN29768252 · SBN: IT\ICCU\RAVV\102107 · ISNI: (EN0000 0000 7842 8980 · GND: (DE133952924 · BNF: (FRcb14530052f (data)